Disgelo Prodi-Renzi: “Io nel Pd ma alleanze chiare”

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

ROMA. – La tenda di Romano Prodi, per usare l’ultima metafora usata dal Professore, per ora resta vicina al Pd. Il fondatore dell’Ulivo incontra a quattr’occhi Matteo Renzi e, pur rassicurandolo, avrebbe messo in chiaro quelle che, anche essendo ormai “un felice pensionato”, restano i suoi capisaldi: unità del centrosinistra e alleanze chiare. Priorità che il leader dem avrebbe condiviso, chiedendo consigli all’ex premier su come muoversi per riuscire a superare veti, anche contro di lui, e difficoltà perchè il centrosinistra torni vincente.

Dopo settimane in cui Prodi viene descritto, nonostante le smentite dell’interessato, come il deus ex machina del nuovo soggetto a sinistra del Pd, guidato da Giuliano Pisapia e Pier Luigi Bersani, l’incontro con Renzi viene descritto da entrambi i lati come positivo. Il segretario dem avrebbe spiegato a Prodi di non aver mai lavorato per un abbraccio con Silvio Berlusconi ma di essere stato costretto a tentare la via, poi fallita, di una legge elettorale proporzionale perchè l’unica che, sulla carta, aveva chance di successo in Parlamento.

Un primo chiarimento importante per l’ex presidente della commissione europea che si considera l’uomo del bipolarismo, che per vent’anni ha duellato (e vinto) con il Cavaliere. Così come, ha ricordato Prodi, il Pd è il partito da lui fondato e per la cui unità il Professore ha sempre lavorato pur essendo stato, ricorda oggi il fratello Franco, “quattro volte tradito dagli amici”, la più dolorosa “quella dei 101”.

Se avesse deciso di andare altrove, sarebbe stata la rassicurazione, l’avrebbe detto con chiarezza. E per non dare messaggi discordanti, il Professore non dovrebbe partecipare l’1 luglio alla manifestazione con cui Pisapia battezza a piazza Santi Apostoli l’Alleanza per l’Italia. Parole che fanno tirare un sospiro di sollievo ai renziani ben consapevoli dell’appeal della figura di Prodi sull’elettorato dem. Ma che non cambiano le difficoltà per riunire il centrosinistra, su cui i due ex premier, a quanto si apprende, si sono confrontati.

“Il tema ora non è uscire da un accampamento per entrare in un altro. Il nodo vero è capire se il centrosinistra è una somma di realtà o di roccaforti”, è l’analisi di Gianni Cuperlo che, dopo giorni di silenzio, smentisce di voler lasciare il Pd per passare con il Campo Progressista di Pisapia ma assicura una “battaglia” da dentro il Pd per “un cammino federativo”.

La strada, a maggior ragione ora che è chiaro che si voterà a fine legislatura, è lunga. Ma, a parole, Prodi non sembra aver perso le speranze e, anche da fuori, si dice pronto a lavorare per superare le divisioni. E, tra una battuta e l’altra, dice di restare per ora super partes. “No, no, per carità, la giacca ce l’ho ancora…”, scherza con i cronisti che gli chiedono se nel centrosinistra in molti gli tirano la giacca. Dal canto suo, anche Renzi si mostra convinto che un filo comune si possa trovare anche se l’alleanza deve avvenire sui contenuti e su capisaldi come l’abbassamento delle tasse o il jobs act lui non ha intenzione di tornare indietro.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

12:10Motovedetta tunisina tenta sequestro peschereccio

(ANSA) - MAZARA DEL VALLO (TRAPANI), 20 AGO - Il peschereccio ''Aliseo'', del compartimento marittimo di Mazara del Vallo, ieri sera, intorno alle 21, è stato aggredito in un tentativo di sequestro da parte dell'equipaggio di una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a circa 30-35 miglia Nord-Est da Zarzis, non distante dal confine con la Libia. Lo dice l'armatore Manuel Giacalone. I tunisini avrebbero sparato colpi d'arma da fuoco verso il natante italiano che secondo l'armatore era in acque internazionali.

