Gentiloni e Rajoy a Maduro: “Rispetti i diritti, non reprima il dissenso”

Pubblicato il 19 giugno 2017 da redazione

ROMA  – Sempre piú violenta la repressione per smorzare sul nascere ogni forma di protesta contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Ancora una volta, la manifestazione organizzata dal Tavolo dell’Unitá Democratico, il cui obiettivo era raggiungere il Consiglio Nazionale Elettorale, è stata repressa con particolare violenza. Tanti i feriti ed anche tanti i giovani catturati dalle forze dell’Ordine.  I venezuelani sono scesi in piazza poche ore prima che si aprisse a Cancún la riunione dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione degli Stati Americani il cui argomento centrale è la crisi in Venezuela.

Mentre in strada i venezuelani protestavano e affrontavano Polizia e Guardia Nazionale in una vera e propria battaglia campale, la Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, ai suoi funzionari che le manifestavano solidarietà, assicurava che l’unico suo obiettivo e proposito era difendere la Costituzione e far rispettare le leggi.

Intanto non mancano gli appelli dei leader europei affinchè il governo del presidente Maduro desista dall’idea di realizzare l’Assemblea Costituente.

Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio italiano, e Mario Rajoy, presidente del governo spagnolo, in una lettera-appello congiunta al presidente del Venezuela Nicolás Maduro pubblicata dal Corriere della Sera scrivono:

“Italia e Spagna si appellano con forza al Governo venezuelano affinché riconsideri la sua decisione di indire un’Assemblea costituente. Anche perché la Costituzione del 1999 prevede già i meccanismi utili a individuare una soluzione politica in grado di ricomporre i diversi interessi nel rispetto delle Istituzioni, delle leggi e della sovranità popolare”.

La lettera prosegue:

“Chiediamo che Maduro e il suo governo non reprimano il dissenso, rispettino la separazione dei poteri e la legittimità democratica dell’Assemblea nazionale così come i diritti umani, incluso il diritto a manifestare pacificamente”

Per Gentiloni e Rajoy  “è tempo di definire una piattaforma negoziale che attivi una dinamica di riavvicinamento e di responsabilità comune tra le forze contrapposte”.

“Nel farlo – illustrano i due leader europei – non si potrà prescindere da quattro condizioni fondamentali per raggiungere un risultato efficace: rispetto dello Stato di diritto, e in particolare dell’autonomia del Parlamento, rilascio dei detenuti politici, apertura di un canale umanitario a favore della popolazione venezuelana e adozione di un calendario elettorale chiaro e condiviso”.

Gentiloni e Rajoy scrivono, quindi, che “l’Italia e la Spagna saranno al fianco del Venezuela in questo difficile percorso. Ma la responsabilità ultima sulla strada da intraprendere – sottolineano – spetta naturalmente al Governo del Venezuela. Alle sue scelte politiche – che la Storia verrà chiamata a giudicare – sono appesi il destino, i bisogni, le speranze e le paure di milioni di cittadini”

Immediata la reazione della politica italiana. Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione degli Affari Esteri, che conosce bene la realtá del Venezuela per essere stato nel Paese ed aver conversato con leader politici e con la nostra Comunità ha dichiarato:

– La lettera aperta dei presidenti Gentiloni e Rajoy al presidente venezuelano Maduro ha un significato di alto spessore morale e politico. È la dimostrazione che Italia e Spagna non dimenticano il popolo venezuelano e lavorano in concreto per facilitare la soluzione di questa crisi. Il Parlamento italiano, dopo le mozioni approvate ai primi dell’anno, continuerà il proprio impegno a fianco dell’Assemblea parlamentare del popolo venezuelano.

Ultima ora

14:39Droga: Boschi, allarme stupri su ragazze nei locali

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Nel 2016 sono state 143 mila i tossicodipendenti seguiti dai servizi pubblici, 19mila erano donne. Il dato è un'anticipazione della relazione annuale sulle tossicodipendenze in Italia, di prossima presentazione al Parlamento, fornito ad un seminario su donne e droghe, organizzato nell'odierna Giornata Mondiale contro la droga. Presente il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Maria Elena Boschi, che ha lanciato un allarme sull'inconsapevole assunzione nei locali fra le ragazze per poter essere poi violentate. Per Boschi, negli ultimi tempi c'è stata una "sottovalutazione" del fenomeno. "Noi vogliamo lanciare un campanello di allarme" ai giovani - ha detto - che con questi abusi compromettono il loro futuro. Il Libro Bianco sulle droghe, 8/a edizione, evidenzia che nelle carceri il numero dei detenuti per reati legati alle sostanze stupefacenti è di nuovo in aumento e che le segnalazioni di consumatori ai prefetti registra, in un anno, un'impennata del 237% fra i minori.

14:37Calcio: Inter-Betis Siviglia, 12 agosto amichevole a Lecce

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - L'Inter affronterà il Betis Siviglia allo stadio Via del Mare di Lecce il prossimo 12 agosto alle 20.30. Un'altra amichevole nel Summer Tour nerazzurro dopo la tournèe in Cina e Singapore in cui la squadra di Spalletti sfiderà Schalke 04, Lione, Bayern Monaco e Chelsea. Lo annuncia l'Inter sul proprio sito. Luciano Spalletti inizierà a lavorare con la squadra nerazzurra ad inizio luglio. La data fissata per il primo incontro con i giocatori è il 3 luglio ma non è escluso che il raduno venga posticipato di alcuni giorni visti gli impegni con le nazionali in cui sono coinvolti la gran parte dei giocatori dell'Inter. L'appuntamento ad Appiano Gentile potrebbe quindi diventare il 6 luglio, giorno della partenza per il ritiro a Riscone di Brunico.

14:30Calcio: morto il padre di Jose Mourinho, aveva 79 anni

(ANSA) - LISBONA, 26 GIU - E' morto all'età di 79 anni Felix Mourinho, padre dell'allenatore del Manchester United Josè ed ex portiere. La notizia del decesso, avvenuto ieri, è stata data oggi senza altri particolari dal Vitoria Setubal, il club di cui Felix Mourinho è stato allenatore e poi direttore sportivo. Col Vitoria Felix Mourinho ha vinto nel 1965 la Coppa di Portogallo battendo in finale il Benfica per 3-1. Ha vestito solo una volta la maglia della nazionale portoghese, nel 1972. Josè Mourinho ha postato sul suo profilo Instagram una foto in bianco e nero di lui da ragazzo insieme al padre, senza alcun commento. I funerali di Felix Mourinho verranno celebrati domani a Setubal.

14:00Cerca di rubare un Cézanne da galleria di Monza, denunciato

(ANSA) - MONZA, 26 GIU Un uomo di 61 anni è stato denunciato dalla Polizia di Stato di Monza per tentato furto aggravato. Nel pomeriggio di sabato ha cercato di rubare dalla Galleria Civica di Monza il dipinto "Tète de jeune fille" di Paul Cézanne, del 1873. Sorpreso da un addetto alla vigilanza mentre tentava di asportare la tela dalla cornice, dopo essersi nascosto in bagno, l'uomo è fuggito. Ieri mattina lo stesso uomo si è ripresentato in galleria e, notato dalla stessa dipendente della Civica, è stato segnalato alla Polizia. Agli agenti intervenuti il sessantunenne avrebbe tentato di giustificare il suo gesto come un modo per dimostrare la facilità con cui un dipinto di valore possa essere asportato dalla galleria. I poliziotti indagano su suoi possibili contatti nel mercato delle opere d'arte rubate e sul perché, sabato, i dipendenti della Civica non abbiamo chiamato immediatamente le forze dell'ordine.

13:58Gb: varo in Scozia per la portaerei Queen Elizabeth

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Varo oggi nel fiordo scozzese di Rosyth per il primo test di navigazione della 'Queen Elizabeth', nuova portaerei britannica attesa e annunciata da tempo. Costata 6 miliardi di sterline e destinata a diventare la nuova ammiraglia di una Royal Navy, la cui flotta é parsa negli ultimi anni segnare il passo, é la più grande unità mai realizzata per la marina militare di Sua Maestà. Il suo ponte di decollo é grande come tre campi di calcio e a regime la nave - 65.000 tonnellate di stazza - potrà ospitare un equipaggio di 1000 persone e 40 velivoli. Si tratta della prima portaerei prodotta dal Regno Unito per la Royal Navy dal 2010. In tempi di neo guerra fredda imperante sulla stampa britannica, il Daily Telegraph coglie oggi stesso l'occasione per lanciare l'allerta su possibili operazioni di spionaggio russe al fine di carpire fin da subito i 'segreti' della Queen Elizabeth.

13:46Albania: elezioni, riconfermato premier Rama

(ANSA) - TIRANA, 26 GIU - Il premier socialista Edi Rama si riconferma alla guida dell'Albania e si avvia verso una grande vittoria che gli permetterebbe di controllare da solo la maggioranza del parlamento, dopo le elezioni politiche svoltesi ieri. Quando sono state scrutinate circa il 40 per cento delle schede, il suo Partito risulta avere circa il 52% dei consensi, 10 punti in più rispetto alle politiche del 2013, lasciando a distanza il Partito democratico, principale forza di opposizione guidata da Lulzim Basha, che invece avrebbe perso oltre 1 punto, scendendo al 29%. In crescita di 4,5 punti percentuali, riconfermandosi al terzo posto, il Movimento socialista per l'Integrazione, Lsi, principale alleato di governo di Rama fino a poche settimane fa. In aumento di circa 2 punti anche il Partito per la Giustizia, Integrazione ed Unita', Pdiu. Il Ps di Rama avrebbe ottenuto 75 dei 140 seggi di cui è composto il parlamento albanese, 10 in più rispetto alla legislatura passata.

13:39Aggredisce moglie con sostanza urticante in Tribunale

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 26 GIU - Un uomo ha aggredito la moglie gettandole addosso una sostanza urticante nel bar interno del Tribunale di Reggio Emilia. E' accaduto intorno alle 11. Secondo le prime testimonianze, i due coniugi di origine nordafricana, in corso di separazione, erano seduti all'esterno del bar quando l'uomo avrebbe tenuto stretta la donna buttandole addosso prima una polvere gialla, poi un liquido. La vittima non sarebbe rimasta ferita in modo grave. Intervenuti i carabinieri che hanno arrestato l'uomo, 39enne marocchino. (ANSA).

Archivio Ultima ora