Ancora un intervento dell’on. Fabio Porta sui pensionati italiani rientrati in Italia dal Venezuela

Pubblicato il 14 giugno 2017 da redazione

L’on. Fabio Porta e ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano

ROMA – Il deputato eletto per il Pd nella ripartizione America meridionale Fabio Porta, presidente del Comitato per gli italiani all’estero e la promozione del sistema Paese della Camera dei deputati, richiama l’attenzione sulla difficile situazione dei pensionati italiani rientrati in Italia dal Venezuela ai quali da più di un anno – rileva in una sua nota diffusa in proposito – il Paese sud americano ha sospeso il pagamento delle pensioni.

“Continuo a ricevere segnalazioni da persone anziane disperate perché non hanno i soldi per sopravvivere e perché l’Italia si rifiuta di riconoscere il loro stato e di concedere le prestazioni assistenziali – scrive Porta, ricordando di aver presentato nei mesi scorsi un’interrogazione parlamentare in merito e aver contattato numerose autorità.

L’esponente democratico segnala di aver scritto in questi giorni anche al vice ministro agli Esteri, Mario Giro, per “sollecitare una iniziativa del Governo”.

“Al vice ministro ho spiegato nella mia lettera l’urgenza di un intervento risolutivo. L’ho innanzitutto ringraziato per essersi dimostrato molto sensibile al problema dei pensionati italiani residenti in Venezuela contribuendo con il suo intervento in maniera determinante al ripristino del pagamento delle loro prestazioni non contributive (trattamento minimo e maggiorazioni sociali) con l’introduzione dell’utilizzo del cambio DICOM ai fini valutari. Gli ho chiesto quindi – prosegue Porta – di valutare altresì l’opportunità di aiutare i nostri connazionali rientrati in Italia dal Venezuela che non sono molti, meno di 1.000.

Cosa si può fare? Ho premesso di essere consapevole della difficoltà di convincere le autorità competenti venezuelane a ripristinare i pagamenti delle pensioni venezuelane all’estero (in tutto il mondo si calcola che siano quasi 25.000 le pensioni sospese) e così a rispettare anche i dettami della Convenzione bilaterale di sicurezza sociale stipulata con l’Italia (che prevede l’esportabilità delle prestazioni), ma ho sottolineato di ritenere giusto e necessario valutare l’opportunità di concedere ai titolari di pensione in convenzione con il Venezuela residenti in Italia che non percepiscono più il pro-rata venezuelano, un’eventuale integrazione al minimo sul pro-rata pensionistico italiano comprensivo delle maggiorazioni sociali, o l’assegno sociale se ne ricorrono i presupposti (visto che molti di loro non hanno alcun reddito), per consentire loro di percepire un reddito minimo di sopravvivenza”.

“Giova sottolineare che visto l’esiguo numero degli interessati i costi di un intervento statale sarebbero assolutamente sostenibili – ricorda Porta, menzionando quale ostacolo da superare il fatto che l’Inps “continua a prendere in considerazione ai fini della concessione e del calcolo delle prestazioni non contributive il pro-rata venezuelano che sappiamo invece essere puramente teorico e non reale (nel senso che all’Inps risulta riconosciuto dal Venezuela ancorché non pagato)”.

L’esponente democratico chiede pertanto che il Ministero del Lavoro o lo stesso Istituto previdenziale italiano riconoscano, anche attraverso una “delibera”, la situazione di fatto, oppure che si valuti la possibilità di applicare “il sistema del cambio DICOM, come è stato fatto per i pensionati italiani residenti in Venezuela, anche per le pensioni venezuelane (non) erogate in Italia in modo che gli importi delle stesse risultino più bassi per consentire così la concessione delle integrazioni e delle maggiorazioni sul pro-rata italiano”.

Per Porta si tratta dunque di un problema “risolvibile efficacemente e rapidamente” con “sensibilità e volontà politica”. “Ora – conclude – attendo una risposta positiva del vice ministro e comunque continuerò a monitorare il problema sensibilizzando tutte le autorità competenti”.

Ultima ora

19:25Calcio: Parma, Crespo vicepresidente

(ANSA) - Parma, 28 LUG - Hernan Crespo vice presidente del Parma, di cui è stato bandiera come giocatore. "La Società Parma Calcio 1913 comunica, in seguito al CdA che si è svolto questo pomeriggio - spiega una nota -, di aver conferito la nomina di Vicepresidente a Hernan Crespo, indimenticato crociato del secolo, e al parmigiano Giacomo Malmesi, avvocato e socio fondatore di Nuovo Inizio S.r.l.. Crespo e Malmesi, ricopriranno il ruolo rivestito fino al termine della scorsa stagione da Marco Ferrari - che resta azionista di Nuovo Inizio S.r.l. - al quale la società crociata rinnova il ringraziamento per l'eccellente lavoro svolto".

19:18Golf: Romano vince l’English boys U18 open

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Nuovo successo del golf italiano in campo internazionale in una stagione che si colora sempre più di azzurro: Andrea Romano ha vinto l'English Boys U18 Open Amateur Stroke Play Championship/The Carris Trophy al West Sussex Golf Club (par 68) di Pulborough in Inghilterra. Dopo aver concluso il torneo con 264 (64 72 63 65, -8) colpi alla pari con il francese Jean Bekirian (264 - 65 68 65 66), Romano ha poi conquistato il titolo con un birdie alla prima buca di spareggio. E' stato un autentico trionfo italiano per la presenza di altri tre azzurri nelle prime sette posizioni e per il primo posto nella Nations Cup. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022 e Direttore Tecnico del settore professionisti e dilettanti FIG si è complimentato con lui: ''Un giovane in grande crescita che, vinto il Campionato Nazionale Ragazzi, si è ora confermato a livello internazionale.

19:17Corea Nord: Tokyo, missile intercontinentale

(ANSA) - PECHINO, 28 LUG - Il missile balistico lanciato in piena notte dalla Corea del Nord ha le caratteristiche del tipo intercontinentale (Icbm): lo riferisce l'agenzia Kyodo citando fonti del governo di Tokyo. Il vettore, ha affermato invece, il premier Shinzo Abe, sarebbe caduto nella zona economica esclusiva nipponica nel mar del Giappone dopo un volo di 45 minuti circa, secondo il portavoce del governo, Yoshihide Suga. Anche Tokyo, come la Corea del Sud, ha convocato il Consiglio sulla sicurezza nazionale.

19:16Sisma Emilia: verso dimezzamento comuni del cratere

(ANSA) - BOLOGNA, 28 LUG - Si dimezza il "cratere sismico" in Emilia, l'area colpita dai terremoti del 2012: 5 anni dopo, per 29 comuni su 59 la ricostruzione è terminata o in avanzamento molto elevato, tanto da essere compatibile con le procedure ordinarie degli Enti locali. Nei restanti 30 comuni le problematiche rimangono consistenti e di una certa complessità. E' l'esito dell'analisi dei lavori al 30 giugno, compiuta nel Comitato istituzionale per il terremoto riunito oggi con i sindaci dei comuni colpiti, il presidente della Regione e commissario Stefano Bonaccini e l'assessore alla ricostruzione, Palma Costi. La proposta di dimezzamento dovrà essere vagliata dal Governo, assieme alle richieste di inserire nella legge di stabilità 2018 la proroga di 2 anni (al 31 dicembre 2020) dello stato di emergenza, risorse per la ricostruzione pubblica (le stime parlano di 350 mln ancora necessari), la proroga dell'autorizzazione per il personale, la sospensione mutui degli Enti locali colpiti e i lavoratori interinali.

19:13Terremoto: Pirozzi, Amatrice chiusa alla stampa il 24 agosto

(ANSA) - RIETI, 28 LUG -"Non darò a nessun giornalista l'autorizzazione ad entrare ad Amatrice la notte tra il 23 e il 24 agosto: non vogliamo che venga fatta spettacolarizzazione del nostro dolore. Il 24 agosto sarà il giorno del silenzio". È quanto ha ribadito, come era già avvenuto nei giorni scorsi, il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, parlando ai microfoni della radio di sevizio del comune reatino colpito dal sisma della scorsa estate.(ANSA).

19:13Libia: martedì governo riferisce a commissioni parlamentari

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Martedì 1° agosto, alle ore 13 nella sala del Mappamondo, si riuniranno le commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato per comunicazioni del Governo sull'evoluzione della situazione in Libia. L'appuntamento sarà trasmesso in diretta webtv. E' quanto si legge in una nota di Montecitorio.

19:09Libia: missione italiana, nave parte per ricognizione

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Un pattugliatore della Marina militare italiana è in partenza per le acque antistanti la Libia dove farà una ricognizione finalizzata a mettere a punto nei dettagli, in base alle richieste e alle esigenze delle autorità libiche, la missione di supporto alla Guardia costiera di Tripoli che ha ricevuto oggi il via libera del Consiglio dei Ministri. Il sopralluogo sarà concluso entro martedì quando la delibera del Cdm sarà sottoposta al Parlamento. Avrà dimensioni più ridotte di quanto ipotizzato finora la missione navale italiana di supporto alla Guardia costiera libica nel contrasto ai trafficanti di esseri umani: secondo quanto si apprende,in una prima fase dovrebbero essere mobilitate non più di una o due navi, con relativi elicotteri imbarcati, e non le 5 che costituiscono l'attuale dispositivo dell'operazione Mare sicuro (da cui le unità verranno tratte). La decisione finale sarà presa, d'intesa con Tripoli, all'esito della ricognizione che un pattugliatore della Marina effettuerà nell'area.

Archivio Ultima ora