Russiagate, Trump: “Comey è la talpa”. Ora tocca a Kushner

Pubblicato il 09 giugno 2017 da redazione

Jared Kushner in secondo piano, con il presidente Donald Trump .
(ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais, File)

WASHINGTON. – Si ingigantisce, dopo la deposizione dell’ex capo dell’Fbi al Senato James Comey sulle pressioni subite nel Russiagate, la ‘nube’ sopra la Casa Bianca che Donald Trump gli aveva chiesto inutilmente di spazzar via, prima di licenziarlo in tronco. “Nonostante tante false affermazioni e bugie, totale e completa discolpa… e Wow, Comey è una gola profonda!”, tenta di difendersi il presidente su Twitter.

Poi, nella conferenza stampa alla Casa Bianca con il presidente della Romania, lancia l’affondo in diretta mondiale: l’audizione di Comey dimostra che “non c’è stata nessuna collusione (con la Russia, ndr), nessuna ostruzione (della giustizia, ndr), è un leaker” che ha detto “molte cose non vere”.

Quindi la sfida, dicendosi pronto “al 100%” a dare la sua versione dei fatti sotto giuramento, smentendo di aver mai chiesto fedeltà a Comey e di aver auspicato che lasciasse cadere l’indagine sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn nel Russiagate. Quanto all’esistenza di registrazioni dei loro colloqui, ha annunciato sibillino che farà sapere “qualcosa nel prossimo futuro”.

Ma la “nube” del Russia-gate ora si fa più cupa e sembra destinata ad accompagnarlo a lungo, trascinando davanti alla commissione intelligence del Senato anche un membro di famiglia, il genero-consigliere Jared Kushner, e facendo piovere nuovi sospetti sul ministro della Giustizia Jeff Sessions, per un terzo contatto non dichiarato con l’ambasciatore russo in Usa Serghiei Kisliak.

Per Kushner non è ancora stata fissata una data ma si parla di fine giugno o inizio luglio. Il marito di Ivanka dovrà fornire chiarimenti su un incontro in dicembre alla Trump Tower in cui, come membro del transition team, avrebbe discusso con Kisliak la creazione di un canale segreto diretto con il Cremlino. C’è poi un secondo incontro sospetto di Kushner in dicembre: con Serghiei Gorkov, uomo di Putin laureatosi all’ Accademia dei servizi segreti e presidente della Veb, la banca statale russa sotto sanzioni Usa usata dal Cremlino per i suoi progetti politico-economici. Un faccia a faccia su cui Comey non ha voluto rispondere pubblicamente.

L’indiscrezione di un terzo contatto di Sessions con Kisliak è stata invece confermata a porte chiuse dallo stesso capo dell’Fbi e potrebbe inguaiare Sessions dopo che era stato costretto ad astenersi dalle indagini sul Russia-gate per aver nascosto i primi due.

Come linea di difesa Trump sceglie di valorizzare solo un punto della deposizione di Comey, ossia la ripetuta conferma che non era indagato nel Russiagate, e di demolire tutto il resto come menzogna, restituendogli l’accusa di essere un bugiardo. Con l’aggravante di essere pure una ‘gola profonda’, dopo che lo stesso Comey ha ammesso di aver organizzato la fuga di notizie delle sue conversazioni col presidente, nella speranza che fosse nominato un procuratore speciale.

Un tema, questo, che Trump pare voler cavalcare per minare la credibilità dell’ex direttore del Bureau: il suo avvocato personale, Marc Kasowitz, intende denunciare Comey al Dipartimento di giustizia e alla commissione giustizia del Senato per aver diffuso tramite un amico il memo del colloquio col presidente.

Il documento non è classificato, come ha precisato lo stesso ex capo dell’Fbi, e Trump non ha esercitato il suo privilegio esecutivo – che garantisce la segretezza delle sue conversazioni – per bloccare la deposizione. Quindi Comey legalmente non rischia nulla, ma si espone alle accuse di aver agito dietro le quinte, animato da spirito di vendetta.

Questa la linea sostenuta da molti repubblicani e dai media conservatori. “Abuso di potere”, concordano invece i Dem, cauti però sulla possibilità di procedere all’impeachment per ostacolo alla giustizia. Tutto e’ nelle mani del procuratore speciale Robert Mueller.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora