Guerra Pd-M5s, stop trattative. Si allontana la data delle elezioni

Pubblicato il 09 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Veleni e accuse incrociate. Questo resta, a 24 ore dal voto che ha affossato nell’Aula della Camera il patto a quattro sul sistema elettorale “tedesco”. Matteo Renzi lo definisce un “fallimento impressionante”, rinvia per un supplemento di riflessione alla prossima settimana, dopo il primo turno delle amministrative, ma si dice “non ottimista” sulle possibilità di un nuovo accordo con Fi e M5s. Silvio Berlusconi non demorde e insiste per andare avanti.

Ma Matteo Salvini non accetta più di sedersi al tavolo con quelli che definisce “traditori”. E anche Luigi Di Maio, per il M5s, suona il gong: “Adesso basta, meglio chiudere la legislatura e andare al voto con le leggi esistenti per Camera e Senato”. Sullo sfondo, ma ben presente a tutti i protagonisti della vicenda, resta proprio il tema della data delle elezioni.

M5s e Lega continuano a invocare le urne subito, ma dal Pd osservano che il voto di giovedì alla Camera è un successo del partito del “non voto”. “Abbiamo vinto, ora non si parli più di elezioni anticipate”, esulta Angelino Alfano. E il relatore della legge elettorale Emanuele Fiano, afferma: “Le elezioni sono oggettivamente più lontane, è sempre più probabile che si vada a votare nel 2018”.

Nessuno può escludere, visti i rapporti deteriorati nella maggioranza, un “incidente” parlamentare: a inizio della prossima settimana si voteranno la “manovrina” al Senato e la riforma del processo penale alla Camera. Ma sia Mdp che Ap sono contro le urne anticipate. E anche la scelta di porre la fiducia su una legge invisa agli alfaniani come il ddl penale viene letta in Parlamento come segnale di un Gentiloni rafforzato. Il presidente del Consiglio, nella conferenza stampa dopo il Cdm, non fa riferimento alla situazione politica, ma sottolinea i dati positivi sulla crescita e afferma che l’impegno del governo sul lavoro “prosegue”.

“Questo è il nostro governo: pieno sostegno, sta lavorando sulle questioni reali”, scandisce Renzi, conducendo una rassegna stampa mattutina al Nazareno. Il segretario smentisce di aver chiesto un decreto per approvare la legge elettorale ma aggiunge che una legge “già c’è” ed è il Consultellum, con soglie del 3% alla Camera e dell’8% al Senato: per votare con questa legge bastano correzioni “tecniche”.

Renzi afferma che il Pd è ancora disponibile a un dialogo con M5s e Fi su una legge diversa, “se le persone tornano a buon senso e ragionevolezza”. Ma non è affatto ottimista. Perché, spiega, “i Cinque stelle sono inaffidabili per definizione: hanno la stessa credibilità sulla legge elettorale di quando parlano di vaccini o scie chimiche”.

Il punto, sottolinea, non è l’emendamento sul Trentino Alto Adige che ha fatto arrabbiare gli alleati dell’Svp (quella norma in ogni caso non passerà, assicura). Il punto è che “al netto dei franchi tiratori”, M5s ha rotto il patto: “Chi ha preso in giro gli italiani e ha tradito gli iscritti al blog ha un nome e un cognome: Beppe Grillo. Ora però non faremo una legge contro di loro”.

I Cinque stelle ribaltano l’accusa sul Pd: “Sono divisi tra bande interne e franchi tiratori e Renzi cerca di scaricare la propria debolezza sul M5s”, accusano. E Di Maio dice “basta”: “Meglio andare al voto con le leggi esistenti per Camera e Senato: tutte e due consentono a una forza politica di governare il paese”.

Dalla minoranza Pd però Andrea Orlando invita alla calma: “No alla depressione totale, c’è una legge incardinata, miglioriamola con correttivi maggioritari e le coalizioni”. Proprio attorno alla possibilità di coalizioni (sarebbero incentivate dal Consultellum al Senato) si riapre il confronto a sinistra tra Renzi e Pisapia.

“Qualsiasi alleanza con il centrodestra è contro i nostri valori”, premette l’ex sindaco di Milano. Poi aggiunge: “Renzi faccia le primarie se davvero vuole la coalizione di centrosinistra e vediamo chi le vince”. Una sfida che riapre il dialogo e apre un capitolo tutto nuovo.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora