Hacker d’Israele svelarono il piano Isis sui laptop in aereo

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa

WASHINGTON. – Arrivava dagli 007 israeliani, in particolare dai loro hacker, l’informazione di intelligence che lo scorso marzo ha indotto gli Usa a vietare sugli aerei il trasporto in cabina di pc, tablet e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica più grande di un cellulare. Lo scrive il Nyt, confermando la “pista” israeliana che aveva già svelato ma aggiungendo altri particolari che potrebbero mettere in difficoltà Donald Trump e i rapporti degli Usa con l’alleato in Medio Oriente.

Secondo il giornale, “cyber operatori israeliani di alto livello sono penetrati in una piccola cellula” di artificieri dell’Isis in Siria, una ‘bomb cell’ impegnata a preparare ordigni da usare anche in attentati in Occidente. Ed è grazie a loro che gli Usa hanno saputo che il Califfato stava lavorando su esplosivi “che assomigliavano esattamente a delle batterie” di laptop, in grado di oltrepassare i controlli negli aeroporti in Medio Oriente.

“L’informazione era così precisa che gli Usa hanno potuto comprendere come funzionava l’innesco”, scrive il giornale, citando due alti dirigenti dell’amministrazione americana. Questa circostanza, sostiene il Nyt, “faceva parte dell’ informazione classificata che il presidente Donald Trump è accusato di aver rivelato” al ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov e all’ambasciatore di Mosca Serghiei Kisliav durante un incontro nello studio Ovale.

Dopo essere stato criticato dai media americani per aver parlato troppo con i russi, Trump aveva assicurato di non aver mai menzionato la fonte dell’informazione ma aveva rivendicato il suo “diritto assoluto” di dare a Mosca informazioni utili a combattere il terrorismo.

“Come presidente – aveva twittato – volevo condividere con la Russia (in un incontro alla Casa Bianca programmato pubblicamente), cosa che ho il diritto assoluto di fare, fatti relativi al terrorismo e alla sicurezza del volo aereo. Ragioni umanitarie, inoltre voglio che la Russia rafforzi notevolmente la sua lotta contro l’Isis e il terrorismo”. “Fatti”, aveva scritto, senza mai confermare che si trattava di una notizia classificata fornita da un governo alleato.

Ma Israele si sarebbe irritata, anche per il timore di compromettere i propri agenti e le loro eventuali talpe nel Califfato. Con la paura inoltre che i segreti della propria intelligence siano passati a quella iraniana, aprendo una breccia nei sistemi di difesa dello stato ebraico. Israele ha già utilizzato i propri hacker per penetrare nei computer che controllavano il programma nucleare di Teheran, danneggiando numerose centrifughe per l’arricchimento dell’uranio.

Per ora gli Usa hanno imposto il divieto dei laptop sui voli da otto Paesi islamici dell’Africa settentrionale e del Medio Oriente ma l’amministrazione Trump sta valutando di estenderlo a 71 scali, compresi quelli europei. Anche Gran Bretagna e Canada hanno adottato le stesse misure di Washington.

Ultima ora

09:02Caduta da finestra, convivente fermato per tentato omicidio

(ANSA) - COMO, 17 AGO - E' stato posto in stato di fermo nella tarda serata di ieri con l'accusa di tentato omicidio l'egiziano di 42 anni residente a Cantu' bloccato ieri sera all'aeroporto di Malpensa mentre tentava di imbarcarsi su un volo per l'Egitto. L'uomo è formalmente accusato di avere tentato di uccidere la compagna, una marocchina di 37 anni, spingendola dalla finestra al secondo piano della casa della coppia, a Cantù. E' stata la stessa donna, rimasta ferita gravemente, a dire ai soccorritori di essere stata spinta dal convivente dopo una violenta lite scoppiata per motivi passionali. Oltre alle parole della donna, i carabinieri hanno raccolto altre testimonianze a prova della sua versione. L'egiziano e' stato trasferito nel carcere di Busto Arsizio a disposizione della locale procura della repubblica. Al momento del fermo l'uomo era assieme ai due figli minorenni avuti da una precedente relazione. I ragazzini sono stati affidati momentaneamente a una comunita'.

08:51Giovane pestato in discoteca a Jesolo, è in coma

(ANSA) - VENEZIA, 17 AGO - Un giovane veneziano di 24 anni è ricoverato in coma farmacologico all'ospedale di Mestre in seguito ad un pestaggio subito la notte di Ferragosto in una discoteca di Jesolo (Venezia). Lo riferisce il 'Corriere del Veneto', spiegando che la vicenda è stata resa nota dai genitori del ragazzo, in una lettera denuncia. La vittima dell'aggressione si trovava all'interno di un privé del locale, quando sarebbe stato avvicinato da uno sconosciuto, un giovane corpulento, che, probabilmente in stato di alterazione, gli avrebbe gettato addosso una bevanda. Quando il 24enne ha reagito, secondo la ricostruzione della testata, l'altro gli si sarebbe lanciato contro, colpendolo con due pugni al volto.

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

Archivio Ultima ora