Gentiloni e Rajoy a Maduro: “Rispetti i diritti, non reprima il dissenso”

Pubblicato il 19 giugno 2017 da redazione

ROMA  – Sempre piú violenta la repressione per smorzare sul nascere ogni forma di protesta contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Ancora una volta, la manifestazione organizzata dal Tavolo dell’Unitá Democratico, il cui obiettivo era raggiungere il Consiglio Nazionale Elettorale, è stata repressa con particolare violenza. Tanti i feriti ed anche tanti i giovani catturati dalle forze dell’Ordine.  I venezuelani sono scesi in piazza poche ore prima che si aprisse a Cancún la riunione dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione degli Stati Americani il cui argomento centrale è la crisi in Venezuela.

Mentre in strada i venezuelani protestavano e affrontavano Polizia e Guardia Nazionale in una vera e propria battaglia campale, la Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, ai suoi funzionari che le manifestavano solidarietà, assicurava che l’unico suo obiettivo e proposito era difendere la Costituzione e far rispettare le leggi.

Intanto non mancano gli appelli dei leader europei affinchè il governo del presidente Maduro desista dall’idea di realizzare l’Assemblea Costituente.

Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio italiano, e Mario Rajoy, presidente del governo spagnolo, in una lettera-appello congiunta al presidente del Venezuela Nicolás Maduro pubblicata dal Corriere della Sera scrivono:

“Italia e Spagna si appellano con forza al Governo venezuelano affinché riconsideri la sua decisione di indire un’Assemblea costituente. Anche perché la Costituzione del 1999 prevede già i meccanismi utili a individuare una soluzione politica in grado di ricomporre i diversi interessi nel rispetto delle Istituzioni, delle leggi e della sovranità popolare”.

La lettera prosegue:

“Chiediamo che Maduro e il suo governo non reprimano il dissenso, rispettino la separazione dei poteri e la legittimità democratica dell’Assemblea nazionale così come i diritti umani, incluso il diritto a manifestare pacificamente”

Per Gentiloni e Rajoy  “è tempo di definire una piattaforma negoziale che attivi una dinamica di riavvicinamento e di responsabilità comune tra le forze contrapposte”.

“Nel farlo – illustrano i due leader europei – non si potrà prescindere da quattro condizioni fondamentali per raggiungere un risultato efficace: rispetto dello Stato di diritto, e in particolare dell’autonomia del Parlamento, rilascio dei detenuti politici, apertura di un canale umanitario a favore della popolazione venezuelana e adozione di un calendario elettorale chiaro e condiviso”.

Gentiloni e Rajoy scrivono, quindi, che “l’Italia e la Spagna saranno al fianco del Venezuela in questo difficile percorso. Ma la responsabilità ultima sulla strada da intraprendere – sottolineano – spetta naturalmente al Governo del Venezuela. Alle sue scelte politiche – che la Storia verrà chiamata a giudicare – sono appesi il destino, i bisogni, le speranze e le paure di milioni di cittadini”

Immediata la reazione della politica italiana. Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione degli Affari Esteri, che conosce bene la realtá del Venezuela per essere stato nel Paese ed aver conversato con leader politici e con la nostra Comunità ha dichiarato:

– La lettera aperta dei presidenti Gentiloni e Rajoy al presidente venezuelano Maduro ha un significato di alto spessore morale e politico. È la dimostrazione che Italia e Spagna non dimenticano il popolo venezuelano e lavorano in concreto per facilitare la soluzione di questa crisi. Il Parlamento italiano, dopo le mozioni approvate ai primi dell’anno, continuerà il proprio impegno a fianco dell’Assemblea parlamentare del popolo venezuelano.

Ultima ora

20:56Siria: Ong, 80 morti in scontri Afrin, 24 sono civili

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 GEN - Circa 80 persone, tra civili e miliziani, sono morti nelle ultime 48 ore di scontri e bombardamenti nella regione nord-occidentale di Afrin, confinante con la Turchia ma controllata dal Pkk siriano, e investita da sabato scorso dall'offensiva militare turca. L'Osservatorio siriano per i diritti umani, che cita fonti sul terreno, afferma che 24 civili sono stati uccisi nelle violenze, tra cui due minori e una donna.

