Consip: scontro sulle mozioni al Senato, Mdp contro Lotti

Pubblicato il 19 giugno 2017 da ansa

Il ministro dello Sport, Luca Lotti, durante la cerimonia per la visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al CONI presso lo Stadio dei Marmi a Roma, 12 giugno 2017.
ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Se non ha avuto effetto l’ultimo pressing sull’ad di Consip a rimettere l’incarico, un segnale, alla fine, però arriva: l’assemblea degli azionisti è stata infatti convocata da Luigi Marroni il 27 giugno per il rinnovo dei vertici. Una mossa che non sembra – vista la determinazione dimostrata – poter contribuire a raffreddare il clima politico e, al Senato, quasi inevitabilmente si andrà allo scontro sulle 6 mozioni parlamentari presentate.

Tutte, tranne quella della Lega, impegnate a chiedere il reset al vertice della centrale d’acquisti della P.A. Ma non è l’opposizione, bensì Mdp, a tirare in ballo anche Luca Lotti, accusato proprio da Marroni e indagato per rivelazione di segreto d’ufficio.

Una mossa che spinge il Pd prima a sostenere l’inutilità del dibattito alla luce delle dimissioni del presidente Ferrara e della consigliera Consip Marialaura Ferrigno e poi a riformulare, insieme a Ap e ad Autonomie, un nuovo testo di maggioranza. Toccherà ufficialmente al presidente del Senato Pietro Grasso decidere come procedere. Ma sembra escluso, davanti alla determinazione delle opposizioni, che l’aula di Palazzo Madama non si trasformi di nuovo nel teatro di uno scontro, tutto politico, sull’inchiesta Consip.

Mentre in Procura, dopo la ritrattazione di Ferrara, poi indagato, l’inchiesta sembra accelerare con possibili nuove audizioni, al Senato i partiti si daranno battaglia sul filo dei voti. Anche se, a meno di ripensamenti dell’ultimo minuto, è difficile che le 3 mozioni di opposizione (Idea,Si e Lega) possano avere la meglio su quella di maggioranza. Perché se il gruppo di Denis Verdini risulta spaccato, è escluso che Mdp appoggi le mozioni dell’opposizione.

Il gruppo dei bersaniani ha deciso di presentare un proprio testo in cui, ritenendo “evidente che la vicenda di Luca Lotti e quella dell’ad Luigi Marroni siano indissolubilmente intrecciate”, chiede che il ritiro delle deleghe per il ministro e la revoca dell’incarico a Marroni. E questo agita le acque già molto mosse nella maggioranza. Per il Pd, visto che il cda è decaduto, le mozioni “non hanno più senso”.

E’ chiaro che i dem avrebbero preferito evitare di riaprire il calderone di una vicenda delicata che coinvolge, oltre a Lotti, il padre dell’ex premier, Tiziano Renzi. Anche perché, attacca Orfini, ci si scorda che “l’indagine sta riservando sorprese con meccanismi quasi eversivi e pezzi di apparati dello Stato che falsificano le prove per cercare di fare arrestare il padre dell’ex premier”.

Nonostante sia il bersaglio di maggioranza e opposizione, l’ad di Consip resiste fino alla fine e decide di convocare l’assemblea degli azionisti utilizzando tutti e gli otto i giorni previsti dalla legge. Anche, probabilmente, per difendere il proprio operato. “Ci vedremo in settimana ma non credo che parleremo delle dimissioni”, conferma il faccia a faccia con Marroni il presidente dell’Anac Raffaele Cantone.

E al fianco del capo di Consip si schiera la Lega che nella mozione chiede la fine di pressioni sull’ad e che il governo si assuma “la responsabilità dell’eventuale sua rimozione anticipata con provvedimento pubblico e motivato”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora