Ancora un intervento dell’on. Fabio Porta sui pensionati italiani rientrati in Italia dal Venezuela

Pubblicato il 14 giugno 2017 da redazione

L’on. Fabio Porta e ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano

ROMA – Il deputato eletto per il Pd nella ripartizione America meridionale Fabio Porta, presidente del Comitato per gli italiani all’estero e la promozione del sistema Paese della Camera dei deputati, richiama l’attenzione sulla difficile situazione dei pensionati italiani rientrati in Italia dal Venezuela ai quali da più di un anno – rileva in una sua nota diffusa in proposito – il Paese sud americano ha sospeso il pagamento delle pensioni.

“Continuo a ricevere segnalazioni da persone anziane disperate perché non hanno i soldi per sopravvivere e perché l’Italia si rifiuta di riconoscere il loro stato e di concedere le prestazioni assistenziali – scrive Porta, ricordando di aver presentato nei mesi scorsi un’interrogazione parlamentare in merito e aver contattato numerose autorità.

L’esponente democratico segnala di aver scritto in questi giorni anche al vice ministro agli Esteri, Mario Giro, per “sollecitare una iniziativa del Governo”.

“Al vice ministro ho spiegato nella mia lettera l’urgenza di un intervento risolutivo. L’ho innanzitutto ringraziato per essersi dimostrato molto sensibile al problema dei pensionati italiani residenti in Venezuela contribuendo con il suo intervento in maniera determinante al ripristino del pagamento delle loro prestazioni non contributive (trattamento minimo e maggiorazioni sociali) con l’introduzione dell’utilizzo del cambio DICOM ai fini valutari. Gli ho chiesto quindi – prosegue Porta – di valutare altresì l’opportunità di aiutare i nostri connazionali rientrati in Italia dal Venezuela che non sono molti, meno di 1.000.

Cosa si può fare? Ho premesso di essere consapevole della difficoltà di convincere le autorità competenti venezuelane a ripristinare i pagamenti delle pensioni venezuelane all’estero (in tutto il mondo si calcola che siano quasi 25.000 le pensioni sospese) e così a rispettare anche i dettami della Convenzione bilaterale di sicurezza sociale stipulata con l’Italia (che prevede l’esportabilità delle prestazioni), ma ho sottolineato di ritenere giusto e necessario valutare l’opportunità di concedere ai titolari di pensione in convenzione con il Venezuela residenti in Italia che non percepiscono più il pro-rata venezuelano, un’eventuale integrazione al minimo sul pro-rata pensionistico italiano comprensivo delle maggiorazioni sociali, o l’assegno sociale se ne ricorrono i presupposti (visto che molti di loro non hanno alcun reddito), per consentire loro di percepire un reddito minimo di sopravvivenza”.

“Giova sottolineare che visto l’esiguo numero degli interessati i costi di un intervento statale sarebbero assolutamente sostenibili – ricorda Porta, menzionando quale ostacolo da superare il fatto che l’Inps “continua a prendere in considerazione ai fini della concessione e del calcolo delle prestazioni non contributive il pro-rata venezuelano che sappiamo invece essere puramente teorico e non reale (nel senso che all’Inps risulta riconosciuto dal Venezuela ancorché non pagato)”.

L’esponente democratico chiede pertanto che il Ministero del Lavoro o lo stesso Istituto previdenziale italiano riconoscano, anche attraverso una “delibera”, la situazione di fatto, oppure che si valuti la possibilità di applicare “il sistema del cambio DICOM, come è stato fatto per i pensionati italiani residenti in Venezuela, anche per le pensioni venezuelane (non) erogate in Italia in modo che gli importi delle stesse risultino più bassi per consentire così la concessione delle integrazioni e delle maggiorazioni sul pro-rata italiano”.

Per Porta si tratta dunque di un problema “risolvibile efficacemente e rapidamente” con “sensibilità e volontà politica”. “Ora – conclude – attendo una risposta positiva del vice ministro e comunque continuerò a monitorare il problema sensibilizzando tutte le autorità competenti”.

Ultima ora

21:05Calcio: De Biasi riparte dalla Liga, ad un passo dall’Alaves

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Gianni De Biasi sarà il nuovo allenatore dell'Alaves, ultima in classifica nella Liga spagnola e che ha appena esonerato Luis Zubeldía. Stando alla stampa locale, la società avrebbe trovato l'accordo con l'ex ct dell'Albania, che vanta già un'esperienza nel campionato spagnolo (ha allenato il Levante nel 2007-2008). Il 61enne tecnico trevigiano risponde al profilo che il club sta cercando: di nazionalità europea, non spagnolo, con esperienza nella Liga e attualmente senza contratto. Dopo aver allenato, tra le altre, Torino, Brescia e Udinese, De Biasi ha vissuto il suo miglior periodo come allenatore sulla panchina dell'Albania, portata ad una storica qualificazione all'Europeo in Francia. Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, il contratto di De Biasi vale fino alla fine della stagione, con opzione per l'anno successivo. L'Alaves dovrebbe ufficializzare il suo arrivo nelle prossime ore.

20:59Istruzione: in Serbia Forum Cina-16 Paesi est Europa

(ANSAmed) - BELGRADO, 21 SET - La collaborazione e le politiche nel campo dell'istruzione sono al centro di un incontro di due giorni apertosi oggi a Novi Sad, nel nord della Serbia, fra i rappresentanti di Cina e di 16 Paesi dell'Europa centro-orientale e balcanica. Alla conferenza, che si tiene all'Università del capoluogo della Voivodina, sono intervenuti la premier serba, Ana Brnabic, e il ministro dell'istruzione, Mladen Sarcevic, unitamente ai rappresentanti cinese e degli altri Paesi partecipanti. L'iniziativa '16+1' e' stata avviata negli anni scorsi dalla Cina con l'obiettivo di intensificare i rapporti con i Paesi dell'Europa centrorientale e balcanica. Nei giorni scorsi in Montenegro, nell'ambito di tale formato, si è tenuto un Forum tra i sindaci di Pechino e delle capitali dei 16 Paesi interessati. (ANSAmed).

20:38Iraq: autorità curde confermano referendum 25 settembre

(ANSA) - BEIRUT, 21 SET - Le autorità della regione autonoma del Kurdistan, in Iraq, hanno annunciato che il referendum sull'indipendenza, che pure ha valore consultivo, si svolgerà come previsto il 25 settembre, nonostante la Corte suprema di Baghdad abbia disposto la sospensione della consultazione in attesa di stabilirne la costituzionalità. Il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, ha detto che le trattative col governo federale continueranno anche dopo il referendum, e che l'indipendenza potrebbe essere dichiarata tra due anni. L'Alto consiglio per il referendum, presieduto da Barzani, ha detto che le operazioni di voto si svolgeranno alla data prevista, dopo che nei negoziati delle ultime settimane con il governo centrale di Baghdad, "nessuna alternativa è stata offerta al posto del referendum e a garanzia dell'indipendenza". "Siamo pronti a cominciare un dialogo serio, cordiale e sincero con Baghdad e la comunità internazionale dopo il referendum", ha detto Barzani in un comizio a migliaia di sostenitori.

20:37Corea Nord: Ue verso nuove sanzioni, bozza d’accordo

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - L'Ue va verso l'adozione di nuove sanzioni nei confronti della Corea del Nord. E' quanto si apprende da fonti europee. I 28 hanno raggiunto una bozza di accordo anche se manca ancora una formalizzazione che, secondo le previsioni, potrebbe arrivare alla prossima riunione del Consiglio Affari Esteri, in agenda il 16 ottobre.

20:33Decreto Trump per tagliare fondi a Corea del Nord

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Il presidente americano Donald Trump ha annunciato un decreto per tagliare ulteriormente i fondi alla Corea del Nord, prendendo di mira le società finanziarie e le persone che fanno affari con Pyongayang. Un sostegno finanziario che Trump, parlando al Palazzo di Vetro dell'Onu, ha definito "inaccettabile".

20:30Messico: a 250 morti nuovo bilancio terremoto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - E' di 250 morti il bilancio del terremoto dello scorso martedì in Messico: 115 persone hanno perso la vita a Città del Messico, l'area più colpita dalla scossa, ha reso noto Televisa. Le altre persone sono decedute negli stati di Morelos (73), Puebla (43), Messico (13), Guerrero (5), Oaxaca (1). Il responsabile della protezione civile, Luis Felipe Puente, ha sottolineato che "secondo stime preliminari il numero degli edifici danneggiati oscilla tra 200, 500 o mille: dobbiamo ancora accertare il dato definitivo".

19:55Calcio: Andrea Bocelli ospite nella sede dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Un ospite speciale per l'Inter oggi negli uffici della sede del club nerazzurro: Andrea Bocelli ha incontrato il vicepresidente Javier Zanetti e l'ad Alessandro Antonello. Il grande tenore italiano, noto tifoso dell'Inter, ha visitato la sala delle Coppe del club, indossando la maglia personalizzata numero 5, regalata per l'occasione dai dirigenti nerazzurri. Bocelli a sfiorato i trofei conquistati in passato dall'Inter, sollevando anche la Coppa della Champions League e la Coppa Intercontinentale.

Archivio Ultima ora