Migranti: in cinque anni triplicati i minori soli under 14

Pubblicato il 14 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Tra i minori stranieri non accompagnati da adulti che arrivano in Italia, per lo più attraversando il Mediterraneo su pericolose imbarcazioni, ci sono sempre più bambini e ragazzine. In cinque anni, dal 2011 al 2016, è triplicato il numero di under 14 e quadruplicato quello delle ragazze, anche giovanissime, in un sistema di accoglienza e protezione insufficiente.

E’ quanto emerge dal primo “Atlante dei Minori Stranieri non Accompagnati in Italia” di Save the Children, diffuso oggi in vista della Giornata Mondiale del Rifugiato 2017, e che racchiude i dati, le storie e le mappe dei loro percorsi in Italia attraverso un periodo di sei anni a partire dalle “Primavere arabe” del 2011. Tra gennaio 2011 e dicembre 2016 sono sbarcati in Italia 62.672 minori soli, provenienti principalmente da Eritrea, Egitto, Gambia, Somalia, Nigeria e Siria.

Il loro numero è cresciuto di sei volte tra il 2011 (4.209) e il 2016 (25.846) e mentre la loro percentuale sul totale degli arrivi era il 6% nel 2011, l’anno scorso ben 1 migrante su 6 sbarcato sulle nostre coste era un minore solo. Anche se l’81% di questi minori presenti a fine 2016 nelle strutture di accoglienza aveva tra i 16 e i 18 anni, si è assistito a un aumento progressivo della presenza di bambini nella fascia 0-14 anni, passati da 698 nel 2012 a 2.050 nel 2016.

Rispetto al genere, il numero complessivo delle minori sole accolte nel Paese si è quadruplicato tra il 2012 e il 2016, passando da 440 a 1.832. Una specifica vulnerabilità riguarda i cosiddetti minori “invisibili”, che avendo come meta altri Paesi europei si rendono irreperibili al sistema di accoglienza e si riaffidano ai trafficanti, correndo gravissimi rischi. Una situazione che tra il 2011 e il 2016 ha riguardato, secondo Save the Children, la quasi totalità dei 22.586 minori soli di origine eritrea (11.251), somala (5.618), siriana (2.927) e afghana (2.790) sbarcati in Italia.

I dati delle strutture di accoglienza a fine 2016 registrano un totale di 6.561 ‘scomparsi’, in prevalenza eritrei, somali o egiziani. Questi minori ‘invisibili’ si ammassano prima a Roma e Milano, città di transito, e poi ai valichi di frontiera nel nord Italia; nella sola capitale, nel 2016, gli operatori di Save the Children hanno contattato 2.471 minori in transito verso nord, di età compresa fra 10 e 17 anni.

La maggior parte dei minori soli fa il suo ingresso in Italia nelle regioni del Sud: nel 2016 in Sicilia ne sono sbarcati 17.177, 4.752 in Calabria, 1.841 in Puglia, 1.800 in Sardegna e 276 in Campania. Dopo lo sbarco in genere vengono trasferiti negli Hot Spot, che non dovrebbero ospitare i minori soli, e dove i tempi di permanenza possono variare da pochi giorni a diversi mesi se non si riescono a reperire i posti nelle comunità per minori.

Il sistema di prima accoglienza dedicato a questi minori è basato dal 2016 su 21 progetti ministeriali, che dovrebbero garantire strutture con standard adeguati per un totale di circa mille posti distribuiti in 11 regioni, una capacità ricettiva molto limitata rispetto al flusso di arrivi. Ma la maggior parte dei minori soli che arrivano in Italia vuole però restare qui: nel 2016 siamo al secondo posto in Ue, dopo la Germania, per le richieste di asilo dei minori stranieri non accompagnati, con 6.020 richieste (+50% rispetto al 2015).

Anche per questi minori, il sistema di accoglienza e integrazione è insufficiente: il sistema Sprar per minori soli richiedenti asilo conta circa duemila posti. Più in generale, la distribuzione dei 17.373 minori stranieri non accompagnati nelle strutture al 31 dicembre 2016 si concentra perlopiù in Sicilia (7.097), Calabria (1.418), Emilia Romagna (1.081) e Lombardia (1.065). Negli ultimi mesi del 2016, la maggior parte dei minori soli presenti in Sicilia, Calabria e Puglia frequentava o aveva frequentato un corso di alfabetizzazione.

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora