Muore di infarto mentre gli demoliscono la casa abusiva

Pubblicato il 19 giugno 2017 da ansa

SALERNO. – La casa era stata già recintata, all’ingresso compariva il cartello di avvio del cantiere. Significava che di lì a breve sarebbero iniziati i lavori per l’abbattimento della sua abitazione. Il dolore e la disperazione per quello scenario sono stati troppo forti. Il suo cuore non ha retto e cosi Salvatore Garofalo è stato stroncato da un infarto davanti all’uscio di casa. La tragedia è avvenuta nel Salernitano, a Eboli, in località Campolongo.

Salvatore Garofalo, 64enne di Poggiomarino, viveva ormai dagli anni Ottanta in via Caracciolo. “Nella stessa zona ci sono – secondo l’avvocato Damiano Cardiello che segue la famiglia – almeno altre dodici, quindici case abusive. Ma più che di case, parliamo di manufatti. E’ una zona dove il degrado la fa da padrona, purtroppo”.

Il pensionato – che aveva il sussidio statale dopo il trapianto di un rene – abitava insieme alla moglie, Maria Izzo e ai tre nipoti, tutti minorenni. La coppia, ex braccianti agricoli entrambi, aveva tre figli: Enzo, Lucrezia e Domenica. Dal 1998 andava avanti il braccio di ferro con lo Stato.

“Al momento – sottolinea ancora il legale – prima di vedere se la struttura verrà effettivamente abbattuta, è da attendere la concessione in sanatoria da parte del Comune di Eboli che verrà valutata, la Camera di Consiglio della Corte di Appello con l’incidente di esecuzione e poi l’eventuale approvazione del ddl Falanga. Non dimentichiamo che in quella casa abitano anche tre bambini piccoli.

La situazione è molto delicata. Salvatore è stato vittima di uno Stato burocrate e formale. Io – sottolinea ancora l’avvocato – avevo chiesto la sospensione della demolizione il 27 maggio. Quella era la loro prima e unica casa di proprietà che avevano. Si sarebbe potuto pensare ad una sospensione di un anno in attesa di attendere il futuro del ddl Falanga, invece la macchina burocratica non si è fermata”.

Proprio in seguito alla tragedia, il senatore di Ala, Ciro Falanga, firmatario del ddl sugli abbattimenti, ha annunciato le sue dimissioni da senatore già minacciate se il testo “non fosse stato approvato entro l’estate”. Attualmente il testo, osteggiato dagli ambientalisti, è all’esame della Commissione Giustizia della Camera che ne comincerà l’esame giovedì prossimo dopo una serie di passaggi tra i due rami del Parlamento.

Si sono svolti i funerali di Garofalo, la cui salma è stata tumulata nel cimitero di Eboli. Dolore e sconcerto anche da parte del sindaco Massimo Cariello. “Si tratta di una tragedia imprevedibile. Purtroppo, abbiamo ereditato un abusivismo spaventoso nel nostro territorio. Sono tanti i casi simili. Mi auguro che quando ci siano abbattimenti, si parta prima dalle seconde e terze case, nonché dai ruderi abusivi presenti”.

(di Francesca Blasi/ANSA)

Ultima ora

20:02Barcellona: Fernando Alonso “momenti duri, ora basta”

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Che tristezza quanto sta accadendo a Barcelloba. Tutto il mio appoggio alle famiglie delle vittime, ai feriti in questi momenti duri. BASTA". Il campione spagnolo di formula 1, Fernando Alonso, si unisce così, via Twitter, ai messaggi di solidarietà alla città di Barcellona, colpita dal grave attacco terroristico.

19:58Calcio: Juve, Allegri “asticella si alza, rivali più forti”

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "L'asticella si alza, il margine d'errore si assottiglia: ci vuole calma, equilibrio, la stagione è lunga". Così Massimiliano Allegri dopo l'amichevole in 'famiglia' a Villar Perosa, appuntamento classico nella pre-stagione della Juventus: "Iniziamo sabato e dobbiamo cercare di farlo con il piede giusto - ha aggiunto il tecnico -, dopo 6 anni di scudetti, tutto quello che i ragazzi hanno fatto, che la società ha fatto, è sempre più difficile". Nulla di scontato, quindi, neanche per la squadra che ha monopolizzato le ultime sei stagioni: "Vincere è una cosa straordinaria, ogni successo va gustato e festeggiato. I favoriti? Partiamo tutti alla pari e credo ci voglia molto rispetto, in Italia le avversarie si sono rafforzate, perché metteranno qualcosa in più per battere la Juventus, ma la stagione per noi passa dal campionato italiano per fare poi una buona stagione in Europa".

19:56Calcio: Juve, Allegri, un errore pensare sempre a Cardiff

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - Pensare sempre a Cardiff "è un errore, giocare le finali di Champions non è una cosa che capita tutti i giorni". Massimiliano Allegri è tornato sul ko in finale di Champions League con il Real Madrid a margine dell'amichevole di Villar Perosa tra la prima squadra e la Primavera della Juventus: "Nelle due finali (2015 e 2017, ndr) abbiamo perso ma contro Barcellona e Real Madrid - ha aggiunto ai microfoni di Jtv -. É una Champions diversa da quella di 30 anni fa, un calcio completamente diverso e non si possono fare paragoni, ma nello stesso tempo Cardiff va cancellata perché c'è un'altra stagione. La vita ti presenta sempre altre possibilità, quindi noi dobbiamo cercare di fare una grande Champions, ma dobbiamo farlo passando attraverso il campionato".

19:43Barcellona: il dolore di Leo Messi “Sii forte”

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "C'è stato un attacco terroristico a Barcellona. Sii forte Barcellona": così il fuoriclasse del club blaugrana Leo Messi esprime il dolore, dopo l'attentato sulle Rambla, in un post con una foto che ritrae la città catalana dall'alto. Messaggio anche del Barca: "Con il cuore pesante per l'attacco alla nostra città. Tutta la forza e la stima per le vittime, le loro famiglie e cittadini di Barcellona", scrive il club catalano. "La città più bella del mondo, noi soffriamo per voi: forza e coraggio" il messaggio del'altro club, Espanyol.

19:12Calcio: Marotta, Juve e Milan favoritissime

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "La Juventus è favoritissima per la vittoria dello scudetto, altrettanto il Milan per la campagna acquisti dispendiosa che ha fatto". Questa la griglia di partenza della Serie A secondo l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta: "Tra le favorite ci sono anche l'Inter, che ha trovato stabilità - ha proseguito Marotta - e il Napoli, per continuità e processo di crescita che sta dando risultati". Assente nel vernissage di Villar Perosa il centrocampista francese Matuidi, ma non c'è nessun giallo: "Abbiamo - ha spiegato Marotta - un accordo verbale col Psg, ha sostenuto le visite mediche, non ha avuto tempo di venire qui ma a breve sarà ufficiale il suo trasferimento". Il dg bianconero blinda Alex Sandro. "Vuole rimanere qui, abbiamo respinto al mittente le richieste. Non tratteniamo gli scontenti, non c'è nessun caso, ma ci sono ancora 15 giorni per gestire eventuali richieste di altre società".

19:06Migranti: Serracchiani, Austria blocchi chi entra in Italia

(ANSA) - TRIESTE, 17 AGO - "Lo schieramento di 70 soldati austriaci sul Brennero può essere utile, se contribuiranno a limitare il flusso dei migranti illegali dall'Austria verso l'Italia". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando l'annuncio delle autorità austriache, a proposito di un imminente dispiegamento di militari sul confine con l'Italia. "Sappiamo che la campagna elettorale, in Austria come in Italia, induce ad alzare i toni e - ha continuato Serracchiani - a immaginare gesti a effetto, ma l'auspicio è che ci sia prima di tutto il senso di responsabilità a guidare determinate scelte. Questa in particolare non ha alcun effetto pratico e soprattutto è contraddittoria, dal momento che siamo noi, in particolare in Friuli Venezia Giulia, a registrare arrivi di migranti in rientro dai Paesi del nord. Per questo, è importante migliorare sempre di più la collaborazione tra forze dell'ordine sull'area confinaria".

19:00Calcio: Marotta, per Keita fatta offerta congrua

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "Keita? Un'opportunità che, per condizioni contrattuali ed età, tutte le società devono tentare di cogliere, nel rispetto del presidente Lotito e della Lazio". Così Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, sulla trattativa che coinvolge l'attaccante senegalese di proprietà dei biancocelesti: "Emre Can e Rabiot sono giocatori il cui contratto scade nel 2018, come Keita, ma che giocano titolari nelle loro squadre senza alcun dramma - ha aggiunto Marotta, a margine dell'amichevole in famiglia a Villar Perosa -. Noi abbiamo fatto un'offerta a Lotito che riteniamo congrua, lui è padrone di decidere le strategie in casa propria e noi ci siamo ritirati".

Archivio Ultima ora