Usa: spari sui repubblicani, ferito un leader del Congresso

Pubblicato il 14 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Drammatica escalation dello scontro politico in America. Un uomo, alle porte di Washington, ha aperto il fuoco con un fucile semiautomatico contro alcuni membri repubblicani del Congresso che si allenavano per una partita di baseball. Tra i feriti, il numero tre del partito alla Camera, Steve Scalise, un fedelissimo di Donald Trump. Mentre l’assalitore, colpito a morte dagli agenti, si professava un fan sfegatato di Bernie Sanders, per il quale aveva fatto il volontario durante l’ultima campagna elettorale. Scagliandosi più volte sul suo profilo Facebook contro il presidente in carica, liquidandolo come “un traditore”. E descrivendo i repubblicani come “i talebani degli Stati Uniti”.

Il Paese è sotto shock. I feriti alla fine sono cinque, tra cui due agenti e un assistente parlamentare. Ma poteva essere una strage se la polizia non fosse intervenuta nemmeno tre minuti dopo l’allarme lanciato con una telefonata al 911, il numero d’emergenza. “Grazie al coraggio dei poliziotti è stato evitato il massacro”, ha spiegato Trump parlando in diretta tv alla nazione.

Nonostante per gli investigatori sia ancora troppo presto per trarre conclusioni affrettate, appare chiara la motivazione politica che ha spinto James Hodgkinson, 66 anni, originario dell’Illinois, ad imbracciare l’arma. E lo stesso tycoon – nel giorno del suo 71esimo compleanno – ha deciso di reagire senza alzare i toni, ma lanciando un appello all’unità, così come aveva già fatto dopo una delle campagne elettorali più divisive che si ricordino nella storia americana: “Siamo più forti quando siamo uniti e dobbiamo lavorare insieme per il bene comune”. Pazienza se gran parte dei detrattori accusa proprio lui di alimentare tensioni e contrapposizioni nel Paese.

Il panico si è scatenato di prima mattina su un campo da baseball di Alexandria, in Virginia, a pochi chilometri dalla capitale federale. Una mattinata calda, afosa, ma spensierata, in cui parlamentari, assistenti e impiegati del Grand Old Party si stavano preparando per la tradizionale sfida contro la rappresentativa dei democratici, come ogni anno.

Steve Scalise, .(Photo By Bill Clark/CQ Roll Call)

All’improvviso l’inferno di fuoco, durato da cinque a dieci minuti raccontano i testimoni, con decine di colpi esplosi: da dietro la rete metallica, all’altezza di una delle panchine, Hodgkinson ha cominciato a sparare all’impazzata con un fucile semiautomatico. Poco prima sembra avesse chiesto informazioni su cosa stesse accadendo sul campo e su chi fosse presente.

Uno dei primi ad essere colpiti è stato Scalise – coordinatore del gruppo repubblicano alla Camera – raggiunto dai proiettili ad un’anca. Ricoverato ed operato, le sue condizioni sono stabili. Ma appena comparse le breaking news su tutti i media, il pensiero è inevitabilmente andato alla strage di Tucson del 2011, quando rimase gravemente ferita alla testa la deputata democratica Gabrielle Giffords.

Nel fuggi fuggi generale sono rimaste a terra altre quattro persone, tra cui due degli agenti che hanno affrontato lo sparatore colpendolo a morte. Fin dal primo punto stampa gli investigatori di fatto hanno scartato la pista del terrorismo. Anche se Washington è rimasta blindata per ore, con il Congresso ma anche il presidente e il vice presidente che hanno annullato tutti gli eventi in programma.

Tutto è diventato più chiaro quando l’uomo che ha seminato il terrore è stato identificato. E una rapida ricerca sui suoi profili social ha portato alla luce mesi e mesi di rancore politico.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

20:38Calcio: Iago Falque, è buon momento per me e per il Toro

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - "Sono contento per il mio momento personale: la squadra sta crescendo, siamo in un buon momento che credo migliorerà ancora". Così l'attaccante spagnolo del Torino, Iago Falque, intervistato da Torino Channel a due giorni dalla trasferta di San Siro con il Milan. "Ho la fiducia del nostro tecnico, confermata anche con il cambio di modulo - ha spiegato l'attaccante esterno, capocannoniere granata con 5 gol -. Sono contento, sono numeri buoni per un esterno, ma credo che durerà poco e che Belotti mi supererà presto".

20:33Pittrice scomparsa: Ris cerca tracce terra in auto marito

(ANSA) - ANCONA, 25 NOV - Nuovi controlli del Ris dei carabinieri oggi sull'auto di Giuseppe Santoleri, indagato insieme al figlio Simone per concorso nell'omicidio della moglie Renata Rapposelli, 64 anni, il cui cadavere è stato rinvenuto il 10 novembre in una zona di campagna vicino al fiume Chienti a Tolentino. I rilievi sono stati eseguiti da una biologa, che comparerà eventuali tracce di terriccio con quelle che verranno prelevate nell'area in cui il corpo della pittrice è stato ritrovato. Oggi i carabinieri sarebbero dovuti tornare a Tolentino per prelevare i campioni da comparare, ma l'operazione è slittata a domani. La difesa dei Santoleri si è affidata a un consulente, l'investigatore Ezio Denti, che ha collaborato in alcuni dei casi più noti e complessi, tra cui quello dell'omicidio di Yara Gambirasio. Renata Rapposelli, che viveva ad Ancona, era scomparsa il 9 ottobre scorso proprio dopo aver fatto visita al marito e al figlio a Giulianova. I due avevano riferito di una presunta lite tra la donna e Giuseppe e anche che il marito l'avrebbe poi accompagnata a Loreto in auto perché lei voleva pregare al Santuario della Santa Casa.

20:27Arrestato peruviano accusato di crimini contro umanità

(ANSA)- BUSTO ARSIZIO (VARESE), 24 NOV - I carabinieri hanno arrestato un cittadino peruviano di 61 anni, che viveva a Busto Arsizio (Varese), ex ufficiale della Marina Militare del Perù, colpito da provvedimento di cattura internazionale emesso dal Tribunale Penale Nazionale di Lima, per crimini contro l'umanità, emesso il 25 ottobre 2017. L'uomo è accusato, in qualità di ufficiale della Marina peruviana, di essersi reso responsabile di numerosi omicidi, commessi con l'aggravante della crudeltà, all'interno del centro di reclusione "El Frontòn", nel giugno del 1986.

20:24Rugby: domani Italia-Sudafrica, Springboks per la rivincita

(ANSA) - PADOVA, 24 NOV - Un anno fa ci fu l'impresa storica degli azzurri, e da quel giorno il Sudafrica attende l'occasione giusta per prendersi la rivincita. Quello di domani a Padova non sarà certo un test facile per l'Italia del rugby, reduce dal tonfo con l'Argentina. Gli Springboks 2 volte campioni del mondo non sono più quelli di una volta, al punto da essere scesi al 5/o posto nel ranking mondiale, ma fanno paura. Oltretutto saranno sostenuti da un nutrito gruppo di connazionali residenti in Italia, che da mesi si sono dati appuntamento a Padova. Quella di domani sarà la più dura delle sfide novembrine degli azzurri, e anche la presenza n.103 di Sergio Parisse in azzurro. "Non pensiamo al Sudafrica, siamo concentrati su noi stessi - dice -.Veniamo da una sconfitta con l'Argentina difficile da accettare, con un risultato che non rispecchia i valori del campo. In noi c'è tanta voglia di rifarci. Gli Springboks sono una squadra diversa da un anno fa, ma lo siamo anche noi,e vogliamo finire al meglio questo trio di test match".

20:18Calcio: diritti tv e governance,Lega A verso assemblea fiume

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - Rischia di essere un'assemblea fiume quella convocata lunedì prossimo dalla Serie A con il progetto del canale della Lega e il bando sui diritti tv in testa all'ordine del giorno, successivamente integrato con il rinnovo della governance per allontanare lo spettro del commissariamento della Federcalcio. Non risulta ancora un'intesa sui due nomi di presidente e amministratore delegato, per questo è possibile che l'assemblea resti aperta o ne sia convocata una nuova per eleggere quelle e le altre cariche. Restano ancora dettagli da limare nel fine settimana nel bando varato oggi dalla commissione diritti tv: fra le novità prospettate dall'advisr Infront ai club, c'è l'interesse, non solo da parte di broadcaster e agenzie, ma anche di soggetti finanziari come i fondi di investimento.

20:14Tennis: finale Davis, Tsonga vince, Francia-Belgio 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - Francia e Belgio sono in parità (1-1) al termine della prima giornata nella finale di Coppa Davis in corso sul veloce indoor dello Stade Pierre Mauroy a Lille. Dopo la vittoria di Goffin su Pouille che ha portato in vantaggio la squadra ospite, Jo-Wilfried Tsonga ha ristabilito la parità, dominando il secondo singolare (6-3 6-2 6-1) contro Steve Darcis. Domani alle 14 andrà in scena il doppio tra la coppia francese formata da Richard Gasquet e Pierre-Hugues Herbert e quella belga composta da Ruben Bemelmans e Joris De Loore. Domenica, gli ultimi due singolari: prima la sfida tra i numeri uno, Jo-Wilfried Tsonga e David Goffin, in chiusura il confronto tra i numeri due Lucas Pouille e Steve Darcis.

19:53Mafia: beni confiscati, giudice Saguto a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 24 NOV - Indagine chiusa sulla gestione dei beni confiscati, va a giudizio l'ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Silvana Saguto. In aula il 22 gennaio 2018 comparirà con altri quindici imputati, tra cui l'ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, il padre, il marito e il figlio del magistrato, amministratori giudiziari. Per il gip Marcello Testaquadra Silvana Saguto avrebbe gestito in modo spregiudicato i patrimoni sottratti alla mafia.

Archivio Ultima ora