Circolare della Polizia: “Mai più eventi pubblici e concerti senza condizioni di sicurezza”

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Mai più potranno svolgersi concerti, manifestazioni di piazza, eventi che richiamano migliaia di persone senza che vi sia lo “scrupoloso riscontro” delle garanzie di safety, vale a dire tutte quelle misure necessarie alla salvaguardia dell’incolumità dei cittadini, e di security, cioè tutti i servizi di ordine e sicurezza pubblica. E dunque, stop alla vendita di bottiglie di vetro e lattine, aree ben divise e delimitate, piani di evacuazione e steward, contapersone per l’accesso in piazza.

Il capo della Polizia Franco Gabrielli mette nero su bianco in una circolare inviata a prefetti e questori le nuove regole per la gestione degli appuntamenti di piazza, in vista dei circa 1.700 eventi previsti per l’estate. Gabrielli lo aveva annunciato a Lampedusa in occasione del vertice delle polizie del Mediterraneo: “stiamo lavorando ad una circolare per mettere in fila una serie di elementi” ed evitare che si ripetano situazioni come quelle di piazza San Carlo a Torino.

E così ha fatto, indicando, in 3 pagine, le misure di ‘safety’ e di ‘security’ senza le quali gli eventi resteranno solo sulla carta. Ma, soprattutto, chiarendo quali sono i compiti che spettano alle forze di polizia e quelli che competono ad altre amministrazioni e agli organizzatori. Misure che saranno in vigore da subito e uno dei primi banchi di prova sarà il concerto di Ariana Grande proprio a Torino il 17 giugno. In quell’occasione il Pala Alpitur sarà blindato e sono già previste una serie di limitazioni per gli spettatori.

Il capo della polizia indica una decina di “imprescindibili condizioni” di safety che vanno scrupolosamente rispettate: si parte dalla “valutazione del massimo affollamento sostenibile”, per sapere esattamente quante persone potranno accedere all’evento ed evitare “sovraffollamenti che possano compromettere le condizioni di sicurezza” e si arriva alla possibilità di vietare la vendita di bottiglie di vetro e lattine.

Sarà poi compito degli organizzatori “regolare e monitorare gli accessi” fino a quando l’area sarà piena: a quel punto, assieme alle forze di polizia, l’accesso verrà interdetto a chiunque. Per regolare gli ingressi la circolare invita ad utilizzare, laddove possibile, dei “sistemi di rivelazione numerica progressiva ai varchi”, vale a dire dei contapersone.

Vanno inoltre previsti piani di emergenza ed evacuazione, percorsi separati d’accesso e di deflusso, la suddivisione di settori di piazze e stadi, predisponendo corridoi che consentano l’intervento in caso di emergenza o di soccorso, punti di prima assistenza sanitaria, la presenza di altoparlanti o maxischermi dai quali diffondere messaggi da parte delle autorità o degli stessi organizzatori.

A questi ultimi si chiede inoltre di prevedere la presenza di “operatori adeguatamente formati”: l’equivalente degli steward già presenti negli stadi, ai quali spetterà il compito di “accoglienza, regolamentazione dei flussi, instradamento, osservazione ed assistenza del pubblico”.

Aspetti ben diversi, dunque, da quelli propri delle forze di polizia, che dovranno invece concentrarsi su una serie di misure per garantire la sicurezza pubblica: sopralluoghi e verifiche precedenti allo svolgimento dell’evento, bonifiche delle aree in questione, raccolta delle informazioni per la “valutazione della minaccia”, massima attenzione anche nella fase di deflusso, protezione delle aree con controlli e zone di prefiltraggio.

Il luogo dove safety e security dovranno “necessariamente integrarsi”, sono i Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, che avranno un ruolo fondamentale nella predisposizione delle misure. Quello di Milano si è già riunito, decidendo il numero chiuso per gli eventi in piazza Duomo e a San Siro, controlli con metal detector e divieto di vendita di alcolici entro un’area di 200 metri.

Ultima ora

12:24Papa: cristiani evitino ‘alzheimer spirituale’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - "C'è una malattia che può colpire i battezzati", l' "alzheimer spirituale": "consiste nel dimenticare la storia del nostro rapporto personale con Dio, quel primo Amore che ci ha conquistati fino a farci suoi. Se diventiamo 'smemorati' del nostro incontro con il Signore, non siamo più sicuri di niente; allora ci assale la paura che blocca ogni nostro movimento". È quanto si legge nel messaggio del Papa al Meeting di Rimini. La memoria non deve fare però ripiegare in una nostalgia infruttuosa: "Come cristiani non coltiviamo alcun ripiegamento nostalgico su un passato che non c'è più. Guardiamo piuttosto in avanti fiduciosi. Non abbiamo spazi da difendere perché l'amore di Cristo non conosce frontiere invalicabili. Viviamo in un tempo favorevole per una Chiesa in uscita, ma una Chiesa ricca di memoria", dice il Papa, che infine sottolinea: "Non ci è concesso guardare la realtà dal balcone, né possiamo rimanere comodamente seduti sul divano a vedere il mondo che passa davanti a noi in tv".

12:10Motovedetta tunisina tenta sequestro peschereccio

(ANSA) - MAZARA DEL VALLO (TRAPANI), 20 AGO - Il peschereccio ''Aliseo'', del compartimento marittimo di Mazara del Vallo, ieri sera, intorno alle 21, è stato aggredito in un tentativo di sequestro da parte dell'equipaggio di una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a circa 30-35 miglia Nord-Est da Zarzis, non distante dal confine con la Libia. Lo dice l'armatore Manuel Giacalone. I tunisini avrebbero sparato colpi d'arma da fuoco verso il natante italiano che secondo l'armatore era in acque internazionali.

12:09Sicurezza: Vaticano affollato per Angelus, controlli serrati

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - Controlli serrati e file per avvicinarsi a piazza San Pietro: in vista dell'Angelus del Papa alle 12, sono molti i fedeli giunti in Vaticano, come tutte le domeniche. I controlli di sicurezza sono serrati e per questo le file per accedere alla piazza un po' lunghe. Oltre ai controlli delle forze di polizia, collocate ai vari punti di ingresso, c'è, come controllo finale, il passaggio al metal detector. Presidiate dai militari le porte di ingresso vaticane. Ma si tratta delle misure di sicurezza che ormai da tempo vengono adottate per tutti gli eventi con il Papa, come l'Angelus. La gente comunque sembra non farsi condizionare dalle ultime vicende e dalle minacce specifiche dei terroristi contro l'Italia e ci sono numerosi gruppi e famiglie venuti a pregare in piazza con il Papa. Da mesi inoltre gran parte di via della Conciliazione non è accessibile alle auto con grandi fioriere di cemento poste all'inizio della strada che porta a piazza San Pietro.(ANSA).

11:56Pagami o ti cancello dai social, arrestato per estorsione

(ANSA) - BRESCIA, 20 AGO - Minacciava l'amico di cancellargli il profilo Instagram del quale era riuscito ad ottenere le password d'accesso se non avesse pagato. Protagonista, un 19enne bresciano, arrestato dai carabinieri di Chiari per estorsione nei confronti di un coetaneo al quale chiedeva soldi e ricariche telefoniche per evitare l'azzeramento del profilo social. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. (ANSA).

11:35Sierra Leone: alluvioni, si temono 1.000 vittime

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il bilancio delle vittime delle alluvioni e delle frane che hanno colpito Freetown negli ultimi giorni potrebbe salire oltre quota 1.000: lo scrive oggi il quotidiano britannico Independent sottolineando che i morti confermati sono già 450 e che il numero dei dispersi potrebbe superare i 600. Secondo il personale delle squadre di soccorso le probabilità di trovare sopravvissuti "diminuiscono ogni giorno". Le forti piogge hanno provocato una gigantesca frana di fango e rocce alle porte della capitale che ha distrutto tutto quello che si trovava sul proprio cammino. Si lavora ancora per cercare eventuali sopravvissuti ma finora si trovano solo corpi senza vita, in molti casi smembrati e irriconoscibili perche' colpiti violentemente dalle rocce ed i tronchi d'albero trascinati dalla frana.

11:23Barcellona:vasta operazione polizia oggi a Ripoll e Manlleu

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - Decine e decine di posti di blocco sono stati innalzati nel nord-est della Catalogna, in una gigantesca caccia all'uomo per rintracciare Younes Abouyaaquou, il marocchino di 22 anni, sospettato di essere il guidatore del furgone killer che giovedì scorso è piombato sulla Rambla di Barcellona, uccidendo 14 persone e ferendone oltre 120. Le ricerche si concentrano attorno alle cittadine di Ripoll, da cui provenivano i membri della cellula terroristica, e di Manlleu. (ANSA).

11:05Barcellona: Londra studia più controlli per noleggio auto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il governo britannico sta mettendo a punto un piano che prevede l'introduzione di controlli più rigidi sui clienti delle compagnie di autonoleggio per cercare di prevenire attacchi - come quello di Barcellona - in cui terroristi si servono di veicoli noleggiati per compiere le loro stragi. Secondo quanto riporta il tabloid Mirror, che cita una fonte anonima, il governo potrebbe passare al vaglio le informazioni date dai clienti delle società di autonoleggio (inclusi nomi e indirizzi) per controlli incrociati con le liste di noti criminali. I clienti degli autonoleggi, inoltre, potrebbero essere obbligati a fornire maggiori informazioni personali per poter noleggiare i veicoli.

Archivio Ultima ora