Tentazione Trump, cacciare il procuratore sul Russiagate

Pubblicato il 13 giugno 2017 da ansa

Il procuratore speciale Robert Mueller

NEW YORK. – “Non ho partecipato ad alcun incontro con i funzionari russi sulle elezioni presidenziali e non ricordo alcun incontro su questo tema con l’ambasciatore russo a Washington”: si difende così davanti al Congresso il ministro americano della giustizia Jeff Sessions, definendo le accuse di collusione “una bugia odiosa e sconcertante”. Sessions ha quindi affermato di non essere a conoscenza di collusioni tra la Russia e la campagna elettorale di Donald Trump e ha affermato con forza che nessuno dalla Casa Bianca gli ha mai chiesto di fare cose illegali.

Intanto l’ultima clamorosa tentazione di Donald Trump: dopo il licenziamento shock del capo dell’Fbi James Comey, il presidente americano nelle ultime ore starebbe meditando di silurare anche il procuratore speciale Robert Mueller, colui che ha ereditato il coordinamento delle indagini sui possibili legami tra il tycoon e Mosca. Una mossa potenzialmente esplosiva dunque, dalle conseguenze inimmaginabili e che avvicinerebbe sempre più il Russiagate al Watergate.

Impossibile infatti non fare il parallelo con lo storico ‘Saturday Night Massacre’ dell’ottobre 1973, quando Richard Nixon ordinò di cacciare via il procuratore speciale Archbald Cox che indagava sullo scandalo che alla fine travolse il presidente. L’ipotesi di un affondo di Trump contro Mueller – trapelata nel giorno dell”attesissima testimonianza davanti al Congresso del ministro della giustizia Jeff Sessions – è stata tirata in ballo da un amico di vecchia data del tycoon: Christopher Ruddy, Ceo di Newsmax Media, pubblicazione conservatrice vicina al presidente americano come lo è il magazine online Breitbart di Steve Bannon.

Ruddy, in una intervista alla Pbs, ha raccontato di essere stato alla Casa Bianca nelle ultime ore e di aver appreso come l’allontanamento di Mueller sia una delle opzioni sulla scrivania dello Studio Ovale. Una possibilità che nell’entourage di Trump non confermano, ma nemmeno smentiscono seccamente, con la portavoce Sarah Sanders che si limita a constatare come Ruddy non abbia incontrato il presidente e parli a titolo personale.

Ma si sa che Donald Trump non è nuovo a sparate clamorose nei momenti di maggior frustrazione e rabbia, sempre più frequenti col passare dei giorni alla Casa Bianca. E così la maggior parte dei commentatori osserva come non sarebbe una sorpresa se il presidente parlando con i suoi avesse lanciato pesanti strali su Mueller, fino a evocare un suo allontanamento. Che poi passi dalle parole ai fatti è tutto da vedere.

Verità o ‘bufala’, intanto, si è già alzato un coro di ‘no’ a tale ipotesi, anche da parte di molti esponenti del partito repubblicano. ”Sarebbe un disastro. Non c’è ragione di licenziare Mueller”, ha detto il senatore Lindsey Graham. Anche per lo speaker della Camera Paul Ryan il presidente deve lasciare che il procuratore speciale prosegua serenamente nel suo lavoro investigativo.

Levata di scudi anche da parte del viceministro della giustizia Rod Rosenstein: dovrebbe essere lui eventualmente a dare il ben servito a Mueller, visto che il ministro Sessions si è tirato indietro dalle indagini del Russiagate. Ma, sentito in Congresso, Rosenstein è stato chiaro: “Non c’è nessuna buona ragione per licenziare il procuratore speciale. E io non eseguo ordini del presidente Trump che non siano legali e appropriati”. Insomma a questo punto la Casa Bianca – volesse davvero andare fino in fondo su Mueller – dovrebbe licenziare anche il viceministro.

Nel frattempo repubblicani e democratici in Senato hanno raggiunto l’accordo per un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia. L’intesa prevede un rafforzamento delle misure attuali e ne impone di nuove sui soggetti coinvolti in abusi nel campo dei diritti umani e su quelli che stanno fornendo armi al governo del presidente siriano Bashar al-Assad.

Le sanzioni dovrebbero inoltre colpire i responsabili di cyber-crimini per conto del governo di Mosca. “I rapporti fra gli Stati Uniti e la Russia sono a un minimo storico e si stanno deteriorando ulteriormente”, ha ammesso il segretario di stato Usa Rex Tillerson. “Stiamo seguendo attentamente la situazione”, è invece il commento da Mosca del portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora