Scandali travolgono Uber, e Travis Kalanick si prende una pausa

Pubblicato il 13 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Travis Kalanick si prende una pausa da Uber: nel mezzo di una serie di scandali, l’amministratore delegato e co-fondatore della start up che vale 70 miliardi di dollari fa un passo indietro, annunciando un’aspettativa a tempo indeterminato. L’annuncio, affidato a un’email ai dipendenti, arriva nel giorno dell’atteso rapporto dell’ex ministro della Giustizia Eric Holder sulla cultura all’interno della società, accusata di molestie sessuali e discriminazione.

L’uscita anche se temporanea di Kalanick, l’ultima nella lunga serie di manager che hanno lasciato volontariamente o non Uber, non appare quindi casuale anche se la spiegazione ufficiale fornita dall’amministratore delegato è prendersi del tempo dopo la morte della madre. Nel motivare la sua scelta, Kalanick però ammette di aver bisogno di ”lavorare su sé stesso” per diventare il leader di cui questa ”società ha bisogno e che merita”. Insomma per una ”Uber 2.0” c’è bisogno di ”Travis 2.0”.

Nel corso della sua aspettativa la guida di Uber sarà condivisa fra l’attuale squadra di comando, con Kalanick che interverrà solo nelle scelte strategiche. Al suo ritorno l’amministratore delegato si ritroverà depotenziato: il rapporto curato da Holder raccomanda una riduzione delle sue responsabilità e del suo controllo sulle società, con alcuni compiti da distribuire al chief operating officer, che Uber sta disperatamente cercando.

Le raccomandazioni del rapporto toccano tutti gli aspetti manageriali: si chiede la nomina di un presidente indipendente, dei corsi di formazione per i manager e l’adozione di una regola simile alla ‘Rooney Rule’ del football americano, ovvero la società prima di effettuare un’assunzione, dovrà incontrare almeno un candidato donna e uno appartenente a una minoranza. Vengono imposti divieti alle relazioni sessuali fra dipendenti di differenti livelli e di diversa gerarchia.

Al rapporto Holder si è arrivati dopo una serie di scandali. Tutto è iniziato in febbraio, quando una ex dipendente ha postato online i dettagli delle molestie sessuali ricevute e la mancanza di risposta della società. Da quel momento è stato un crescendo, con la causa di Google, il video-shock di Kalanick che insultava un autista di Uber, e l’adesione dell’amministratore delegato a uno dei comitati creati dal presidente Donald Trump che ha fatto nascere il movimento ‘#DeleteUber’.

Scandali che hanno suscitato i dubbi degli investitori sulla valutazione di Uber, alle prese con una crescente concorrenza, con la rivale Lyft che le sta mangiando quote di mercato. Secondo molti osservatori la lezione di Uber è un monito per la Silicon Valley, schiacciata dagli stessi problemi e dalle stesse accuse di sessismo e discriminazione.

Ultima ora

01:20Giovane pestato in discoteca a Jesolo, e’ in coma

VENEZIA - Un giovane veneziano di 24 anni è ricoverato in coma farmacologico all'ospedale di Mestre in seguito ad un pestaggio subito la notte di Ferragosto in una discoteca di Jesolo (Venezia). Lo riferisce il sito del 'Corriere del Veneto', spiegando che la vicenda è stata resa nota dai genitori del ragazzo, in una lettera denuncia. La vittima dell'aggressione si trova all'interno di un privé del locale, quando sarebbe stato avvicinato da uno sconosciuto, un giovane corpulento, che, probabilmente in stato di alterazione, che gli avrebbe gettato addosso una bevanda. Quando il 24enne ha reagito, secondo la ricostruzione della testata, l'altro gli si sarebbe lanciato contro, colpendolo con due pugni al volto.

00:29Champions: tecnico Nizza, Napoli è squadra quasi perfetta

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Giocare contro il Napoli è difficilissimo: è una squadra quasi perfetta, con pochissimi punti deboli. Abbiamo incontrato parecchie difficoltà". Così, dai microfoni di Premium, il tecnico del Nizza Lucien Favre dopo la sfida del San Paolo, per i play off della Champions. "Cosa possiamo fare per ribaltare il risultato? - dice ancora Favre - Dovremo fare un grosso lavoro, la chiave sarà il ritmo. Siamo in ritardo da questo punto di vista e colmare il gap sarà difficile".

00:25Basket:James contro Trump,’con lui odio va di nuovo di moda’

(ANSA) - SANDUSKY (USA), 16 AGO - Anche Lebron James, fenomeno del basket che anche in passato ha espresso le proprie opinioni politiche, appoggiando Barack Obama e diventando 'testimonial' nella campagna per Hillary Clinton, attacca il Presidente Donald Trump dopo gli scontri a Charlottesville durante una manifestazione di neonazisti e KKK e le dichiarazioni di Trump che ne sono seguite. Lo ha fatto prima con un tweet in cui ha spiegato che "l'odio è sempre esistito in America, e lo sappiamo bene, ma Donald Trump ha reso quell'odio nuovamente di moda. Le statue non c'entrano più nulla adesso". Poi la star Nba ha rincarato la dose nel corso di una manifestazione della sua fondazione benefica. "Ci sono tragici eventi che stanno accadendo - ha detto -. Voglio parlarne, perché ho questa occasione e sono una persona che può far sentire la propria voce: l'unico modo per migliorare come società e come persone è attraverso l'amore. E è così che riusciremo a conquistare qualcosa. Non c'entra quel tizio che dicono sia il presidente degli Usa".

00:18Champions: Sarri, fatto il meglio di ciò che possiamo ora

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Abbiamo fatto il meglio che possiamo in questo momento della stagione, ci manca un pizzico di lucidità sotto porta, siamo anche stati un po' sfortunati, con un palo e una traversa, però sono soddisfatto anche se potevamo fare di più negli ultimi dieci minuti". Al termine di Napoli-Nizza, Maurizio Sarri fa il bilancio della partita in cui i suoi hanno vinto per 2-0. "Non ci aspettavamo che loro giocassero a cinque - dice ancora - e nell'intervallo abbiamo fatto il 'riepilogo' di cosa facciamo quando ci troviamo di fronte una squadra schierata in questo modo. Così poi abbiamo 'economizzato' certi movimenti: prima avevamo speso troppo, ma ci siamo rimessi in ordine". Ma ora comincia anche il campionato e c'è il ritorno con il Nizza: sarà difficile gestire tre patite in sei giorni? "Non penso che in questo momento siano un problema insormontabile - risponde Sarri -, anzi ci può fare bene fare tre partite ufficiali. Milik? ha sbagliato un'occasione facile, ma non è entrato male e si è fatto trovare pronto".

00:13Champions: Mertens, il 2-0 è troppo poco

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Oggi era un match molto importante, lo abbiamo detto, la squadra ha giocato e ha dato tutto. Lo stadio pieno è bellissimo. Secondo me il 2-0 è troppo poco, non è male ma se rivediamo la partita credo sia troppo poco, anche se in ottica match di ritorno non è male". E' un Dries Mertens non felice al 100% quello che commenta 'a caldo' il successo del Napoli sul Nizza nel preliminare di Champions. "C'era molto spazio alla fine, avremo potuto fare di più per la squadra - dice ancora il belga, anche oggi a segno -. Sono rimasto qui perchè la squadra gioca un calcio molto bello e ci si possono togliere molte soddisfazioni. Qual è il mio vero ruolo? Io voglio giocare, e posso farlo con qualsiasi sistema. Nella nazionale del Belgio giochiamo con un modulo diverso, con due attaccanti dietro la prima punta".

23:23Champions: risultati andata ‘playoff’

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Risultati delle partite d'andata giocate oggi per i playoff di ammissione alla fase a gironi della Champions League: Napoli (Ita) - Nizza (Fra) 2-0 Basaksehir (Tur) - Siviglia (Spa) 1-2 Hapoel Beer-Sheva (Isr) - Maribor (Slo) 2-1 Celtic (Sco) - Astana (Kaz) 5-0 Olympiacos Pireo (Gre) - Rijeka (Cro) 2-1.

23:21Champions: play off, Napoli-Nizza 2-0

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Napoli-Nizza 2-0 nella partita d'andata dei play off per l'ammissione alla fase a gironi della Champions League. La partita di ritorno si giocherà fra sei giorni in Francia. Le reti del match di oggi sono state segnate da Mertens al 12' pt e Jorginho su rigore, molto contestato dai nizzardi al 25' st. Il Nizza ha concluso in nove per le espulsioni di Koziello e Plea.

Archivio Ultima ora