La Germania dice addio a Kohl, padre della riunificazione

Pubblicato il 16 giugno 2017 da ansa

EPA PHOTO/DPA FILES/HEINZ WIESELER ANSA-CD

BERLINO. – Chi lo ha conosciuto bene racconta che il tratto bonario, perfino rustico, della sua Renania fu uno degli ingredienti del suo capolavoro politico: la riunificazione tedesca. Un evento che fa di Helmut Kohl, l’ex cancelliere della Cdu, morto stamattina a 87 anni nella sua casa di Ludwigshafen, un “gigante” della storia europea e occidentale. Determinante fu quella capacità, coltivata col boccale di birra in mano e onorando una stazza di 1,93 di altezza con cibo abbondante e passione per il burro (pare che lo mangiasse a pezzi), di tessere relazioni.

Di più, erano amicizie – con i partner dell’epoca Mitterand, Bush, Gorbaciov – che risultarono di vitale importanza per la Germania, rilanciandone le sorti, dopo decenni di drammatica divisione in est e ovest. Senza di lui, ha ricordato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker stasera, “l’euro non ci sarebbe stato”.

Fu Kohl infatti a rinunciare, per i connazionali che non erano d’accordo, alla forza del marco tedesco: unica bandiera in cui si riconosceva lo sfiduciato popolo di allora. E lo fece proprio per ottenere in cambio il via libera alla realizzazione della Germania unita: una missione quasi impossibile, dopo due guerre mondiali scatenate da Berlino. A lui si devono quindi le parabole della locomotiva europea, che oggi traina e irrita gli alleati, e dell’Ue (fu l’artefice con Parigi dei trattati di Maastricht). E a lui si riconducono spesso pregi e difetti di queste “creature”.

La morte del cancelliere più longevo del dopoguerra (16 anni dall’ottobre 1982 all’ottobre dei 1998), che fu leader dei cristiano democratici per 25 anni, dal ’73 al ’98, arriva dopo le molte sofferenze provocate dagli esiti di una caduta che lo ha sottratto al dibattito politico del paese, al quale partecipava ormai solo di rado, per bocca della (discussa) seconda moglie.

Oggi tutti hanno “chinato il capo” – a partire da Angela Merkel, l’ex pupilla che lo “pugnalò” scaricandolo, quando esplose lo scandalo dei fondi pubblici della Cdu, e si prese il partito – di fronte alla memoria di questo “grande tedesco e grande europeo”. “Una fortuna per la Germania”, lo ha definito la cancelliera, che ha anche ammesso, una volta per tutte, pubblicamente: “Ha cambiato la mia vita in modo decisivo e gli sono grata”.

EPA/Tim Brakemeier

Nei messaggi arrivati alla famiglia – Kohl lascia la seconda moglie Maike Kohl-Richter, di 34 anni più giovane, e due figli della prima moglie, Hannelore, che morì suicida nel 2001 – si coglie il riflesso del valore dell’opera e delle sue intense relazioni con gli altri paesi. Il presidente francese Emmanuel Macron ha salutato “il grandissimo europeo” cui “si deve l’amicizia franco-tedesca”. Resta nella memoria di questa storia la foto in cui Kohl e Mitterand si tenevano mano nella mano.

Il premier israeliano Netanyahu ha ricordato “uno dei più grandi amici di Israele”. L’ex presidente degli Usa Bill Clinton ha affermato: “E’ stato chiamato a rispondere a una delle questioni più monumentali del suo tempo. Rispondendo nel modo giusto ha reso possibile la riunificazione di una Germania forte e prospera, e la creazione dell’Unione europea”. Per Jacques Delors, “un cittadino dell’Europa ci ha lasciato. Gli europei devono inchinarsi davanti all’uomo Helmut Kohl e alla sua azione”.

Per Romano Prodi “abbiamo perso un gigante della politica, un gigante dell’Europa unita”, “un riferimento di straordinaria grandezza”, con cui ha “condiviso la volontà di un’Europa unita che consentisse a tutte le nazioni di vivere in pace con obiettivi comuni”. Mentre il presidente Mattarella ha sottolineato “pragmatismo e capacità di visione” coi quali affrontò in modo lungimirante “anni caratterizzati da mutamenti profondi ed epocali”. Anche Kohl si era espresso sulla sua opera politica: parlava della riunificazione tedesca come della “realizzazione di un sogno”.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora