Sposi invitano migranti al matrimonio: “Sono nostri fratelli”

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa

NAPOLI. – Non muri, ma ponti. Con il loro ‘Sì’ Nunzia e Marco hanno gettato le basi per una vita insieme all’insegna dell’accoglienza, dell’integrazione, invitando al loro matrimonio, a Napoli, i migranti. Una cerimonia multietnica e multiculturale nella chiesa del Santissimo Crocifisso e Santa Rita, a Napoli. Nunzia e Marco stanno insieme da 8 anni: oggi hanno voluto, con il loro invito, condividere anche con i migranti la gioia del loro matrimonio.

Loro, i migranti, vengono dall’Africa, dall’Asia, sono bengalesi, ivoriani, senegalesi, alcuni sono in Italia da poco tempo, altri da anni. Agli sposi hanno regalato biglietti d’auguri, scritti in italiano su cartoncini gialli. È stato il papà della sposa, Antonio Ricigliano, a proporre agli sposi novelli di invitare le persone con cui lavora.

L’uomo, infatti, è un ambulante della zona di piazza Garibaldi ed è un attivista dell’associazione ‘3 Febbraio’, che si occupa di sostenere i migranti. Già nel ’98, con un gruppo di migranti, Antonio ha ‘combattuto” per poter lavorare ancora. Dopo 18 anni, nel giorno del matrimonio di Marco d’Avanzo, 27 anni, con sua figlia Nunzia, che di anni ne ha 23, ha voluto condividere questo momento anche con loro.

I novelli sposi non vogliono, però, essere considerati “speciali”. “Abbiamo fatto una cosa che riteniamo normale – dice Nunzia – Per noi è un onore che abbiano accettato l’invito e siano presenti. Sono nostri fratelli”. Marco invita tutti a “prendersi per mano, per affrontare le difficoltà”.

“Lasciano i loro Paesi dove c’è la guerra, lasciano le loro famiglie e arrivano in Italia in cerca di una vita migliore – afferma – Penso a come si sentano soli. Siamo nel 2017, non è più possibile sentir parlare di razzismo”.

All’inizio della cerimonia, don Enzo Marzocchi, il parroco della chiesa, ha ricordato a tutti le nozze di Cana di Galilea. “Gesù, che compì in quella occasione il suo primo miracolo (la trasformazione dell’acqua in vino ndr.), fu invitato al matrimonio con tutti i suoi discepoli – racconta – Il matrimonio è un evento sociale, oltre che sacramentale, che coinvolge tutti, i vicini di casa, le persone con le quali si condivide la vita di tutti i giorni. E il papà di Nunzia ha voluto che fossero presenti anche i suoi colleghi per condividere con loro la gioia del matrimonio della figlia Nunzia”.

Così, accanto ai familiari dei due sposi, c’erano anche loro. “Per noi questo invito è una novità – sottolinea Fatou Diak, ivoriana – Essere invitati dai nostri fratelli fa piacere, che dà un ‘più’ all’umanità in questo momento in cui c’è la paura dell’altro. E’ un segnale di solidarietà, di accoglienza, bello per tutti. Essere qui, personalmente mi emoziona, vedo che c’è uno sguardo più bello verso il mondo”.

In chiesa anche Gianluca Petruzzo dell’Associazione 3 Febbraio di cui fa parte Antonio Ricigliano. “La battaglia comune in difesa del posto di lavoro del papà di Nunzia, insieme con i migranti – racconta – ha gettato un seme il cui frutto è stato l’invito al matrimonio, che indica la bontà e il coraggio di Marco e Nunzia. E’ l’apertura verso l’altro in un mondo che vuole chiudere le frontiere”.

Ultima ora

00:45Georgia: hotel in fiamme a Batumi, almeno 12 morti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - E' di almeno 12 morti il bilancio di un incendio divampato in un hotel a Batumi, cittadina della Georgia che si affaccia sul Mar Nero. Lo scrivono i media russi citando il ministero dell'Interno georgiano. "In base alle nostre informazioni, 12 persone hanno perso la vita nell'incendio e sono state tutte identificate", ha precisato la stessa fonte, aggiungendo che oltre 100 persone sono state evacuate dalla struttura in fiamme. Un'inchiesta è stata aperta per chiarire le cause del rogo. (ANSA)

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

Archivio Ultima ora