La Germania dice addio a Kohl, padre della riunificazione

Pubblicato il 16 giugno 2017 da ansa

EPA PHOTO/DPA FILES/HEINZ WIESELER ANSA-CD

BERLINO. – Chi lo ha conosciuto bene racconta che il tratto bonario, perfino rustico, della sua Renania fu uno degli ingredienti del suo capolavoro politico: la riunificazione tedesca. Un evento che fa di Helmut Kohl, l’ex cancelliere della Cdu, morto stamattina a 87 anni nella sua casa di Ludwigshafen, un “gigante” della storia europea e occidentale. Determinante fu quella capacità, coltivata col boccale di birra in mano e onorando una stazza di 1,93 di altezza con cibo abbondante e passione per il burro (pare che lo mangiasse a pezzi), di tessere relazioni.

Di più, erano amicizie – con i partner dell’epoca Mitterand, Bush, Gorbaciov – che risultarono di vitale importanza per la Germania, rilanciandone le sorti, dopo decenni di drammatica divisione in est e ovest. Senza di lui, ha ricordato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker stasera, “l’euro non ci sarebbe stato”.

Fu Kohl infatti a rinunciare, per i connazionali che non erano d’accordo, alla forza del marco tedesco: unica bandiera in cui si riconosceva lo sfiduciato popolo di allora. E lo fece proprio per ottenere in cambio il via libera alla realizzazione della Germania unita: una missione quasi impossibile, dopo due guerre mondiali scatenate da Berlino. A lui si devono quindi le parabole della locomotiva europea, che oggi traina e irrita gli alleati, e dell’Ue (fu l’artefice con Parigi dei trattati di Maastricht). E a lui si riconducono spesso pregi e difetti di queste “creature”.

La morte del cancelliere più longevo del dopoguerra (16 anni dall’ottobre 1982 all’ottobre dei 1998), che fu leader dei cristiano democratici per 25 anni, dal ’73 al ’98, arriva dopo le molte sofferenze provocate dagli esiti di una caduta che lo ha sottratto al dibattito politico del paese, al quale partecipava ormai solo di rado, per bocca della (discussa) seconda moglie.

Oggi tutti hanno “chinato il capo” – a partire da Angela Merkel, l’ex pupilla che lo “pugnalò” scaricandolo, quando esplose lo scandalo dei fondi pubblici della Cdu, e si prese il partito – di fronte alla memoria di questo “grande tedesco e grande europeo”. “Una fortuna per la Germania”, lo ha definito la cancelliera, che ha anche ammesso, una volta per tutte, pubblicamente: “Ha cambiato la mia vita in modo decisivo e gli sono grata”.

EPA/Tim Brakemeier

Nei messaggi arrivati alla famiglia – Kohl lascia la seconda moglie Maike Kohl-Richter, di 34 anni più giovane, e due figli della prima moglie, Hannelore, che morì suicida nel 2001 – si coglie il riflesso del valore dell’opera e delle sue intense relazioni con gli altri paesi. Il presidente francese Emmanuel Macron ha salutato “il grandissimo europeo” cui “si deve l’amicizia franco-tedesca”. Resta nella memoria di questa storia la foto in cui Kohl e Mitterand si tenevano mano nella mano.

Il premier israeliano Netanyahu ha ricordato “uno dei più grandi amici di Israele”. L’ex presidente degli Usa Bill Clinton ha affermato: “E’ stato chiamato a rispondere a una delle questioni più monumentali del suo tempo. Rispondendo nel modo giusto ha reso possibile la riunificazione di una Germania forte e prospera, e la creazione dell’Unione europea”. Per Jacques Delors, “un cittadino dell’Europa ci ha lasciato. Gli europei devono inchinarsi davanti all’uomo Helmut Kohl e alla sua azione”.

Per Romano Prodi “abbiamo perso un gigante della politica, un gigante dell’Europa unita”, “un riferimento di straordinaria grandezza”, con cui ha “condiviso la volontà di un’Europa unita che consentisse a tutte le nazioni di vivere in pace con obiettivi comuni”. Mentre il presidente Mattarella ha sottolineato “pragmatismo e capacità di visione” coi quali affrontò in modo lungimirante “anni caratterizzati da mutamenti profondi ed epocali”. Anche Kohl si era espresso sulla sua opera politica: parlava della riunificazione tedesca come della “realizzazione di un sogno”.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora