La Serbia fa storia nei Balcani, primo premier donna e gay

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

Ana Brnabic. (AP Photo/Darko Vojinovic, File)

BELGRADO. – La Serbia fa la storia nei Balcani. Dopo che lo scorso agosto per la prima volta nel governo di Belgrado e nel resto della regione era entrato un ministro omosessuale, ora per la prima volta quello stesso ministro è stato designato alla carica di premier. Ana Brnabic, 42 anni, lesbica dichiarata e prima donna nella storia del Paese ex jugoslavo a diventare primi ministro, è stata infatti incaricata dal neopresidente Aleksandar Vucic di formare il nuovo governo.

Considerato un Paese di conservatori e nazionalisti, patriarcale e omofobo, la Serbia spiazza tutti e si prepara ad avere per la prima volta alla guida del governo un premier molto atipico per la regione: donna e omosessuale. Una novità assoluta per tutti i Balcani. “E’ un grande onore per me, ma al tempo stesso una enorme responsabilità”, ha detto dopo l’annuncio del presidente Ana Brnabic, indipendente e non iscritta ad alcun partito, finora ministro della pubblica amministrazione e delle entità locali. “Ringrazio il presidente per la fiducia accordatami”.

Nata a Belgrado nel 1975, Brnabic è esperta di economia e management con un master in marketing della Hull University britannica, e ha un’esperienza di oltre dieci anni in attività con organizzazioni internazionali, fondi di investimento stranieri, enti locali, operando sia nel settore pubblico che in quello privato.

Nel 2013 le è stato assegnato il Premio ‘Business Lady of the Year’, mentre nel maggio scorso ha ricevuto il riconoscimento ‘Duga’ (Arcobaleno) istituito cinque anni fa dal Gay Strait Alliance con l’obiettivo di difendere e promuovere i diritti della popolazione Lgbt in Serbia, un Paese dove – al pari del resto dei Balcani – gli omosessuali non hanno certo vita facile.

La decisione di Vucic ha suscitato l’esultanza delle organizzazioni gay in Serbia, secondo le quali con ciò il presidente “ha scritto una nuova pagina nella storia della democrazia serba”. Molto diversa la reazione del movimento ultranazionalista e omofobo ‘Dveri’, il cui leader Bosko Obradovic si è chiesto se si sia trattato di una scelta di Vucic o piuttosto dell’Occidente.

Annunciando in una conferenza stampa il conferimento dell’incarico a Ana Brnabic, Vucic ha detto che “la decisione non è stata facile, ma che l’ha presa nell’interesse della Serbia e dei suoi cittadini”. Ana Brnabic, ha osservato, ha l’energia, le qualità e la preparazione per portare avanti il programma di governo, proseguire nelle riforme necessarie al Paese, progredire sulla strada dell’integrazione europea e continuare a migliorare l’immagine internazionale della Serbia.

Il voto di fiducia del parlamento al governo di Ana Brnabic, che non dovrebbe incontrare difficoltà, è previsto la prossima settimana, prima del 23 giugno, giorno in cui è in programma la cerimonia ufficiale di insediamento alla presidenza di Aleksandar Vucic.

Ultima ora

22:41Inviato proiettile con missiva a sindaco Lega di Cascina

(ANSA) - CASCINA (PISA), 20 NOV - Una lettera anonima di minacce e di poche righe contenente un proiettile calibro 28 è stata recapitata stamani al sindaco leghista di Cascina (Pisa), Susanna Ceccardi. Lo ha reso noto lo stesso sindaco spiegando all'ANSA di "non essere al momento in grado di valutare se è davvero pericolosa o meno, ma che comunque non rinuncerò alla mia azione politica". Nella missiva c'è scritto: "Con il tuo razzismo non andrai da nessuna parte. Accetta questo nostro pensiero. Ripuliremo Cascina dalle merde come te". La lettera anonima è stata recapitata in Comune e aperta dall'ufficio protocollo dell'amministrazione cascinese. Il foglio è stato subito consegnato ai carabinieri che l'hanno inviata alla polizia scientifica per effettuare tutti i rilievi del caso. "Io sono convinta - ha concluso Ceccardi - di non essere razzista, ma solo di voler lavorare al servizio dei miei concittadini. E il mio impegno politico a favore prima di tutto degli italiani proseguirà".

22:28Coppa America: ecco nuove barche,monoscafi da oltre 22 metri

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - La 36/a edizione dell'America's cup di vela è cominciata con un salto nel futuro, ma senza rinnegare in toto il passato. Non si tratta di un compromesso tecnologico, ma di una scelta ben precisa, che precede una mini-rivoluzione sostanziale. Da Auckland, nella serata italiana, è rimbalzata la notizia della scelta ufficiale delle nuova barca, da parte di Emirates team New Zealand, il 'defender' del più prestigioso e antico trofeo velico, la cui fase finale si disputerà nel 2021 proprio in Nuova Zelanda. Frutto del lavoro condiviso tra i progettisti del team 'kiwi' e quelli di Luna Rossa, 'challenger of record' (con il guidone del Circolo della vela Sicilia di Palermo) e quindi primo sfidante ufficiale dell'edizione che verrà, la nuova imbarcazione, denominata Ac75, è in realtà un monoscafo rivoluzionario, della lunghezza di 22,86 metri, dotato di appendici (foil) lunghe oltre cinque metri ciascuna, che promettono velocità e spettacolo in ogni condizione di vento, ma anche di mare.

20:51Coniugi uccisi: sottoposto a fermo figlio vittime

(ANSA) - NAPOLI, 20 NOV - E' stato sottoposto a fermo Graziano Afratellanza, per il duplice omicidio dei suoi genitori, la scorsa notte a Parete, nel Casertano. A suo carico sono stati raccolti gravi indizi. In particolare sin dai primi accertamenti è risultato che i due ottantenni erano stati sgozzati con una lama di 14-15 centimetri mentre dormivano. L'esame esterno ha subito fatto ipotizzare ad un'aggressione: il figlio, unico convivente delle vittime si era reso sin da subito irreperibile a bordo della proprio automobile. Durante le indagini trovato abbandonato lungo una strada sterrata, il coltello a lama liscia compatibile con quella dell'omicidio. (ANSA).

20:40Terremoti: transennato Battistero Parma per accertare danni

(ANSA) - PARMA, 20 NOV - I tecnici del Comune di Parma hanno deciso di transennare l'area limitrofa al Battistero di Parma per verificare la staticità di alcuni torrini della parte superiore dell'importante edificio storico, che potrebbero essere rimasti danneggiati dal terremoto di magnitudo 4.4 che ieri ha colpito la provincia emiliana. Sono in corso alcuni controlli da parte dei Vigili del Fuoco che stanno verificando se ci sono state parti effettivamente danneggiate che richiedano un intervento. L'area resterà transennata almeno fino a domani. (ANSA).

20:32Resa Tavecchio: Moratti, per lui choc ma doveva aspettarselo

(ANSA) - MILANO, 20 NOV - ''Mi spiace dal punto di vista umano perché ce l'ha messa tutta ma è stato in qualche modo sfortunato. Il tutto però ha una sua logica e purtroppo la vita è così. Cosa serve ora? Bisogna voler bene alla Nazionale. Serve qualcuno che 'la prenda' con onore e con il cuore, per capire il tipo di responsabilità''. L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, premiato con la Guirlande d'Honneur di Sport Movies & Tv 2017 - 35th Milano International Fict Fest, commenta così le dimissioni Carlo Tavecchio. ''Per lui è stato uno choc, l'ha presa male, ce l'aveva con il destino. D'altro canto - continua Moratti - poteva però aspettarselo. Se mi aspettavo le dimissioni di Ventura? Sì, me le aspettavo. Comunque in generale, come Nazionale, ce la siamo sempre cavata con grossi colpi di fortuna. Ora si parla di stranieri, giovani, ma i giovani delle squadre di Serie A sono tutti molto forti quindi si fa un lavoro attento. Bisognerà vedere in che modo migliorare anche questa gestione''.

20:31Resa Tavecchio: Montella,in 2016 scambio pensieri con Lippi

(ANSA) - MILANO, 20 NOV - Prima di accettare la panchina del Milan, Vincenzo Montella fu tra gli allenatori presi in considerazione per il posto di ct della Nazionale, come ha confermato lo stesso allenatore rossonero. "Avevo parlato con Marcello Lippi, c'era stato uno scambio di pensieri a fine campionato 2015/16, nulla di più", ha raccontato a Milan Tv Montella.

20:21Ema: Gentiloni, Milano candidatura solida, che beffa!

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Grazie a Milano e grazie a tutti coloro che si sono impegnati per Ema, nelle istituzioni e nel privato. Una candidatura solida sconfitta solo da un sorteggio. Che beffa!". Così il premier Paolo Gentiloni commenta su twitter il sorteggio che ha premiato Amsterdam per l'Ema.

Archivio Ultima ora