Porcelli: “La cinematografia italiana è gracile”

Pubblicato il 15 giugno 2017 da redazione

Il produttore cinematografico, Enzo Porcelli

CARACAS – “In Italia si fanno troppi film, troppo poco strutturati, troppo poco pensati”. Poche parole, eppure offrono una radiografia della cinematografia del Bel Paese. Enzo Porcelli, il produttore di “Due Euro l’Ora”, film diretto da Andrea D’Ambrosio e proposto, insieme con altri, dalla nostra Ambasciata e dall’Istituto Italiano di Cultura nell’ambito del “Festival de Cinema Italiano”, è in Venezuela e ha colto anche l’occasione per assistere al “Festival del Cine Venezolano” di Mérida.

– Il cinema che si fa in Italia, a mio avviso – prosegue Porcelli, – è un po’ gracile. Tutti vogliono copiare i Fratelli Dardenne che si sono affermati in Europa e che hanno avuto soprattutto un successo di critica.
Insiste nel sostenere la povertà e la gracilità intellettuale della cinematografia italiana contemporanea.

– Il cinema italiano – sottolinea, – era povero anche subito dopo la seconda guerra mondiale. Ma aveva un grosso spessore intellettuale, aveva contenuti forti. Siamo in crisi, come sempre si afferma – aggiunge, – ma abbiamo la fortuna di avere registi come Sorrentino, Garrone, Virzì. Bastano loro per dare lustro al nostro cinema. Ci lamentiamo, ma stiamo meglio di altri paesi. Ci confrontiamo con la Germania, con la Francia che hanno più soldi…

– Lei è produttore, vede il mondo del settimo arte da un angolo diverso, che non è quello del regista o dell’attore e neanche quello del pubblico. Che cosa cerca il produttore, chi è questo personaggio che si muove dietro le quinte…

– Dietro le quinte, ma non fuori – precisa immediatamente.

– Senz’altro, un personaggio che, come il regista, ci mette l’anima…

– Non solo l’anima – commenta sorridendo e mostrando una volta ancora la propria concretezza – ma anche i soldi. E per farlo forse rischi perché non sono i tuoi. E’ difficile, ma li trovi. E’ il tuo lavoro. Quando mi dicono cosa fa il produttore rispondo che fa i film, gli altri sono al suo servizio.
Sostiene che ricavare il denaro sufficiente per una produzione cinematografica è sempre più complicato.

– E’ la ragione per la quale si cerca di fare film che possano andare oltre i confini dell’Italia. Insomma, che possano avere un minimo di riuscita ed essere diffusi in tutto il mondo. Ormai nelle sale italiane hanno successo solo due o tre film comici l’anno. C’è la concorrenza della produzione americana imposta dalla grande distribuzione. Noi viviamo così… i nostri film cercano di inserirsi nei pochi spazi liberi ceduti dalle grandi produzioni americane.

“Due Euro l’Ora”, il film prodotto da Porcelli e presente nel Festival del Cinema Italiano di Caracas

– C’è sempre il circuito delle sale in cui si proiettano i film alternativi, come accade in Francia e in Germania.
Sorride e scuote negativamente la testa.

– In Italia ce ne sono, è vero – ammette, – ma sono ridotti al lumicino. Lo Stato non ha aiutato abbastanza queste sale. E poi sono state distrutte dal sistema televisivo che, in Italia, è selvaggio. Lo è stato soprattutto negli anni ’90 e 2000 – precisa -. Berlusconi era diventato il padrone del cinema e della televisione. E ha favorito quest’ultima.

– C’è una nuova generazione di registi?
– Sì, senza dubbio – afferma -. Ci sono Sorrentino, Virzì, Garrone. E poi sta venendo su una generazione che ancora non ha avuto tanto successo, ma ha futuro. Ha bisogno di denaro, di un sistema che l’aiuti a crescere e ad affermarsi.

– Che cosa consiglia a un giovane che desidera diventare produttore?

– Di prepararsi, di studiare – ci dice -. Io l’ho fatto. Ho studiato nel Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma; ho frequentato l’Università. Ho iniziato a lavorare mentre studiavo. Ho cominciato a produrre una volta laureatomi, ma ero già introdotto nell’ambiente. Sono convinto che studiare e prepararsi sia l’aspetto più importante.

Porcelli non perde l’occasione di parlare del suo film, “Due Euro l’Ora”, che è presente nel Festival del Cinema Italiano.

– Ciò che mi piace di questo film, la cui protagonista femminile nella trama è una donna che viveva in Venezuela ed è tornata in Italia – commenta, – consiste nella sincerità e sensibilità mostrata del regista. E’ una caratteristica che è stata interpretata come gracilità ma che, invece, io apprezzo perché è un po’ come l’anima del cinema italiano di una volta… quell’anima che riesce ad arrivare agli spettatori. Spero che il regista in un futuro possa continuare a fare film che vadano in questa direzione, film più forti e con maggior successo. Spero, anche, che io riesca ad aiutarlo di più.
Mauro Bafile

Ultima ora

21:05Calcio: De Biasi riparte dalla Liga, ad un passo dall’Alaves

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Gianni De Biasi sarà il nuovo allenatore dell'Alaves, ultima in classifica nella Liga spagnola e che ha appena esonerato Luis Zubeldía. Stando alla stampa locale, la società avrebbe trovato l'accordo con l'ex ct dell'Albania, che vanta già un'esperienza nel campionato spagnolo (ha allenato il Levante nel 2007-2008). Il 61enne tecnico trevigiano risponde al profilo che il club sta cercando: di nazionalità europea, non spagnolo, con esperienza nella Liga e attualmente senza contratto. Dopo aver allenato, tra le altre, Torino, Brescia e Udinese, De Biasi ha vissuto il suo miglior periodo come allenatore sulla panchina dell'Albania, portata ad una storica qualificazione all'Europeo in Francia. Secondo le indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, il contratto di De Biasi vale fino alla fine della stagione, con opzione per l'anno successivo. L'Alaves dovrebbe ufficializzare il suo arrivo nelle prossime ore.

20:59Istruzione: in Serbia Forum Cina-16 Paesi est Europa

(ANSAmed) - BELGRADO, 21 SET - La collaborazione e le politiche nel campo dell'istruzione sono al centro di un incontro di due giorni apertosi oggi a Novi Sad, nel nord della Serbia, fra i rappresentanti di Cina e di 16 Paesi dell'Europa centro-orientale e balcanica. Alla conferenza, che si tiene all'Università del capoluogo della Voivodina, sono intervenuti la premier serba, Ana Brnabic, e il ministro dell'istruzione, Mladen Sarcevic, unitamente ai rappresentanti cinese e degli altri Paesi partecipanti. L'iniziativa '16+1' e' stata avviata negli anni scorsi dalla Cina con l'obiettivo di intensificare i rapporti con i Paesi dell'Europa centrorientale e balcanica. Nei giorni scorsi in Montenegro, nell'ambito di tale formato, si è tenuto un Forum tra i sindaci di Pechino e delle capitali dei 16 Paesi interessati. (ANSAmed).

20:38Iraq: autorità curde confermano referendum 25 settembre

(ANSA) - BEIRUT, 21 SET - Le autorità della regione autonoma del Kurdistan, in Iraq, hanno annunciato che il referendum sull'indipendenza, che pure ha valore consultivo, si svolgerà come previsto il 25 settembre, nonostante la Corte suprema di Baghdad abbia disposto la sospensione della consultazione in attesa di stabilirne la costituzionalità. Il presidente della regione autonoma, Massud Barzani, ha detto che le trattative col governo federale continueranno anche dopo il referendum, e che l'indipendenza potrebbe essere dichiarata tra due anni. L'Alto consiglio per il referendum, presieduto da Barzani, ha detto che le operazioni di voto si svolgeranno alla data prevista, dopo che nei negoziati delle ultime settimane con il governo centrale di Baghdad, "nessuna alternativa è stata offerta al posto del referendum e a garanzia dell'indipendenza". "Siamo pronti a cominciare un dialogo serio, cordiale e sincero con Baghdad e la comunità internazionale dopo il referendum", ha detto Barzani in un comizio a migliaia di sostenitori.

20:37Corea Nord: Ue verso nuove sanzioni, bozza d’accordo

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - L'Ue va verso l'adozione di nuove sanzioni nei confronti della Corea del Nord. E' quanto si apprende da fonti europee. I 28 hanno raggiunto una bozza di accordo anche se manca ancora una formalizzazione che, secondo le previsioni, potrebbe arrivare alla prossima riunione del Consiglio Affari Esteri, in agenda il 16 ottobre.

20:33Decreto Trump per tagliare fondi a Corea del Nord

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Il presidente americano Donald Trump ha annunciato un decreto per tagliare ulteriormente i fondi alla Corea del Nord, prendendo di mira le società finanziarie e le persone che fanno affari con Pyongayang. Un sostegno finanziario che Trump, parlando al Palazzo di Vetro dell'Onu, ha definito "inaccettabile".

20:30Messico: a 250 morti nuovo bilancio terremoto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - E' di 250 morti il bilancio del terremoto dello scorso martedì in Messico: 115 persone hanno perso la vita a Città del Messico, l'area più colpita dalla scossa, ha reso noto Televisa. Le altre persone sono decedute negli stati di Morelos (73), Puebla (43), Messico (13), Guerrero (5), Oaxaca (1). Il responsabile della protezione civile, Luis Felipe Puente, ha sottolineato che "secondo stime preliminari il numero degli edifici danneggiati oscilla tra 200, 500 o mille: dobbiamo ancora accertare il dato definitivo".

19:55Calcio: Andrea Bocelli ospite nella sede dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Un ospite speciale per l'Inter oggi negli uffici della sede del club nerazzurro: Andrea Bocelli ha incontrato il vicepresidente Javier Zanetti e l'ad Alessandro Antonello. Il grande tenore italiano, noto tifoso dell'Inter, ha visitato la sala delle Coppe del club, indossando la maglia personalizzata numero 5, regalata per l'occasione dai dirigenti nerazzurri. Bocelli a sfiorato i trofei conquistati in passato dall'Inter, sollevando anche la Coppa della Champions League e la Coppa Intercontinentale.

Archivio Ultima ora