Migranti: in cinque anni triplicati i minori soli under 14

Pubblicato il 14 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Tra i minori stranieri non accompagnati da adulti che arrivano in Italia, per lo più attraversando il Mediterraneo su pericolose imbarcazioni, ci sono sempre più bambini e ragazzine. In cinque anni, dal 2011 al 2016, è triplicato il numero di under 14 e quadruplicato quello delle ragazze, anche giovanissime, in un sistema di accoglienza e protezione insufficiente.

E’ quanto emerge dal primo “Atlante dei Minori Stranieri non Accompagnati in Italia” di Save the Children, diffuso oggi in vista della Giornata Mondiale del Rifugiato 2017, e che racchiude i dati, le storie e le mappe dei loro percorsi in Italia attraverso un periodo di sei anni a partire dalle “Primavere arabe” del 2011. Tra gennaio 2011 e dicembre 2016 sono sbarcati in Italia 62.672 minori soli, provenienti principalmente da Eritrea, Egitto, Gambia, Somalia, Nigeria e Siria.

Il loro numero è cresciuto di sei volte tra il 2011 (4.209) e il 2016 (25.846) e mentre la loro percentuale sul totale degli arrivi era il 6% nel 2011, l’anno scorso ben 1 migrante su 6 sbarcato sulle nostre coste era un minore solo. Anche se l’81% di questi minori presenti a fine 2016 nelle strutture di accoglienza aveva tra i 16 e i 18 anni, si è assistito a un aumento progressivo della presenza di bambini nella fascia 0-14 anni, passati da 698 nel 2012 a 2.050 nel 2016.

Rispetto al genere, il numero complessivo delle minori sole accolte nel Paese si è quadruplicato tra il 2012 e il 2016, passando da 440 a 1.832. Una specifica vulnerabilità riguarda i cosiddetti minori “invisibili”, che avendo come meta altri Paesi europei si rendono irreperibili al sistema di accoglienza e si riaffidano ai trafficanti, correndo gravissimi rischi. Una situazione che tra il 2011 e il 2016 ha riguardato, secondo Save the Children, la quasi totalità dei 22.586 minori soli di origine eritrea (11.251), somala (5.618), siriana (2.927) e afghana (2.790) sbarcati in Italia.

I dati delle strutture di accoglienza a fine 2016 registrano un totale di 6.561 ‘scomparsi’, in prevalenza eritrei, somali o egiziani. Questi minori ‘invisibili’ si ammassano prima a Roma e Milano, città di transito, e poi ai valichi di frontiera nel nord Italia; nella sola capitale, nel 2016, gli operatori di Save the Children hanno contattato 2.471 minori in transito verso nord, di età compresa fra 10 e 17 anni.

La maggior parte dei minori soli fa il suo ingresso in Italia nelle regioni del Sud: nel 2016 in Sicilia ne sono sbarcati 17.177, 4.752 in Calabria, 1.841 in Puglia, 1.800 in Sardegna e 276 in Campania. Dopo lo sbarco in genere vengono trasferiti negli Hot Spot, che non dovrebbero ospitare i minori soli, e dove i tempi di permanenza possono variare da pochi giorni a diversi mesi se non si riescono a reperire i posti nelle comunità per minori.

Il sistema di prima accoglienza dedicato a questi minori è basato dal 2016 su 21 progetti ministeriali, che dovrebbero garantire strutture con standard adeguati per un totale di circa mille posti distribuiti in 11 regioni, una capacità ricettiva molto limitata rispetto al flusso di arrivi. Ma la maggior parte dei minori soli che arrivano in Italia vuole però restare qui: nel 2016 siamo al secondo posto in Ue, dopo la Germania, per le richieste di asilo dei minori stranieri non accompagnati, con 6.020 richieste (+50% rispetto al 2015).

Anche per questi minori, il sistema di accoglienza e integrazione è insufficiente: il sistema Sprar per minori soli richiedenti asilo conta circa duemila posti. Più in generale, la distribuzione dei 17.373 minori stranieri non accompagnati nelle strutture al 31 dicembre 2016 si concentra perlopiù in Sicilia (7.097), Calabria (1.418), Emilia Romagna (1.081) e Lombardia (1.065). Negli ultimi mesi del 2016, la maggior parte dei minori soli presenti in Sicilia, Calabria e Puglia frequentava o aveva frequentato un corso di alfabetizzazione.

Ultima ora

11:41Valanghe: elicotteri evacuano turisti in valle Lunga

(ANSA) - BOLZANO, 23 GEN - E' in corso l'evacuazione di un albergo e alcune case in valle Lunga, in alta val Venosta. La scorsa notte una slavina è scesa nei pressi dell'albergo Langtauferer Hof. Le masse nevose hanno anche sfiorato il maso didattico Erlebnisschule a Melago. Davanti all'albergo è stata istituita una piazzola di atterraggio per gli elicotteri. In mattina è prevista l'evacuazione con gli elicotteri di 75 turisti e qualche decina di abitanti della zona. La situazione è comunque tranquilla e i turisti sono sereni, racconta chi è sul posto.

11:17Tennis:Australia,Edmund sorprende Dimitrov, semifinale è sua

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Cominciano con una sorpresa anche i quarti maschili a Melbourne. Con la sconfitta inattesa del numero tre del mondo Grigor Dimitrov. Il bulgaro ha ceduto per 6-4 3-6 6-3 6-4 al britannico Kyle Edmund, numero 49 del ranking mondiale, mai così avanti in uno Slam. Ora il 23enne nato a Johannesburg, che aveva eliminato anche l'azzurro Andreas Seppi, attende il vincente di Nadal-Cilic.

11:15Calcio: Allegri respinge critiche,’contano solo i tre punti’

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "I tre punti sono l'unica cosa che importa": Massimiliano Allegri allontana così dalla sua Juventus le critiche per la vittoria di misura contro il Genoa. "Rientrare dalle soste è sempre complicato", osserva su Twitter il tecnico bianconero, secondo cui "nella maratona della serie A serve un ritmo costante". Proprio quello tenuto dalla Juve, che pur non brillando con i tre punti resta in scia al Napoli.

11:13Tennis: Australia, Svitolina ko, Mertens vola in semifinale

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono cominciati col botto i quarti di finale degli Australian Open femminili a Melbourne: Elise Mertens ha infatti rispedito a casa Elina Svitolina concedendole appena quattro game. E' la prima tennista belga a raggiungere una semifinale Slam da Kirsten Flipkens (Wimbledon 2013) e la prima a riuscirci Down Under dopo Kim Clijsters (2012). Giovedì, nella sua prima semifinale Major in carriera, la Mertens troverà dall'altra parte della rete la vincente di Wozniacki-Suarez Navarro. Mercoledì gli altri due quarti con le sfide Halep-Pliskova e Kerber-Keys.

11:01Stalking: minacce e violenze a ex moglie,arrestato a Potenza

(ANSA) - POTENZA, 23 GEN - Su richiesta della Procura della Repubblica di Potenza, la Squadra mobile del capoluogo lucano ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 38 anni indagato per violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia e atti persecutori ai danni dell'ex moglie. In particolare, la Polizia ha accertato che per anni l'uomo ha molestato verbalmente e telefonicamente, con ripetuti messaggi, la donna, da cui è separato dal settembre 2016. E nello scorso mese di luglio gli agenti della Questura potentina sono intervenuti per un violento litigio tra i due: il 38enne si era recato sul luogo di lavoro dell'ex moglie, dove, alla presenza della figlia, l'ha minacciata di morte.

11:00Valanga in valle Formazza, paura ma nessun ferito

(ANSA) - FORMAZZA (VCO), 23 GEN - Una valanga di grandi dimensioni ha interrotto nella tarda serata di ieri la statale 659 della valle Formazza tra Chiesa e San Michele, frazioni di Formazza, paese più a nord dell'Ossola. La massa di neve non ha colpito né case, né persone. Sul posto si sono recati anche gli uomini del Soccorso Alpino della squadra di Formazza con un'unità cinofila per verificare che non fosse rimasta coinvolta nessuna persona. La strada statale è chiusa al transito dei veicoli; aperto soltanto un passaggio per permettere il transito a piedi dei residenti. Oggi saranno fatte ulteriori verifiche sui pendii nevosi che sovrastano le frazioni.(ANSA).

10:46Vasi romani ed etruschi in salotto, confiscati 200 reperti

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Sono stati confiscati gli oltre duecento reperti archeologici, di origine etrusca e romana, che i carabinieri avevano trovato nell'abitazione di un noto antiquario torinese, morto per causa naturali. Si tratta di vasi e di ceramiche, di epoca compresa tra il VI e il III secolo a.C., per un valore di oltre 300 mila euro. I reperti erano custoditi nella credenza del salotto dell'abitazione dell'antiquario, dove nel settembre 2012 i carabinieri erano intervenuti per sedare una lite tra gli eredi. Era così stato richiesto l'intervento del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma che, in collaborazione con la Soprintendenza del capoluogo piemontese, hanno individuato anche altri reperti illecitamente detenuti.(ANSA).

Archivio Ultima ora