Roma: stop a bivacchi nelle fontane storiche, multa da 240 euro

Pubblicato il 12 giugno 2017 da ansa


ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Mettere un freno ai bivacchi nei pressi delle fontane storiche di Roma. Con questo obiettivo la sindaca Virginia Raggi ha firmato un’ordinanza che vieta, di fatto, di consumare cibi, bagnarsi, arrampicarsi o sedersi sui marmi delle fontane artistiche di Roma. Pena una multa fino a 240 euro.

I luoghi ‘protetti’ vanno da Fontana di Trevi, meta ogni giorno di moltitudini di turisti da ogni parte del mondo, alla Barcaccia sfregiata qualche anno fa da alcuni tifosi dei Feyenoord, squadra olandese, in trasferta. “La bellezza di Roma deve essere rispettata da tutti. Per questo ho firmato un’ordinanza: non tolleriamo episodi contrari alle regole di decoro urbano e vogliamo tutelare il patrimonio storico, artistico e archeologico di Roma”, ha spiegato su Facebook la sindaca.

L’ordinanza per il Campidoglio si è resa necessaria “per impedire che si verifichino episodi contrari alle regole di decoro urbano e garantire adeguata tutela del patrimonio storico, artistico e archeologico di Roma Capitale”, spiegano da Palazzo Senatorio. I divieti riguardano le fontane di particolare interesse storico, artistico e archeologico “inclusi i loro basamenti e le relative aree di pertinenza”.

Per i trasgressori è prevista una sanzione da un minino di 40 ad un massimo di 240 euro. Il provvedimento sarà in vigore nel periodo estivo, fino al 31 ottobre, e servirà a scoraggiare chi per combattere il caldo scambia le antiche mostre d’acqua, vere opere d’arte, per piscine. È vietato dunque bivaccare, consumare alimenti o bevande, ma anche sedersi, arrampicarsi, lavare animali e indumenti, fare bere animali. Sanzionabile anche il comportamento di chi vi verserà liquidi o getterà qualsiasi oggetto ad eccezione del tradizionale lancio di monetine.

La lista delle fontane interessate dall’ordinanza di tutela firmata dalla prima cittadina è lunga. Si va dalla Fontana di Trevi alla Barcaccia di Piazza di Spagna, dalle fontane di Piazza di Navona (Quattro Fiumi, del Moro e del Nettuno) a quelle di piazza del Popolo (dei Leoni, del Nettuno e della Dea Roma).

Interessate dal divieto anche fontane che si trovano nelle zone della movida prese d’assalto nelle serate estive: la Fontana dei Catecumeni in piazza della Madonna dei Monti, la Fontana dell’Acqua Paola a piazza Trilussa, la Fontana di piazza Santa Maria in Trastevere, la Fontana di Campo de’ Fiori.

Elencate nel provvedimento anche altre famose fontane di Roma come la Fontana del Tritone in piazza Barberini, la Fontana della Navicella, le Fontane dei due Mari in piazza Venezia, la Fontana in piazza dell’Aracoeli, la Fontana delle Naiadi in piazza della Repubblica, Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio e la Fontana Mostra dell’Acqua Paola in via Garibaldi che i romani conoscono come il ‘fontanone’.

Molte di queste statue sono state realizzate da importanti scultori e architetti: quelle dei Quattro Fiumi in Piazza Navona e del Tritone in piazza Barberini da Gianlorenzo Bernini, la Barcaccia da Pietro Bernini (padre di Gianlorenzo), quella dei Leoni in Piazza del Popolo da Valadier.

Per il Codacons l’atto della sindaca è “giusto in linea di principio ma impossibile da far rispettare”. “Servirebbe un dispiegamento di agenti delle forze dell’ordine presso tutte le fontane storiche della città, risorse di cui la capitale non dispone – commenta il presidente Carlo Rienzi – Anche in caso di erogazione della sanzione da 240 euro, sarà estremamente difficoltoso se non impossibile procedere alla reale riscossione della multa nei confronti dei turisti che risiedono all’estero”.

(di Paola Lo Mele/ANSA)

Ultima ora

12:10Motovedetta tunisina tenta sequestro peschereccio

(ANSA) - MAZARA DEL VALLO (TRAPANI), 20 AGO - Il peschereccio ''Aliseo'', del compartimento marittimo di Mazara del Vallo, ieri sera, intorno alle 21, è stato aggredito in un tentativo di sequestro da parte dell'equipaggio di una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a circa 30-35 miglia Nord-Est da Zarzis, non distante dal confine con la Libia. Lo dice l'armatore Manuel Giacalone. I tunisini avrebbero sparato colpi d'arma da fuoco verso il natante italiano che secondo l'armatore era in acque internazionali.

12:09Sicurezza: Vaticano affollato per Angelus, controlli serrati

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - Controlli serrati e file per avvicinarsi a piazza San Pietro: in vista dell'Angelus del Papa alle 12, sono molti i fedeli giunti in Vaticano, come tutte le domeniche. I controlli di sicurezza sono serrati e per questo le file per accedere alla piazza un po' lunghe. Oltre ai controlli delle forze di polizia, collocate ai vari punti di ingresso, c'è, come controllo finale, il passaggio al metal detector. Presidiate dai militari le porte di ingresso vaticane. Ma si tratta delle misure di sicurezza che ormai da tempo vengono adottate per tutti gli eventi con il Papa, come l'Angelus. La gente comunque sembra non farsi condizionare dalle ultime vicende e dalle minacce specifiche dei terroristi contro l'Italia e ci sono numerosi gruppi e famiglie venuti a pregare in piazza con il Papa. Da mesi inoltre gran parte di via della Conciliazione non è accessibile alle auto con grandi fioriere di cemento poste all'inizio della strada che porta a piazza San Pietro.(ANSA).

11:56Pagami o ti cancello dai social, arrestato per estorsione

(ANSA) - BRESCIA, 20 AGO - Minacciava l'amico di cancellargli il profilo Instagram del quale era riuscito ad ottenere le password d'accesso se non avesse pagato. Protagonista, un 19enne bresciano, arrestato dai carabinieri di Chiari per estorsione nei confronti di un coetaneo al quale chiedeva soldi e ricariche telefoniche per evitare l'azzeramento del profilo social. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. (ANSA).

11:35Sierra Leone: alluvioni, si temono 1.000 vittime

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il bilancio delle vittime delle alluvioni e delle frane che hanno colpito Freetown negli ultimi giorni potrebbe salire oltre quota 1.000: lo scrive oggi il quotidiano britannico Independent sottolineando che i morti confermati sono già 450 e che il numero dei dispersi potrebbe superare i 600. Secondo il personale delle squadre di soccorso le probabilità di trovare sopravvissuti "diminuiscono ogni giorno". Le forti piogge hanno provocato una gigantesca frana di fango e rocce alle porte della capitale che ha distrutto tutto quello che si trovava sul proprio cammino. Si lavora ancora per cercare eventuali sopravvissuti ma finora si trovano solo corpi senza vita, in molti casi smembrati e irriconoscibili perche' colpiti violentemente dalle rocce ed i tronchi d'albero trascinati dalla frana.

11:23Barcellona:vasta operazione polizia oggi a Ripoll e Manlleu

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - Decine e decine di posti di blocco sono stati innalzati nel nord-est della Catalogna, in una gigantesca caccia all'uomo per rintracciare Younes Abouyaaquou, il marocchino di 22 anni, sospettato di essere il guidatore del furgone killer che giovedì scorso è piombato sulla Rambla di Barcellona, uccidendo 14 persone e ferendone oltre 120. Le ricerche si concentrano attorno alle cittadine di Ripoll, da cui provenivano i membri della cellula terroristica, e di Manlleu. (ANSA).

11:05Barcellona: Londra studia più controlli per noleggio auto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il governo britannico sta mettendo a punto un piano che prevede l'introduzione di controlli più rigidi sui clienti delle compagnie di autonoleggio per cercare di prevenire attacchi - come quello di Barcellona - in cui terroristi si servono di veicoli noleggiati per compiere le loro stragi. Secondo quanto riporta il tabloid Mirror, che cita una fonte anonima, il governo potrebbe passare al vaglio le informazioni date dai clienti delle società di autonoleggio (inclusi nomi e indirizzi) per controlli incrociati con le liste di noti criminali. I clienti degli autonoleggi, inoltre, potrebbero essere obbligati a fornire maggiori informazioni personali per poter noleggiare i veicoli.

11:00Barcellona:inizia messa a Sagrada Familia per vittime Rambla

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - E' cominciata nella basilica della Sagrada Familia la solenne messa in ricordo delle vittime dell'attacco sulla Rambla di Barcellona che ha ucciso 14 persone e ne ha ferito più 120. Alla cerimonia, officiata dall'arcivescovo di Barcellona Joan Josep Omella, assistono i sovrani di Spagna, re Felipe VI e la regina Letizia, e il primo ministro Mariano Rajoy, rappresentanti di paesi esteri e migliaia di cittadini. La Sagrada Familia, capolavoro incompiuto di Gaudì, è stata citata dai media come uno dei possibili obiettivi del commando terrorista che ha colpito la Rambla con un furgone lanciato a tutta velocità.

Archivio Ultima ora