Vaticano: allo studio la scomunica per la corruzione

Pubblicato il 18 giugno 2017 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – La corruzione è un “cancro” che corrode: è questa l’espressione spesso usata da Papa Francesco per descrivere un fenomeno che rappresenta per lui uno dei mali peggiori per le società e per l’uomo. Un malcostume che “calpesta la dignità delle persone”, come dice il cardinale Peter Turkson, presidente del dicastero vaticano per lo Sviluppo umano integrale che ha promosso qualche giorno fa un confronto ad altissimi livelli su questo fenomeno che devasta molti Paesi.

E allora tra i frutti di questo dibattito nasce la possibilità di dare una forma giuridica, una sorta di ‘decreto’, alla scomunica per corruzione e per mafia. Un’ipotesi ancora allo studio. Il gruppo che ha promosso il confronto sul tema “sta provvedendo all’elaborazione di un testo condiviso che guiderà i lavori successivi e le future iniziative. Tra queste, si segnala – ha fatto sapere il Vaticano – la necessità di approfondire, a livello internazionale e di dottrina giuridica della Chiesa, la questione relativa alla scomunica per corruzione e associazione mafiosa”.

La scomunica è la pena più grave nella Chiesa. L’antichissima fattispecie, citata già nei documenti ecclesiali del IV secolo, comporta l’allontanamento dalla comunità dei fedeli e la conseguente esclusione dai sacramenti. In passato la punizione massima ha interessato per esempio i Lefebvriani, gli ultraconservatori contrari al Concilio Vaticano II, o alcune sette religiose.

Ma è scomunicato, ‘latae sententiae’, cioè automaticamente, anche chi viola i segreti del conclave; oppure chi profana le ostie o attenta alla vita del Papa. Ci sono poi peccati conclamati, dall’aborto al narcotraffico, che in passato sono stati inseriti nell’elenco.

Sempre possibile chiedere perdono, confessarsi, ma ci sono diversi gradi: se, infatti, generalmente una scomunica può essere tolta dal sacerdote durante la confessione, alcune sono riservate al vescovo o, persino, alla Santa Sede, cioè alla Penitenzieria Apostolica, il competente ufficio della Curia Romana.

La corruzione è un tema che ricorre spessissimo nelle parole di Papa Francesco che ha più volte avvisato quanto sia pericolosa e come uno che corrompe sia molto più che un peccatore. “Il peccatore, se si pente, torna indietro; il corrotto, difficilmente”, ha spiegato qualche mese fa in una delle omelie delle messe a Santa Marta.

Contro i mafiosi il Papa fu finanche più esplicito quando, nella visita a Cassano allo Jonio, a giugno del 2014, disse senza possibilità di fraintendimento: “Non sono in comunione con Dio, sono scomunicati”. E ora gli esperti cercano una forma giuridica per tradurre, sia per le mafie che per la corruzione, tutto questo in norme. Cosicché sarà più chiaro a tutti che cosa sia conforme al Vangelo e alla appartenenza alla Chiesa e che cosa no.

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora