Da Treviso a Benevento, la provincia al potere

Pubblicato il 09 giugno 2017 da ansa

I giocatori del Benevento festeggiano la Serie A dopo la vittoria sul Carpi.. ANSA / CIRO FUSCO

ROMA. – La provincia resta al potere. Anzi, si rafforza grazie al Benevento, che ha conquistato una storica promozione in Serie A. Una doppia impresa, quella dei giallorossi sanniti, che, nel giro di un anno solare, hanno vissuto due prime volte: la partecipazione alla B e il salto di categoria nella massima serie.

Qualche volta resistono, altre volte sono meteore, che durano una stagione o forse due, favorite probabilmente dal campionato a 20 squadre: ma vuoi mettere la soddisfazione di giocarsela contro Juve, Milan o Inter? Anche a dispetto di chi non le ritiene all’altezza.

Carpi e Frosinone il loro anno di gloria l’hanno vissuto, poi è toccato al Crotone – a testimonianza che il fenomeno delle ‘prime volte’ sta crescendo esponenzialmente negli ultimi anni – e ora dopo il ritorno storico della Spal, è toccato al Benevento che, per entusiasmo, passione e colore, non ha nulla da invidiare ai colossi da massima serie.

In passato le ‘Cenerentole’ di provincia hanno regalato belle storie da tramandare di padre in figlio. Il Treviso ha avuto il privilegio di giocare in A, e di esordire a San Siro contro l’Inter, nella stagione 2005/06; il Venezia di Zamparini, per qualche stagione, fra gli anni ’90 e 2000, ha fatto la spola fra A e B, prima di sprofondare addirittura in Lega Pro, da dove è risalito da poco.

Il Siena per anni è stato protagonista, nel bene e nel male, in A, prima del fallimento. La Salernitana, nella stagione 1998/99, prima di tornare in B, si è presa anche la soddisfazione di battere la Roma. La Reggiana ha ben figurato a metà degli anni ’90 e, per qualche partita, prima di un grave infortunio, ha avuto il privilegio di schierare un asso del calcio mondiale come Paolo Futre.

Un’altra emiliana, il Modena, ha avuto poca gloria, il Piacenza di Cagni ha lasciato qualche impronta e se lo ricorda Oscar Tabarez, esonerato dal Milan dopo la sconfitta contro i biancorossi del giovane mediano Eusebio Di Francesco. Nel 1974 ecco la Ternana esibire il ‘calcio corto’ di Corrado Viciani, che faceva il verso alla grande Olanda.

Il Padova tornò in B dalla A con una messe di gol sul groppone, come il Mantova (ultima apparizione nel 1972); il Varese nel 1975 esibì qualche giovane di belle speranze (Sperotto), il Messina resistette un paio d’anni, fra il 2005 e il 2007. L’ultima era stata il Crotone, poi protagonista di una miracolosa salvezza. Ma ultima fino all’altra sera, perché la nuova favola si chiama Benevento.

Ultima ora

10:46Catalogna: media, Puigdemont è partito per Copenhagen

(ANSA) - BRUXELLES, 22 GEN - Il leader indipendentista catalano Carles Puigdemont è partito da Bruxelles alla volta di Copenhagen dove dovrà intervenire alle 14. Lo riportano i media belgi citando i media spagnoli. L'ex presidente, secondo i media, è stato avvistato allo scalo di Charleroi prima delle 8 per prendere il volo verso la capitale danese, nonostante la minaccia della Spagna di far scattare un nuovo mandato d'arresto europeo.

10:44Tennis: Australia, Berdych travolge Fognini e azzurri fuori

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Si esaurisce negli ottavi di finale l'avventura degli azzurri, agli Australian open di tennis, in corso a Melbourne. Dopo Andreas Seppi, sconfitto dal britannico Kyle Edmund, anche Fabio Fognini, testa di serie numero 25 del torneo, è stato eliminato: il ligure si è arreso in tre set al ceco Tomas Berdych (19), al quale sono bastate poco più di due ore (2h'08') di gioco per mettere le mani sui quarti. Di 6-1, 6-4, 6-4 il punteggio per il tennista ceco, un frequentatore assiduo dei quarti di finale sui campi di Melbourne.

10:24Giappone: esercitazione anti-missile a Tokyo

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - Sotto la prima neve dell'anno a Tokyo si è svolta la prima dettagliata esercitazione per preparare i residenti della capitale ad un eventuale lancio di un missile dalla Corea del Nord. Circa 350 persone hanno preso parte alla prova condotta all'interno di una stazione della metropolitana al centro nord della città, e in un parco adiacente del comune di Bunkyo. Simili esercitazioni sono state organizzate di recente in diverse località del Giappone, in concomitanza con la crescente minaccia rappresentata dal programma missilistico e nucleare del regime di Pyongyang. Sotto la guida degli agenti, al suono delle sirene del sistema di difesa antimissile J-Alert, i partecipanti hanno evacuato la stazione di Kasuga e altri palazzi circostanti. Agli impiegati del comune di Bunkyo è stato dimostrato come ripararsi durante la simulazione, mentre gli inservienti del parco facevano vedere ai visitatori come cercare rifugio dentro gli edifici più robusti.

10:10Afghanistan: rapita a Kabul dipendente Onu con figlia

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - Una dipendente, di cui ancora non si conosce la nazionalità, della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) è stata rapita oggi a Kabul insieme alla figlia che stava portando a scuola. Lo riferisce la tv Tolo.

09:43Corea: Seul, manifestanti per le strade bruciano foto Kim

(ANSA) - SEUL 22 GEN - Un gruppo formato da circa 150-200 attivisti conservatori ha tentato di bruciare una grande foto del leader nordcoreano Kim Jong-un e una bandiera della Corea del Nord alla stazione di Seul mentre passava una delegazione di Pyongyang. Le proteste sono scattate proprio quando il gruppo stava rientrando dalla visita nelle zona dove potrebbero risiedere i partecipanti alle Olimpiadi invernali in programma il prossimo mese. Il principio di incendio è stato domato dalla polizia intervenuta immediatamente con gli estintori.

09:34Filippine: forte eruzione vulcano Mayon

(ANSA-AP) - MANILA, 22 GEN - C'è stata un'eruzione 'esplosiva' dal vulcano Mayon, uno dei più attivi e temibili delle Filippine. Le autorità hanno deciso di alzare il livello di allerta a 4. Nei giorni scorsi oltre 12.000 persone sono state evacuate entro un raggio di 7 chilometri dal vulcano, che si trova a circa 330 chilometri a sudovest di Manila, a causa del rischio di un'eruzione imminente. L'allerta quattro non è ancora il livello più alto di emergenza ma significa che un'eruzione è possibile nei prossimi giorni. Renato Solidum, dell'istituto di sismologia e vulcanologia delle Filippine, ha spiegato che dal vulcano Mayon è uscita un'enorme colonna di frammenti vulcanici, cenere e vapore che hanno avvolto in una nuvola nera i villaggi che si trovano nelle vicinanze.

05:42Shutdown: nessun accordo al Senato Usa, voto rinviato (2)

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Il Senato degli Stati Uniti voterà a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell'amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato, che entra quindi nel terzo giorno. I colloqui fra democratici e repubblicani non hanno però al momento portato ad un accordo. E' stato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ad annunciare per primo in serata chenon è stato raggiunto un accordo che consenta la revoca dello shutdown con l'inizio della settimana lavorativa. Le aspettative sono che a mezzogiorno (le sei del pomeriggio in Italia) il Senato voti su un provvedimento di spesa temporaneo, possibilmente che consenta la 'riapertura' del governo fino al prossimo 8 febbraio con il contestuale impegno da parte del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, di indire una votazione sul nodo dell'immigrazione prima di quella data.

Archivio Ultima ora