Gentiloni rilancia il governo, nodi fiducie e numeri

Pubblicato il 13 giugno 2017 da ansa

Prima fila da sinistra: Roberta Pinotti (Difesa), Andrea Orlando (Giustizia), Marco Minniti (Interno), Angelino Alfano (Esteri), il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Paolo Gentiloni, Luca Lotti (Sport), Claudio De Vincenti (Coesione Territoriale), Enrico Costa (Affari Regionali), Marianna Madia (P.A.), Anna Finocchiaro (Rapporti con il Parlamento). Seconda fila da sinistra: Beatrice Lorenzin (Salute), Dario Franceschini (Beni Culturali), Valeria Fedeli (Istruzione), Giuliano Poletti (Lavoro), Graziano Delrio (Infrastrutture), Gianluca Galletti (Ambiente), Maurizio Martina (Agricoltura), Carlo Calenda (Sviluppo Economico) e Pier Carlo Padoan (Economia), nel salone delle Feste del Quirinale dopo il giuramento, Roma, 12 dicembre 2016. ANSA/ETTORE FERRARI

ROMA. – Il naufragio della legge elettorale, che ha allontanato quasi definitivamente lo scioglimento anticipato delle Camere, rinfocola le contrapposizioni tra i partiti della maggioranza di governo. In settimana alla Camera e al Senato l’Esecutivo potrebbe vedere due leggi approvate dopo una fiducia votata con possibili maggioranze a geometria variabile. Il premier, si racconta, è “fiducioso” di poter superare le scaramucce tra i partiti che lo sostengono, e di poter far approvare alcune leggi che rafforzino il profilo riformista del suo esecutivo.

Tant’è che il governo ha posto la fiducia sul ddl sul processo penale, ora alla Camera dopo essere stato impantanato in Senato dal 24 settembre 2015 al 15 marzo 2017 per le contrapposizioni tra Ap e Pd. Queste non si sono sopite ora che Montecitorio deve approvare in terza lettura la legge. Alcuni deputati centristi minacciano di non votare la fiducia, altri diranno “no” al voto finale. Anche se i numeri di Montecitorio non dovrebbero compromettere il buon esito dell’operazione.

In Senato il problema il governo lo ha a sinistra del suo schieramento, con rischi maggiori rispetto all’altro ramo del Parlamento, dati i numeri risicati di Palazzo Madama. Giovedì verrà votata la fiducia sulla manovrina, e Mdp ha annunciato il suo “no”, soprattutto verso le norme che sostituiscono i voucher. Senza i 16 voti di articolo 1 la fiducia potrebbe anche essere in bilico se tutte le opposizioni si presentassero compatte in aula a votare.

Cosa che molto probabilmente non avverrà, consentendo all’esecutivo di ottenere il via libera sebbene con uno “score” inferiore al 50%: tecnicamente senza la maggioranza assoluta. Cosa, peraltro, già accaduta alla Camera in prima lettura. E ciò anche grazie all’assenza di alcuni parlamentari che farebbero abbassare il quorum per avere la maggioranza.

Questo scenario si potrebbe ripetere a Palazzo Madama anche su altri provvedimenti. Sulla legge per la cittadinanza (‘Ius soli’) Ap ha posto un veto, mentre il Pd e Mdp spingono per l’approvazione. Date le migliaia di emendamenti in Commissione, il testo verrà portato in Aula senza mandato al relatore, cioè senza che siano stati votati tutti gli emendamenti. La legge potrebbe passare, se il governo non pone la fiducia, anche con l’appoggio di altri gruppi favorevoli, come Sinistra Italiana.

Ap è pronta alle barricate anche per il biotestamento, che ha appena iniziato il suo iter in Commissione Sanità: anche qui Pd e Mdp sperano nel “soccorso rosso” di Si. Cosa che non farebbe piacere al partito di Angelino Alfano. Quest’ultimo ha ribadito che considera una “priorità” la legittima difesa, ma Mdp ha già detto che ripeterà il “niet” della Camera: e anche nel Pd sono in molti a voler modificare il testo, con la sua formula sulle ore notturne che, secondo alcuni è ambigua. In questo caso il “soccorso” potrebbe arrivare da Fi.

Alla Camera i numeri del Pd (282 deputati) rendono meno problematica l’azione del governo in caso di defezioni nella coalizione. Ma i dissensi potrebbero poi riverberarsi sul cammino della legge di Bilancio. Legge che il governo intende istruire già dal prossimo fine agosto per poi presentarla in Parlamento ad ottobre.

Contro le troppe richieste di fiducia, e soprattutto quella relativa al ddl penale, alza la voce Beppe Grillo che polemizza con la presidente Laura Boldrini: “offra finalmente il monito più atteso, ovvero che la Camera non può più essere calpestata in questo modo indegno”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

21:34Terrorismo: ‘agenti siano armati anche fuori servizio’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Una richiamo al personale delle forze di polizia perché "porti con sé l'arma di ordinanza anche fuori dal servizio" è stato espresso nel Casa, il Comitato di analisi stratetica antiterrorismo, convocato il giorno dopo l'attentato di Barcellona. E' quanto emerge dal documento che il Dipartimento amministrazione penitenziaria ha diramato dopo la riunione del Casa alle carceri e alle diramazioni del sistema penitenziario. "Un intervento tempestivo potrebbe contribuire alla limitazione del danno" si legge nel testo.

