Veneto Banca chiede 2,3 miliardi di danni agli ex vertici

Pubblicato il 14 giugno 2017 da ansa

MILANO. – Un danno “spaventoso” di almeno 2,3 miliardi di euro. Anche Veneto Banca, dopo Popolare di Vicenza, ‘sgancia’ l’azione di responsabilità nei confronti degli ex vertici – a partire dall’ex numero uno Vincenzo Consoli – nel tentativo di recuperare parte delle perdite miliardarie provocate dai presunti comportamenti illeciti di amministratori e sindaci in carica fino all’aprile del 2014.

“E’ stato un lavoro preciso, dettagliato e approfondito: una necessaria risposta a quell’esigenza di giustizia che i territori richiedevano”, ha commentato il presidente Massimo Lanza. “Ai nostri occhi è apparso un danno spaventoso benché a tutt’oggi provvisorio e potenziale” ha affermato Alessandro De Nicola, uno dei legali che hanno lavorato all’atto di citazione.

Agli ex vertici viene contestata una gestione ‘allegra’ del credito, l’assunzione illecita di obblighi di riacquisto delle azioni della banca, il mancato rispetto degli ordini cronologici di vendita dei titoli, l’assunzione di delibere in conflitto di interesse e senza informativa agli organi collegiali. Ma anche l’acquisto di un gran numero di opere d’arte e beni di lusso, come l’aereo LearJet voluto da Consoli.

L’azione approvata da Veneto Banca fa il paio con quella avviata dalla Popolare di Vicenza nei confronti di una pletora di amministratori e sindaci – a partire da Gianni Zonin e Samuele Sorato – accusati di aver cagionato almeno 2 miliardi di danni all’istituto berico. Disastri che hanno bruciato miliardi di risparmi nelle tasca di circa 200 mila azionisti.

Intanto continua il lavoro del Tesoro per mettere in sicurezza le due banche. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha ribadito “lo stato positivo” dei negoziati con la Ue e confermato che l’opzione ‘bail in’ è esclusa (“la stabilità finanziaria va tenuta in considerazione quando si gestiscono le crisi”, ha detto il vicepresidente della Bce Vitor Constancio).

Una soluzione va trovata “in tempi molto brevi”, ha ammonito il vice dg di Bankitalia, Fabio Panetta. La Ue ha infatti chiesto 1,2 miliardi di capitali privati per coprire le perdite attese dalle due banche. Il Tesoro ha chiamato Intesa e Unicredit a farsi carico del problema per evitare guai maggiori a tutto il sistema. E mentre le altre banche nicchiano (un eventuale intervento sarà un “investimento del tutto volontario”, ha detto Padoan), gli attori in campo attendono chiarimenti dalla Ue e dalla Bce su perimetro e struttura del’operazione così da avere un quadro definito dei rischi ed limitare al minimo le ‘brutte sorprese’.

“Vediamo come si determina lo scenario”, ha detto il Ceo di Intesa, Carlo Messina, a chi chiedeva se una soluzione potesse arrivare nel week end, come alcuni si aspettano. “Il Governo e la Banca d’Italia stanno lavorando”, ha aggiunto, e “c’è una grande complessità anche per i meccanismi tecnici che regolano le crisi bancarie”. L’intervento dei privati – confermano diversi osservatori – presenta infatti molte incognite e aspetti poco chiari. Ma il tempo stringe: il 21 giugno scade un bond di Veneto Banca e per decidere sul rimborso i consiglieri chiedono certezze sul destino della banca.

(di Paolo Algisi/ANSA)

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora