Papa: “Ricchezza sfacciata di pochi porta illegalità”

Pubblicato il 13 giugno 2017 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – E’ durissima la condanna che fa il Papa della “ricchezza sfacciata che si accumula nelle mani di pochi privilegiati, e spesso si accompagna all’illegalità e allo sfruttamento” e dello “scandalo” dell’estendersi della “povertà a grandi settori della società in tutto il mondo”. Ma non c’è solo la condanna: “dinanzi a questo scenario, – dice papa Francesco nel messaggio per la I Giornata mondiale dei poveri, in calendario per il 19 novembre – non si può restare inerti e tanto meno rassegnati”.

C’è dunque nel documento, l’invito a “cambiare la storia”, cambiare i fatti, facendosi carico del “grido dei poveri” – “Non amiamo a parole ma con i fatti” è il titolo del messaggio presentato in Vaticano – e soprattutto di farlo non da soli, ma tutti insieme. Tutti i cristiani, ma anche quanti, di altre o di nessuna religione, si vogliono opporre alla “cultura dello scarto” e “favorire la cultura dell’incontro”. Una idea fortemente innovativa è la istituzione di una Giornata mondiale dei poveri da celebrare ogni anno, sul modello di quelle che la Chiesa dedica alla gioventù, o alle famiglie, o ai malati.

La Giornata, e la mobilitazione che papa Bergoglio vuole suscitare, connotano fortemente il pontificato, nel quale la povertà è anche categoria teologica. Tutta da valutare la capacità sia della Chiesa che della società di comprendere e vivere appieno un tale cambiamento di prospettive sociali e di stili di vita. E la capacità dei media di raccontare eventi che tanto poco somigliano agli eventi considerati tali dalla società dei consumi e dei social.

Il Papa afferma con chiarezza che “ascoltare il grido dei poveri” non significa vederli come “destinatari di una buona pratica di volontariato” o di gesti per “metterci in pace la coscienza”. Ascoltare il loro grido significa “offrire il nostro contributo efficace per il cambiamento della storia, generando vero sviluppo” e sollevando i poveri “dalla loro condizione di emarginazione”.

Papa Francesco chiede di agire di fronte “alla povertà che inibisce lo spirito di iniziativa di tanti giovani, impedendo loro di trovare un lavoro; alla povertà che anestetizza il senso di responsabilità inducendo a preferire la delega e la ricerca di favoritismi; alla povertà che avvelena i pozzi della partecipazione e restringe gli spazi della professionalità umiliando così il merito di chi lavora e produce”.

L’invito è rivolto a tutti, indipendentemente dall’appartenenza religiosa, perché si aprano alla condivisione con i poveri in ogni forma di solidarietà, come segno concreto di fratellanza. Bergoglio indica i “mille volti” dei poveri, “segnati dal dolore, dall’emarginazione, dal sopruso, dalla violenza, dalle torture e dalla prigionia, dalla guerra, dalla privazione della libertà e della dignità, dall’ignoranza e dall’analfabetismo, dall’emergenza sanitaria e dalla mancanza di lavoro, dalle tratte e dalle schiavitù, dall’esilio e dalla miseria, dalla migrazione forzata”.

“La povertà – ricorda il Pontefice – ha il volto di donne, di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro. Quale elenco impietoso e mai completo si è costretti a comporre dinanzi alla povertà frutto dell’ingiustizia sociale, della miseria morale, dell’avidità di pochi e dell’indifferenza generalizzata!”.

Tra le richieste concrete a singoli e comunità c’è quella di invitare i poveri a mangiare nelle proprie case; il Papa farò lo stesso, il 19 novembre, pranzando con 500 poveri in Vaticano.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

00:45Georgia: hotel in fiamme a Batumi, almeno 12 morti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - E' di almeno 12 morti il bilancio di un incendio divampato in un hotel a Batumi, cittadina della Georgia che si affaccia sul Mar Nero. Lo scrivono i media russi citando il ministero dell'Interno georgiano. "In base alle nostre informazioni, 12 persone hanno perso la vita nell'incendio e sono state tutte identificate", ha precisato la stessa fonte, aggiungendo che oltre 100 persone sono state evacuate dalla struttura in fiamme. Un'inchiesta è stata aperta per chiarire le cause del rogo. (ANSA)

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

Archivio Ultima ora