La produzione industriale non decolla, ma boom export al Sud

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Il secondo trimestre del 2017 inizia con una frenata dell’industria italiana. La produzione cala dello 0,4% ad aprile rispetto a marzo, secondo le ultime statistiche dell’Istat, e i segni meno sono diffusi a tutti i comparti tranne l’energia. Sono colpiti soprattutto i beni strumentati (-1,6%), un dato che potrebbe anticipare brutte notizie sugli investimenti. ma una buona notizia viene dal Sud: sono infatti le regioni del Mezzogiorno a guidare la crescita delle esportazioni.

Rispetto allo scorso anno, il calo delle produzione industriale raggiunge il 6,5% nei dati grezzi, un risultato su cui pesano le feste di Pasqua, cadute a marzo nel 2016, e della Liberazione, visto che il 25 aprile era martedì ed è stato un’occasione per “fare ponte” in molte aziende. I dati corretti per gli effetti di calendario – che tengono conto solo dell’effetto-Pasqua – mostrano un incremento dell’1%.

I settori più dinamici sono l’attività estrattiva (+11,8%) e le industrie tessili (+7%). La produzione di autoveicoli, invece, vede ad aprile una flessione dell’1,6%. Nonostante il risultato sottotono di aprile, il settore auto nei primi quattro mesi dell’anno mette a punto una crescita della produzione del 6%, quattro volte superiore a quella media nazionale (+1,5%). E nell’insieme del primo trimestre, le esportazioni di autoveicoli dal Piemonte, in crescita del 59,8%, sono la voce che contribuisce maggiormente all’incremento complessivo dell’export.

Il cuore dell’industria automobilistica italiana sembra tornare così a Torino, dove Fca ha annunciato investimenti per 95 milioni di euro, mentre mostra segni di sofferenza la Basilicata. Dopo essere diventata una piccola campionessa dell’export grazie alle auto di Melfi, la Regione vede infatti esportazioni in calo del 10,5% rispetto al primo trimestre 2016 a causa delle minori vendite negli Stati Uniti neo-protezionisti di Donald Trump.

Il Mezzogiorno continua comunque a essere l’area del Paese dove l’export cresce a maggiore velocità. Le vendite estere nel primo trimestre aumentano del 4,4% nell’Italia meridionale e insulare, che batte l’Italia centrale (+2,5%), il Nord-Ovest (+1,8%) e il Nord-Est (+1,4%). L’Istat rileva, inoltre, rispetto al primo trimestre 2016, “dinamiche di crescita dell’export intense e diffuse” con un incremento medio nazionale del 9,9% nel primo trimestre.

L’espansione è massima nelle regioni delle Isole (+50,6%), e sostenuta anche nell’area nord-occidentale (+10,7%), centrale (+8,7%) e nord-orientale (+8,2%) mentre si ferma al +0,6% nell’area meridionale. Il recupero del Mezzogiorno nel commercio internazionale sembra ormai avviato, ma la strada da colmare è tanta.

Guardando oltre ai tassi di crescita anche al valore delle esportazioni, emerge infatti che le regine dell’export restano le grandi città del Nord: Milano (+9%) e Torino (+14,7%). Queste due province muovono quantità tali di prodotti da contribuire alla crescita dell’export nazionale in misura maggiore rispetto ai centri minori più dinamici, come Gorizia (dove la crescita dell’export raggiunge un vertiginoso +311,3%), Cagliari (+76,1%), Frosinone (+50,7%) o Siracusa (+56,5%).

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

08:50Tre auto a fuoco a Trieste, s’ipotizza dolo

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Un'auto è stata distrutta e altre due sono state danneggiate da un incendio la scorsa notte a Trieste, nella zona di Borgo San Sergio. Le auto erano parcheggiate in via Cubi. L'incendio è partito intorno alle due da una delle vetture e si è poi esteso alle altre. E' stato spento dai Vigili del fuoco, intervenuti con due squadre, una da Muggia (Trieste) e una da Trieste. Un uomo, intervenuto per spostare un'altra auto prima che fosse raggiunta dal fuoco, ha avuto un lieve malore. Fra le cause dell'incendio - si apprende dai Vigili del fuoco - vi è anche quella del dolo, dal momento che l'auto che ha preso fuoco era dotata di motore diesel ed era parcheggiata in strada già da alcune ore.

04:31Barcellona, anche una italo-argentina tra le vittime

(ANSA) - BUENOS AIRES, 19 AGO - Carmen Lopardo, 80 anni, da più di 60 residente in Argentina ma originaria della provincia di Potenza, è tra le vittime dell'attentato di Barcellona. In una nota, il ministero degli Esteri argentino ha trasmesso le condoglianze "alla famiglia della signora Carmen". "Nel momento del tragico attentato, la vittima si trovava a Barcellona da turista", ha precisato il ministero, che sottolinea "la ferma condanna dell'Argentina al terrorismo in tutte le sue manifestazioni".

00:40Spagna: Zaza-gol regala la vittoria al Valencia

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Un gol di Simone Zaza ha permesso al Valencia di aprire con una vittoria la Liga 2017/18. Il centravanti italiano, al 22', su assist di Soler, ha battuto l'ex spezino Leandro Chichizola, regalando al Valencia il successo per 1-0 sul Las Palmas (che ha giocato dal 33' pt in 10 per l'espulsione di Halilovic), nella sfida disputata sul terreno del Mestalla, dove Cancelo - futuro interista - ha salutato i propri sostenitori. La squadra dei 'pipistrelli' si porta a tre punti, come il Leganes che, nel pomeriggio, ha battuto con lo stesso punteggio (1-0) in casa l'Alaves. A Leganes, così come a Valencia, grande commozione durante il minuto di raccoglimento per commemorare le vittime del terrorismo.

00:26Calcio: Ancelotti “vittoria importante, Bayern crescerà”

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Possiamo migliorare la fase difensiva, siamo destinati a crescere e io sono fiducioso. La squadra può solo crescere, ma era importante partire bene, con una vittoria". Così Carlo Ancelotti ha commentato la vittoria del Bayern Monaco per 3-1 sul Bayer Leverkusen, con i gol dei nuovi Suele e Tolisso, ma soprattutto con il rigore di Lewandowski, concesso con l'ausilio del Var, che ha chiuso definitivamente la partita dell'Allianz arena. Il centravanti polacco è stato trattenuto in area, ma l'arbitro non aveva visto il fallo del giocatore ospite.

23:28Francia: il Monaco non si ferma più, 1-0 al Metz

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Un gol di Radamel Falcao ha regalato vittoria e primato momentaneo al Monaco, al termine dell'anticipo della 3/a giornata della Ligue 1. I monegaschi, privi di Mbappè, proprio grazie al punto del centravanti colombiano a 12' dalla fine (su assist di Ghezzal), sono riusciti a vincere per 1-0 sul campo del Metz, salendo così a quota 9 punti in classifica, con tre partite e altrettante vittorie. Il Metz, invece, è sempre fermo all'ultimo posto, a 0 punti, come il Nizza di Balotelli che, però, ha una partita in meno. Il PSG sarà in campo domenica sera, alle 21, in casa contro il Tolosa. Domani Lione, Marsiglia e Saint-Etienne possono raggiungere la squadra di Principato.

23:14Calcio: Germania, Bayern che inizio e tris al Laverkusen

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Bayern Monaco è partito con il piede sull'acceleratore, nella Bundesliga 2017/18. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ha battuto per 3-1 il Bayer Leverkusen, chiudendo i conti in soli 52'. In vantaggio con il neoacquisto Suele (ex Hoffenheim), dopo soli 9' e grazie a un preciso colpo di testa su punizione di Rudy, i bavaresi hanno raddoppiato con un altro neoacquisto, Tolisso (ex Lione), al 19', su assist di Vidal. Ci ha pensato il solito Robert Lewandowski a calare il tris al 7' della ripresa, mentre a Mehmedi è rimasta solo la soddisfazione del gol della bandiera al 20' st. Pioggia e tanta umidità nell'Allianz arena per questo esordio del Bayern che ha aperto alla grande la nuova stagione. Prima del match un minuto di raccoglimento è stato osservato per commemorare le vittime del terrorismo a Barcellona.

22:44Calcio: Spagna, il Leganes parte bene e piega 1-0 l’Alaves

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Leganes ha battuto l'Alaves 1-0, nella partita che ha inaugurato la Liga 2017/18. La squadra allenata da Asier Garitano, nello stadio Municipal de Butarque, si è assicurata i primi tre punti della stagione grazie al gol di Appelt, realizzato dopo 24' di gioco. I padroni di casa poco prima, al 17', avevano comunque rischiato di andare sotto su calcio di rigore, ma Garcia ha sbagliato la trasformazione. I giocatori delle due squadre sono entrati in campo con in mano uno striscione sul quale era scritto #ContigoBarcelona #StopTerrorismo, per commemorare le vittime dell'attacco terroristico di Barcellona. Grande atmosfera nello stadio Municipal de Butarque, dove è andato in scena il primo minuto di raccoglimento con il pubblico in rigoroso silenzio.

Archivio Ultima ora