20:55Calcio: Montella, Niang? Sono dispiaciuto

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Sono veramente dispiaciuto. Ho un ottimo rapporto con il ragazzo, giocare per il Milan deve essere una gioia, non uno stress, mi aspettavo qualcosina in più in questo senso da lui". Vincenzo Montella non nasconde il disappunto per la mossa con cui Mbaye Niang, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ha presentato al Milan un certificato medico che che lo esonera dagli allenamenti a causa di stress psicologico. "Vediamo come va a finire la vicenda, intanto - ha sorriso l'allenatore rossonero a Skopje, in Macedonia, alla vigilia del ritorno del playoff di Europa League contro lo Shkendija - gli auguro di guarire presto e sono contento di avere qui giocatori entusiasti e non stressati".

20:50Incendio Morrone: il fuoco si estende al versante pescarese

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 23 AGO - Non accenna a spegnersi il rogo sul monte Morrone, nel massiccio della Majella. Oggi nuovi focolai si sono accesi in più punti, in particolare vicino al Casino Pantano, alla chiesetta di San Pietro e nel borso di Mandra Castrata. Fiamme anche sul versante pescarese, verso Caramanico Terme. Nuove preoccupazioni e tensioni, insieme a polemiche sull'insufficienza e sul ritardo degli interventi. Le fiamme, dopo aver superato Passo San Leonardo, dove il rogo era iniziato sabato scorso, proseguono verso Roccacaramanico, frazione di S.Eufemia a Majella (Pescara). Sul posto 50 uomini tra volontari e protezione civile, 5 squadre dei Vigili del Fuoco con un elicottero, oggi in azione anche un Canadair. Intanto il monitoraggio dell'Arta, agenzia regionale per la tutela ambientale, sulla qualità dell'aria a Sulmona, località Marane, rivela un innalzamento della concentrazione degli inquinanti. Le maggiori concentrazioni di notte; nelle prime ore del mattino diminuiscono col mutare della direzione del vento. Dal momento che la centralina mobile viene di norma utilizzata da Arta per campagne di misurazione della durata di circa 60 giorni, suddivisi in due periodi stagionali differenti, per monitoraggi di durata inferiore non è possibile eseguire un confronto con i valori limite di legge degli inquinanti monitorati. Nella notte tra ieri e oggi, al momento l'unico riferimento analitico a disposizione dell'Agenzia, tutti gli inquinanti hanno raggiunto concentrazioni medie orarie significative, certamente non caratteristiche della zona in esame. Alla luce di questi primi risultati, l'Arta ha ritenuto opportuno proseguire il monitoraggio fino a data da stabilirsi.(ANSA).

20:43Emiliano,Puglia gestisce dignità lavoro al posto del governo

(ANSA) - NARDO' (LECCE), 23 AGO - "La Regione Puglia non ha tra le sue competenze quella di gestire la dignità del lavoro, dovrebbe essere un compito del governo nazionale e dell'Unione Europea. Purtroppo, in assenza di ciò, siamo costretti ad intervenire con i soldi dei pugliesi per garantire la dignità delle persone". Lo ha detto questa sera a Nardò il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenuto alla cerimonia di inaugurazione del piazzale antistante il villaggio d'accoglienza per lavoratori migranti impiegati nella raccolta nei campi. Il piazzale, realizzato dalla amministrazione comunale di Nardò presso Masseria Boncuri, è stato intitolato alla memoria di Stefano Fumarulo, dirigente della Regione Puglia alle politiche per le migrazioni e per l'antimafia sociale deceduto lo scorso 12 aprile. "Sono le stesse case - ha proseguito Emiliano riferendosi al villaggio d'accoglienza - che il governo ha destinato ai terremotati dell'Umbria e delle Marche, strutture all'altezza delle aspettative di ospitalità".

20:37Alluvione Senigallia: Procura,proroga indagini 11 persone

(ANSA) - ANCONA, 23 AGO - Undici indagati per disastro colposo e omicidio colposo, tra cui il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e l'ex primo cittadino Luana Angeloni, in relazione ai danni per circa 180 milioni causati dall'alluvione del 3 maggio 2014, che registrò anche tre decessi, di cui uno direttamente riconducibile all'evento calamitoso. Risulta dalla richiesta di proroga delle indagini che la Procura di Ancona ha inoltrato a fine luglio al gip Antonella Marrone. Considerato che entro il termine del 30 luglio non è stato possibile concludere le attività investigative, scrive la Procura, "sussiste una giusta causa" per prorogare il termine di sei mesi fino alla data del 28 febbraio 2018.

20:13Terremoto: Gentiloni domani a messa ad Amatrice

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Il premier Paolo Gentiloni insieme alla moglie Manuela parteciperà domani alle 11 alla messa ad Amatrice in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa.

20:06Fiamme sul monte Giano, vicino a bosco con scritta Dux

(ANSA) - RIETI, 23 AGO - Un vasto incendio, in corso da ieri, sul monte Giano, che sovrasta il centro abitato di Antrodoco (Rieti), dopo essersi avvicinato alle abitazioni, sta lambendo il bosco di pini tagliati quasi ottant'anni fa in modo da far apparire a distanza la scritta 'Dux'. Da ieri sul monte Giano sono a lavoro diverse squadre dei Vigili del Fuoco, dal pomeriggio di oggi in azione sul versante della scritta stanno operando anche un elicottero Drago dei Vigili del Fuoco e un Canadair. A causa dell'incendio è tuttora chiusa al transito la statale 17 che collega Androdoco a L'Aquila. La scritta 'Dux' si estende su una parete di circa otto ettari e fu realizzata piantando 20.000 pini dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939 come omaggio a Benito Mussolini.

Archivio Ultima ora