20:21Matera 2019:intesa Miur-enti locali per coinvolgere studenti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso i comuni di Matera e Policoro e la Regione Basilicata. Progetti legati alla cultura, all'archeologia e all'enogastronomia del territorio,allo sport. Un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento degli studenti nel programma di Matera Capitale della Cultura 2019. Sono i contenuti dell'Accordo Quadro "Progetto culturale Basilicata-Matera 2019-Magna Grecia" siglato questa mattina presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), dal Sottosegretario al Ministero dell'Istruzione, Vito De Filippo, dal Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dal Sindaco di Matera Raffaello Giulio De Ruggeri e dal Sindaco di Policoro Enrico Mascia. L'Accordo mira a favorire gemellaggi e scambi scolastici e culturali a livello nazionale ed europeo; a organizzare convegni, seminari, corsi e manifestazioni che valorizzino il patrimonio dei territori coinvolti; a consentire a studentesse e studenti di effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro.

20:21Ebrei Roma, dedicare vie a prof colpiti da leggi razza

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Prendiamo atto con soddisfazione della scelta della sindaca Virginia Raggi di modificare le vie di Roma intitolate a chi firmò il Manifesto in Difesa della Razza. Sarebbe più giusto dedicare alcune vie ai professori universitari che persero il proprio posto a causa di quell'infamia". Così la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello.

20:11Diritti tv: Lega A, obiettivo trattative resta 1,05 mld

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Nelle trattative private con i broadcaster per i diritti tv, la Lega Serie A punta a "ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal bando, ossia 1 miliardo e 50 milioni di euro", altrimenti "si riserverà di valutare l'offerta presentata dall'intermediario indipendente" che ha partecipato al bando subordinato. Lo ha chiarito il commissario della Lega, Carlo Tavecchio, dopo l'assemblea dei club, che "all'unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata". Per il bando erano state presentate cinque buste - da Sky, Mediaset, Italia Way, Tim e Perform - con offerte totali inferiori a 800 milioni a stagione. Cifre che hanno indotto i club a avviare trattative private con i broadcaster.

20:09Raggi: cambieremo nome di vie intitolate a studiosi razzisti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il Campidoglio ha avviato le procedure per cambiare nome alle strade della Capitale intitolate agli scienziati che sottoscrissero il Manifesto della Razza del 1938, premessa alla deportazione fascista e allo sterminio degli ebrei italiani. Al dossier hanno lavorato sia la sindaca di Roma Virginia Raggi che il vicesindaco con delega alla Cultura Luca Bergamo. Obiettivo è procedere al cambio entro il 2018, anno in cui ricorre l'ottantesimo anniversario delle leggi razziali. Ad anticipare la scelta del Campidoglio la stessa Raggi in una intervista rilasciata per il documentario dell'inviato Mediaset Pietro Suber, '1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani'. Raggi spera che la sua decisione, quando si concretizzerà, possa essere di esempio per altre città. "Roma é antifascista", sottolinea la sindaca.

20:02Usa: dem, votiamo per fine shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - "Votiamo oggi per la riapertura del governo". Lo ha detto il leader della minoranza democratica al Senato Usa Chuck Schumer prendendo la parola in aula prima del voto sul testo per il finanziamento del governo.

19:59Davos: Forum sotto la neve

(ANSA) - GINEVRA, 22 GEN - Edizione bianca per il World economic forum 2018: le copiose nevicate su tutta la fascia alpina svizzera hanno ricoperto di un manto nevoso di circa tre metri la stazione sciistica di Davos che si appresta ad accogliere da domani i prestigiosi ospiti del Forum: capi di stato e di governo, ministri e leader politici, imprenditori e accademici di tutto il mondo. Le forti nevicate rischiano di rappresentare un problema per la viabilità e i trasporti, anche se la situazione sul fronte della neve si è lievemente allentata nel pomeriggio e le strade di accesso alla località sono ora aperte, ha riferito l'agenzia di stampa elvetica Ats. Per maggiore sicurezza su diversi pendii sono state provocate valanghe artificiali, ha annunciato il comune, e circa due dozzine di persone sono state sfollate. Stasera sono attese nuove precipitazioni nevose di 20-30 centimetri: grazie all'aumento delle temperatura la coesione del manto nevoso è però destinata ad aumentare e il pericolo di slavine non dovrebbe aggravarsi

Archivio Ultima ora