Riecco i franchi tiratori, in guerra da 60 anni

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

ROMA. – I partiti nascono, muoiono, si trasformano, immersi nel “panta rei” della politica. Ma loro sono sempre lì, una falange nascosta che colpisce a tradimento, e fa cadere leggi, governi, candidati eccellenti. La prima repubblica è passata, la seconda è lì lì per farlo, e i franchi tiratori – immortali come in un film horror – si sono di nuovo organizzati per decidere come dovrà essere la terza. Devono il nome ai guerriglieri francesi che nel 1870 tendevano imboscate agli invasori prussiani. Ma a differenza dei patrioti transalpini, colpiscono solo all’interno delle proprie linee, intralciando le manovre degli eserciti e le carriere dei comandanti.

Gli ultimi 60 anni di storia della repubblica sono attraversati dalle loro scorribande. Protetti da un anonimato imperscrutabile, si muovono in Parlamento come gli adepti della setta dei Beati Paoli: non si sa chi siano i loro capi (di solito leader politici di primissimo piano che però stanno ben attenti a non lasciare tracce), non si sa dove si incontrino, i loro colpi lasciano sempre il nemico tramortito e umiliato. Il voto segreto è il paravento dietro il quale si nascondono e grazie al quale possono portare a segno le loro trame.

Alla Camera attaccarono per la prima volta nel 1958, quando colpirono e affondarono il governo presieduto da Amintore Fanfani: la guerriglia era animata da un gruppo di deputati della Dc che non sopportavano la somma di cariche riunite nelle mani del politico aretino (Fanfani, 60 anni fa, era presidente del consiglio, segretario del partito e ministro degli Esteri).

I franchi tiratori sono stati per decenni l’arma segreta manovrata dai capi corrente della Dc. Anche Aldo Moro non si fece scrupolo a utilizzarli, quando nel 1964 riuscì a bloccare la corsa di Giovanni Leone al Quirinale. Sulle scale di Palazzo Chigi, Moro suggerì a Carlo Donat Cattin di organizzare l’imboscata contro Leone utilizzando i “mezzi tecnici” a disposizione. “Quali mezzi tecnici?” gli chiese un collaboratore di Donat Cattin. “”I mezzi tecnici sono solo tre: il pugnale, il veleno e i franchi tiratori”, rispose Moro con un lieve sorriso.

Fanfani, negli anni d’oro della prima repubblica, fu il loro bersaglio preferito. Ma i congiurati delle Camere misero all’angolo anche Bettino Craxi, costretto a dimettersi da presidente del consiglio nel 1986. E chi altri se non le misteriose truppe del voto segreto impedirono a Arnaldo Forlani nel 1992 di diventare presidente della Repubblica? In quell’occasione i sospetti si concentrarono su Giulio Andreotti, che si era visto stoppare la sua candidatura al Quirinale proprio dallo stesso Forlani.

Dopo la tempesta di Mani Pulite e l’approdo al sistema maggioritario, gli anonimi pugnalatori si sono tenuti a lungo fuori dalla mischia, e mano a mano il ricordo delle loro gesta ha cominciato a sbiadire. Ma il franco tiratore vive nascosto all’interno di ogni parlamentare, una seconda natura pronta a manifestarsi quando è necessario. Se la seconda repubblica li ha visti meno protagonisti è solo perché con la riforma dei regolamenti i voti segreti sono diventate più rari. Ma quando l’occasione è propizia, ecco che i guastatori tornano in superficie.

La Dc non c’è più, ed è il Pd il partito dentro il quale si sono in maggioranza trasferiti. Ne sa qualcosa Romano Prodi, trafitto dai 101 che la sera del 19 aprile 2013 gli voltarono le spalle nelle votazioni per la scelta del nuovo capo dello Stato. Ne sa qualcosa anche Franco Marini, che di pugnalate, il giorno prima di Prodi, ne aveva ricevute ben 224.

Due anni fa l’ultimo attacco di rilievo. Anche allora, come oggi, sul campo c’era una legge elettorale: in 90 (tutti anti renziani più o meno dichiarati) tentarono di sabotare l’Italicum votando contro le indicazioni della maggioranza sulla reintroduzione delle preferenze. Fu un insuccesso: i novanta non bastarono a mettere in crisi la legge voluta da Renzi. Una delle rare volte in cui i franchi tiratori hanno fatto cilecca. Ma con il voto di oggi la loro terribile reputazione è stata di nuovo riscattata.

(Marco Dell’Omo/ANSA)

Ultima ora

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

Archivio Ultima ora