Spagna, brucia 76 miliardi in banche ma strascichi della crisi

Pubblicato il 16 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Il salvataggio del Banco Popular, con l’intervento del Santander e l’azzeramento di azionisti e bond subordinati ma senza l’intervento dello Stato, ha riacceso i riflettori internazionali sulla crisi bancaria spagnola che molti davano per risolta con il maxi intervento del 2012 grazie al prestito Ue. Nella fornace bancaria, frutto dell’esplosione della bolla immobiliare e del credito facile, il contribuente spagnolo ha gettato 76 miliardi di euro. E solo 4 di questi, secondo l’ultimo recentissimo rapporto del Banco de España sono stati recuperati mentre c’è speranza di riaverne indietro altri 12 solo se la nazionalizzata Bankia completerà il risanamento.

Certo da allora la Spagna può vantare due campioni del credito privati, il Santander e il Bbva, che stanno alla pari dei big mondiali e un sistema delle ‘casse di risparmio’ locali profondamente ristrutturato. La buona ripresa economica poi ha aiutato a far respirare i bilanci e smorzato gli effetti della bolla. Ma il comparto è tutt’altro che in buona salute.

Il fondo Sareb cui sono stati ceduti gli asset tossici immobiliari continua a macinare perdite nella loro cessione. I due istituti pubblici Bankia e Bmn devono affrontare le sfide della tecnologia con una struttura pesante per poter mantenersi redditizi mentre Unicaja, che progettava andare in Borsa per restituire gli aiuti pubblici sta ora riflettendo sul da farsi. Nuove aggregazioni e tagli fra le banche medie sono inevitabili e ci sono ancora 100 miliardi di Npl da smaltire.

La ripresa economica poi ha diverse ombre. Certo il pil marcia spedito e i prezzi immobiliari hanno ripreso vitalità. Ma i redditi sono ancora bassi, la disoccupazione resta elevata e altri indicatori su produttività e ricerca e sviluppo sono sotto la media europea.

In questo ambito si è abbattuta la crisi del Banco Popular che in Spagna era considerato un ‘gioiello’ del settore privato e che annoverava fra i soci famiglie imprenditoriali in vista e l’ Opus Dei, soggetto chiave nella transizione dal franchismo. Il Popular respinse gli aiuti pubblici nel 2012 e da allora poco ha fatto per liberarsi dalla massa di Npl (35 miliardi).

Paura dei soci a diluirsi e dover fare i conti con l’ingombrante socio pubblico. Una situazione che però non era giudicata critica (i cds erano ben al di sotto di quelli Mps) ma che, dopo l’insufficiente aumento di 2,5 miliardi del 2016, è precipitata a metà maggio. Le indiscrezioni filtrate alla stampa di un intervento della Ue, accusano ora molti media spagnoli e gli ex soci, hanno accelerato la fuga dei depositi mettendo in crisi di liquidità l’istituto.

La Bce ha concesso la liquidità d’emergenza (Ela) per due volte per un massimo di 5 miliardi salvo poi chiudere il rubinetto e dichiarando la banca prossima al fallimento. In poche ore la triangolazione fra Madrid, Francoforte e Santander ha messo a punto il piano: cessione a 1 euro, azzeramento di soci e bond junior, e rettifiche sui crediti per 8 miliardi.

Un intervento ‘da manuale’ che ha riscosso il plauso di molti paesi europei, in primis la Germania (che però fino a ora non si è mossa così con le sue banche) ma che ha fatto affondare in Borsa istituti piccoli spagnoli come Liberbank. Il governo rivendica di non aver usato soldi pubblici (e i dati del Banco de Espana sembrano dargli manforte) ma l’operazione non è stata indolore e forse non risolutiva. Il Santander ha le spalle larghe ma dopo aver diversificato investendo in Messico e Stati Uniti del Sud ora si riconcentra in Spagna dove ridiviene il primo gruppo. E il risparmiatore è stato ancora una volta colpito con effetti ancora tutti da verificare sulla fiducia.

Ultima ora

10:10Afghanistan: rapita a Kabul dipendente Onu con figlia

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - Una dipendente, di cui ancora non si conosce la nazionalità, della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) è stata rapita oggi a Kabul insieme alla figlia che stava portando a scuola. Lo riferisce la tv Tolo.

09:43Corea: Seul, manifestanti per le strade bruciano foto Kim

(ANSA) - SEUL 22 GEN - Un gruppo formato da circa 150-200 attivisti conservatori ha tentato di bruciare una grande foto del leader nordcoreano Kim Jong-un e una bandiera della Corea del Nord alla stazione di Seul mentre passava una delegazione di Pyongyang. Le proteste sono scattate proprio quando il gruppo stava rientrando dalla visita nelle zona dove potrebbero risiedere i partecipanti alle Olimpiadi invernali in programma il prossimo mese. Il principio di incendio è stato domato dalla polizia intervenuta immediatamente con gli estintori.

09:34Filippine: forte eruzione vulcano Mayon

(ANSA-AP) - MANILA, 22 GEN - C'è stata un'eruzione 'esplosiva' dal vulcano Mayon, uno dei più attivi e temibili delle Filippine. Le autorità hanno deciso di alzare il livello di allerta a 4. Nei giorni scorsi oltre 12.000 persone sono state evacuate entro un raggio di 7 chilometri dal vulcano, che si trova a circa 330 chilometri a sudovest di Manila, a causa del rischio di un'eruzione imminente. L'allerta quattro non è ancora il livello più alto di emergenza ma significa che un'eruzione è possibile nei prossimi giorni. Renato Solidum, dell'istituto di sismologia e vulcanologia delle Filippine, ha spiegato che dal vulcano Mayon è uscita un'enorme colonna di frammenti vulcanici, cenere e vapore che hanno avvolto in una nuvola nera i villaggi che si trovano nelle vicinanze.

05:42Shutdown: nessun accordo al Senato Usa, voto rinviato (2)

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Il Senato degli Stati Uniti voterà a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell'amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato, che entra quindi nel terzo giorno. I colloqui fra democratici e repubblicani non hanno però al momento portato ad un accordo. E' stato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ad annunciare per primo in serata chenon è stato raggiunto un accordo che consenta la revoca dello shutdown con l'inizio della settimana lavorativa. Le aspettative sono che a mezzogiorno (le sei del pomeriggio in Italia) il Senato voti su un provvedimento di spesa temporaneo, possibilmente che consenta la 'riapertura' del governo fino al prossimo 8 febbraio con il contestuale impegno da parte del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, di indire una votazione sul nodo dell'immigrazione prima di quella data.

01:53Mo: Abu Mazen chiederà a Ue riconoscimento Palestina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) chiederà all'Ue di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, nel corso della sua visita odierna a Bruxelles. Lo ha detto all'agenzia France Press in un'intervista ripresa dda molti media internazionali il ministro degli Esteri dell'Anp, Riyad Al-Maliki. Abu Mazen, ha detto, "si aspetta che i ministri degli esteri europei riconoscano collettivamente lo stato di Palestina", in risposta alla decisione Usa su Gerusalemme capitale di Israele. Abu Mazen deve incontrare oggi il capo della diplomazia europea Federica Mogherini e i 28 ministri degli ESteri dell'Ue, al margine della loro riunione mensile. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva avuto lo stesso incontro l'11 dicembre scorso. "Se gli europei vogliono avere un ruolo, allora devono essere equilibrati nel trattamento delle parti e ciò dovrebbe iniziare con il riconoscimento dello stato di Palestina", ha affermato ancora il capo della diplomazia palestinese.

01:09Papa: si congeda da Perù, “terra di speranza, siate uniti”

(ANSA) - LIMA, 21 GEN - "Ho iniziato il mio pellegrinaggio tra voi dicendo che il Perù è una terra di speranza. Terra di speranza per la biodiversità che vi si trova insieme con la bellezza di luoghi capaci di aiutarci a scoprire la presenza di Dio". Così il Papa nel suo saluto al Perù al termine della messa alla Base aerea di Las Palmas alla quale secondo le autorità locali hanno assistito 1,3 milioni di persone "Terra di speranza - ha detto - per la ricchezza delle sue tradizioni e dei suoi costumi che hanno segnato l'anima di questo popolo". Terra di speranza "per i giovani, che non sono il futuro ma il presente del Perù". "A loro chiedo di scoprire nella sapienza dei loro nonni, degli anziani, il Dna che ha guidato i vostri grandi santi - ha aggiunto -. Non sradicatevi. Nonni e anziani, non smettete di trasmettere alle giovani generazioni le radici del vostro popolo e la sapienza della via per arrivare al cielo". "Vi invito a non aver paura di essere i santi del XXI secolo. Fratelli peruviani, avete tanti motivi per sperare, l'ho visto, l'ho toccato con mano in questi giorni. Custodite la speranza. E non c'è miglior modo di custodire la speranza che rimanere uniti", ha concluso Francesco.

00:44Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della sesta giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Calzedonia Verona - Diatec Trentino 1-3 Lube Civitanova - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Wixo Piacenza 2-3 BCC Castellana Grotte - Gi Group Monza 3-2 Taiwan Latina - Callipo Vibo Valentia 3-0 Kioene Padova - Bunge Ravenna 2-3 Sir Safety Perugia - Biosì Sora 3-0 - Classifica: Perugia 51; Civitanova 47; Modena 45; Trentino 33; Verona 32; Padova 30; Piacenza e Milano 29; Ravenna 27; Latina 22; Monza 19; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 10; Sora 7.

Archivio Ultima ora