Fratzscher (Diw): “Fuori dall’euro l’Italia a un passo dalla bancarotta”

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

BERLINO. – Se uscisse dall’euro, l’Italia si ritroverebbe “a un passo dalla bancarotta”. Ne è convinto Marcel Fratzscher, capo dell’istituto economico tedesco Diw. Voce generalmente fuori dal coro in Germania, d’accordo con la Bce di Mario Draghi (“non può che continuare con la politica espansiva”), critico sulle ricette europee del governo di Angela Merkel, severo sul surplus commerciale tedesco e sulla politica asfittica sugli investimenti pubblici, delle sorti dell’Italia Fratzscher è al momento a dir poco allarmato.

“È il paese dell’Europa che mi preoccupa di gran lunga di più”, ha detto incontrando a Berlino la stampa estera. E le sue ‘ansie italiane’ erano in prima pagina anche sull’Handelsblatt. “Temo che possa arrivare un governo che abbia l’idea di affrontare un referendum come quello britannico”, ha spiegato alla stampa. Il che per l’Italia significherebbe il rischio di un’uscita dalla moneta unica.

“L’intera discussione sull’euro è un alibi – ha affermato -. Non ha senso. L’Italia ha tratto giovamento dalla moneta europea, esattamente come Grecia e Germania. Basta chiedersi cosa succederebbe se ne uscisse: ci sarebbe subito un’enorme svalutazione, un picco dell’inflazione, i risparmi verrebbero confiscati, le imprese andrebbero in bancarotta perché dovrebbero pagare i loro debiti in euro e in una moneta che avrebbe un terzo del valore. La disoccupazione esploderebbe, perché le imprese dovrebbero licenziare. Inoltre, al momento, l’Italia paga il 2,2% di interessi sui titoli a 10 anni, negli anni ’90 pagava il 10-12-15%. Si può immaginare che significherebbe pagare all’improvviso quote del genere”.

“L’euro non è il problema, e non lo è mai stato. Lo sono le mancate riforme, la mancata flessibilità, e questa insicurezza dello Stato: il fatto che le imprese non possano liberamente decidere di investire, di correre dei rischi”.

Oggi la situazione è particolarmente pesante, stando a questa analisi: “Crescita debole, sistema bancario debole e alto debito: la combinazione di questi tre elementi potrebbe risultare fatale”, ha asserito. Eppure i problemi del paese risiedono più nella politica e nel malfunzionamento delle istituzioni, che nell’economia: “Ho vissuto un po’ in Italia e sono convinto che il Nord abbia un’eccellente struttura economica, basata su medie imprese produttive e competitive. Un modello molto simile a quello della Germania del sud. In prima linea vedo ostacoli politici e istituzionali”.

Anche il paragone con la Francia non è lusinghiero: “lì il tema era la mancanza della volontà politica di fare le riforme, ma se questa c’è, le riforme si fanno velocemente. In Italia la situazione è opposta. Il governo Renzi aveva forte volontà di riformare il Paese, e ha anche realizzato delle cose, ma le istituzioni politiche sono state un ostacolo, e questo è più difficile da riparare di quanto sia difficile cambiare una volontà politica”.

Fratzscher è molto duro anche con Berlino. Il surplus commerciale è troppo alto (“dovrebbe essere il 2-3%”) e la politica dovrebbe impegnarsi a rimediare: il punto non è contestare imprese che producono bene e sono vincenti, ma spendere le risorse che arrivano. “In consumo e investimenti”. Anche le minacce degli Usa andrebbero prese sul serio: “Io spero che il governo tedesco ammetta il problema e agisca di conseguenza”.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

01:32Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Risultati dell'ottava giornata del campionato di serie A di basket: Umana Reyer Venezia - The Flexx Pistoia 84-80 (ieri) Vanoli Cremona - Grissin Bon Reggio Emilia 68-71 (ieri) Germani Brescia - Betaland Capo d'Orlando 87-53 Dolomiti Energia Trentino - VL Pesaro 91-74 Happy Casa Brindisi - Segafredo Bologna 79-75 EA7 Emporio Armani Milano - Sidigas Avellino 92-94 Openjobmetis Varese - Banco Sardegna Sassari 61-82 Fiat Torino - Red October Cantù 89-94 - Classifica: Brescia 16; Venezia 14; Milano, Torino e Avellino 12; Sassari e Cantù 8; Varese, Trentino, Bologna, Cremona e Capo d'Orlando 6; Pesaro, Pistoia, Reggio Emilia e Brindisi 4.

00:27Calcio: Inter-Napoli 2-0

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - Una doppietta nella ripresa del capitano Icardi, ancora una volta per match winner, regala all'Inter il successo per 2-0 sull'Atalanta nel posticipo domenicale della 13/a giornata. Il successo rilancia la squadra di Luciano Spalletti alle spalle del Napoli, ovvero al secondo posto a -2 dalla capolista (33 punti contro 35).

23:42Trovati corpi madre e figlio, omicidio-suicidio nel Cuneese

(ANSA) - CHERASCO (CUNEO), 19 NOV - I corpi di un uomo di 56 anni e della madre di 84 sono stati trovati, questa sera, in una casa di una frazione di Cherasco, nel Cuneese. Secondo gli investigatori, non vi è dubbio che si è trattato di un caso di omicidio-suicidio. L'uomo ha sparato alla madre con una pistola poi si è puntato la stessa arma alla testa e si è ucciso. Madre e figlio, secondo quanto si è appreso, vivevano insieme. Le due vittime sono Giovanni Abrate, idraulico, e la madre Maddalena Favole. Vivevano in una villetta della frazione Bricco. A scoprire i corpi senza vita è stata la sorella dell'anziana e zia dell'omicida che, non avendo risposta al telefono dai familiari, si è recata nell'abitazione in serata. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Bra (Cuneo). (ANSA).

22:41Zimbabwe: Mugabe parla in tv ma non si dimette

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mubage in un discorso alla nazione non ha annunciato le sue dimissioni, come invece si prevedeva. Ed ha annunciato che il mese prossimo presiederà il congresso del suo partito. Il presidente dell'associazione dei veterani di guerra in Zimbabwe, Chris Mutsvangwa, ha annunciato che la procedura per l'impeachment nei confronti del presidente Robert Mubage andrà avanti domani.

22:28Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati dell'8/a giornata della Superlega di pallavolo: Diatec Trentino - Taiwan Latina giovedì 23 Azimut Modena - Revivre Milano 3-2 Wixo Piacenza - Kioene Padova 1-3 Gi Group Monza - Lube Civitanova 1-3 Callipo Vibo Valentia - Sir Safety Perugia 0-3 Bunge Ravenna - BCC Castellana Grotte 3-0 Biosì Indexa Sora - Calzedonia Verona 0-3 - Classifica: Perugia 24; Modena e Civitanova 20; Ravenna 17; Piacenza e Padova 13; Verona 12; Milano 9; Vibo Valentia e Latina 8; Trentino 7; Monza 6; Castellana Grotte 4; Sora 1.

22:22Calcio: Ausilio, Pastore? Staremo attenti alle occasioni

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Pastore? Siamo l'Inter, abbiamo il dovere di dover stare attenti a quei giocatori che possono fare al caso nostro. Il mercato di gennaio non mi fa impazzire, perché le occasioni sono rare". Il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio, prima della partita contro l'Atalanta a San Siro, non si sbilancia sul futuro dell'attaccante del Psg Javier Pastore che ieri sera ha aperto ad un possibile ritorno in Italia proprio nel mercato di riparazione. "Ci sono ragazzi che lavorano per un'occasione - spiega Ausilio commentando la chance che Spalletti ha concesso a Santon - arriva il momento per tutti, come stasera con Santon e sarà lo stesso per Joao Mario".

Archivio Ultima ora