Recuperata la reliquia di don Bosco, sollievo per i salesiani

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

La teca di cristallo con il corpo di San Giovanni Bosco nella cattedrale di Genova, 17 ottobre 2013.
ANSA/LUCA ZENNARO

ASTI. – Era nella cucina di un pregiudicato, nascosta dentro una teiera di rame, la reliquia di don Bosco trafugata la sera dello scorso 2 giugno dalla basilica arroccata sul colle che porta il nome del fondatore dei salesiani. C.G., 42 anni, l’aveva rubata non per chiedere un riscatto, né su commissione di qualche collezionista, ma perché convinto che il coperchio dorato della teca, all’interno un frammento del cervello del santo, fosse di valore. L’uomo l’ha confessato ai carabinieri che, al termine delle indagini coordinate dalla procura di Asti, lo hanno fermato nella sua abitazione di Pinerolo, nel Torinese.

Si chiude così nel migliore dei modi, dopo due settimane, una vicenda che ha scosso profondamente i fedeli di don Bosco, uno dei grandi santi sociali della Chiesa, e la numerosa comunità salesiana, presente in tutto il mondo. Il ritrovamento “è un sollievo per i Salesiani, per la Chiesa di Torino e per i tanti amici di Don Bosco che hanno copiosamente mostrato, in questo periodo, la loro vicinanza”, commenta don Enrico Stati, ispettore dei salesiani del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Il sacerdote esprime “ringraziamento e riconoscenza per la magistratura, per i carabinieri e per tutti coloro che hanno contribuito alla positiva soluzione di questa spiacevole vicenda”. “L’occasione della restituzione e del ritorno della reliquia nella sua originaria collocazione – aggiunge sarà per noi e per i fedeli un ulteriore segno di benevolenza e di benedizione di Don Bosco nei riguardi di coloro che continuano a tenere vivo il suo spirito nel mondo”.

L’autore del furto è ora detenuto presso la casa circondariale di Asti. Identificato dai carabinieri del Ris di Parma grazie alle impronte digitali lasciate sul retro dell’altar maggiore della basilica inferiore di Castelnuovo don Bosco, dove la reliquia era custodita dietro una parete di cristallo scavalcata con un salto, per giorni i carabinieri lo hanno pedinato. Fino al blitz nella sua abitazione, dove risiedeva con la compagna incensurata, su esecuzione di un decreto di perquisizione emesso dal sostituto procuratore Laura Deodato, che ha coordinato le indagini.

“L’ampolla di vetro in cui è contenuta la reliquia e la ceralacca sono intatte. Nulla è stato toccato”, rivela don Francesco Cereda, vicario del rettore maggiore dei Salesiani. “Siamo riconoscenti ai Carabinieri, che hanno condotto un’operazione rapida ed efficiente. Ma soprattutto siamo riconoscenti a Dio, perché l’affetto che nutriamo verso Don Bosco è rappresentato anche dalla cura con cui conserviamo le sue reliquie”.

“Ero certo che saremmo arrivati a questo risultato perché la figura del Santo dei Giovani è così amata e onorata in tutto il mondo che nessuno, per quanto ladro e brigante, avrebbe potuto resistere alla corale preghiera e forte condanna da parte di chi ha appreso la notizia e ha pregato perché la reliquia fosse recuperata al più presto”, osserva monsignor Cesare Nosiglia.

L’arcivescovo di Torino prega lo stesso don Bosco: “Voglia perdonare questa persona e infondere il pentimento necessario per ritrovare pace e serenità nel cuore oltre che la volontà di non commettere più gesti simili”.

Ultima ora

00:21Terremoto: veglia Arquata, vescovo, ‘è notte del silenzio’

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 23 AGO - Un corteo silenzioso di persone, che si sono date appuntamento a Trisungo e hanno raggiunto Pescara del Tronto con dei bus, ricorda in una veglia di preghiera le 48 vittime del sisma di un anno fa nel territorio di Arquata. ''Per desiderio delle famiglie - ha spiegato il vescovo mons. Giovanni D'Ercole - questa è la notte del silenzio, dell'intimità, della memoria e della preghiera. È una notte per riflettere: domani sarà il giorno per progettare il futuro di questo territorio facendo tesoro degli errori del passato''. ''Sosteniamo familiari e superstiti e ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati in questo anno'' ha aggiunto. Il luogo del raccoglimento è il parco dove i bambini di Pescara del Tronto giocavano, trasformato in obitorio a cielo aperto nelle prime terribili ore dopo il sisma. Accanto al vescovo il parroco di Arquata, don Nazzareno. Alle 3:36l, l'ora della scossa, la lettura dei nomi delle vittime, accompagnata dai rintocchi della campana della vecchia chiesa.

23:18Champions: Liverpool e Cska Mosca a fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Liverpool, Apoel Nicosia, Cska Mosca, Qarabag e Sporting Lisbona sono le ultime cinque squadre ad accedere alla fase a gironi della Champions League. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Liverpool-Hoffenheim 4-2 (andata 2-1); Slavia Praga-Apoel Nicosia 0-0 (andata 0-2); Cska Mosca-Young Boys 2-0 (andata 1-0); Copenaghen-Qarabag 2-1 (andata 0-1); Steaua Bucarest-Sporting Lisbona 1-5 (andata 0-0).

22:58Calcio: Niang, stress perché voglio decidere io dove giocare

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Vorrei scegliere io dove andare a giocare e non gli altri". Mbaye Niang spiega così il proprio stato di stress, messo nero su bianco su un certificato che lo esonera dagli allenamenti con il Milan, presentato dopo il rifiuto di essere ceduto allo Spartak Mosca. "Ho ascoltato le parole di Montella in conferenza, vorrei solo dire che il calcio è sempre stato l'amore della mia vita ed è il mio mestiere - ha dichiarato l'attaccante francese al sito Milan news.it -. Mi sono sempre allenato con il sorriso, gioco nel Milan da cinque anni e pure i compagni possono testimoniarlo. Lo stress non è legato ad una situazione tecnica ma a quello che sta succedendo fuori dal campo, su come si stanno facendo le cose. Vorrei solo scegliere dove andare a giocare, vorrei sceglierei io e non gli altri. Non ho nulla contro il Milan e la società, vorrei solo spiegare la situazione".

22:23Incendi: Croazia, ancora critica la situazione in Dalmazia

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 23 AGO - È ancora critica la situazione in vari luoghi della Dalmazia, specie nell'entroterra e su alcune isole, dove da alcuni giorni divampano vasti incendi nel cui spegnimento è impegnato praticamente l'intero corpo dei vigili del fuoco della Croazia, con l'aiuto dell'esercito. Negli scorsi giorni le fiamme hanno divorato centinaia di ettari di boschi, uliveti e macchia mediterranea nella zona di Zara e Sibenico, mentre oggi sono stati domati gli incendi sulle isole di Hvar, Brac e Mljet, in questo periodo affollate da turisti. A complicare le operazioni di spegnimento è il forte vento, ma anche il fatto che i vigili del fuoco devono lottare contro almeno 15 roghi in vari punti, spesso distanti tra loro. Per ora sono state evacuate un centinaio di persone da piccoli villaggi dell'entroterra dalmata. Non ci sono informazioni su feriti né su danni ad abitazioni o infrastrutture. Fino ad oggi la polizia croata ha arrestato cinque persone per incendio doloso, tra cui due minorenni.

22:19Barcellona: Isis celebra jihadisti,’colpire ancora’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'Isis ha pubblicato un video in cui celebra i jihadisti di Barcellona e fa appello per nuovi attentati. Lo riferisce il Site. Nel filmato, due jihadisti lanciano le nuove minacce in spagnolo. Il video è stato realizzato dalla 'provincia' siriana dell'Isis a est, nella regione di Dayr az Zor.

22:16Basket: torneo Acropolis, Italia-Serbia 65-73

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Si apre con una sconfitta contro la Serbia (73-65) il torneo dell'Acropolis per l'Italbasket di Ettore Messina, ma se non nel risultato la prestazione di Atene soddisfa il ct, che a meno di dieci giorni dal via dell'Europeo ha visto gli azzurri affrontare i più quotati avversari con una prestazione solida e di volontà. "Oggi la squadra ha fatto dei passi in avanti molto seri - ha sottolineato Messina -. Abbiamo avuto un ottimo atteggiamento per 40', dovendo affrontare quello che è un serio problema anche a livello Nba, ovvero marcare Boban Marjanovic. Abbiamo costruito buoni tiri, pur sbagliandone qualcuno di troppo nei momenti cruciali. Sono contento per i ragazzi per questa prestazione contro una squadra da medaglia". Domani sera l'Italia tornerà in campo all'Oaja per sfidare la Grecia padrona di casa.

22:16Usa: Trump, tempo di lenire le ferite che ci dividono

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - "E' tempo di lenire le ferite che ci dividono", ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un discorso a Reno, in Nevada. "Non siamo definiti dal colore della nostra pelle o dal nostro stipendio", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora