Salvini apre al M5S. Grillo tace, Fico chiude: “Mai con la Lega”

Pubblicato il 16 giugno 2017 da ansa

Grillo e Salvini

ROMA. – Matteo Salvini apre, i vertici tacciono, Roberto Fico replica a muso duro. La prospettiva di un’alleanza Lega-M5S si arricchisce di un nuovo capitolo e continua ad infuocare il dibattito all’interno del Movimento. E’ il leader della Lega ad aprire ad un’alleanza con i pentastellati e lo fa a poche ore dal durissimo scontro tra M5S e Repubblica sul presunto colloquio tra Davide Casaleggio e lo stesso Salvini. Il tema, insomma, resta dirimente, e continua a dividere i Cinque Stelle.

Se i vertici restano prudenti (anche se in passato hanno più volte escluso alleanze) l’ala ortodossa, attraverso le parole di Fico, mostra il suo obiettivo: riportare a sinistra il Movimento. “L’alleanza naturale è quella del centrodestra: chiunque altro sostenga le posizioni della Lega, ad esempio Grillo che sull’immigrazione dice “Basta, ce ne sono troppi”, benvenuti”, sono le parole con cui Salvini apre, di fatto, ad un’asse con Beppe Grillo.

Il tema, precisa il leader della Lega, si proporrà solo il 26 giugno, ovvero il giorno dopo quei ballottaggi che, in chiave centrodestra, potrebbero fornire un’ulteriore prova dell’efficacia di una coalizione Lega-Fdi-FI. Con Silvio Berlusconi che, in vista del voto, non a caso manda un chiaro messaggio: “il centrodestra è indiscutibilmente unito”.

Il quadro, del resto, è repentinamente cambiato: se fino a qualche giorno fa il “Fianum” conduceva dritto alle larghe intese Pd-FI favorendo, di rigetto, il tentativo di un’intesa M5S-Lega, oggi sulla legge elettorale c’è un totale stand by. Di certo, dal giorno successivo al primo turno delle Comunali, i vertici M5S hanno dato il placet ad un paio di mosse – su migranti a Roma e ius soli – non lontane dall’universo leghista. Mosse vissute con una certa sofferenza da una parte del gruppo parlamentare.

Fino al post di Fico. “Caro Salvini, vorrei rincuorarti sul fatto che tra il M5S e la Lega, tra Beppe e te, la distanza di visioni, idee, contenuti è siderale”,scrive il capogruppo M5S precisando uno dei pilastri dell’ortodossia pentastellata: “i diritti umani per noi prevalgono sopra ogni cosa. Il M5S non crede che la soluzione ad ogni problema sia aggredire gli ultimi”.

Il messaggio, diretto a Salvini, ha in realtà due destinatari ‘occulti’: Davide Casaleggio e Luigi Di Maio, artefici della linea governista. E forse non è un caso che il post di Fico non sia pubblicato sul blog di Grillo né sia condiviso da Di Maio. Unica condivisione di un certo peso, quella di Roberta Lombardi.

Ma l’insofferenza per un’eventuale svolta leghista, all’interno del M5S, è evidente e, secondo alcuni rumors parlamentari, coinvolge anche Alessandro Di Battista anche se il “Dibba” mantiene un profilo basso: “è bene chiarire”, si limita a rispondere a Montecitorio a chi gli fa notare il post di Fico.

Per il M5S, in ogni caso, si profila un’estate rovente. Si parte dai dieci ballottaggi, per la campagna dei quali, da oggi, scendono in campo i ‘big’ Di Maio e Di Battista. Poi, a inizio luglio, ci sarà la presentazione del candidato alle Regionali di una Sicilia su cui i vertici puntano tutto o quasi. E infine ci sarà da dirimere il grande nodo delle candidature in merito alle quali Di Maio, parlando da Fabriano, torna a blindare la regola del doppio mandato.

Ma un interrogativo si avvicina per il M5S: chi sarà il vero sfidante di Di Maio? Se sarà Fico, la competizione potrebbe essere tra due visioni oggi molto diverse del Movimento.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

19:42Migranti: Vozza, a casa questi animali

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Questi ANIMALI vanno rimandati a casa loro!". Lo scrive su Facebook Francesco Vozza, del coordinamento palermitano "Noi con Salvini", sulle proteste di una ventina di minorenni migranti ospiti di una Comunità. I ragazzi ieri avevano lanciato in strada masserizie e suppellettili perché non autorizzati a festeggiare l'ultimo giorno di Ramadan. "Ecco le immagini - scrive Vozza, postando anche un video - della violenta protesta: si vedono volare sedie, tavoli e letti dalla finestra. Se fosse passato qualcuno, potevano ammazzarlo". Durante la campagna per le amministrative di Palermo, Vozza pubblicò su Fb un post attaccando Md Alamin, candidato per la lista Sinistra comune e rappresentante della comunità del Bangladesh alla consulta delle culture: "Se volete riempire Palermo di clandestini, allora votate sto tizio e il suo amico Orlando. Se invece volete bloccare l'invasione e avere una città libera dalla delinquenza, votate me". Frase da cui prese le distanze anche il coordinamento regionale del suo partito

19:13Turchia: teoria Darwin sarà esclusa da programmi licei

(ANSA) - ISTANBUL, 26 GIU - Nei licei turchi non si insegnerà più la teoria dell'evoluzionismo di Darwin. Lo prevede la bozza dei nuovi programmi scolastici elaborata dal ministero dell'Educazione di Ankara, secondo quanto riferisce Hurriyet. A partire dal 2019, la sezione "Origine della vita ed evoluzione" verrà rimossa dal curriculum di biologia perché giudicata "controversa". La decisione avrebbe ottenuto il via libera del presidente Recep Tayyip Erdogan.

19:05Migranti: sassaiola in Cara Bari, 8 feriti e 3 arresti

(ANSA) - BARI, 26 GIU - E' di 8 feriti tra i rappresentanti delle forze dell'ordine, tra i quali la dirigente del servizio dei controlli al Cara, Rosa Romano, che ha riportato la frattura del setto nasale ed è ricoverata in ospedale, il bilancio degli scontri avvenuti stamattina nel centro richiedenti asilo di Bari. Scontri che si sono protratti per circa mezz'ora al termine dei quali, grazie anche al riscontro dei filmati delle telecamere di videosorveglianza, la polizia ha proceduto all'arresto di tre migranti: un cittadino ivoriano, un nigeriano e un senegalese. Sono accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La polizia procederà, inoltre, alla denuncia di altri ospiti che hanno partecipato attivamente alla sassaiola in risposta a controlli di routine disposti dal questore di Bari Carmine Esposito.

18:45Bergamini: incidente probatorio, salma sarà riesumata

(ANSA) - CASTROVILLARI (COSENZA), 26 GIU - La salma di Denis Bergamini, il giocatore del Cosenza originario di Argenta (Ferrara) la cui morte, avvenuta il 19 novembre del 1989 a Roseto Capo Spulico (Cosenza), venne attribuita a suicidio, sarà riesumata. Lo ha deciso il Gip del Tribunale di Castrovillari, Teresa Riggio, nel corso dell'incidente probatorio svoltosi stamattina, in accoglimento della richiesta del Procuratore della Repubblica, Eugenio Facciolla, che nelle settimane scorse aveva riaperto l'inchiesta sulla morte di Bergamini, a suo tempo archiviata perchè attribuita a suicidio. Il procuratore Facciolla ritiene che la morte di Denis Bergamini non sarebbe stata dovuta a suicidio, e cioè che il giocatore si sarebbe fatto travolgere da un camion in transito lungo la statale 106 Jonica, come finora si é ritenuto, ma sia stata provocata da un "omicidio aggravato premeditato in concorso". (ANSA).

18:40Donna uccisa a bastonate, il marito rinviato a giudizio

(ANSA) - RAVENNA, 26 GIU - Dopo circa tre ore di camera di consiglio, nel pomeriggio il Gup Antonella Guidomei del Tribunale di Ravenna ha rinviato a giudizio il 52enne dermatologo Matteo Cagnoni per l'omicidio pluriaggravato e l'occultamento del cadavere della moglie, la 39enne Giulia Balestri uccisa il 16 settembre scorso a bastonate in testa all'interno di una villa di famiglia da tempo disabitata della città romagnola. La prima udienza in Corte d'Assise è stata fissata per il 10 ottobre. Mentre il 4 luglio ci sarà udienza interlocutoria per la formazione del fascicolo. La difesa - avv. Giovanni Trombini e Francesco Dalaiti - aveva invece chiesto il non luogo a procedere sollevando quattro eccezioni di nullità-inammissibilità per altrettanti atti d'indagine. Ovvero l'autopsia; l'analisi del contenuto gastrico per la determinazione dell'orario della morte; le intercettazioni telefoniche; e l'analisi della scheggia di legno trovata nei jeans dell'imputato e presumibilmente appartenente all'arma del delitto, un tronco di pino.(ANSA).

18:37M5S: Grillo, o lavoriamo come squadra o saremo annientati

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - La nostra squadra è grande, siamo cittadini, siamo portavoce. Ognuno ha il suo compito e ognuno ha il dovere di non mollare mai. Perciò o noi andiamo avanti adesso come collettivo, o saremo annientati individualmente". Lo scrive in un post sul blog Beppe Grillo tutto dedicato ai ballottaggi. "Otto mesi, alla nostra più difficile sfida: le elezioni politiche. Ora noi o andiamo avanti come squadra o cederemo un centimetro alla volta, un giorno dopo l'altro, fino alla disfatta. Siamo all'inferno adesso", sottolinea il leader pentastellato.

18:30Orlando, è sconfitta. Renzi parla da vecchia politica

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Non sono d'accordo con la lettura di Renzi e come ci ha invitato a fare lo stesso Renzi, direi di non fare il giorno dopo come la vecchia politica: si tratta di una sconfitta". Lo dice Andrea Orlando a Corriere Live. Un sconfitta "con alcuni fenomeni politici che vanno analizzati: il centrodestra mobilita il suo elettorato, il centrosinistra no. Noi una riflessione politica la dobbiamo fare e non si può derubricare come un risultato a macchia di leopardo". "Io penso che sia un campanello d'allarme significativo, ma rimediabile. Si può tornare in carreggiata. C'è un isolamento, c'è un elettorato che non solo il Pd ha perduto ma che spesso vota contro il Pd", aggiunge il ministro della Giustizia.

Archivio Ultima ora