12:09Sicurezza: Vaticano affollato per Angelus, controlli serrati

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - Controlli serrati e file per avvicinarsi a piazza San Pietro: in vista dell'Angelus del Papa alle 12, sono molti i fedeli giunti in Vaticano, come tutte le domeniche. I controlli di sicurezza sono serrati e per questo le file per accedere alla piazza un po' lunghe. Oltre ai controlli delle forze di polizia, collocate ai vari punti di ingresso, c'è, come controllo finale, il passaggio al metal detector. Presidiate dai militari le porte di ingresso vaticane. Ma si tratta delle misure di sicurezza che ormai da tempo vengono adottate per tutti gli eventi con il Papa, come l'Angelus. La gente comunque sembra non farsi condizionare dalle ultime vicende e dalle minacce specifiche dei terroristi contro l'Italia e ci sono numerosi gruppi e famiglie venuti a pregare in piazza con il Papa. Da mesi inoltre gran parte di via della Conciliazione non è accessibile alle auto con grandi fioriere di cemento poste all'inizio della strada che porta a piazza San Pietro.(ANSA).

11:56Pagami o ti cancello dai social, arrestato per estorsione

(ANSA) - BRESCIA, 20 AGO - Minacciava l'amico di cancellargli il profilo Instagram del quale era riuscito ad ottenere le password d'accesso se non avesse pagato. Protagonista, un 19enne bresciano, arrestato dai carabinieri di Chiari per estorsione nei confronti di un coetaneo al quale chiedeva soldi e ricariche telefoniche per evitare l'azzeramento del profilo social. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. (ANSA).

11:35Sierra Leone: alluvioni, si temono 1.000 vittime

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il bilancio delle vittime delle alluvioni e delle frane che hanno colpito Freetown negli ultimi giorni potrebbe salire oltre quota 1.000: lo scrive oggi il quotidiano britannico Independent sottolineando che i morti confermati sono già 450 e che il numero dei dispersi potrebbe superare i 600. Secondo il personale delle squadre di soccorso le probabilità di trovare sopravvissuti "diminuiscono ogni giorno". Le forti piogge hanno provocato una gigantesca frana di fango e rocce alle porte della capitale che ha distrutto tutto quello che si trovava sul proprio cammino. Si lavora ancora per cercare eventuali sopravvissuti ma finora si trovano solo corpi senza vita, in molti casi smembrati e irriconoscibili perche' colpiti violentemente dalle rocce ed i tronchi d'albero trascinati dalla frana.

11:23Barcellona:vasta operazione polizia oggi a Ripoll e Manlleu

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - Decine e decine di posti di blocco sono stati innalzati nel nord-est della Catalogna, in una gigantesca caccia all'uomo per rintracciare Younes Abouyaaquou, il marocchino di 22 anni, sospettato di essere il guidatore del furgone killer che giovedì scorso è piombato sulla Rambla di Barcellona, uccidendo 14 persone e ferendone oltre 120. Le ricerche si concentrano attorno alle cittadine di Ripoll, da cui provenivano i membri della cellula terroristica, e di Manlleu. (ANSA).

11:05Barcellona: Londra studia più controlli per noleggio auto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il governo britannico sta mettendo a punto un piano che prevede l'introduzione di controlli più rigidi sui clienti delle compagnie di autonoleggio per cercare di prevenire attacchi - come quello di Barcellona - in cui terroristi si servono di veicoli noleggiati per compiere le loro stragi. Secondo quanto riporta il tabloid Mirror, che cita una fonte anonima, il governo potrebbe passare al vaglio le informazioni date dai clienti delle società di autonoleggio (inclusi nomi e indirizzi) per controlli incrociati con le liste di noti criminali. I clienti degli autonoleggi, inoltre, potrebbero essere obbligati a fornire maggiori informazioni personali per poter noleggiare i veicoli.

11:00Barcellona:inizia messa a Sagrada Familia per vittime Rambla

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - E' cominciata nella basilica della Sagrada Familia la solenne messa in ricordo delle vittime dell'attacco sulla Rambla di Barcellona che ha ucciso 14 persone e ne ha ferito più 120. Alla cerimonia, officiata dall'arcivescovo di Barcellona Joan Josep Omella, assistono i sovrani di Spagna, re Felipe VI e la regina Letizia, e il primo ministro Mariano Rajoy, rappresentanti di paesi esteri e migliaia di cittadini. La Sagrada Familia, capolavoro incompiuto di Gaudì, è stata citata dai media come uno dei possibili obiettivi del commando terrorista che ha colpito la Rambla con un furgone lanciato a tutta velocità.

Archivio Ultima ora