Stato-mafia, Graviano in carcere: “Berlusca chiese aiuto”

Pubblicato il 09 giugno 2017 da redazione

Silvio Berlusconi a un meeting di Forza Italia il 28 Febbraio 1994. ANSA/OLDPIX

PALERMO. – L’immagine del boss chiuso nel suo silenzio, del capomafia omertoso che non parla con estranei delle cose di Cosa nostra vacilla per la seconda volta. Dopo aver ascoltato le esternazioni di Totò Riina, impegnato per mesi in conversazioni a tutto campo con Alberto Lorusso, sfortunato detenuto scelto per far compagnia al capo dei capi nell’ora d’aria, è la volta di Giuseppe Graviano, padrino stragista di Brancaccio che ordinò l’assassinio di padre Puglisi.

Per quasi un anno, i pm che hanno istruito il processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia l’hanno intercettato mentre chiacchierava, anche lui di tutto lo scibile umano, con Umberto Adinolfi, come lui dietro le sbarre nel carcere di Ascoli Piceno. Ore di dialoghi fitti, parte dei quali è stata depositata agli atti del processo in corso a Palermo a chi, per l’accusa, scese a patto con la mafia per far cessare le stragi.

Graviano, arrestato dopo una breve latitanza nel nord Italia nel 1994, parla a ruota libera, tanto che viene il sospetto che sappia che qualcuno lo ascolta. E ne ha per tutti: a cominciare da Silvio Berlusconi, che il boss chiama confidenzialmente Berlusca. “Mi ha chiesto questa cortesia… per questo c’è stata l’urgenza. Lui voleva scendere… però in quel periodo c’erano i vecchi e lui mi ha detto ci vorrebbe una bella cosa”.

Linguaggio criptico che per i pm è una chiara allusione alle stragi del ’92 che vedrebbero l’allora imprenditore, già intenzionato a scendere in campo, come ispiratore e la mafia come esecutrice, nel tentativo di dare una spallata alla vecchia politica. Berlusconi viene descritto da Graviano come un traditore.

“Quando ha iniziato negli anni ’70 ha iniziato con i piedi giusti, mettiamoci la fortuna che si è ritrovato ad essere quello che è. Quando lui si è ritrovato un partito così nel ’94 si è ubriacato e ha detto ‘Non posso dividere quello che ho con chi mi ha aiutato’. Pigliò le distanze e ha fatto il traditore”, racconta il boss ad Adinolfi.

Un Berlusconi ingrato che lascerebbe marcire al carcere duro persone innocenti che per lui si sono sacrificate, dunque, mentre sarebbe disposto a pagare il silenzio delle “buttane”, dice sferzante il capomafia. “Dalle intercettazioni ambientali di Giuseppe Graviano, depositate dalla Procura di Palermo, composte da migliaia di pagine, corrispondenti a centinaia di ore di captazioni, vengono enucleate poche parole decontestualizzate che si riferirebbero asseritamente a Berlusconi. Tale interpretazione è destituita di ogni fondamento non avendo mai avuto alcun contatto il Presidente Berlusconi né diretto né indiretto con il signor Graviano”, replica in una nota l’avvocato Niccolò Ghedini, senatore di FI.

Ma il ruolo che il boss assegna all’ex cavaliere cozza con la ricostruzione finora rappresentata dalla Procura che sulla trattativa ha istruito un processo a capimafia come Totò Riina e Leoluca Bagarella, Massimo Ciancimino, ex politici come Dell’Utri e ex ufficiali del Ros. Perché nella versione originaria il ruolo intermediatore di Marcello Dell’Utri, braccio destro di Berlusconi in Publitalia, arrivava anni dopo e i referenti politici delle cosche erano altri: da Calogero Mannino, assolto in primo grado, a personaggi della Prima Repubblica ormai scomparsi e comunque evocati e mai indagati come Oscar Luigi Scalfaro.

Nella nuova storia della trattativa nel ’93, dopo le stragi del continente vissute da Carlo Azeglio Ciampi come un colpo di Stato a cui le istituzioni non avevano reagito, cambia tutto. Si alleggerisce il carcere duro, come la mafia voleva, e cessano gli attentati. E anche una storia privata, almeno apparentemente, come la gravidanza della moglie di Graviano, rimasta incinta mentre lui era al 41 bis, deve essere letta, secondo i pm, come una concessione dello Stato a Cosa nostra.

Il capomafia la racconta, emozionato, ad Adinolfi. La donna sarebbe stata fatta entrare nella cella con il padrino. Ore e ore di intercettazioni finiscono agli atti del processo trattativa. Insieme alla trascrizione delle frasi che un altro protagonista di quegli anni, Totò Riina, avrebbe detto, durante un’udienza di marzo del processo, in presenza di una guardia penitenziaria. “E’ lucido e orientato nel contesto”, ne deduce il pm Nino Di Matteo che si appresta a lasciare Palermo per la Dna.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

08:50Tre auto a fuoco a Trieste, s’ipotizza dolo

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Un'auto è stata distrutta e altre due sono state danneggiate da un incendio la scorsa notte a Trieste, nella zona di Borgo San Sergio. Le auto erano parcheggiate in via Cubi. L'incendio è partito intorno alle due da una delle vetture e si è poi esteso alle altre. E' stato spento dai Vigili del fuoco, intervenuti con due squadre, una da Muggia (Trieste) e una da Trieste. Un uomo, intervenuto per spostare un'altra auto prima che fosse raggiunta dal fuoco, ha avuto un lieve malore. Fra le cause dell'incendio - si apprende dai Vigili del fuoco - vi è anche quella del dolo, dal momento che l'auto che ha preso fuoco era dotata di motore diesel ed era parcheggiata in strada già da alcune ore.

04:31Barcellona, anche una italo-argentina tra le vittime

(ANSA) - BUENOS AIRES, 19 AGO - Carmen Lopardo, 80 anni, da più di 60 residente in Argentina ma originaria della provincia di Potenza, è tra le vittime dell'attentato di Barcellona. In una nota, il ministero degli Esteri argentino ha trasmesso le condoglianze "alla famiglia della signora Carmen". "Nel momento del tragico attentato, la vittima si trovava a Barcellona da turista", ha precisato il ministero, che sottolinea "la ferma condanna dell'Argentina al terrorismo in tutte le sue manifestazioni".

00:40Spagna: Zaza-gol regala la vittoria al Valencia

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Un gol di Simone Zaza ha permesso al Valencia di aprire con una vittoria la Liga 2017/18. Il centravanti italiano, al 22', su assist di Soler, ha battuto l'ex spezino Leandro Chichizola, regalando al Valencia il successo per 1-0 sul Las Palmas (che ha giocato dal 33' pt in 10 per l'espulsione di Halilovic), nella sfida disputata sul terreno del Mestalla, dove Cancelo - futuro interista - ha salutato i propri sostenitori. La squadra dei 'pipistrelli' si porta a tre punti, come il Leganes che, nel pomeriggio, ha battuto con lo stesso punteggio (1-0) in casa l'Alaves. A Leganes, così come a Valencia, grande commozione durante il minuto di raccoglimento per commemorare le vittime del terrorismo.

00:26Calcio: Ancelotti “vittoria importante, Bayern crescerà”

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Possiamo migliorare la fase difensiva, siamo destinati a crescere e io sono fiducioso. La squadra può solo crescere, ma era importante partire bene, con una vittoria". Così Carlo Ancelotti ha commentato la vittoria del Bayern Monaco per 3-1 sul Bayer Leverkusen, con i gol dei nuovi Suele e Tolisso, ma soprattutto con il rigore di Lewandowski, concesso con l'ausilio del Var, che ha chiuso definitivamente la partita dell'Allianz arena. Il centravanti polacco è stato trattenuto in area, ma l'arbitro non aveva visto il fallo del giocatore ospite.

23:28Francia: il Monaco non si ferma più, 1-0 al Metz

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Un gol di Radamel Falcao ha regalato vittoria e primato momentaneo al Monaco, al termine dell'anticipo della 3/a giornata della Ligue 1. I monegaschi, privi di Mbappè, proprio grazie al punto del centravanti colombiano a 12' dalla fine (su assist di Ghezzal), sono riusciti a vincere per 1-0 sul campo del Metz, salendo così a quota 9 punti in classifica, con tre partite e altrettante vittorie. Il Metz, invece, è sempre fermo all'ultimo posto, a 0 punti, come il Nizza di Balotelli che, però, ha una partita in meno. Il PSG sarà in campo domenica sera, alle 21, in casa contro il Tolosa. Domani Lione, Marsiglia e Saint-Etienne possono raggiungere la squadra di Principato.

23:14Calcio: Germania, Bayern che inizio e tris al Laverkusen

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Bayern Monaco è partito con il piede sull'acceleratore, nella Bundesliga 2017/18. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ha battuto per 3-1 il Bayer Leverkusen, chiudendo i conti in soli 52'. In vantaggio con il neoacquisto Suele (ex Hoffenheim), dopo soli 9' e grazie a un preciso colpo di testa su punizione di Rudy, i bavaresi hanno raddoppiato con un altro neoacquisto, Tolisso (ex Lione), al 19', su assist di Vidal. Ci ha pensato il solito Robert Lewandowski a calare il tris al 7' della ripresa, mentre a Mehmedi è rimasta solo la soddisfazione del gol della bandiera al 20' st. Pioggia e tanta umidità nell'Allianz arena per questo esordio del Bayern che ha aperto alla grande la nuova stagione. Prima del match un minuto di raccoglimento è stato osservato per commemorare le vittime del terrorismo a Barcellona.

22:44Calcio: Spagna, il Leganes parte bene e piega 1-0 l’Alaves

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Leganes ha battuto l'Alaves 1-0, nella partita che ha inaugurato la Liga 2017/18. La squadra allenata da Asier Garitano, nello stadio Municipal de Butarque, si è assicurata i primi tre punti della stagione grazie al gol di Appelt, realizzato dopo 24' di gioco. I padroni di casa poco prima, al 17', avevano comunque rischiato di andare sotto su calcio di rigore, ma Garcia ha sbagliato la trasformazione. I giocatori delle due squadre sono entrati in campo con in mano uno striscione sul quale era scritto #ContigoBarcelona #StopTerrorismo, per commemorare le vittime dell'attacco terroristico di Barcellona. Grande atmosfera nello stadio Municipal de Butarque, dove è andato in scena il primo minuto di raccoglimento con il pubblico in rigoroso silenzio.

Archivio Ultima ora