Papa e Mattarella: sintonia totale, allarme lavoro e migranti

Pubblicato il 10 giugno 2017 da ansa

Il Presidente Sergio Mattarella con Sua Santità Francesco nella Sala della Musica (Foto Ufficio Stampa Quirinale)

ROMA. – Un richiamo alla politica affinché ritrovi l’etica del bene pubblico per frenare il distacco tra cittadini e istituzioni. Un drammatico allarme sulla mancanza di lavoro, piaga che mina la società nelle sue fondamenta. Un appello ad affrontare con razionalità e umanità il fenomeno dei flussi stigmatizzando la colpevole assenza dell’Europa. E infine la richiesta di fare “fronte comune” per affrontare la sfida dell’estremismo religioso, della “barbarie” del terrorismo.

Straordinaria sintonia al Quirinale tra Sergio Mattarella e papa Francesco che con due discorsi speculari hanno efficacemente mostrato quanto forte possa essere il legame personale costruito tra il presidente della Repubblica e il capo della Chiesa cattolica. Passando da un tema all’altro dei due interventi, che hanno chiuso la visita di restituzione del papa al Quirinale, si fatica a distinguerli.

Il primo, quello del presidente, viene completato dal secondo in un intreccio studiato che fa ben comprendere perché solo qualche settimana fa dall’Argentina, patria di Bergoglio, il capo dello Stato disse con naturalezza di essere “assolutamente entusiasta” di questo Papa. Lavoro, migranti, responsabilità nella politica e nelle istituzioni, solidarietà e apertura, lotta ai cambiamenti climatici: difficile separare le visioni, trovare sfumature o perplessità di intenti tra le due figure.

E non è un caso che Bergoglio ha scelto di chiudere il suo discorso dal salone dei Corazzieri con una sottolineatura che vale per la Repubblica e disegna lo stile dell’attuale inquilino del Colle: “In Italia c’è una peculiare forma di laicità, non ostile e conflittuale, ma amichevole e collaborativa, seppure nella rigorosa distinzione delle competenze proprie delle istituzioni politiche da un lato e di quelle religiose dall’altro”.

Musica per le orecchie di Mattarella che ha fondato la propria guida del Quirinale su questo concetto. “La sua visita – aveva detto solo un minuto prima Mattarella – costituisce un’occasione per ringraziare la Chiesa cattolica per la sua instancabile azione, al fianco delle istituzioni nazionali, nella più ampia riaffermazione dei valori di giustizia, equità, apertura e tolleranza sui quali si fonda la Repubblica”. Rapporto sui quali, ha sottolineato il presidente, vigila il Concordato “con il suo prezioso quadro di collaborazione”.

La sala degli Arazzi del Quirinale è stato il luogo che ha permesso una lunga e affettuosa conversazione a quattr’occhi tra il papa e il presidente, dipanatasi poi tra le tante sale del palazzo che fu per secoli dei papi. Dal cortile d’onore dominato dai corazzieri (notato il primo corazziere di colore in alta uniforme) e animato da tanti ragazzi provenienti dalle scuole delle zone del terremoto, il cerimoniale ha guidato la visita senza strappi, con il tradizionale scambio di doni. E Bergoglio ha offerto anche un rosario a figlie e nipoti del presidente nelle pieghe dell’ufficialità.

Presenti e silenziosi il premier Gentiloni, i presidenti di Camera e Senato, Boldrini e Grasso, i ministri Padoan, Alfano, Madia e Pinotti, il sottosegretario Boschi, il vicepresidente della Camera Di Maio e la sindaca Virginia Raggi. Un protocollo che non ha mai oscurato i contenuti, forti e diretti nel linguaggio.

“Chi è chiamato a pubblici impegni deve agire con elevata responsabilità e con sempre crescente impegno”, ha esordito il presidente. “Da tutti coloro che hanno responsabilità in campo politico e amministrativo – gli ha fatto eco il papa – ci si attende un paziente e umile lavoro per il bene comune, che cerchi di rafforzare i legami tra la gente e le istituzioni”.

E poi stessi toni e stesso ritmo sull’emergenza lavoro: “la politica deve impegnarsi soprattutto per l’emergenza lavoro, deve “agire con crescente impegno affinché prevalgano condizioni di equità, e quindi di stabilità sociale” perché, ha detto Mattarella, “questa stagione ne sta mettendo a dura prova le prospettive di vita personale mettendo a rischio il buon futuro dell’intera società”.

Altrettanto duro Bergoglio che punta il dito contro le speculazioni: serve “un’alleanza di iniziative perché le risorse finanziarie siano poste al servizio della gente e non siano invece distolte e disperse in investimenti prevalentemente speculativi”.

Quindi il tema dolente dei migranti dove, inutile dirlo, i due protagonisti parlano a una sola voce: umanità, ordinata apertura e, soprattutto, una maggiore collaborazione della Comunità internazionale a partire dai Paesi europei. Infine dialogo e dialogo con le altre confessioni religiose per un “fronte comune” contro la barbarie del terrorismo e la piaga del fondamentalismo religioso.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

21:00Quindicenne con ascia aggredisce genitori nel letto

(ANSA) - LUCCA, 24 NOV - Ha aggredito padre e madre con un accetta mentre i genitori erano a letto e solo l'intervento del genitore ha evitato il peggio: protagonista del gesto, stamani a Lucca, un quindicenne che è stato portato dalla polizia all'istituto penale per minori a Firenze. Sarebbe stato un vero e proprio raptus quello che ha portato il ragazzo a impugnare l'ascia, nelle prime ore di oggi, nella abitazione in cui vive con i genitori a San Macario (Lucca): così armato sarebbe entrato nella stanza da letto dei due ed aggredito padre e madre, apparentemente senza uno spiegabile motivo. A farne le spese è stata la madre, ferita alla testa: il padre è riuscito a disarmare e bloccare l'adolescente ed ha evitato che il dramma si trasformasse in tragedia. La donna è stata trasportata in codice giallo all'ospedale San Luca di Lucca, sotto shock e ferita alla testa: le sue condizioni non sono gravi e i medici l'hanno giudicata guaribile in 40 giorni.(ANSA).

20:500Finanziere ferito da colpo partito da pistola collega

(ANSA) - ORVIETO (TERNI), 24 NOV - Un militare della guardia di finanza, di 27 anni, è rimasto gravemente ferito dopo essere stato raggiunto alla testa da un colpo di pistola partito accidentalmente dall'arma di un collega mentre si trovavano nella caserma che a Orvieto ospita la Scuola addestramento di specializzazione del corpo. E' ora ricoverato all'ospedale di Perugia dove è stato trasportato in elicottero. L'incidente è avvenuto dopo che nella caserma Monte Grappa si era svolta la cerimonia conclusiva del quinto corso di specializzazione "antiterrorismo e pronto impiego" delle fiamme gialle che forma i cosiddetti baschi verdi. Secondo quanto accertato finora dai carabinieri il colpo è partito dalla pistola del finanziere mentre questi la stava maneggiando per compiere un'operazione tecnica. Il giovane colpito, originario del sud Italia, è stato subito soccorso dal collega (ora in stato di choc). Con l'elisoccorso è stato trasportato all'ospedale di Perugia dove è ricoverato nel reparto di rianimazione. (ANSA).

20:47Vela: monoscafo Team New Zealand apre ‘L’Uomo e il mare’

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - La quarta puntata della Rubrica di RaiSsport "L'Uomo e il mare ", curata e condotta come di consueto da Giulio Guazzini con l'edizione di Roberto Toti, ha dedicato l'apertura alla nuova barca scelta dai Kiwi di Emirates Team New Zealand per la prossima edizione della Coppa America. Le immagini e lo sviluppo virtuale di un monoscafo avveniristico dotato di foil ma partendo anche dalla storia del trofeo sportivo più famoso del mondo. Poi uno spazio speciale riservato alla regata Minitransat, appena conclusa in Martinica. Le interviste esclusive con Andrea Fornaro e Andrea Pendibene infine le imbarcazioni d'epoca del Trofeo Panerai protagoniste all'Argentario e il campionato Italiano di Surf disputato nelle acque della Sardegna. Il programma in onda ogni giovedì su Raisport +HD ore 19.45.

