La produzione industriale non decolla, ma boom export al Sud

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Il secondo trimestre del 2017 inizia con una frenata dell’industria italiana. La produzione cala dello 0,4% ad aprile rispetto a marzo, secondo le ultime statistiche dell’Istat, e i segni meno sono diffusi a tutti i comparti tranne l’energia. Sono colpiti soprattutto i beni strumentati (-1,6%), un dato che potrebbe anticipare brutte notizie sugli investimenti. ma una buona notizia viene dal Sud: sono infatti le regioni del Mezzogiorno a guidare la crescita delle esportazioni.

Rispetto allo scorso anno, il calo delle produzione industriale raggiunge il 6,5% nei dati grezzi, un risultato su cui pesano le feste di Pasqua, cadute a marzo nel 2016, e della Liberazione, visto che il 25 aprile era martedì ed è stato un’occasione per “fare ponte” in molte aziende. I dati corretti per gli effetti di calendario – che tengono conto solo dell’effetto-Pasqua – mostrano un incremento dell’1%.

I settori più dinamici sono l’attività estrattiva (+11,8%) e le industrie tessili (+7%). La produzione di autoveicoli, invece, vede ad aprile una flessione dell’1,6%. Nonostante il risultato sottotono di aprile, il settore auto nei primi quattro mesi dell’anno mette a punto una crescita della produzione del 6%, quattro volte superiore a quella media nazionale (+1,5%). E nell’insieme del primo trimestre, le esportazioni di autoveicoli dal Piemonte, in crescita del 59,8%, sono la voce che contribuisce maggiormente all’incremento complessivo dell’export.

Il cuore dell’industria automobilistica italiana sembra tornare così a Torino, dove Fca ha annunciato investimenti per 95 milioni di euro, mentre mostra segni di sofferenza la Basilicata. Dopo essere diventata una piccola campionessa dell’export grazie alle auto di Melfi, la Regione vede infatti esportazioni in calo del 10,5% rispetto al primo trimestre 2016 a causa delle minori vendite negli Stati Uniti neo-protezionisti di Donald Trump.

Il Mezzogiorno continua comunque a essere l’area del Paese dove l’export cresce a maggiore velocità. Le vendite estere nel primo trimestre aumentano del 4,4% nell’Italia meridionale e insulare, che batte l’Italia centrale (+2,5%), il Nord-Ovest (+1,8%) e il Nord-Est (+1,4%). L’Istat rileva, inoltre, rispetto al primo trimestre 2016, “dinamiche di crescita dell’export intense e diffuse” con un incremento medio nazionale del 9,9% nel primo trimestre.

L’espansione è massima nelle regioni delle Isole (+50,6%), e sostenuta anche nell’area nord-occidentale (+10,7%), centrale (+8,7%) e nord-orientale (+8,2%) mentre si ferma al +0,6% nell’area meridionale. Il recupero del Mezzogiorno nel commercio internazionale sembra ormai avviato, ma la strada da colmare è tanta.

Guardando oltre ai tassi di crescita anche al valore delle esportazioni, emerge infatti che le regine dell’export restano le grandi città del Nord: Milano (+9%) e Torino (+14,7%). Queste due province muovono quantità tali di prodotti da contribuire alla crescita dell’export nazionale in misura maggiore rispetto ai centri minori più dinamici, come Gorizia (dove la crescita dell’export raggiunge un vertiginoso +311,3%), Cagliari (+76,1%), Frosinone (+50,7%) o Siracusa (+56,5%).

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora