Erika non ce l’ha fatta, é morta dopo 12 giorni d’agonia

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

Piazza San Carlo dopo gli incidenti. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO. – E’ morta alle 21.56, dopo dodici giorni di agonia Erika Pioletti, 38 anni, di Domodossola, la più grave dei 1.527 feriti nella bolgia di piazza San Carlo. Lo ha reso noto l’ospedale San Giovani Bosco, dove era ricoverata dallo scorso 3 giugno in condizioni estremamente critiche. Travolta dalla folla in preda al panico, la donna aveva riportato un infarto da schiacciamento e questa mattina i medici avevano accertato un “gravissimo danno cerebrale”. Per i familiari, che hanno espresso la volontà di donare gli organi, e gli amici accorsi nella Rianimazione dell’ospedale è stata una giornata di angoscia e di dolore portati con grande compostezza.

“Non so cosa è successo in quella piazza – ripeteva la mamma ai parenti – e forse non mi interessa saperlo. So soltanto che non avrò più mia figlia”. “E tutto questo solo per una partita di calcio”, ha aggiunto lo zio.

L’inchiesta giudiziaria, nell’ambito della quale i magistrati valuteranno se riformulare il reato ipotizzato, da lesioni plurime colpose a omicidio colposo, sta appurando cosa ha trasformato i 30mila raccolti in piazza San Carlo in una ‘mandria’ impazzita.

La Digos sta facendo ordine fra innumerevoli testimonianze (“qualcuno diceva di avere sentito degli spari”, “c’è stato un boato”, “si prendevano a spintoni”) ma c’è una pista che si segue con interesse: quella delle persone che hanno avvertito “difficoltà respiratorie” e sintomi simili a quelli prodotti da “sostanze urticanti”.

Per questo la Procura di Torino ha affidato ai vigili del fuoco degli accertamenti sull’impianto di areazione del parcheggio sotterraneo, rimasto aperto. Per capire se ci sono state delle carenze nella gestione i pm hanno raccolto documenti in Prefettura, municipio, questura, polizia municipale, servizio 118 e consorzio Turismo Torino, la partecipata del Comune che ha organizzato l’evento in piazza.

Fra le carte spiccano i verbali della “Commissione provinciale di vigilanza”, organo composto fra l’altro da rappresentanti del prefetto, del questore e del sindaco. In segno di solidarietà alla famiglia di Erika è stata rinviata la seduta di domattina della Commissione d’indagine istituita dal Consiglio comunale. Era prevista l’audizione della sindaca Chiara Appendino.

“In un momento di così profondo dolore, ogni parola sarebbe superflua”, si limita a dire la prima cittadina. “Posso solo esprimere le più sincere condoglianze mie e di tutta la Città – aggiunge – a famigliari e amici di Erika. Per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino”. E c’è chi sui social chiede di annullare i festeggiamenti, la prossima settimana, per San Giovanni, patrono della città.

Ultima ora

11:56Pagami o ti cancello dai social, arrestato per estorsione

(ANSA) - BRESCIA, 20 AGO - Minacciava l'amico di cancellargli il profilo Instagram del quale era riuscito ad ottenere le password d'accesso se non avesse pagato. Protagonista, un 19enne bresciano, arrestato dai carabinieri di Chiari per estorsione nei confronti di un coetaneo al quale chiedeva soldi e ricariche telefoniche per evitare l'azzeramento del profilo social. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. (ANSA).

11:35Sierra Leone: alluvioni, si temono 1.000 vittime

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il bilancio delle vittime delle alluvioni e delle frane che hanno colpito Freetown negli ultimi giorni potrebbe salire oltre quota 1.000: lo scrive oggi il quotidiano britannico Independent sottolineando che i morti confermati sono già 450 e che il numero dei dispersi potrebbe superare i 600. Secondo il personale delle squadre di soccorso le probabilità di trovare sopravvissuti "diminuiscono ogni giorno". Le forti piogge hanno provocato una gigantesca frana di fango e rocce alle porte della capitale che ha distrutto tutto quello che si trovava sul proprio cammino. Si lavora ancora per cercare eventuali sopravvissuti ma finora si trovano solo corpi senza vita, in molti casi smembrati e irriconoscibili perche' colpiti violentemente dalle rocce ed i tronchi d'albero trascinati dalla frana.

11:23Barcellona:vasta operazione polizia oggi a Ripoll e Manlleu

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - Decine e decine di posti di blocco sono stati innalzati nel nord-est della Catalogna, in una gigantesca caccia all'uomo per rintracciare Younes Abouyaaquou, il marocchino di 22 anni, sospettato di essere il guidatore del furgone killer che giovedì scorso è piombato sulla Rambla di Barcellona, uccidendo 14 persone e ferendone oltre 120. Le ricerche si concentrano attorno alle cittadine di Ripoll, da cui provenivano i membri della cellula terroristica, e di Manlleu. (ANSA).

11:05Barcellona: Londra studia più controlli per noleggio auto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il governo britannico sta mettendo a punto un piano che prevede l'introduzione di controlli più rigidi sui clienti delle compagnie di autonoleggio per cercare di prevenire attacchi - come quello di Barcellona - in cui terroristi si servono di veicoli noleggiati per compiere le loro stragi. Secondo quanto riporta il tabloid Mirror, che cita una fonte anonima, il governo potrebbe passare al vaglio le informazioni date dai clienti delle società di autonoleggio (inclusi nomi e indirizzi) per controlli incrociati con le liste di noti criminali. I clienti degli autonoleggi, inoltre, potrebbero essere obbligati a fornire maggiori informazioni personali per poter noleggiare i veicoli.

11:00Barcellona:inizia messa a Sagrada Familia per vittime Rambla

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - E' cominciata nella basilica della Sagrada Familia la solenne messa in ricordo delle vittime dell'attacco sulla Rambla di Barcellona che ha ucciso 14 persone e ne ha ferito più 120. Alla cerimonia, officiata dall'arcivescovo di Barcellona Joan Josep Omella, assistono i sovrani di Spagna, re Felipe VI e la regina Letizia, e il primo ministro Mariano Rajoy, rappresentanti di paesi esteri e migliaia di cittadini. La Sagrada Familia, capolavoro incompiuto di Gaudì, è stata citata dai media come uno dei possibili obiettivi del commando terrorista che ha colpito la Rambla con un furgone lanciato a tutta velocità.

10:54Iraq: esercito lancia operazione per riconquista Tal Afar

(ANSA) - BAGHDAD, 20 AGO - L'esercito iracheno ha dato il via stamane all'alba all'operazione militare per conquistare la cittadina di Tal Afar, ancora in mano all'Isis. Lo ha annunciato il primo ministro, Haider al-Abadi . Tal Afar, a ovest di Mosul e circa a 150 chilometri dal confine siriano, rappresenta una roccaforte strategica per gli uomini del califfato, che riescono da questa località a controllare il passaggio tra Siria e Iraq. Nella cittadina, prima della conquista da parte dell'Isis, vivevano sunniti, ma anche sciiti e turcomanni. Le milizie sciite, che si sono tenute ai margini dalla riconquista di Mosul, hanno espresso la loro intenzione di partecipare alla battaglia di Tal Afar. Circa 50 mila persone sono già fuggite dalla cittadina negli ultimi mesi, mentre sono un milione gli sfollati di Mosul.

09:32Filippine: campane chiese contro uccisioni antidroga Duterte

(ANSA) - MANILA, 20 AGO - La Chiesa cattolica nelle Filippine risponde alla sanguinosa campagna antidroga del presidente Rodrigo Duterte: l'arcivescovo Socrates Villegas di una regione nel nord del Paese ha ordinato a tutte le chiese nel suo arcivescovado di suonare le campane ogni sera per tre mesi in segno di protesta contro il crescente numero di omicidi da parte della polizia nella lotta ai narcotrafficanti. Le campane delle chiese suoneranno per 15 minuti ogni sera a partire da martedì prossimo per svegliare una popolazione "codarda", incapace di "esprimere la propria rabbia contro il male", ha detto Villegas. L'iniziativa segue l'ondata di violenze della settimana scorsa, quando oltre 80 sospetti sono stati uccisi dalla polizia a Manila e nella vicina provincia di Bulacan in soli tre giorni.

Archivio Ultima ora