Gentiloni spinge le fiducie: Ddl penale, alla Camera 320 sì

Pubblicato il 14 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Paolo Gentiloni va in pressing sui provvedimenti che ritiene fondamentali e incassa la fiducia al ddl penale alla Camera, ottenendo la maggioranza assoluta dell’Aula di Montecitorio (320 consensi, che diventano 267, contro 136 no, nella successiva votazione finale). L’approvazione del ddl scatena le polemiche dei 5 stelle (che parlano di “porcate”) e dell’Anm. Al Senato, intanto, arriva la fiducia sulla manovrina.

E l’aria di attesa che si respira è decisamente diversa rispetto a quella di Montecitorio. In primo luogo perchè Mdp non voterà. E ciò Nonostante i 6 senatori di “Campo progressista” abbiano invece annunciato l’intenzione di dire sì al decreto. Il premier esprime soddisfazione per il successo odierno, ma intanto bersaniani e dalemiani aprono il fronte dei vaccini con il governo, e con Ap in particolare, presentando un ddl che contraddice il decreto Lorenzin.

“Varata riforma processo penale. Equilibrio e garanzie nelle procedure, pene severe per i reati più odiosi” ha scritto su Twitter Gentiloni. Questo provvedimento è stato uno dei più sofferti della legislatura: presentato alla Camera il 23 dicembre 2014 e approvato il 23 settembre 2015 in prima lettura, il testo del ministro Orlando è rimasto impantanato in Senato fino al 15 marzo 2017.

Sulla fiducia di oggi non era d’accordo Ap, come ha ribadito Antonio Marotta, ma alla fine dal partito di Alfano sono mancati solo due voti (17 i sì e 7 ‘in missione’ cioè assenti giustificati sui 26 totali). La fiducia è dunque passata con 320 favorevoli, 4 in più dei 316 che rappresentano la maggioranza assoluta alla Camera. Soglia non obbligatoria, ma indicativa dello stato di salute del governo.

Al Senato, sulla manovrina, la musica potrebbe essere diversa. Infatti Mdp ha annunciato che negherà la fiducia sulla manovrina, anche se non voterà “no”, limitandosi a uscire dall’Aula. Così come sembrano intenzionati a fare molti senatori di FI. Senza i 16 parlamentari di Mdp il governo non raggiunge i 161 voti che costituiscono la maggioranza assoluta dell’Aula di Palazzo Madama e l’ esecutivo rischierebbe se le opposizioni si presentassero a ranghi compatti, cosa che non avverrà.

Il sì sotto “soglia 160” fotograferebbe semplicemente un governo di minoranza, almeno in Senato, in difficoltà numerica anche nelle commissioni dove è andato sotto (agli Esteri), ad esempio, proprio per il parere sulla manovrina. La quota di “sicurezza Politica potrebbe comunque essere “copnquistata” vista la decisione dei 6 di “Campo Progressista” di votare la fiducia.

La situazione potrebbe ripetersi con il decreto Lorenzin sulle vaccinazioni che ha appena iniziato il suo iter in Commissione Sanità. Proprio oggi Mdp ha presentato un ddl a prima firma di Nerina Dirindin che va in direzione opposta: punta sull’adesione volontaria alle vaccinazione e abroga l’obbligo già previsto per i vaccini contro polio, tetano, difterite ed epatite B, mentre il decreto Lorenzin amplia l’obbligatorietà.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

13:50Calcio: Barcellona non molla, offerti 150 mln per Coutinho

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Il Barcellona non si rassegna e torna alla carica per Philippe Coutinho, dopo avere perso le speranze di ingaggiare Seri. Secondo il Daily mail, il club catalano ha rilanciato l'offerta per la quarta volta, arrivando a 150 milioni, compresi i 40 di bonus al Liverpool. Di fronte alla sontuosa offerta dei dirigenti catalani, anche il club di Anfield road comincia a barcollare, intavolando una trattativa concreta che andrà avanti nelle prossime ore. Anche perché, Coutinho continua a non allenarsi, dicendosi dolorante alla schiena. In realtà, dietro al rifiuto di lavorare con i compagni, agli ordini dell'allenatore Juergen Klopp, potrebbe essere la voglia di cambiare aria e di trasferirsi al Camp Nou, per prendere il posto del connazionale Neymar.

13:39Calcio: l’ex laziale Ledesma firma per il Lugano

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'ex capitano e uomo-faro della Lazio, Cristian Ledesma, nella prossima stagione giocherà con la maglia del Lugano, in Svizzera. Il regista argentino, che dopo avere lasciato la squadra biancoceleste ha giocato nel Santos, nel Panathinaikos e nella Ternana in Serie B, ha firmato un contratto di un anno, con l'opzione per una seconda stagione. A 35 anni, Ledesma evidentemente ha ancora tanta voglia di giocare al calcio, malgrado i tanti chilometri già percorsi in carriera.

13:31Danimarca: ritrovato cadavere smembrato giornalista svedese

(ANSA) - COPENAGHEN, 23 AGO - Un torso femminile senza testa, rinvenuto in una spiaggia nei pressi di Copenaghen, appartiene alla giornalista svedese scomparsa Kim Wall, morta probabilmente a bordo di un sottomarino: lo ha reso noto la polizia danese. Wall, 30 anni, è stata vista viva per l'ultima volta il 10 agosto a bordo del sottomarino costruito dall'inventore danese Peter Madsen, che secondo la polizia avrebbe intenzionalmente affondato il giorno dopo, al largo delle coste orientali della Danimarca. Madsen, 46 anni, è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo, ma nega qualsiasi coinvolgimento nella scomparsa di Wall. La famiglia della donna sostiene che stava realizzando un reportage sull'inventore danese. Il torso è stato ritrovato su una spiaggia da un ciclista ieri sull'isola di Amager, a sud della capitale, e i test del Dna hanno confermato che appartiene a Wall.

13:26Tifone forza 10 Hato investe Hong Kong, almeno 3 morti Macao

(ANSA) - HONG KONG, 23 AGO - Il tifone forza 10 Hato ha investito in pieno l'area di Hong Kong e del sud-est della Cina e ha provocato già almeno tre morti nella vicina Macao e decine di feriti. Prima che la tempesta investisse la costa sono state sgomberate migliaia di persone. Lo scrivono i media internazionali e locali. In vista dell'arrivo di Hato, che viaggia venti in media di 165 chilometri orari con picchi di 192, Hong Kong ha provveduto a blindare la città, sospendendo anche le contrattazioni di borsa. Le compagnie aeree hanno cancellato 420 voli. Chiusi uffici e scuole.

13:25Barcellona: ministro Martina a funerali di Bruno Gulotta

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - Saranno officiati dal vescovo legnanese monsignor Franco Agnesi e dal monsignore di Legnano don Angelo Cairati i funerali di Bruno Gulotta, il 35enne legnanese vittima dell'attentato di Barcellona. Alla cerimonia, che si terrà domani alle 14.30 nella basilica di San Magno di Legnano, parteciperà in rappresentanza del governo il ministro alle Attività produttive Maurizio Martina. Hanno confermato la loro presenza il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e l'assessore regionale Massimo Garavaglia, il vicesindaco della Città Metropolitana Anna Scavuzzo, i sindaci Alberto Villa (Pessano con Bornago), Marco Alprone (Paderno Dugnano), Marco Segala (San Giuliano Milanese), Roberto Di Stefano (Sesto San Giovanni), gli assessori Maura Pera e Antonella Lattuada (San Vittore Olona) e Adriana Nebuloni (Parabiago). Per permettere a tutti di assistere alla funzione, la parrocchia di San Magno ha predisposto una diretta streaming della cerimonia sul suo sito.

13:10Calcio: il Milan ora punta a Rafinha del Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Il Milan non allenta la morsa del mercato, malgrado gli 11 colpi già messi a segno, e va alla ricerca di un possibile sostituto di M'Baye Niang, a un passo dallo Spartak Mosca. Secondo il Mundo deportivo il prossimo obiettivo del club rossonero è un giocatore del Barcellona, Rafinha Alcantara, centrocampista offensivo, figlio di Mazinho, ex jolly brasiliano di Lecce e Fiorentina. Il giovane e talentuoso giocatore non rientra nei piani di Ernesto Valverde e attualmente sta recuperando da un infortunio al menisco. Vincenzo Montella avrebbe già approvato l'operazione che, se dovesse ricevere il benestare del giocatore, potrebbe essere conclusa in tempo molto brevi. Il presidente del Barcellona, Josep María Bartomeu, tuttavia, ha recentemente dichiarato che Rafinha è un "pezzo molto importante del mosaico barcellonista", e che dunque "rimane".

13:07Scarcerato chiama la vittima, ‘ho vinto io’

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - Scarcerato dopo pochi giorni dell'arresto per stalking, un uomo di 68 anni ha ripreso a perseguitare la sua vittima, a Milano, iniziando con una telefonata in cui le ha detto "sono fuori, ho vinto io". La polizia lo ha arrestato alle 10 di ieri per la seconda volta in meno di una settimana in via Gran San Bernando, a Milano, mentre seguiva una donna di 63 anni, madre della sua ex compagna di 39 anni. Le aggressioni, verbali e fisiche nei confronti delle due donne, erano iniziate a giugno e, a metà agosto, avevano portato all'arresto del 68enne, con precedenti specifici. Dopo quell'episodio aveva ricevuto anche un divieto di avvicinamento alle sue vittime.

Archivio Ultima ora