20:38Calcio: Iago Falque, è buon momento per me e per il Toro

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - "Sono contento per il mio momento personale: la squadra sta crescendo, siamo in un buon momento che credo migliorerà ancora". Così l'attaccante spagnolo del Torino, Iago Falque, intervistato da Torino Channel a due giorni dalla trasferta di San Siro con il Milan. "Ho la fiducia del nostro tecnico, confermata anche con il cambio di modulo - ha spiegato l'attaccante esterno, capocannoniere granata con 5 gol -. Sono contento, sono numeri buoni per un esterno, ma credo che durerà poco e che Belotti mi supererà presto".

20:33Pittrice scomparsa: Ris cerca tracce terra in auto marito

(ANSA) - ANCONA, 25 NOV - Nuovi controlli del Ris dei carabinieri oggi sull'auto di Giuseppe Santoleri, indagato insieme al figlio Simone per concorso nell'omicidio della moglie Renata Rapposelli, 64 anni, il cui cadavere è stato rinvenuto il 10 novembre in una zona di campagna vicino al fiume Chienti a Tolentino. I rilievi sono stati eseguiti da una biologa, che comparerà eventuali tracce di terriccio con quelle che verranno prelevate nell'area in cui il corpo della pittrice è stato ritrovato. Oggi i carabinieri sarebbero dovuti tornare a Tolentino per prelevare i campioni da comparare, ma l'operazione è slittata a domani. La difesa dei Santoleri si è affidata a un consulente, l'investigatore Ezio Denti, che ha collaborato in alcuni dei casi più noti e complessi, tra cui quello dell'omicidio di Yara Gambirasio. Renata Rapposelli, che viveva ad Ancona, era scomparsa il 9 ottobre scorso proprio dopo aver fatto visita al marito e al figlio a Giulianova. I due avevano riferito di una presunta lite tra la donna e Giuseppe e anche che il marito l'avrebbe poi accompagnata a Loreto in auto perché lei voleva pregare al Santuario della Santa Casa.

20:27Arrestato peruviano accusato di crimini contro umanità

(ANSA)- BUSTO ARSIZIO (VARESE), 24 NOV - I carabinieri hanno arrestato un cittadino peruviano di 61 anni, che viveva a Busto Arsizio (Varese), ex ufficiale della Marina Militare del Perù, colpito da provvedimento di cattura internazionale emesso dal Tribunale Penale Nazionale di Lima, per crimini contro l'umanità, emesso il 25 ottobre 2017. L'uomo è accusato, in qualità di ufficiale della Marina peruviana, di essersi reso responsabile di numerosi omicidi, commessi con l'aggravante della crudeltà, all'interno del centro di reclusione "El Frontòn", nel giugno del 1986.

20:24Rugby: domani Italia-Sudafrica, Springboks per la rivincita

(ANSA) - PADOVA, 24 NOV - Un anno fa ci fu l'impresa storica degli azzurri, e da quel giorno il Sudafrica attende l'occasione giusta per prendersi la rivincita. Quello di domani a Padova non sarà certo un test facile per l'Italia del rugby, reduce dal tonfo con l'Argentina. Gli Springboks 2 volte campioni del mondo non sono più quelli di una volta, al punto da essere scesi al 5/o posto nel ranking mondiale, ma fanno paura. Oltretutto saranno sostenuti da un nutrito gruppo di connazionali residenti in Italia, che da mesi si sono dati appuntamento a Padova. Quella di domani sarà la più dura delle sfide novembrine degli azzurri, e anche la presenza n.103 di Sergio Parisse in azzurro. "Non pensiamo al Sudafrica, siamo concentrati su noi stessi - dice -.Veniamo da una sconfitta con l'Argentina difficile da accettare, con un risultato che non rispecchia i valori del campo. In noi c'è tanta voglia di rifarci. Gli Springboks sono una squadra diversa da un anno fa, ma lo siamo anche noi,e vogliamo finire al meglio questo trio di test match".

Archivio Ultima ora