Hacker d’Israele svelarono il piano Isis sui laptop in aereo

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa

WASHINGTON. – Arrivava dagli 007 israeliani, in particolare dai loro hacker, l’informazione di intelligence che lo scorso marzo ha indotto gli Usa a vietare sugli aerei il trasporto in cabina di pc, tablet e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica più grande di un cellulare. Lo scrive il Nyt, confermando la “pista” israeliana che aveva già svelato ma aggiungendo altri particolari che potrebbero mettere in difficoltà Donald Trump e i rapporti degli Usa con l’alleato in Medio Oriente.

Secondo il giornale, “cyber operatori israeliani di alto livello sono penetrati in una piccola cellula” di artificieri dell’Isis in Siria, una ‘bomb cell’ impegnata a preparare ordigni da usare anche in attentati in Occidente. Ed è grazie a loro che gli Usa hanno saputo che il Califfato stava lavorando su esplosivi “che assomigliavano esattamente a delle batterie” di laptop, in grado di oltrepassare i controlli negli aeroporti in Medio Oriente.

“L’informazione era così precisa che gli Usa hanno potuto comprendere come funzionava l’innesco”, scrive il giornale, citando due alti dirigenti dell’amministrazione americana. Questa circostanza, sostiene il Nyt, “faceva parte dell’ informazione classificata che il presidente Donald Trump è accusato di aver rivelato” al ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov e all’ambasciatore di Mosca Serghiei Kisliav durante un incontro nello studio Ovale.

Dopo essere stato criticato dai media americani per aver parlato troppo con i russi, Trump aveva assicurato di non aver mai menzionato la fonte dell’informazione ma aveva rivendicato il suo “diritto assoluto” di dare a Mosca informazioni utili a combattere il terrorismo.

“Come presidente – aveva twittato – volevo condividere con la Russia (in un incontro alla Casa Bianca programmato pubblicamente), cosa che ho il diritto assoluto di fare, fatti relativi al terrorismo e alla sicurezza del volo aereo. Ragioni umanitarie, inoltre voglio che la Russia rafforzi notevolmente la sua lotta contro l’Isis e il terrorismo”. “Fatti”, aveva scritto, senza mai confermare che si trattava di una notizia classificata fornita da un governo alleato.

Ma Israele si sarebbe irritata, anche per il timore di compromettere i propri agenti e le loro eventuali talpe nel Califfato. Con la paura inoltre che i segreti della propria intelligence siano passati a quella iraniana, aprendo una breccia nei sistemi di difesa dello stato ebraico. Israele ha già utilizzato i propri hacker per penetrare nei computer che controllavano il programma nucleare di Teheran, danneggiando numerose centrifughe per l’arricchimento dell’uranio.

Per ora gli Usa hanno imposto il divieto dei laptop sui voli da otto Paesi islamici dell’Africa settentrionale e del Medio Oriente ma l’amministrazione Trump sta valutando di estenderlo a 71 scali, compresi quelli europei. Anche Gran Bretagna e Canada hanno adottato le stesse misure di Washington.

Ultima ora

14:41G7 Ischia: protesta con salsa in mare,’è sangue migranti’

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 19 OTT - I manifestanti che stanno partecipando a Ischia (Napoli) al corteo anti G7 hanno inondato di salsa di pomodoro un piccolo tratto della banchina olimpica del porto e poi l'hanno gettata anche in una zona di mare. Una protesta per denunciare: "questo è il sangue dei migranti che vengono fatti morire in mare", come ha detto uno dei manifestanti al megafono.

14:39Calcio: Mourinho ‘rivede’ contratto che lo lega allo United

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Josè Mourinho festeggia il 'percorso netto' in Champions (nove punti in tre partite) rinegoziando il contratto con lo lega al Manchester United. Secondo Espn, l'allenatore portoghese ha già avviato una trattativa per definire i termini di un nuovo accordo, dopo quello siglato nel 2016, quando prese il posto dell'olandese Louis Van Gaal. L'attuale contratto lega il tecnico portoghese al club di Old trafford fino al 2019, ma è già allo studio una nuova ipotesi economico-contrattuale. Una notizia che stride con le dichiarazioni del diretto interessato che, nei giorni scorsi, ha specificato di essere poco disposto a concludere la propria carriera a Manchester. In futuro, è stato lo stesso portoghese a farlo notare, potrebbe guidare il PSG, la cui panchina attualmente è occupata dallo spagnolo Unai Emery.

14:38Calcio: Juve, Costa “con lo Sporting vittoria decisiva”

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "É stata una vittoria decisiva per la squadra: era una partita molto difficile, ma abbiamo giocato con pazienza". E' un Douglas Costa finalmente decisivo, dopo il difficile impatto con il campionato italiano, quello che commenta la vittoria della Juventus sullo Sporting Lisbona. Il brasiliano è stato l'autore dell'assist per il gol con cui Mandzukic ha ribaltato l'iniziale svantaggio, regalando ai bianconeri tre punti fondamentali in chiave qualificazione. "Il campionato italiano è totalmente diverso dalla Bundesliga, dove le marcature sono diverse e c'è più spazio - osserva il giocatore - ma col tempo mi adatterò". Nessuna preferenza, invece, per la posizione in campo: "Non c'è una posizione dove mi trovo meglio - dice -. Al Bayern giocavo a destra, ma io gioco dove mi chiedono e cerco di fare il meglio".

14:32Migranti: occupazione ex Moi, processo al via a febbraio

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - L'insediamento nelle case del villaggio ex Moi a Torino da parte di centinaia di migranti arriva in tribunale. La procura ha citato in giudizio due persone con l'accusa di avere aiutato i primi extracomunitari (quantificati in circa 150) nel marzo del 2013 nel corso di una manifestazione. L'accusa mossa dal pm Antonio Rinaudo è di occupazione aggravata di edificio pubblico. Uno dei due imputati, in base a quanto si apprende, è Andrea Bonadonna, uno dei leader del centro sociale Askatasuna. Il secondo è una giovane volontaria di un'associazione che, a quanto risulta dalle indagini, accompagnò gli stranieri all'interno del complesso. Gli avvocati difensori sostengono che i due non sono punibili perché i migranti erano "in stato di necessità". Sull'ex Moi pende da anni un'ordinanza di sgombero. (ANSA).

14:23Espulso algerino, su fb istigava contro i cristiani

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Un cittadino algerino 34enne, Mane Melal Melaie, irregolare sul territorio nazionale, è stato espulso per motivi di sicurezza. L'uomo era stato denunciato all'Autorità Giudiziaria dalla Digos di Catania per "istigazione a commettere delitti di terrorismo" dopo aver pubblicato, sul proprio profilo facebook, frasi di consenso alle persecuzioni contro le comunità cristiane in Medio Oriente da parte di formazioni jihadiste. Con quella di oggi sono 86 le espulsioni eseguite nel 2017 e 218 quelle eseguite dal primo gennaio 2015 ad oggi. L'algerino, entrato in Italia nel gennaio 2016 da Lampedusa, online si faceva chiamare Zidan Zidane e aveva pubblicato sul profilo facebook un link titolato "Spunta la mappa dello sterminio: così la jihad elimina i cristiani" (commentandolo con frasi di consenso) che è risultato essere collegato ad articoli diffusi su fonti aperte relativi a persecuzioni nei confronti di comunità cristiane in Medio Oriente da parte di milizie jiahadiste.

14:13Formula E: Raggi, Roma non è museo ma leader innovazione

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non possiamo considerare la città di Roma come un museo a cielo aperto, Roma deve essere leader nel campo dell'innovazione. E la Formula È è un' occasione per dimostrare che è possibile. Non potevamo non accettare questa sfida: portare a Roma un grandissimo evento sportivo e una visione di mondo che è la nostra". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi durante la presentazione della Formula E all'Eur. "Io alla guida di una monoposto? Inizio ad allenarmi", ha aggiunto scherzando.

14:10Sospesa attività di quattro centri di cartomanzia su web

(ANSA) - PERUGIA, 19 OTT - Sospesa a tempo indeterminato l'attività di quattro società di cartomanzia telefonica e via web che operavano tra Perugia e Bastia Umbra presso le quali - secondo polizia e carabinieri - operavano non esperti di esoterismo ma addetti commerciali. A loro carico è stato applicato un provvedimento amministrativo del questore del capoluogo umbro Francesco Messina per l'abuso della credulità. Uno dei titolari è stato poi denunciato penalmente per non avere rispettato la sospensione. Dall'indagine, alla quale ha collaborato anche l'ispettorato del lavoro, è emerso che i centri di cartomanzia ricevevano telefonate da tutta Italia. Il pagamento dei presunti servizi avveniva tramite numeri a pagamento 899 o, in maniera anticipata, con carte di credito. "Il ricorso a questi servizi - ha spiegato Messina - è risultato particolarmente diffuso. Forse anche perché con i problemi legati alla crisi le persone sono spinte a trovare conforto in servizi che poco hanno a che fare con la realtà". (ANSA).

Archivio Ultima ora