Google nel mirino dell’Ue, rischia la prima multa record da un miliardo

Pubblicato il 16 giugno 2017 da ansa

EPA/BRITTA PEDERSEN

BRUXELLES. – Potrebbe battere tutti i record delle maximulte Ue, e forse essere solo la prima di una serie. E’ la minaccia che rischia di concretizzarsi per Google, finita nel mirino dell’Antitrust Ue. Secondo il ‘Financial Times’, infatti, potrebbe arrivare “nelle prossime settimane” una sanzione da oltre 1 miliardo di euro per abuso di posizione dominante nel caso del servizio Shopping fornito dal motore di ricerca. Oltre a questo, però, ci sono anche altri due ‘filoni’ – i servizi di pubblicità AdSense e il sistema operativo Android – su cui Bruxelles sta indagando da mesi.

I casi sono tra loro indipendenti, ma tutti a rischio pecuniario per Mountain View. L’indagine a cui si lega la temuta multa dei record è relativa alla modalità di visualizzazione dei risultati di ricerca sui servizi di Shopping, dove l’Antitrust Ue accusa Google di “favorire sistematicamente” i propri. Fu l’allora commissario alla concorrenza Joaquin Almunia, nel 2010, ad aprire il caso: dopo due intese fallite nel 2013 e nel 2014, il dossier è passato nelle mani della commissaria Margrethe Vestager.

La ‘dama di ferro’ di Bruxelles non solo non lo ha chiuso ma lo ha allargato, aggiungendo due nuovi ‘capi d’accusa’ per Google. Prima, l’apertura del caso su Android ad aprile dell’anno scorso: l’accusa è di imporre l’uso delle app Google agli smartphone, pari all’80% del totale, che usano il suo sistema operativo. Poi, a luglio, è finito sotto la lente anche AdSense con la pratica dell’esclusiva pubblicitaria imposta ai siti terzi, che non possono usare la pubblicità collegata alle ricerche dei motori concorrenti.

A sette anni dalla sua apertura, e dopo numerosi rinvii e tempi supplementari concessi a Mountain View per fornire spiegazioni, chiarimenti e modifiche, per Bruxelles si avvicina quindi il momento della verità. Le cifre circolate sulla stampa si basano sul tetto massimo della sanzione che la Commissione Ue può imporre a una società in caso di monopolio, ovvero fino al 10% del fatturato annuo dell’anno precedente.

A Bruxelles, però, dove le bocche sono tutte cucite, fanno notare che non è comune applicare questo massimale. Se la multa a Google superasse davvero il miliardo, potrebbe battere l’attuale ‘primato’ stabilito da Intel, stangata per abuso di posizione dominante sui microprocessori per computer.

Il record assoluto, però, spetta in realtà ad Apple: anche se tecnicamente non si tratta di una multa per abuso di posizione dominante, la scorsa estate Cupertino si è vista ingiungere dall’impavida Vestager la restituzione all’Irlanda 13 miliardi di euro di aiuti di stato illegali concessi sottoforma di esenzioni fiscali, i famosi ‘tax ruling’. La battaglia Ue contro i giganti Usa del tech continua.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

23:37Francia: en Marche vota Castaner presidente

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Nessuna sorpresa a Chassieu, vicino a Lione, per il primo congresso de "La Republique en Marche", il movimento creato da Emmanuel Macron per arrivare all'Eliseo. Non più un semplice movimento, non ancora un partito, la creatura del presidente è preda di forti tensioni: "non permetteremo che la politica ci cambi, siamo noi che cambieremo la politica", ha detto dal palco Christophe Castaner, l'uomo di Macron che - come previsto - ha preso all'unanimità le leve di comando. Le polemiche, i "100 democratici" che minacciano di andarsene, le accuse di "mancanza di democrazia" e di trasparenza sul numero di iscritti: il congresso è andato in scena secondo copione, ma le polemiche sono apparse reali, soprattutto quando, sul palco, è salito il premier Edouard Philippe, determinato a "saldare i conti". I delegati e gli iscritti avevano tirato fuori dal baule le t-shirt e le spillette con la faccia di Macron della primavera vittoriosa, ma l'entusiasmo di quella cavalcata è apparso un ricordo.

23:32Azzurri: Ranieri ‘se arriva chiamata Nazionale ci penserò’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Ho letto c'e' Allegri c'e' Conte c'e' Carletto Ancelotti, io dico che ora devono pensare bene a come devono fare e poi chi prendono prendono sono tutti bravi''. Dopo la sconfitta subita 4-1 a Parigi dal suo Nantes, Claudio Ranieri, parla anche di Nazionale e della possibilità di diventare il Ct azzurro. Se arriva la chiamata? ''Ci penserò, non dipende solo da me - aggiunge il tecnico campione d'Inghilterra con il Leicester - c'e' un presidente e devono parlare al limite con il mio presidente''. ''Credo che in Italia la questione allenatore sia ormai in secondo piano - spiega Ranieri - bisogna fare bene le cose perchè abbiamo toccato il fondo. C'e' gente preposta a pensare per far si che le cose cambino. Poi dalle ceneri si può sempre fare bene, ci sono giovani interessanti e ci risolleveremo. Erano 60 anni che l'Italia non era fuori dal Mondiale, ma a volte serve sprofondare per poi risollevarsi''.

23:17Cile: Pinera (centrodestra) favorito a presidenziali

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 NOV - I cileni vanno domani alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali che vedono in corsa otto candidati, tra cui Sebastian Pinera (centrodestra) e Alejandro Guiller (centrosinistra, 'erede' della presidente uscente Michelle Bachelet). Nei sondaggi Pinera è decisamente avanti rispetto a Guiller ma secondo gli analisti non riuscirà a superare il 50% dei voti e sarà costretto al ballottaggio. Nessuna chances avrebbero, sempre secondo gli esperti, gli altri candidati. Pinera è giù stato presidente dal 2010 al 2014 e la sua posizione durante la presidenza Bachelet si è rafforzata, secondo gli osservatori, proprio a causa dei problemi emersi all'interno della maggioranza uscente e al forte calo di popolarità della stessa presidente in scadenza. Bachelet - anche lei già presidente dal 2006 al 2010 - era stata trionfalmente eletta nel 2013 per il secondo mandato ora in scadenza. Aveva ottenuto il 62% dei voti, ma oggi l'indice di gradimento attribuitole da sondaggi non arriva al 30%.

22:58Mo: Olp,se Trump chiude ufficio interrompiamo contatti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 NOV - Le autorità palestinesi hanno minacciato di interrompere ogni comunicazione con l'amministrazione Trump se gli americani chiederanno l'ufficio dell'Olp a Washington, in una lettera ufficiale. Lo ha reso noto il segretario generale dell'organismo palestinese Saeb Erekat, affermando che la decisione degli Usa è "inaccettabile". Erekat ha accusato gli Usa di piegarsi alle pressioni del governo israeliano.

Archivio Ultima ora