Cuba replica a Trump: “Da lui solo retorica ostile”

Pubblicato il 18 giugno 2017 da ansa

BUENOS AIRES. – Calma e sangue freddo. Nella prima reazione ufficiale dopo il discorso di Donald Trump in Florida, Cuba ha respinto la “retorica ostile” del “maldestro” presidente Usa lasciando però le porte aperte al “dialogo”. Il governo di Raul Castro ha atteso solo qualche ora per replicare a quello che ormai è entrato nella storia come ‘il discorso di Miami’.

In una lunga ‘Dichiarazione del governo rivoluzionario’, L’Avana ha risposto alle nuove misure di Trump ribadendo tra l’altro concetti e principi ripetuti per anni, indicando per esempio le contraddizioni Usa su aspetti quali i diritti umani, la salute e gli episodi di violenza negli Stati Uniti. Washington “non è certo nelle condizioni di darci lezioni” e d’altra parte, si precisa, “ogni strategia che punti a cambiare il sistema politico, economico e sociale di Cuba è condannata al fallimento”.

La tesi di fondo della ‘Dichiarazione’ è che il parziale smantellamento del dialogo avviato da Barack Obama è dovuto al fatto che il presidente “è mal consigliato e prende decisioni che favoriscono gli interessi politici di una minoranza estremista di origine cubana in Florida”. Non solo. La ‘Dichiarazione’ fa notare che Trump “contraddice il sostegno maggioritario dell’opinione pubblica Usa” nei confronti del disgelo, ricordando i tanti fronti – soprattutto ‘business’ e turismo – che negli ultimi mesi hanno riavvicinato i due paesi.

L’Avana mette così il dito nella piaga di quella che è ormai una realtà consistente, forse inarrestabile, e cioè i crescenti interessi economici di aziende Usa nell’isola, dove ci sono ampi spazi di crescita e affari, non solo per le imprese ‘americanas’. Di certo c’è solo che i rapporti bilaterali sono ormai entrati in una nuova carreggiata.

E’ quindi difficile capire quali saranno gli sviluppi del clima da ‘semi-guerra fredda’ voluto da Trump. E non è forse un caso che il ministro degli esteri cubano, Bruno Rodriguez, sia in visita in Turchia, prima tappa di un viaggio in Europa che lo porterà anche in Italia e in Vaticano.

(di Martino Rigacci/ANSA)

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora