La F1 sogna: “Questo può essere l’anno della Ferrari”

Pubblicato il 09 giugno 2017 da redazione

CARACAS – Tre vittorie, cinque secondi posti, otto podi conquistati, due pole position e un totale di 196 punti conquistati (129 da Sebastian Vettel e 67 da Kimi Raikkonen) sono questi i numeri della Ferrari in quest’inizio stagione. Cifre da capogiro che stanno facendo sognare la Casa di Maranello, ma la strada è ancora lunga: i tifosi della Rossa si augurano che sia l’anno buono per tornare al vertice dopo un lungo digiuno. Sono dieci anni che un pilota della Rossa non vince la classifica costruttori del mondiale: era il lontano 2007 e l’ultimo a riuscirci era stato Kimi Raikkonen.

Per analizzare il balzo di qualitá del cavallino rampante abbiamo interpellato esperti in materia: piloti, giornalisti e tifosi in Venezuela.

Uno dei primi a darci il suo parere sull’evoluzione della Ferrari è stato Octavio Estrada, noto giornalista nel mondo dei motori.

“Non ci sono dubbi, la Ferrari ha svolto un lavoro stupendo con la nuova macchina. La nuova gestione che ha scommesso sul ‘Made in Italy’ nella struttura di sviluppo a Maranello sta raccogliendo i suoi frutti. Dal canto suo Sebastián Vettel potrà finalmente contare su una monoposto all’altezza della sua condizione di tetracampione del mondo. Ricordiamoci che nel 2010 e 2012 la Ferrari ha sfiorato il titolo con Fernando Alonso, però nel primo caso un’errata gestione nell’ultima gara gli è costato il campionato, mentre nel 2012 una serie di incidenti dei piloti della Lotus (nel GP di Belgio una collisione nella partenza per colpa di Grosjean e poi in Giappone con Raikkonen) hanno coinvolto lo spagnolo e gli hanno impedito di coronarsi campione. Questa volta possiamo vedere che il gap con Mercedes è quasi sparito e durante la stagione ad avere la meglio sarà la scuderia che riuscirá ad apportare le modifiche necessarie per mantenersi al comando. In tutti i modi sarà un duello appassionante”.

Abbiamo chiesto il suo punto di vista al pilota italo-venezuelano Enzo Potolicchio, vincitore in due occasioni (2010 e 2011) del Ferrari Challenge North America.

“Vedo dei progressi abastanza positivi della Ferrari sull’aspetto aerodinamico e nel telaio. Deve ancora lavorare sulla potenza, ha ancora un leggero svantaggio rispetto alla Mercedes. Ma il buon rendimento con tutte le mescole dei pneumatici hanno fatto che la Rossa sia competitiva. La stagione è lunga e la Ferrari dovrà mantenere un buon ritmo di sviluppo della macchina e del motore. Si vedono già i frutti del grosso investimento che ha fatto la scuderia nella sua struttura di Formula Uno che includono un nuovo tunnel del vento”.

Dopo sei gare e il GP di Montecarlo è delirio tra i fans della Ferrari. Basti pensare che sedici anni dopo, la Rossa torna a trionfare nel Gp Monaco con un perfetto Sebastian Vettel e completa anche una splendida doppietta (mancava dal 2010), con il secondo posto di un più che positivo Kimi Raikkonen. Un dominio rosso sulle strade del Principato, confermando quanto già visto nelle libere e nelle qualifiche, con il double mai messo in discussione nel corso dell’intera gara, nonostante una Safety Car e le vie sempre strette e pericolose.

Dal canto suo, il giornalista Carlos Suchanek ci dice:

“Più lunga che di consueto è stata la transizione in casa Ferrari. Dal suo ultimo titolo di piloti, nel 2007 con Kimi Raikkonen ed il suo ultimo campionato di costruttori nel 2008. Per essere l’unica scuderia che ha partecipato a tutti i Grandi Premi della storia della Formula Uno ci hanno messo un po’ troppo tempo. Questo fatto è stato recriminato da tutti i tifosi della Rossa sparsi per il mondo. C’erano tante ragioni, si stava perdendo quello spettacolo maraviglioso della competizione sportiva”.

Il giornalista che in carriera ha presenziato dal vivo tanti GP e Rally Dakar aggiunge:

“Fortunatamente le decisioni che hanno preso nella scuderia Ferrari ci stanno facendo presenziare un inizio di stagione con molte buone speranze. Assolutamente guidato per i cambi di regolamento imposti dalla FIA, ci sono stati dei cambi aerodinamici che permettono di approfittare al meglio la forza motoristica ed un miglior equilibrio in pista. C’è una miglior ventilazione e correnti d’aria interne cosí come la ridistribuzione di componenti che contengono un maggior numero di combustibile. Tutto questo fa sì che la macchina abbia una migliore performance in pista; ci sono stati dei miglioramenti importanti anche nel sistema dei freni e nei componenti per il cambio di pneumatici che hanno permesso di migliorare i pit stop. Quanto appena menzionato, sommato a decine di miglioramenti hanno permesso di pensare ad una stagione 2017 con la speranza di una vittoria finale”.

Infine Suchanek, ci dice:

“Io direi che più che speranza una quasi certezza, viste le prove disputate fino ad adesso con un Vettel, leader della classifica ed un Raikkonen, quarto nel campionato costruttori parlano da soli. Da un po’ di tempo non avevamo un inizio di stagione come questo, cosí competitivo”.

Dopo 6 appuntamenti Vettel mantiene 25 punti di vantaggio su Hamilton, un andamento che nemmeno il più ottimista dei tifosi della “Rossa” poteva sognare ad inizio anno. Se il tedesco confermerà questo gap, o sarà in grado di ampliarlo nei prossimi due GP, il Mondiale potrebbe davvero prendere la via di Maranello. Incominciamo, un passo alla volta, con Montreal e tutti i suoi tranelli nascosti.

Francesco Lungarella, tifoso della scuderia di Maranello ci dice:

“Era ora che la Ferrari riprendesse a vincere, l’anno scorso è stato terribile: nessuna vittoria ed appena alcuni podi conquistati non è una performance da Ferrari. Quest’anno c’è stata una svolta a 180º. Se parliamo solo dei fatti, in questa stagione quando non vince arriva seconda, quindi io mi auguro davvero un gran finale. Poi, se nel Gran Premio di Barcellona, Bottas non mandava KO Kimi la Rossa avrebbe potuto dire di aver portato a casa sempre punti. La scuderia italiana dimostrerà la sua evoluzione già questo weekend durante il GP del Canada. Qui andrà molto bene, i cambi di direzione e le frenate ad alta velocità sono i punti di forza di questa macchina. Poi ci sarà il caso Raikkonen? Reagirà nel migliore dei modi dalla delusione di Montecarlo spingendo di più e magari anche vincendo Fino al termine della stagione sarà una bella battaglia tra la Ferrari e la Mercedes: spero che in questa occasione favorisca la Rossa”.

Il Gran Premio di questo weekend avrà una grossa novità: non ci sarà più il muro dei campioni. Quell’ultima, maledetta, curva del circuito di Montreal. Quella prima del rettilineo principale, quella dove negli anni hanno lasciato la loro impronta tutti i grandi della Formula 1: Senna, Prost, Hill, Schumacher, Coulthard, Irvine, Villeneuve. Era il terrore dei piloti a Montreal. Non ha risparmiato nessuno tanto da essere soprannominato appunto il muro dei campioni. Oggi quel muro non c’è più. Auto più larghe e più veloci hanno convinto gli organizzatori a cambiare (per quanto possibile) il disegno dell’ultima cura e soprattutto a coprire il muro con una fila di gomme. Non è detto che nessuno ci finirà più addosso, ma certo l’effetto muro (con le due ruote stampate dopo i crash) è finito.

Filippo Cantelmo, appassionato di macchine e tifossisimo della Ferrari:

“Finalmente! Questa Ferrari è stata progettata per far sognare i tifosi, erano anni che non si vedeva una monoposto così competitiva. Spero Vettel e Raikkonen riescano a disputare una stagione come quelle che ci regalavano Schumacher e Barrichello. Ma queste vittorie della squadra di Maranello sono frutto di anni di lavoro, la squadra ha sacrificato la passata stagione per puntare alla grande in questa. Spero che tutti questi sacrifici diano i suoi frutti al termine della stagione”.

Il pilota Franco De Leonardis ci dice:

“Penso che se manterranno questo ritmo riusciranno a vincere il campionato piloti e costruttori. Nell’ultimo GP hanno fatto l’uno-due”.

Questo fine settimana ci sarà il Gp del Canada, settima prova del campionato, si annuncia come svolta che già potrebbe essere decisiva. Una nuova vittoria Ferrari su una pista dove Hamilton ha vinto 5 volte negli ultimi 9 anni, potrebbe essere molto, ma molto importante dal punto di vista morale ancor più che aritmetico. Vettel vi ha vinto nel 2013, la Ferrari non ci vince dai tempi di Schumacher (2004), un digiuno decisamente ridotto rispetto a quello appena interrotto a Montecarlo.

Nelle ultime 20 edizioni, 9 volte ha vinto chi partiva in pole (Hamilton in 4 delle sue 5 vittorie; Schumacher in 3 delle due 7). Non è insomma fondamentale scattare davanti a tutti. Ma già dalle qualifiche capiremo che Ferrari vedremo in Canada dove a disposizione ci saranno le stesse mescole Pirelli di Monaco…

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

21:15Ragazzo italiano accoltellato a morte a Londra

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Un ragazzo italiano, Pietro Sanna, di origini sarde, é stato accoltellato a morte nelle ultime ore a Londra. Lo riferiscono fonti investigative in Gran Bretagna. Il consolato generale italiano, come é stato riferito all'ANSA, é in contatto sia con la famiglia della vittima, sia con la polizia, che sta indagando per fare luce sull'episodio. Non ancora chiare, secondo Scotland Yard, le cause e le circostanze esatte dell'accaduto.

21:00Germania: coalizione Cdu-Fdp in Westfalia, apripista Berlino

(ANSA) - BERLINO, 26 GIU - In Germania torna di moda il nero-giallo. La Cdu di Angela Merkel e i liberali hanno firmato un patto di coalizione per il governo del Land Nordreno- Westfalia, governato precedentemente da socialdemocratici e verdi, clamorosamente sconfitti alle ultime amministrative. Armin Laschet (Cdu) e Christian Lindner (Fdp) hanno sottoscritto il programma a Duesseldorf e Laschet sarà eletto come leader del governo locale dal Landtag (il parlamento della regione). Il Land di Duesseldorf viene ritenuto un apripista, in genere, per le sorti del governo federale di Berlino. E oggi l'autorevole ministro delle finanze, Wolfgang Schaeuble, si è pronunciato chiaramente a favore di una coalizione coi liberali: "Ho sempre ritenuto l'Fdp un partner privilegiato per una coalizione con l'Unione", ha detto all'Handelsblatt. "Non avremmo esitato un secondo nel 2013 ad andare avanti nella coalizione coi liberali. Purtroppo non riuscirono in quel caso a entrare in Parlamento".

20:50Trump, è ‘chiara vittoria’ decisione Corte Suprema su bando

(ANSA) - WASHINGTON, 26 GIU - La decisione della Corte Suprema sul bando "è una chiara vittoria per la nostra sicurezza nazionale": lo afferma il presidente americano, Donald Trump, in una dichiarazione diffusa alla stampa. "La mia prima responsabilità come Commander in Chief è quella di garantire la sicurezza degli americani e la decisione di oggi mi dà uno strumento importante per farlo", aggiunge il tycoon. "La decisione all'unanimità della Corte Suprema è una chiara vittoria per la nostra sicurezza nazionale. Consente la parziale entrata in vigore della sospensione dei viaggi da sei Paesi" a maggioranza musulmana, afferma Trump. "Come presidente non posso consentire a persone che vogliono farci del male di entrare nel Paese". "Sono inoltre gratificato dal fatto che la decisione sia stata assunta 9 a 0", ha concluso, riferendosi all'unanimità dei 'saggi' nel valutare il caso e ascoltare le sue argomentazioni.

20:46Palio Siena:’cencio’ Brocchi per i 200 anni Teatro dei Rozzi

(ANSA) - SIENA, 26 GIU - Un lungo applauso ha accolto nell'Entrone di Palazzo Pubblico a Siena il 'Drappellone' disegnato dall'artista senese Laura Brocchi per il Palio di Provenzano del 2 luglio, dedicato quest'anno ai 200 anni del Teatro dei Rozzi. Sulla sinistra del 'cencio' che viene assegnato alla contrada vittoriosa sul tufo della piazza nella carriera del 2 luglio, le contrade sono rappresentate a sbalzo su mattonelline di rame ricoperto di argento mentre sul lato destro è raffigurata la Madonna che ha il volto della mamma dell'artista. Il velo azzurro ha la forma di un drappeggio che come un sipario si apre sul primo attore della Carriera: il cavallo. Nella pupilla dell'animale il riflesso del giubilo. Le maschere, che richiamano l'attività teatrale, sono inserti di stoffa cuciti dalle amiche di Brocchi, gli stemmi, quelli del Comune e del Popolo sono stati realizzati con lo stile utilizzato da Cesare Olmastroni, una scelta dettata sempre dal cuore nei confronti del pittore recentemente scomparso. E proprio all'artista senese ha rivolto il suo omaggio il sindaco di Siena Bruno Valentini nel suo discorso: "In questo giorno di festa, un pensiero speciale va ad una persona che ha dato tanto e fatto tanto per il Palio, e che se potesse sarebbe senz'altro qui con noi oggi", ha detto il primo cittadino. "Il Palio è la nostra festa, la più bella di tutte, e nessuno potrà mai cancellarla, snaturarla o denigrarla, noi non lo permetteremo", ha concluso Valentini. Presentato anche il Masgalano, il premio che viene assegnato alla Contrada le cui comparse si distinguono nei cortei storici che precedono i Palii di luglio e agosto, realizzato quest'anno dal maestro di arte orafa Paolo Penko, offerto da Lions Club Siena, in occasione del 60esimo anniversario del club senese e dei 100 anni del Lions International. (ANSA).

20:39Coppa America: Luna Rossa sarà sfidante ufficiale

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Luna Rossa è lo sfidante ufficiale della 36/a America's Cup di vela. L'annuncio è stato anticipato all'Ansa direttamente da Bermuda, dove il patron del team Patrizio Bertelli, in compagnia del presidente del Circolo della vela Sicilia di Palermo, Agostino Randazzo, ha assistito al trionfo del team neozelandese. La nuova edizione della Coppa si terrà fra 3 o 4 anni, a seconda della scelta dei 'kiwi'. Luna Rossa ha già beneficiato del titolo sportivo e del guidone del sodalizio siciliano nella sfida del 2013, a S.Francisco.

20:36Europeo U.21: Di Biagio a ct slovacco, ridicolo

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - ''Il ct della Slovacchia? Ridicolo'': così il tecnico dell'Under 21 Luigi Di Biagio risponde alle accuse del ct Della Slovacchia e del premier slovacco su Italia-Germania. ''Noi due anni fa potevamo lamentarci di una partita un po' particolare - le parole di Di Biagio durante la conferenza stampa della vigilia di Italia-Spagna - è stato giusto non farlo. La partita non l'ha vista ed ha parlato con rabbia. L'Uefa dovrebbe squalificarlo, non si deve permettere di fare certe affermazioni''.

20:33Coppa America: New Zealand trionfa 7-1

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Emirates Team New Zealand ha vinto la 35/a America's cup di vela, disputatasi alle Isole Bermuda. La barca degli 'All Blacks del mare' ha vinto la prima delle due regate odierne contro il defender Oracle Team Usa, conquistando il trofeo con un trionfale punteggio totale di 7-1. Schiacciante anche in questa occasione la vittoria dei 'kiwi', guidati dal ventenne Peter Burling, esordiente nella Coppa America, che ha avuto la meglio sul 37enne australiano James Spithill. I nezelandesi avevano vinto l'ultimo trofeo nel 2000.

Archivio Ultima ora