Migranti: l’aumento delle partenze non è colpa delle ong

Pubblicato il 09 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Non è vero che la presenza nel Mediterraneo delle navi delle organizzazioni non governative per soccorrere i migranti abbia fatto aumentare il numero delle traversate o le abbia rese più rischiose. Al contrario, le ong hanno avuto un ruolo fondamentale nel salvare vite umane, colmando il vuoto nelle attività di ricerca e soccorso lasciato alla fine del 2014 dalla decisione dell’Ue di non prolungare l’operazione Mare Nostrum.

Questo è il risultato di un’indagine condotta da ricercatori del Goldsmiths College, prestigiosa università britannica che fa parte dell’Università di Londra, presentata oggi a Roma. I ricercatori hanno esaminato le accuse mosse da Frontex (l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera) e da esponenti politici europei, secondo cui le attività di ricerca e soccorso portate avanti dalle ong costituirebbero un “fattore di attrazione” che porterebbe a un aumento delle traversate e che incoraggerebbe gli ‘scafisti’ a ricorrere a tattiche ancora più rischiose, causando di fatto un aumento dei morti in mare.

L’indagine dimostra, è stato spiegato, che l’incremento delle partenze nel 2016 è in linea con le tendenze di crescita degli arrivi di migranti da vari paesi africani registrate negli anni precedenti e non possono essere quindi attribuite alla presenza delle ong, come dimostrerebbe anche il fatto che le traversate dal Marocco hanno registrato fra il 2015 e il 2016 un aumento del 46% nonostante l’assenza di ong nell’area.

“Le argomentazioni contro le ong – ha detto Lorenzo Pezzani di Goldsmiths – ignorano deliberatamente il peggioramento delle crisi economiche e politiche che colpiscono numerose regioni dell’Africa e che sono fra le molte cause dell’incremento delle traversate nel 2016. In Libia, i migranti sono vittime di violenza estrema e sono disposti a tentare la traversata con o senza la presenza di attività di ricerca e soccorso”.

Quanto all’accusa secondo cui l’attività di soccorso delle ong “aiuta involontariamente i criminali”, incoraggiando i ‘passatori’ a utilizzare imbarcazioni di qualità inferiore e ad adottare strategie più rischiose che rendono gli attraversamenti più pericolosi, lo studio dimostra che le condizioni imposte dai trafficanti sono in continuo peggioramento fin dal momento in cui la Libia è sprofondata nella guerra civile.

L’operazione dell’Ue di contrasto EUNAVFOR MED, invece, secondo i ricercatori ha avuto un importante e comprovato impatto sulle tattiche dei passatori: intercettando e distruggendo le barche di legno più grandi, avrebbe contribuito a determinarne la sostituzione con gommoni più piccoli e instabili. Le pratiche degli scafisti sarebbero state influenzate anche dai sempre più numerosi interventi della Guardia Costiera Libica, “i cui metodi violenti hanno portato, in alcune occasioni, al ribaltamento di barche, mettendo in pericolo la vita delle persone a bordo”.

“La nostra analisi dimostra che il tasso di mortalità è diminuito in maniera consistente nei periodi in cui le ong impegnate in attività di ricerca e soccorso erano presenti ed è aumentato di nuovo in loro assenza” ha affermato Charles Heller di Goldsmiths. La ricerca si conclude osservando che le accuse contro le ong ignorano deliberatamente il ruolo che altri attori, incluse le agenzie dell’Unione Europea e i governi nazionali, hanno avuto nel rendere le traversate più rischiose.

“Siamo convinti che la narrazione tossica che accusa ingiustamente le ong per l’aumento della pericolosità delle traversate sia parte di un tentativo più ampio di criminalizzazione delle iniziative di solidarietà verso i migranti. È anche una distrazione conveniente, dal momento che distoglie l’attenzione dall’incapacità dei governi ad affrontare i veri problemi” ha detto Pezzani.

Ultima ora

20:06Calcio: Chiellini, impensabile 3 reti sotto in gara così

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Credo che questa sia stata una gara diversa rispetto alle ultime. Spesso ci serviva il primo schiaffo per svegliarci, mentre oggi siamo stati in controllo per 60 minuti. Ci siamo ritrovati sotto di tre gol quando avremmo dovuto essere noi in vantaggio di due o tre reti". Giorgio Chiellini, a "Serie A Live" su Premium Sport, ha analizzato il 3-2 incassato dalla Juventus in casa della Samp. "Questo ci deve far riflettere, se vogliamo vincere non bastano le qualità tecniche, serve qualcosa in più che dobbiamo mettere tutti quanti - ha aggiunto il difensore - In questo inizio stagione qualcosa ci è mancato, ma al risultato finale devi arrivarci lo stesso. La Samp ha fatto una buona partita, ma una squadra come la Juve deve fare due gol e andare a casa. Per quello che si è visto era impensabile essere sotto di tre gol. Con tutto il rispetto per le altre squadre è difficile perdere punti in questo campionato e noi li stiamo perdendo ogni volta che il livello si alza".

19:51Roma: Monchi archivia derby, “essenziale guardare avanti”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Bella esperienza ieri all'Olimpico. Grande atmosfera e grande vittoria, ma ora il derby è storia: dobbiamo pensare a Madrid". Poche righe su Instragram da parte del ds Monchi fanno capire come a Trigoria si sia già proiettati al'impegno di Champions League in casa dell'Ateltico. "Un'altra opportunità per continuare a migliorare come squadra - scrive il dirigente spagnolo via social -. Crescere è fondamentale, andare avanti è essenziale: guardare indietro è uno spreco di tempo!". Insomma in completa rottura col passato, dove i derby vinti si festeggiavano a lungo, la Roma ha intrapreso un nuovo Corso targato Di Francesco e già archiviato il 2-1 rifilato alla Lazio.

19:42Zimbabwe: media, Mugabe accetta di dimettersi

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Robert Mugabe ha accettato di lasciare la presidenza dello Zimbabwe. Lo riferiscono i media internazionali, citando una fonte vicina al leader. Mugabe - si spiega - sta preparando l'annuncio delle sue dimissioni, che verrà diffuso in un discorso tv in tarda serata.

19:40Calcio: Giampaolo “Mai battuto Juve, grazie ragazzi”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Abbiamo vinto una gara pesante, io non ero mai riuscito a battere la Juventus, sono contento e ringrazio i ragazzi per avermi dato questa gioia immensa". Esprime così la sua felicità il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, dopo la vittoria sui bianconeri a Marassi: "E' successo dopo 10 anni di battere la Juve, speriamo che non ne passino altri dieci per batterla ancora - sorride il tecnico - I miei hanno fatto un grandissima partita, soprattutto a livello mentale. Io spingo sempre i ragazzi a giocare la partita e non a subirla, l'idea è sempre quella di stare nelle metà campo avversaria e devo dire che fino ad oggi questo gruppo mi sta dando soddisfazione. Speriamo di poter dare continuità a quello che stiamo facendo".

19:23Ema: Tajani, spero non ci siano baratti sotto banco

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Mi auguro che gli stati europei facciamo una scelta di qualità, che non ci si alcun baratto sotto banco e la città che offre le migliori condizioni nell'interesse dell'agenzia venga prescelta. E certamente Milano è una delle città che ha le caratteristiche per essere prescelta": è l'auspicio espresso dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, a margine di un incontro alla scuola politica della Lega Nord a Milano, in vista della scelta per la sede dell'Ema. "Se sarà fatta una scelta tecnica, Milano ha delle buone possibilità", ha aggiunto Tajani.

19:18Zimbabwe: Grace Mugabe espulsa da Women’s League Zanu-Pf

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il comitato centrale dello Zanu-Pf ha espulso la moglie del presidente Robert Mugabe - Grace - dalla Women's League del partito di governo: lo riporta il New York Times. Il Comitato centrale del partito al potere nello Zimbabwe, lo Zanu-Pf, ha espulso numerosi politici di alto livello vicini alla ormai ex first lady. Tra gli espulsi vi sono anche alcuni ministri. Tra gli altri i titolari dei dicasteri dell'Educazione, Jonathan Moyo, delle Finanze, Ignatious Chombo e degli Esteri, Walter Mzembi, il nipote di Mugabe Patrick Zhuwao, il ministro del governo locale Saviour Kasukuwere, e numerosi altri importanti sostenitori di Grace.

19:14La metro di New York dice addio a ‘ladies&gentlemen’

(ANSA) - NEW YORK, 19 NOV - Niente più "ladies and gentlemen", "signore e signori", ma "passeggeri" e "voi tutti", "passengers" e "everyone". La metro di New York diventa neutrale dal punto del genere: la Mta, la società che gestisce i trasporti pubblici della Grande Mela, ha chiesto ai conducenti dei treni di fare gli annunci evitando di precisare il sesso di chi li ascolta. Viste le condizioni della metro newyorchese, sempre più vetusta e con crescenti problemi di manutenzione, è stato chiesto ai conducenti di aumentare il numero dei messaggi al pubblico, per comunicare eventuali ritardi e disguidi in tempo reale, quando possibile. Una iniziativa simile era stata presa dalla metro di Londra la scorsa estate.

Archivio Ultima ora