Londra, le famiglie di Marco e Gloria: “Finiti i motivi per sperare”

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

(ANSA/AP Photo/Matt Dunham)

VENEZIA. – Da Londra nessuno si aspetta più il miracolo. Le famiglie di Marco Gottardi e Gloria Trevisan, i due giovani architetti veneti ufficialmente tra i dispersi della Grenfell Tower, attendono ormai l’irreparabile, la notizia del ritrovamento dei corpi dei due fidanzati, rimasti bloccati dall’incendio nell’appartamento al 23/o piano.

Gli aggiornamenti drammatici che arrivano dalla capitale britannica – 17 vittime finora accertate ma la polizia ha evocato fino a cento morti e non ha più nessuna speranza di trovare qualcuno vivo – hanno tolto ogni illusione alle famiglie, chiuse nelle loro abitazioni di San Stino di Livenza (Venezia) e di Camposampiero (Padova).

“Ho sentito la registrazione della telefonata di Gloria alla mamma. Le dice grazie per quello che ha fatto per lei. Stavano dando un addio. Non ci sono motivi per sperare che Gloria e Marco siamo ancora vivi”, ha detto l’avvocato Maria Cristina Sandrin, legale della famiglia Trevisan. “Gloria – ha ricordato – si era laureata il 18 ottobre ed è andata a Londra perché qui non ci sono possibilità professionali, neanche per chi si laurea con 110”.

Il lavoro a Londra, ha aggiunto la legale, era per Gloria anche l’occasione per dare una mano alla famiglia, che vive una particolare situazione economica. Casa Gottardi, a San Stino, è meta da ieri di un mesto pellegrinaggio di amici e parenti, di rappresentanti delle istituzioni locali.

“Siamo in costante contatto con la Farnesina e con i familiari di Gloria. Con il passare delle ore le nostre speranze, già ridotte al lumicino, stanno diminuendo, ma fino a che non ci diranno di aver ritrovato i nostri ragazzi continuiamo a credere nel miracolo”, dice disperato Giannino Gottardi, papà di Marco.

Impossibile per lui non andare ancora col pensiero all’ultima telefonata con il figlio, l’altra notte, mentre le fiamme e il fumo stavano raggiungendo l’appartamento al penultimo piano della torre. “Marco è stato straordinario – dice l’uomo – infondeva tranquillità a tutti. Quando la linea è caduta abbiamo capito che la situazione era precipitata e siamo stati colti dalla disperazione. Conserverò per sempre il ricordo delle ultime parole che ci ha dedicato”.

Per il momento i familiari di Marco non partiranno per Londra. “Sul posto – spiega Gottardi – c’è già il fratello di Gloria che sta amplificando i nostri appelli, anche attraverso i social, e prova in ogni modo a reperire tracce sulla sorte dei nostri cari”.

Ultima ora

11:02Maltempo: situazione critica in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - La situazione valanghe resta critica in Alto Adige, soprattutto in val Venosta. Nelle scorse ore ha ripreso a nevicare, soprattutto nel nord della provincia. Le corsie, anche dell'autostrada del Brennero tra Bressanone e il valico, sono parzialmente innevate. Lungo la cresta di confine, dove il pericolo valanghe attualmente è forte (grado 4 di 50) sono attesi altri 30-40 centimetri di neve. La strada statale per passo Resia è chiusa a San Valentino per pericolo valanghe, mentre da Silandro in direzione confine di stato c'è obbligo di catene per mezzi pesanti. Da Ciardes in poi il traffico è rallentamento per veicoli rimasti bloccati. Resta, per il momento, bloccata la val Senales, dove sono bloccati centinaia di turisti. Sono chiuse anche alcune strade provinciali in val Venosta e val Pusteria.

11:01Violenza sessuale: arrestato tassista abusivo

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Un trentenne è stato arrestato, dalla Polizia di Stato, con l'accusa di aver commesso due violenze sessuali ai danni di giovani donne a Milano. L'uomo, secondo quanto spiegato, sarebbe un tassista abusivo che, secondo le accuse, avrebbe messo a segno le aggressioni ai danni di passeggere. A bloccare l'uomo sono stati gli investigatori della Squadra mobile che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Secondo quanto si è appreso il 'tassista' ha commesso le due aggressioni sessuali, costringendo le clienti a dei rapporti, a distanza di tempo l'una dall'altra, una più di recente e l'altra oltre un anno fa.

11:00Ciclismo: Vuelta di San Juan, primo acuto di Gaviria

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Primo acuto stagionale di Fernando Gaviria (Quick-step Floors). Il colombiano si è aggiudicato la prima tappa, da San Juan a Pocito (148,9 km, alla media di 45,725 Km/h), della Vuelta di San Juan di ciclismo, che si disputa sulle strade dell'Argentina. Gaviria ha preceduto nell'ordine Niccolò Bonifazio (Bahrain-Merida) e Matteo Pelucchi (Bora Hansgrohe). Quarto Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo) e quinto Manuel Belletti (Androni-Sidermec). Non ha preso il via della corsa a tappe argentina Vincenzo Nibali, colpito da un virus intestinale, probabilmente lo stesso che ha fermato anche il compagno di squadra Mark Padun.

10:46Catalogna: media, Puigdemont è partito per Copenhagen

(ANSA) - BRUXELLES, 22 GEN - Il leader indipendentista catalano Carles Puigdemont è partito da Bruxelles alla volta di Copenhagen dove dovrà intervenire alle 14. Lo riportano i media belgi citando i media spagnoli. L'ex presidente, secondo i media, è stato avvistato allo scalo di Charleroi prima delle 8 per prendere il volo verso la capitale danese, nonostante la minaccia della Spagna di far scattare un nuovo mandato d'arresto europeo.

10:44Tennis: Australia, Berdych travolge Fognini e azzurri fuori

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Si esaurisce negli ottavi di finale l'avventura degli azzurri, agli Australian open di tennis, in corso a Melbourne. Dopo Andreas Seppi, sconfitto dal britannico Kyle Edmund, anche Fabio Fognini, testa di serie numero 25 del torneo, è stato eliminato: il ligure si è arreso in tre set al ceco Tomas Berdych (19), al quale sono bastate poco più di due ore (2h'08') di gioco per mettere le mani sui quarti. Di 6-1, 6-4, 6-4 il punteggio per il tennista ceco, un frequentatore assiduo dei quarti di finale sui campi di Melbourne.

10:24Giappone: esercitazione anti-missile a Tokyo

(ANSA) - TOKYO, 22 GEN - Sotto la prima neve dell'anno a Tokyo si è svolta la prima dettagliata esercitazione per preparare i residenti della capitale ad un eventuale lancio di un missile dalla Corea del Nord. Circa 350 persone hanno preso parte alla prova condotta all'interno di una stazione della metropolitana al centro nord della città, e in un parco adiacente del comune di Bunkyo. Simili esercitazioni sono state organizzate di recente in diverse località del Giappone, in concomitanza con la crescente minaccia rappresentata dal programma missilistico e nucleare del regime di Pyongyang. Sotto la guida degli agenti, al suono delle sirene del sistema di difesa antimissile J-Alert, i partecipanti hanno evacuato la stazione di Kasuga e altri palazzi circostanti. Agli impiegati del comune di Bunkyo è stato dimostrato come ripararsi durante la simulazione, mentre gli inservienti del parco facevano vedere ai visitatori come cercare rifugio dentro gli edifici più robusti.

10:10Afghanistan: rapita a Kabul dipendente Onu con figlia

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - Una dipendente, di cui ancora non si conosce la nazionalità, della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) è stata rapita oggi a Kabul insieme alla figlia che stava portando a scuola. Lo riferisce la tv Tolo.

Archivio Ultima ora