Trump indagato per ostruzione alla giustizia

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

WASHINGTON. – La Casa Bianca trema: il procuratore speciale del Russiagate Robert Mueller sta indagando anche sull’ipotesi che Donald Trump possa aver ostruito la giustizia, il reato per cui Richard Nixon si dimise nel 1974 evitando un sicuro impeachment. Il tycoon, come sempre, ha reagito su Twitter di primo mattino, mentre i portavoce della Casa Bianca hanno la consegna del silenzio:

“Hanno costruito una collusione fasulla sulla storia dei russi, non hanno trovato nessuna prova, così ora proseguono per l’ostruzione della giustizia sulla base di una storia fasulla. Bello”. Poi ha rilanciato le consuete accuse: “Stiamo assistendo alla singola caccia alle streghe più grande della storia politica americana, condotta da persone malvagie e combattute”.

L’ennesimo scoop è del Washington Post, che ieri sera ha rovinato il compleanno in famiglia alla Casa Bianca per i 71 anni del presidente rivelando le prossime mosse di Mueller: interrogare la prossima settimana il capo della National intelligence Daniel Coats, il direttore della Nsa Mike Rogers e il suo ex vice Richard Ledgett, che hanno già accettato di deporre.

Ai primi due il presidente avrebbe chiesto aiuto contro James Comey, prima di licenziare in tronco il capo dell’Fbi che stava indagando sul Russiagate. In particolare avrebbe telefonato a Coats e a Rogers chiedendo di negare pubblicamente l’esistenza di qualsiasi prova di collusione tra la sua campagna e i russi. Coats inoltre avrebbe riferito ad alcuni suoi collaboratori che Trump gli aveva chiesto di intervenire su Comey per lasciar cadere l’indagine sul suo consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, come ha denunciato lo stesso ex capo del Bureau al Senato, dando corpo all’ipotesi di una ostruzione della giustizia.

Nella loro audizione pubblica al Senato entrambi i capi dell’intelligence hanno negato di aver mai subito pressioni da Trump, ma hanno anche precisato di non voler svelare il contenuto delle conversazioni col presidente. Da vedere se lo faranno con Mueller. O se Trump invocherà il suo privilegio esecutivo per mantenerle segrete. Facoltà questa messa in dubbio da alcuni esperti, i quali hanno ricordato che la Corte suprema durante il Watergate stabilì che i dirigenti non possono usare tale privilegio per bloccare prove in indagini criminali. Quanto a Ledgett, avrebbe scritto il memo interno dell’Nsa che documenta la telefonata del presidente a Rogers.

Intanto il procuratore speciale ha già acquisito i memo di Comey sui suoi colloqui con il tycoon. Il procuratore speciale, secondo il Wp e il Nyt, starebbe indagando anche su possibili reati finanziari di collaboratori di Trump, come il riciclaggio o l’accettazione di compensi dai russi nascosti tramite canali offshore.

Le rivelazioni del Wp hanno indignato Marc Kasowitz, l’avvocato privato che difende il presidente nel Russiagate: “la fuga di notizie dell’Fbi riguardanti il presidente è scandalosa, ingiustificabile e illegale”, ha commentato Marko Corallo, un suo portavoce.

Certo, ora per il presidente diventa più complicato licenziare Mueller mentre sta indagando su di lui. Un’inchiesta che rischia di paralizzarlo, in un paese sempre più diviso dall’odio (come dimostra l’attentato di un militante democratico contro i repubblicani) e dove anche il Congresso gli ha messo i bastoni tra le ruote votando quasi all’unanimità nuove sanzioni alla Russia per le interferenze nel voto. “Bastano quelle esistenti”, ha commentato la Casa Bianca. A Putin non resta che scherzare, paragonando Comey a Snowden e offrendo asilo politico anche a lui.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:17Gb:lettere per errore a cittadini Ue,’rischio arresto’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'Home Office, il ministero dell'Interno britannico, ha inviato "per errore" 100 lettere ad altrettanti cittadini Ue residenti in Gran Bretagna paventando il "rischio di arresto". Secondo Sky News, nelle missive era contemplata la minaccia di espulsione.

16:15Trump blocca aiuti ad Egitto per diritti umani

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - L'amministrazione Usa ha bloccato all'Egitto 96 milioni di dollari di aiuti e congelato 195 milioni di dollari di fondi militari per la carenza di progressi nei diritti umani e le sue buone relazioni con la Corea del nord. Lo riporta il Nyt, sottolineando che la mossa ha sorpreso gli analisti dopo l'accoglienza calorosa riservata alla Casa Bianca da Donald Trump al presidente egiziano Abdel Fattah al-Sissi nella sua visita nei mesi scorsi.

16:07Vitalizi: Zanda, calendarizzati a ripresa, non insabbiare

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - "Certamente, saranno calendarizzati alla ripresa, non c'è alcuna intenzione di insabbiare il testo ma di esaminarlo a fondo a partire dai profili di costituzionalità". Così il presidente del gruppo Pd al Senato Luigi Zanda mette in chiaro la linea dei dem rispetto al ddl sui vitalizi, approvato alla Camera e ora all'esame del Senato dopo i malumori espressi da alcuni esponenti Pd come l'ex tesoriere Ds Ugo Sposetti.

16:03Calcio: Uefa applaude Napoli, “Insigne è il vero leader”

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - "Dove può arrivare il Napoli, in Europa?". Da ieri sera a chiederselo non sono più solo Sarri e i tifosi, ma l'Europa del calcio. Esplicito il titolo del sito Uefa, all'indomani della vittoria a Nizza per 2-0, bis del risultato dell'andata al San Paolo. In particolare, la confederazione europea del calcio incorona l'autore del secondo gol, Lorenzo Insigne. "Gol, assist, tanta corsa e altruismo. Il nuovo Insigne strappa solo applausi per essere riuscito a mettere a completa disposizione della squadra un talento cristallino come il suo - scrive l'Uefa - Contro il Nizza ha festeggiato il gol numero 50 con la maglia del Napoli. Il Napoli, invece, festeggia l'incoronazione di un leader".

16:01Pd: Forteto a Festa Unità, avvocato vittime, toglietelo

(ANSA) - FIRENZE, 23 AGO - Sulla presenza di uno stand della cooperativa il Forteto alla Festa dell'Unità di Firenze, teso scambio di battute, stamane alla presentazione del programma, tra l'avvocato dell'Associazione Vittime del Forteto, Giovanni Marchese, e gli esponenti del Pd, il segretario metropolitano Fabio Incatasciato, e il vicesegretario toscano, Antonio Mazzeo. Il legale ha chiesto che sia impedita la presenza alla Festa del Forteto, la comunità di Vicchio del Mugello gestita da Rodolfo Fiesoli, il 'profeta' finito a processo per violenza privata, abusi su minori e - insieme ad altre 22 persone - di maltrattamenti sui piccoli ospiti della comunità. Il vicesegretario Mazzeo ha replicato di aver "scoperto oggi la situazione". "Ho necessità di fare degli approfondimenti", ha aggiunto. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il capogruppo di FdI in Consiglio regionale Giovanni Donzelli, secondo il quale "aver scelto di ospitare lo stand è un fatto vergognoso, l'ennesimo schiaffo, quello definitivo, alle vittime".

15:56Migranti sgomberati a Roma: trovati alloggi a minori-anziani

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Le famiglie di migranti con minori, disabili e anziani non autosufficienti presenti nel palazzo di via Curtatone a Roma, sgomberato dalla polizia quattro giorni fa, saranno ospitate per sei mesi in alloggi messi a disposizione della società di gestione dell'immobile. E' la soluzione trovata nella riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza presieduto stamani dal prefetto di Roma Paola Basilone, secondo un comunicato della prefettura. La Idea Fimit S.G.R. fornirà subito le unità abitative senza oneri per l'amministrazione comunale. Le modalità operative saranno definite in un tavolo tecnico già convocato presso l'assessorato al Patrimonio e alle Politiche abitative del Campidoglio. Il palazzo di via Curtatone, vicino alla stazione Termini, era occupato dall'ottobre 2013 e vi si trovavano oltre 440 persone, in gran parte etiopi ed eritrei. Dopo lo sgombero del 19 agosto scorso all'interno erano rimasti i soggetti più deboli. Il resto dei migranti erano finiti in strada.

15:46‘Ndrangheta: boss Papalia ‘dimenticatemi’, no da Buccinasco

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - Il boss della 'ndrangheta Rocco Papalia, definito il 'padrino' di Buccinasco (Milano), considerato uno dei più importanti capi della mafia calabrese in Lombardia e scarcerato lo scorso maggio dopo 25 anni di detenzione, attraverso i suoi legali, nei giorni scorsi, ha scritto al sindaco della cittadina, ribattezzata la 'Platì del Nord', per chiedere che cali il silenzio su di lui "in nome di quella pace sociale da tutti doverosamente inseguita". E dal primo cittadino, Rino Pruiti, è arrivato un secco "no" alla sua richiesta e anzi, ha detto l'amministratore, il boss dovrebbe "chiedere scusa alla nostra città per il male che ci ha fatto". Nella lettera Papalia, il cui ritorno sulla scena pubblica per partecipare a un battesimo aveva suscitato polemiche nei mesi scorsi, chiede di essere considerato come un normale cittadino di Buccinasco, che ha scontato la sua pena e dice di avere diritto "al rispetto di quella sfera di intangibilità che ci rende un Paese, auspicabilmente, civile".

Archivio Ultima ora