Guerra Pd-M5s, stop trattative. Si allontana la data delle elezioni

Pubblicato il 09 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Veleni e accuse incrociate. Questo resta, a 24 ore dal voto che ha affossato nell’Aula della Camera il patto a quattro sul sistema elettorale “tedesco”. Matteo Renzi lo definisce un “fallimento impressionante”, rinvia per un supplemento di riflessione alla prossima settimana, dopo il primo turno delle amministrative, ma si dice “non ottimista” sulle possibilità di un nuovo accordo con Fi e M5s. Silvio Berlusconi non demorde e insiste per andare avanti.

Ma Matteo Salvini non accetta più di sedersi al tavolo con quelli che definisce “traditori”. E anche Luigi Di Maio, per il M5s, suona il gong: “Adesso basta, meglio chiudere la legislatura e andare al voto con le leggi esistenti per Camera e Senato”. Sullo sfondo, ma ben presente a tutti i protagonisti della vicenda, resta proprio il tema della data delle elezioni.

M5s e Lega continuano a invocare le urne subito, ma dal Pd osservano che il voto di giovedì alla Camera è un successo del partito del “non voto”. “Abbiamo vinto, ora non si parli più di elezioni anticipate”, esulta Angelino Alfano. E il relatore della legge elettorale Emanuele Fiano, afferma: “Le elezioni sono oggettivamente più lontane, è sempre più probabile che si vada a votare nel 2018”.

Nessuno può escludere, visti i rapporti deteriorati nella maggioranza, un “incidente” parlamentare: a inizio della prossima settimana si voteranno la “manovrina” al Senato e la riforma del processo penale alla Camera. Ma sia Mdp che Ap sono contro le urne anticipate. E anche la scelta di porre la fiducia su una legge invisa agli alfaniani come il ddl penale viene letta in Parlamento come segnale di un Gentiloni rafforzato. Il presidente del Consiglio, nella conferenza stampa dopo il Cdm, non fa riferimento alla situazione politica, ma sottolinea i dati positivi sulla crescita e afferma che l’impegno del governo sul lavoro “prosegue”.

“Questo è il nostro governo: pieno sostegno, sta lavorando sulle questioni reali”, scandisce Renzi, conducendo una rassegna stampa mattutina al Nazareno. Il segretario smentisce di aver chiesto un decreto per approvare la legge elettorale ma aggiunge che una legge “già c’è” ed è il Consultellum, con soglie del 3% alla Camera e dell’8% al Senato: per votare con questa legge bastano correzioni “tecniche”.

Renzi afferma che il Pd è ancora disponibile a un dialogo con M5s e Fi su una legge diversa, “se le persone tornano a buon senso e ragionevolezza”. Ma non è affatto ottimista. Perché, spiega, “i Cinque stelle sono inaffidabili per definizione: hanno la stessa credibilità sulla legge elettorale di quando parlano di vaccini o scie chimiche”.

Il punto, sottolinea, non è l’emendamento sul Trentino Alto Adige che ha fatto arrabbiare gli alleati dell’Svp (quella norma in ogni caso non passerà, assicura). Il punto è che “al netto dei franchi tiratori”, M5s ha rotto il patto: “Chi ha preso in giro gli italiani e ha tradito gli iscritti al blog ha un nome e un cognome: Beppe Grillo. Ora però non faremo una legge contro di loro”.

I Cinque stelle ribaltano l’accusa sul Pd: “Sono divisi tra bande interne e franchi tiratori e Renzi cerca di scaricare la propria debolezza sul M5s”, accusano. E Di Maio dice “basta”: “Meglio andare al voto con le leggi esistenti per Camera e Senato: tutte e due consentono a una forza politica di governare il paese”.

Dalla minoranza Pd però Andrea Orlando invita alla calma: “No alla depressione totale, c’è una legge incardinata, miglioriamola con correttivi maggioritari e le coalizioni”. Proprio attorno alla possibilità di coalizioni (sarebbero incentivate dal Consultellum al Senato) si riapre il confronto a sinistra tra Renzi e Pisapia.

“Qualsiasi alleanza con il centrodestra è contro i nostri valori”, premette l’ex sindaco di Milano. Poi aggiunge: “Renzi faccia le primarie se davvero vuole la coalizione di centrosinistra e vediamo chi le vince”. Una sfida che riapre il dialogo e apre un capitolo tutto nuovo.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:57Calcio: Montella, reso facile gara con mentalità vincente

(ANSA) - MILANO, 17 AGO - ''Missione compiuta? Il 6-0 è certamente un grande risultato, bravi i ragazzi che l'hanno resa facile con approccio e mentalità. Abbiamo avuto qualche pausa iniziale su cui lavoreremo ma sono soddisfatto''. Così Vincenzo Montella commenta la vittoria del Milan per 6-0 con lo Shkendija che ha ipotecato il passaggio del turno alla fase ai gironi di Europa League. ''André Silva - il parere di Montella - può ancora migliorare moltissimo, Montolivo meritava il gol. Peccato per Bonaventura, c'è apprensione visto che è reduce dal brutto infortunio dell'anno scorso''. Montella chiosa sugli obiettivi ("Vogliamo arrivare nelle prime quattro") e sulla trattativa per Kalinic: ''Sul mercato non siamo mai sazi''.

23:08Calcio: Europa League, Milan-Shkendija 6-0

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Milan ha battuto 6-0 (3-0) la formazione macedone dello Shkendija nel match di andata dei playoff di Europa League. In gol per i rossoneri Andre' Silva al 13' pt e al 28' st, Montolivo (25' pt e 40' st), Borini al 22' st e Antonelli al 23' st. Per il Milan la qualificazione è in cassaforte.

22:02Isis rivendica attacco Barcellona

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - L'Isis ha rivendicato l'attentato di Barcellona attraverso la sua 'agenzia' Amaq, definendo gli attentatori "soldati dello Stato islamico". Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.

21:35Basket: bagno di folla al raduno della Openjobmetis Varese

(ANSA) - VARESE, 17 AGO - Bagno di folla per la Openjobmetis Varese, che si è radunata nel pomeriggio di oggi e domani sarà a Chiavenna per l'inizio della preparazione in vista del prossimo campionato. Come è tradizione ormai da qualche anno, la squadra varesina si presenta al palasport per ricevere l'abbraccio dei suoi tifosi, sempre molto presenti (oggi qualche centinaio a chiedere autografi e a scattare fotografie) in particolare nella sottoscrizione degli abbonamenti (quasi raggiunta quota duemila tessere). Presenti oggi al raduno tutti i giocatori in organico, fatta eccezione per il pivot Norvel Pelle, impegnato in questi giorni con la Nazionale liberiana, uno dei tre confermati (gli altri sono il capitano Giancarlo Ferrero e Aleksa Avramovic). La squadra varesina resterà per una decina di giorni ad allenarsi a Chiavenna, dove il 26 agosto sosterrà il primo test stagionale con gli svizzeri della Sam Massagno.

21:31Barcellona: Minniti convoca il Casa

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, dopo i tragici fatti di Barcellona, ha convocato una riunione straordinaria del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (CASA) per domani, 18 agosto alle ore 11.00 al Viminale, alla presenza dei vertici delle Forze di polizia e dei Servizi di Intelligence.

21:29Barcellona: Papa prega per vittime

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Papa Francesco ha appreso con "grande preoccupazione quanto sta accadendo a Barcellona. Il Papa prega per le vittime di questo attentato e desidera esprimere la sua vicinanza a tutto il popolo spagnolo, in particolare ai feriti ed alle famiglie delle vittime". Lo afferma il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke.

21:08Raduno “famiglia Arcobaleno”, decimo intervento di soccorso

(ANSA) - TRAMONTI DI SOPRA (PORDENONE) , 17 AGO - Decimo intervento di emergenza al "Raduno europeo della famiglia Arcobaleno" che si concluderà domenica a Tramonti di Sopra (Pordenone). La manifestazione è iniziata lo scorso 22 luglio e si svolge in una radura a quota 1.200 metri, ad alcune ore di cammino a piedi dal primo paese. Oggi i tecnici del Soccorso Alpino di Maniago (Pordenone) e l'elicottero della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia sono intervenuti per portare in ospedale una donna affetta da un'infezione che le procurava uno stato febbrile preoccupante. Nei giorni scorsi, il raduno era stato funestato da due tragedie: un uomo belga di 41 anni era stato colpito da un albero durante un nubifragio ed era morto sotto gli occhi della compagna e della figlia di lei, di soli 4 anni. Lunedì scorso la seconda vittima: un uomo di 40 anni di Montereale Valcellina (Pordenone) ha accusato un malore fatale lungo il sentiero che conduce in quota.

Archivio Ultima ora