Russiagate, Trump: “Comey è la talpa”. Ora tocca a Kushner

Pubblicato il 09 giugno 2017 da redazione

Jared Kushner in secondo piano, con il presidente Donald Trump .
(ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais, File)

WASHINGTON. – Si ingigantisce, dopo la deposizione dell’ex capo dell’Fbi al Senato James Comey sulle pressioni subite nel Russiagate, la ‘nube’ sopra la Casa Bianca che Donald Trump gli aveva chiesto inutilmente di spazzar via, prima di licenziarlo in tronco. “Nonostante tante false affermazioni e bugie, totale e completa discolpa… e Wow, Comey è una gola profonda!”, tenta di difendersi il presidente su Twitter.

Poi, nella conferenza stampa alla Casa Bianca con il presidente della Romania, lancia l’affondo in diretta mondiale: l’audizione di Comey dimostra che “non c’è stata nessuna collusione (con la Russia, ndr), nessuna ostruzione (della giustizia, ndr), è un leaker” che ha detto “molte cose non vere”.

Quindi la sfida, dicendosi pronto “al 100%” a dare la sua versione dei fatti sotto giuramento, smentendo di aver mai chiesto fedeltà a Comey e di aver auspicato che lasciasse cadere l’indagine sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn nel Russiagate. Quanto all’esistenza di registrazioni dei loro colloqui, ha annunciato sibillino che farà sapere “qualcosa nel prossimo futuro”.

Ma la “nube” del Russia-gate ora si fa più cupa e sembra destinata ad accompagnarlo a lungo, trascinando davanti alla commissione intelligence del Senato anche un membro di famiglia, il genero-consigliere Jared Kushner, e facendo piovere nuovi sospetti sul ministro della Giustizia Jeff Sessions, per un terzo contatto non dichiarato con l’ambasciatore russo in Usa Serghiei Kisliak.

Per Kushner non è ancora stata fissata una data ma si parla di fine giugno o inizio luglio. Il marito di Ivanka dovrà fornire chiarimenti su un incontro in dicembre alla Trump Tower in cui, come membro del transition team, avrebbe discusso con Kisliak la creazione di un canale segreto diretto con il Cremlino. C’è poi un secondo incontro sospetto di Kushner in dicembre: con Serghiei Gorkov, uomo di Putin laureatosi all’ Accademia dei servizi segreti e presidente della Veb, la banca statale russa sotto sanzioni Usa usata dal Cremlino per i suoi progetti politico-economici. Un faccia a faccia su cui Comey non ha voluto rispondere pubblicamente.

L’indiscrezione di un terzo contatto di Sessions con Kisliak è stata invece confermata a porte chiuse dallo stesso capo dell’Fbi e potrebbe inguaiare Sessions dopo che era stato costretto ad astenersi dalle indagini sul Russia-gate per aver nascosto i primi due.

Come linea di difesa Trump sceglie di valorizzare solo un punto della deposizione di Comey, ossia la ripetuta conferma che non era indagato nel Russiagate, e di demolire tutto il resto come menzogna, restituendogli l’accusa di essere un bugiardo. Con l’aggravante di essere pure una ‘gola profonda’, dopo che lo stesso Comey ha ammesso di aver organizzato la fuga di notizie delle sue conversazioni col presidente, nella speranza che fosse nominato un procuratore speciale.

Un tema, questo, che Trump pare voler cavalcare per minare la credibilità dell’ex direttore del Bureau: il suo avvocato personale, Marc Kasowitz, intende denunciare Comey al Dipartimento di giustizia e alla commissione giustizia del Senato per aver diffuso tramite un amico il memo del colloquio col presidente.

Il documento non è classificato, come ha precisato lo stesso ex capo dell’Fbi, e Trump non ha esercitato il suo privilegio esecutivo – che garantisce la segretezza delle sue conversazioni – per bloccare la deposizione. Quindi Comey legalmente non rischia nulla, ma si espone alle accuse di aver agito dietro le quinte, animato da spirito di vendetta.

Questa la linea sostenuta da molti repubblicani e dai media conservatori. “Abuso di potere”, concordano invece i Dem, cauti però sulla possibilità di procedere all’impeachment per ostacolo alla giustizia. Tutto e’ nelle mani del procuratore speciale Robert Mueller.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:49Calcio: As, Real rifiuta offerta Juve di 75 mln per Kovacic

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il grande momento di forma di Mateo Kovacic non è passato inosservato ai grandi club europei, in particolar modo alla Juventus. Secondo quanto scrive oggi il quotidiano sportivo spagnolo As il Real Madrid ha rifiutato un'offerta di 75 milioni di euro fatta pervenire dal club bianconero per il centrocampista croato ex Inter. Il tecnico merengue Zinedine Zidane non avrebbe alcuna intenzione di privarsi del giocatore e da Madrid hanno quindi fatto sapere che il centrocampista non è in vendita. Dopo aver essere rimasto in panchina nella Supercoppa Europea vinta a Skopje contro il Manchester United, Kovacic è stato schierato titolare entrambi i match giocati contro il Barcellona e validi per la Supercoppa di Spagna: dopo entrambe le partite Kovacic ha avuto i complimenti del suo allenatore e al ritorno il Santiago Bernabeu gli ha tributato standing ovation e cori.

11:29Incendio Cosenza, in cenere le opere del filosofo Telesio

(ANSA) - COSENZA, 19 AGO - La prima stampa del 'De rerum natura iuxta propria principia', l'opera più importante del filosofo Bernardino Telesio, è andata distrutta, insieme a pergamene e manoscritti antichi, nell'incendio sviluppatosi ieri in un edificio del centro storico di Cosenza in cui sono morte tre persone. Sopra l'appartamento incendiato, infatti, era ospitata la biblioteca della famiglia Bilotti Ruggi D'Aragona, che con le proprie donazioni ha consentito l'apertura del Museo all'aperto Bilotti e proprietaria dello stabile e dell'attiguo palazzo Ruggi D'Aragona. I corpi delle vittime, intanto, non sono stati ancora recuperati. I vigili del fuoco attendono che si siano le condizioni di sicurezza per operare. Le vittime non sono state identificate ufficialmente, ma sembrano esserci pochi dubbi sul fatto che si tratti di Antonio Noce, del nipote Roberto e della fidanzata di quest'ultimo Serafina Speranza. I tre occupavano abusivamente l'appartamento e soffrivano di patologie mentali. La Procura ha aperto un'inchiesta.

11:04Barcellona: amici Bruno aprono raccolta fondi per famiglia

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Come avevano annunciato i colleghi di Bruno Gulotta, ucciso nell'attentato di Barcellona, hanno organizzato una raccolta fondi per aiutare la compagna Martina e i due figli, Alessandro di 5 anni e Aria di 7 mesi. Per questo hanno creato l'indirizzo paypal paypal.me/famigliabrunogulotta spiegando la scelta sul loro sito, Tom's Hardware. "Martina e i suoi due figli, piccolissimi - hanno scritto -, devono affrontare una perdita indescrivibile. Forse non possiamo aiutarli ad affrontare il dolore, ma possiamo e vogliamo aiutarli a rendere un po' meno pesante questo tremendo fardello. E chiediamo a tutti voi di aiutarci ad aiutarli". (ANSA).

10:55Usa: Florida agente ucciso in sparatoria, un altro ferito

(ANSA) - KISSIMMEE, (FLORIDA), 19 AGO - Un poliziotto è stato ucciso e un altro è rimasto gravemente ferito in una sparatoria avvenuta nella cittadina di Kissimmee, in Florida. La polizia ha arrestato tre persone e un quarto è tuttora ricercato. In base alle prime informazioni, i due poliziotti stavano pattugliando una zona frequentata da spacciatori quando sono stati colpiti dai proiettili in un'imboscata. "Non hanno avuto tempo di reagire", ha detto il capo della polizia, Jeff O'Dell. In un altro incidente, avvenuto a Jacksonville, due poliziotti sono rimasti feriti a colpi di pistola dopo essere intervenuti in una sparatoria.

10:54Tennis: Wta Cincinnati, Giorgi eliminata agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - E' finita agli ottavi di finale la corsa di Camila Giorgi al torneo di Cincinnati. La tennista azzurra si è arresa in tre set (6-3 4-6 6-0) alla ceca Karolina Pliskova, numero uno del mondo e campionessa in carica, nel match sospeso giovedì per pioggia. Pliskova si è poi qualificata per le semifinali dopo aver battuto 6-2 6-4 la danese Caroline Wozniacki. La ceca affronterà per un posto in finale la spagnola Garbine Muguruza che ha piegato la russa Svetlana Kuznetsova per 6-2 5-7 7-5. La spagnola ha giocato con la visierina sulla fronte listata a lutto per i tragici fatti di Barcellona. L'altra semifinale sarà tra Simona Halep e Sloane Stephens: la romena ha battuto 6-4 7-6 (7-1) la britannica Johanna Konta mentre la statunitense ha prima eliminato negli ottavi per 2-6 6-3 6-4 la russa Ekaterina Makarova e poi nei quarti per 6-1 7-6 (7-3) la tedesca Julia Goerges. Quest'ultima aveva a sua volta battuto negli ottavi per 7-5 6-4 l'ucraina Elina Svitolina, vincitrice la settimana scorsa a Toronto.

10:51Pallavolo: amichevole Olanda-Italia 0-3

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - L'Italia batte 3-0 (25-21, 25-16, 25-23) l'Olanda in un'amichevole di preparazione ai campionati europei di pallavolo maschile e giocato a Doetichem. Gli uomini del ct Gianlorenzo Blengini non sono stati particolarmente brillanti e il loro gioco è apparso fluido solo a tratti. In generale c'è stato qualche black out, ma nel complesso sono stati sicuramente superiori agli avversari che non hanno saputo approfittare di qualche passaggio a vuoto degli azzurri. Nel complesso incoraggiante la prova di Mazzone autore di 14 punti (con 5 muri), top scorer dell'incontro seguito da Vettori con 13. Al termine del match giocato un ulteriore set concluso sul 25-20 per l'Olanda. Oggi si replica alle ore 16 ad Apeldoorn.

10:47Tennis: Atp Cincinnati, Kyrgios elimina Nadal

(ANSA) - ROMA. 19 AGO - E' stato l'australiano Nick Kyrgios il protagonista della giornata al torneo Atp di Cincinnati, settimo Masters 1000 della stagione. Arrivato a due punti dalla sconfitta nel match di ottavi di finale contro il croato Ivo Karlovic, ha poi battuto nei quarti lo spagnolo Rafael Nadal che lunedì tornerà ufficialmente n.1 del tennis mondiale, scalzando lo scozzese Andy Murray. Kyrgios ha prima superato Karlovic per 4-6 7-6(8-6) 6-3 e ha poi piegato per 6-2 7-5 Nadal che in precedenza, nel match di ottavi rinviato giovedì per pioggia, aveva avuto la meglio per 7-6 (7-1) 6-2 del connazionale Albert Ramos Vinolas. Ad attendere l'australiano in semifinale un altro spagnolo, David Ferrer, che ha eliminato con un doppio 6-3 l'austriaco Dominic Thiem. L'altra semifinale vedrà di fronte il bulgaro Grigor Dimitrov (6-2 6-1 al giapponese Yuichi Sugita) e lo statunitense John Isner (7-6 7-5 al connazionale Jared Donaldson).

Archivio Ultima ora