Tentazione Trump, cacciare il procuratore sul Russiagate

Pubblicato il 13 giugno 2017 da ansa

Il procuratore speciale Robert Mueller

NEW YORK. – “Non ho partecipato ad alcun incontro con i funzionari russi sulle elezioni presidenziali e non ricordo alcun incontro su questo tema con l’ambasciatore russo a Washington”: si difende così davanti al Congresso il ministro americano della giustizia Jeff Sessions, definendo le accuse di collusione “una bugia odiosa e sconcertante”. Sessions ha quindi affermato di non essere a conoscenza di collusioni tra la Russia e la campagna elettorale di Donald Trump e ha affermato con forza che nessuno dalla Casa Bianca gli ha mai chiesto di fare cose illegali.

Intanto l’ultima clamorosa tentazione di Donald Trump: dopo il licenziamento shock del capo dell’Fbi James Comey, il presidente americano nelle ultime ore starebbe meditando di silurare anche il procuratore speciale Robert Mueller, colui che ha ereditato il coordinamento delle indagini sui possibili legami tra il tycoon e Mosca. Una mossa potenzialmente esplosiva dunque, dalle conseguenze inimmaginabili e che avvicinerebbe sempre più il Russiagate al Watergate.

Impossibile infatti non fare il parallelo con lo storico ‘Saturday Night Massacre’ dell’ottobre 1973, quando Richard Nixon ordinò di cacciare via il procuratore speciale Archbald Cox che indagava sullo scandalo che alla fine travolse il presidente. L’ipotesi di un affondo di Trump contro Mueller – trapelata nel giorno dell”attesissima testimonianza davanti al Congresso del ministro della giustizia Jeff Sessions – è stata tirata in ballo da un amico di vecchia data del tycoon: Christopher Ruddy, Ceo di Newsmax Media, pubblicazione conservatrice vicina al presidente americano come lo è il magazine online Breitbart di Steve Bannon.

Ruddy, in una intervista alla Pbs, ha raccontato di essere stato alla Casa Bianca nelle ultime ore e di aver appreso come l’allontanamento di Mueller sia una delle opzioni sulla scrivania dello Studio Ovale. Una possibilità che nell’entourage di Trump non confermano, ma nemmeno smentiscono seccamente, con la portavoce Sarah Sanders che si limita a constatare come Ruddy non abbia incontrato il presidente e parli a titolo personale.

Ma si sa che Donald Trump non è nuovo a sparate clamorose nei momenti di maggior frustrazione e rabbia, sempre più frequenti col passare dei giorni alla Casa Bianca. E così la maggior parte dei commentatori osserva come non sarebbe una sorpresa se il presidente parlando con i suoi avesse lanciato pesanti strali su Mueller, fino a evocare un suo allontanamento. Che poi passi dalle parole ai fatti è tutto da vedere.

Verità o ‘bufala’, intanto, si è già alzato un coro di ‘no’ a tale ipotesi, anche da parte di molti esponenti del partito repubblicano. ”Sarebbe un disastro. Non c’è ragione di licenziare Mueller”, ha detto il senatore Lindsey Graham. Anche per lo speaker della Camera Paul Ryan il presidente deve lasciare che il procuratore speciale prosegua serenamente nel suo lavoro investigativo.

Levata di scudi anche da parte del viceministro della giustizia Rod Rosenstein: dovrebbe essere lui eventualmente a dare il ben servito a Mueller, visto che il ministro Sessions si è tirato indietro dalle indagini del Russiagate. Ma, sentito in Congresso, Rosenstein è stato chiaro: “Non c’è nessuna buona ragione per licenziare il procuratore speciale. E io non eseguo ordini del presidente Trump che non siano legali e appropriati”. Insomma a questo punto la Casa Bianca – volesse davvero andare fino in fondo su Mueller – dovrebbe licenziare anche il viceministro.

Nel frattempo repubblicani e democratici in Senato hanno raggiunto l’accordo per un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia. L’intesa prevede un rafforzamento delle misure attuali e ne impone di nuove sui soggetti coinvolti in abusi nel campo dei diritti umani e su quelli che stanno fornendo armi al governo del presidente siriano Bashar al-Assad.

Le sanzioni dovrebbero inoltre colpire i responsabili di cyber-crimini per conto del governo di Mosca. “I rapporti fra gli Stati Uniti e la Russia sono a un minimo storico e si stanno deteriorando ulteriormente”, ha ammesso il segretario di stato Usa Rex Tillerson. “Stiamo seguendo attentamente la situazione”, è invece il commento da Mosca del portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

23:57Calcio: Montella, reso facile gara con mentalità vincente

(ANSA) - MILANO, 17 AGO - ''Missione compiuta? Il 6-0 è certamente un grande risultato, bravi i ragazzi che l'hanno resa facile con approccio e mentalità. Abbiamo avuto qualche pausa iniziale su cui lavoreremo ma sono soddisfatto''. Così Vincenzo Montella commenta la vittoria del Milan per 6-0 con lo Shkendija che ha ipotecato il passaggio del turno alla fase ai gironi di Europa League. ''André Silva - il parere di Montella - può ancora migliorare moltissimo, Montolivo meritava il gol. Peccato per Bonaventura, c'è apprensione visto che è reduce dal brutto infortunio dell'anno scorso''. Montella chiosa sugli obiettivi ("Vogliamo arrivare nelle prime quattro") e sulla trattativa per Kalinic: ''Sul mercato non siamo mai sazi''.

23:08Calcio: Europa League, Milan-Shkendija 6-0

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Milan ha battuto 6-0 (3-0) la formazione macedone dello Shkendija nel match di andata dei playoff di Europa League. In gol per i rossoneri Andre' Silva al 13' pt e al 28' st, Montolivo (25' pt e 40' st), Borini al 22' st e Antonelli al 23' st. Per il Milan la qualificazione è in cassaforte.

22:02Isis rivendica attacco Barcellona

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - L'Isis ha rivendicato l'attentato di Barcellona attraverso la sua 'agenzia' Amaq, definendo gli attentatori "soldati dello Stato islamico". Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.

21:35Basket: bagno di folla al raduno della Openjobmetis Varese

(ANSA) - VARESE, 17 AGO - Bagno di folla per la Openjobmetis Varese, che si è radunata nel pomeriggio di oggi e domani sarà a Chiavenna per l'inizio della preparazione in vista del prossimo campionato. Come è tradizione ormai da qualche anno, la squadra varesina si presenta al palasport per ricevere l'abbraccio dei suoi tifosi, sempre molto presenti (oggi qualche centinaio a chiedere autografi e a scattare fotografie) in particolare nella sottoscrizione degli abbonamenti (quasi raggiunta quota duemila tessere). Presenti oggi al raduno tutti i giocatori in organico, fatta eccezione per il pivot Norvel Pelle, impegnato in questi giorni con la Nazionale liberiana, uno dei tre confermati (gli altri sono il capitano Giancarlo Ferrero e Aleksa Avramovic). La squadra varesina resterà per una decina di giorni ad allenarsi a Chiavenna, dove il 26 agosto sosterrà il primo test stagionale con gli svizzeri della Sam Massagno.

21:31Barcellona: Minniti convoca il Casa

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, dopo i tragici fatti di Barcellona, ha convocato una riunione straordinaria del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (CASA) per domani, 18 agosto alle ore 11.00 al Viminale, alla presenza dei vertici delle Forze di polizia e dei Servizi di Intelligence.

21:29Barcellona: Papa prega per vittime

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Papa Francesco ha appreso con "grande preoccupazione quanto sta accadendo a Barcellona. Il Papa prega per le vittime di questo attentato e desidera esprimere la sua vicinanza a tutto il popolo spagnolo, in particolare ai feriti ed alle famiglie delle vittime". Lo afferma il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke.

21:08Raduno “famiglia Arcobaleno”, decimo intervento di soccorso

(ANSA) - TRAMONTI DI SOPRA (PORDENONE) , 17 AGO - Decimo intervento di emergenza al "Raduno europeo della famiglia Arcobaleno" che si concluderà domenica a Tramonti di Sopra (Pordenone). La manifestazione è iniziata lo scorso 22 luglio e si svolge in una radura a quota 1.200 metri, ad alcune ore di cammino a piedi dal primo paese. Oggi i tecnici del Soccorso Alpino di Maniago (Pordenone) e l'elicottero della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia sono intervenuti per portare in ospedale una donna affetta da un'infezione che le procurava uno stato febbrile preoccupante. Nei giorni scorsi, il raduno era stato funestato da due tragedie: un uomo belga di 41 anni era stato colpito da un albero durante un nubifragio ed era morto sotto gli occhi della compagna e della figlia di lei, di soli 4 anni. Lunedì scorso la seconda vittima: un uomo di 40 anni di Montereale Valcellina (Pordenone) ha accusato un malore fatale lungo il sentiero che conduce in quota.

Archivio Ultima ora