Corte costituzionale considera inammissibile l’azione della Procura

Pubblicato il 14 giugno 2017 da redazione

CARACAS – Come era nelle previsioni, l’azione promossa dalla Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, è stata considerata inammissibile dalla Corte. Non poteva essere altrimenti. Il capo d’accusa con il quale Ortega Dìaz voleva processare otto giudici, sei in funzione e due supplenti, era “cospirazione contro la forma repubblicana” che, a suo avviso, non si limita al semplice “atto di forza” ma si può concretare anche “causando un danno irreparabile alle istituzioni attraverso una serie di sentenze”.
La Sala Costituzionale della Corte ha considerato che l’azione della Procura non era procedente e ha precisato che l’organo competente già si era pronunciato sul tema con la sentenza 614 del 19 luglio del 2016. I giudici, poi, hanno indicato che il 4 agosto dello stesso anno era stata consegnata copia della decisione alla Procura. Nella sentenza 614, la Sala Costituzionale dichiara che “qualunque azione orientata ad annullare la designazione dei magistrati era contraria ai precetti costituzionali per la rimozione dei magistrati del Tribunale”. Quindi, sempre secondo la sentenza della Corte, “doveva essere considerata Illegittima e nulla”, priva di validità e forza giuridica.
Lo scontro fra poteri prosegue così come continua la lotta tra correnti all’interno del “chavismo”. La dura presa di posizione della Procuratrice e la risposta della Corte che ha fatto muro contro le sue pretese sicuramente avranno conseguenze sia nell’ambito nazionale sia in quello internazionale. Dall’estero, infatti, già hanno espresso la propria solidarietà nei confronti del Ministero Pubblico 12 Procure che hanno firmato un manifesto in cui si esprime profonda preoccupazione per le dichiarazioni fatte contro il lavoro dei magistrati e ribadivano l’importanza di garantire lo Stato di Diritto. Non si sono pronunciate, invece, le Corti di altri Paesi per manifestare la loro vicinanza ai colleghi venezuelani.
Si attende la prossima mossa della Procura – gli esperti in materia considerano che non tarderà una reazione di Ortega Díaz – in questa partita che si gioca nello scacchiere politico-istituzionale del Paese.

Ultima ora

12:32Arabia Saudita: a Gedda il grattacielo più alto del mondo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - E' stato firmato in Arabia Saudita il contratto da oltre 165 milioni di dollari per avviare la costruzione a Gedda del grattacielo più alto del mondo. Secondo quanto riportato da Arab News, il lavoro verrà realizzato dalla Al Fouzan General Contracting Co. e verrà completato entro 12 mesi. Il grattacielo, chiamato Jeddah Tower, sarà alto un chilometro, superando gli 828 metri del Burj Khalifa di Dubai.

12:31Navalni all’ANSA, con Putin regime feudale, non mollo

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Vladimir Putin ha scelto di restare al potere con la formula del presidente a vita e sta costruendo un sistema feudale basato sui clan familiari, che ormai controllano l'85% della nostra economia. L'attività politica indipendente in Russia comporta oggi dei rischi ma io vado avanti, non c'è alternativa: noi lottiamo per il nostro diritto di partecipare alla costruzione del futuro della Russia". Lo afferma Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA.

12:30Navalni a ANSA, Italia sia amica dei russi, non di oligarchi

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Fra l'Italia e la Russia esiste un rapporto solido e i russi considerano gli italiani un popolo speciale. Io vorrei vedere da parte dell'Italia una posizione più attiva sulle sanzioni individuali perché il vostro Paese è meta massiccia dei soldi sporchi degli oligarchi, che rubano qui e poi vanno a divertirsi nei vostri resort: vorrei che fosse più amica del popolo russo e meno degli oligarchi di Putin". Così Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA, la prima a un media italiano dopo essere stato escluso dalle elezioni.

12:29Salvini, Giulia Bongiorno candidata capolista Lega

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno si candida come capolista della Lega in diversi territori del Paese". Lo annuncia Matteo Salvini presentandosi in una conferenza stampa a Montecitorio con l'avvocato penalista che difese Giulio Andreotti e che è stata presidente della commissione Giustizia della Camera. "E' - spiega Salvini - il segno di una Lega che cresce, coinvolge, punta su professionalità della realtà civile soprattutto nel campo della difesa della sicurezza, dei diritti delle donne, della riforma della Giustizia".

12:28Navalni all’ANSA, ‘irritanti i legami Putin-Lega-M5s’

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Sono irrazionali e abbastanza irritanti i legami fra il regime di Putin e l'establishment italiano. Quelli con i partiti di estrema destra sono incomprensibili, come nel caso della Lega Nord, che ama molto Putin e Putin ama molto loro. Ma le loro ideologie sono opposte. Mi rincresce molto che il Movimento 5 Stelle abbia una posizione favorevole nei confronti di Putin perché, sulla base di tutto quello che loro dicono, lo dovrebbero odiare". Lo afferma l'oppositore russo Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA.

12:28Klm cancella 220 voli da Schipol per maltempo

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La Klm ha cancellato 220 voli da e per l'aeroporto di Amsterdam-Schipol a causa della tempesta, con venti molto forti, che sta flagellando l'Olanda ed altri Paesi dell'Europa del nord. Si legge sugli online dei media olandesi.

12:26Crac ‘Ciccolella’, indagato presidente Fc Bari Giancaspro

(ANSA) - BARI, 18 GEN - C'è anche il presidente del Bari Calcio, Cosmo Antonio Giancaspro, fra gli indagati in una inchiesta della Procura di Trani su una presunta bancarotta fraudolenta del Gruppo Ciccolella di Molfetta, società floro-vivaistica. I finanzieri stanno eseguendo perquisizioni domiciliari sequestrando documentazione. I destinatari delle perquisizioni sono i tre fratelli Corrado, Vincenzo e Antonio Ciccolella, gli avvocati baresi Michele Bellomo e Francesco Quarto, il commercialista Gianluca Petrera di Bari e il presidente del Fc Bari Cosmo Antonio Giancaspro di Molfetta. Gli indagati rispondono, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta e riciclaggio. Dalle indagini dei finanzieri, coordinate dal pm di Trani Silvia Curione, sono emerse distrazioni di fondi della Ciccolella Spa (società il quotata in borsa e fallita nel gennaio 2015) e conseguente riciclaggio tramite complessi passaggi di denaro e quote societarie tra società infragruppo e soggetti operanti in Italia e all'estero (Malta e Uk).

Archivio Ultima ora