Grasso: “Ius soli entro l’anno”. Ed è scontro Grillo-Ue

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Approvare lo ius soli entro l’anno. Il presidente del Senato, Pietro Grasso, torna a pungolare il Parlamento e le forze politiche per dare all’Italia quella che considera una risposta di giustizia alle aspettative dei cittadini. Intervenendo a “Un giorno da pecora” su RadioUno, Grasso non nasconde che per lui il tema – così come il biotestamento – è da considerarsi una priorità, arrivando addirittura ad augurarsi che l’iter possa giungere a una conclusione rapidissima. Anche prima dell’estate, in ogni caso entro l’anno..

Certo, osserva la seconda carica dello Stato, “bisogna vedere come sarà approvato dal Senato” che dovrà affrontare gli oltre 50 mila emendamenti al ddl depositati dalla Lega “con intenti ostruzionistici”. Bisognerà insomma “superare questo ostacolo”, ammette. E probabilmente arbitrare un nuovo scontro in Aula che però, assicura, “non mi preoccupa”.

In attesa della prova in assemblea, però, il clima politico non sembra raffreddarsi. E proprio nella giornata mondiale dedicata ai rifugiati, si sollevano ancora polemiche. Se Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni organizza una protesta davanti a Palazzo Madama dallo slogan assai chiaro (“L’Italia a chi la ama. No ius soli”), Grillo torna ad affidare al suo blog la linea politica sulla cittadinanza per la quale tira deciso il freno a mano:

“C’è solo una cosa da fare: fermarsi e chiedere un orientamento alla Commissione Ue, coinvolgere nel dibattito anche il Parlamento Europeo e il Consiglio. Discutere di cittadinanza senza una concertazione a livello europeo – scandisce infatti Grillo – è propaganda, è fumo negli occhi dei cittadini”.

Parole circostanziate che, sotto il titolo “Per uno ius Europeum”, vedono sentenziare il leader pentastellato che “in tutta l’Ue la cittadinanza si acquisisce principalmente attraverso lo ius sanguinis” e che “in nessuno Stato europeo esiste lo ius soli puro”. Ma eventualmente – ironizza ricorrendo al dialetto romano – uno ius ‘sola’ (una fregatura, ndr).

Basta però poco più di un’ora per far fare alla presa di posizione di Grillo un viaggio andata/ritorno Genova-Bruxelles: il commissario europeo alle Migrazioni e agli Affari Interni, Dimitris Avramopoulos, sottolinea infatti a strettissimo giro che i criteri in base ai quali l’Italia decide di concedere la cittadinanza sono “chiaramente una competenza nazionale”.

E pur con la premessa che non intende fare alcun commento sul dibattito in Italia in quanto “l’Ue non ha voce capitolo su questa materia”, il commissario tiene a precisare che quanto sostenuto da Grillo non esiste: “Non c’è infatti alcuna legge dell’Unione – spiega Avramopoulos – che dica dopo quanti anni, o a quali condizioni, uno Stato membro debba concedere la cittadinanza”.

Una netta presa di posizione che fa da sponda alle critiche del Pd a M5S: “Grillo continua a prendersi gioco dei suoi elettori e dei cittadini. L’unico fumo negli occhi è quello che lui diffonde abbondantemente per confondere le acque e giustificare il suo europeismo a giorni alterni”, dice infatti Marilena Fabbri, deputata dem e relatrice alla Camera del provvedimento.

La Fabbri precisa che “la legge che si sta discutendo in Parlamento riguarda uno ius soli temperato, che dunque prevede il riconoscimento della cittadinanza ai bambini che sono nati qui da genitori autorizzati a risiedere nel nostro Paese con un permesso di soggiorno a tempo indeterminato e che qui lavorano e pagano le tasse, e lo ius culturae per quei ragazzi che non sono nati in Italia ma studiano qui da almeno cinque anni.

Con questa legge l’Italia sarebbe in linea con Francia, Germania e Gran Bretagna. Dunque di cosa parla Grillo? Spaccia fake news. Sarebbe opportuno che il leader M5s studiasse le legislazioni europee e i compiti della Commissione Ue”.

(di Paolo Dallorso/ANSA)

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora