Morto lo studente Usa rilasciato in coma dalla Corea del Nord

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Otto Frederick Warmbier mentre viene portato alla suprema corte.. EPA/KCNA/HANDOUT SOUTH KOREA

WASHINGTON. – E’ morto dopo meno di una settimana dal suo rientro negli Stati Uniti Otto Warmbier, lo studente universitario americano di 22 anni rilasciato in stato di coma dalla Corea del Nord per ”ragioni umanitarie”. Lo ha reso noto la famiglia in un comunicato diffuso dall’ospedale di Cincinnati, Ohio dove era ricoverato. La famiglia ha ringraziato l’ospedale ma ha osservato che ”sfortunatamente il terribile trattamento di torture ricevuto da nostro figlio per mano dei nordcoreani ha fatto sì che non fosse possibile altro esito di quello triste avvenuto oggi”.

Il presidente americano Donald Trump ha definito la Corea del Nord un “regime brutale” dopo aver appreso la notizia della morte di Otto. Il padre del giovane aveva tenuto una conferenza stampa nei giorni scorsi accusando pubblicamente Pyongyang di averlo seviziato e di aver tenuto a lungo segrete le condizioni di salute del giovane. Le autorità americane non si sono pronunciate su queste accuse, limitandosi a vantare il successo di aver riportato a casa un connazionale, anche se altri tre restano detenuti.

I genitori della vittima avevano ricevuto telefonate sia da Donald Trump che dal segretario di stato Rex Tillerson e avevano ringraziato sentitamente, senza risparmiare una velata critica alla precedente amministrazione Obama che li aveva consigliati di tenere un basso profilo nella vicenda.

Warmbier era uno studente dell’università della Virginia. Era stato condannato a 15 anni per attività anti statale dopo aver confessato tra le lacrime di aver rubato uno striscione di propaganda. Si trovata in carcere da 17 mesi. Le sue condizioni si erano deteriorate rapidamente dopo la sentenza.

Le autorità nordcoreane hanno spiegato il coma del detenuto col botulismo e e l’assunzione di sonniferi. Ma i medici americani non hanno trovato alcuna prova di botulismo attivo, una malattia rara e grave causata da cibo contaminato o da ferite sporche. Hanno invece accertato una grossa perdita di tessuto cerebrale in tutte le regioni del cervello, compatibile con un arresto respiratorio che ha bloccato l’ossigeno. Nessun segno invece di fratture, magari legate a percosse. Resta quindi ancora sconosciuta la causa del trauma, anche se i sospetti puntano sulle tecniche di tortura.

La morte dello studente rischia di alimentare la tensione tra i due Paesi, salita dopo i ripetuti test balistici del regime e le minacce di Trump di una reazione americana. L’ultimo episodio è il sequestro da parte della polizia americana all’aeroporto Jfk di New York di un pacco diplomatico ad una delegazione nordcoreana di ritorno da una conferenza Onu sui diritti dei disabili.

Pyongyang ha denunciato un ”atto illegale e odioso di provocazione”, sostenendo che i propri rappresentanti, come il pacco, erano coperti da immunità diplomatica. Versione contestata dagli Usa. Mistero sul contenuto del pacco. La querelle diplomatica avveniva nelle stesse ore in cui Otto Warmbier stava consumando le sue ultime ore di vita.

Ultima ora

19:29Calcio: Di Biagio, vincere con incisività ed equilibrio

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Domani conta solo vincere, ma serviranno incisività ed equilibrio. La Germania è uno squadrone". Il tecnico dell'Under 21 azzurra Gigi Di Biagio illustra la ricetta che spera porti all'indispensabile successo contro i tedeschi. "Dovremo approcciarci con più cattiveria alla partita - aggiunge - Con più voglia e determinazione rispetto a quella precedente. Il resto lo vedremo nel corso del match". Nonostante il ko di mercoledì scorso contro la Repubblica Ceca, che ha reso molto complicato il cammino verso le semifinali, "dobbiamo continuare a pensare che siamo una buonissima squadra, con grandi valori - è lo stimolo di Di Biagio per i suoi ragazzi - Siamo nelle condizioni di giocare in tanti modi diversi, l'unica cosa sarà trovare l'equilibrio giusto perché di fronte avremo una grande squadra".

19:08M5S: firme false a Palermo, a giudizio in 14

(ANSA) - PALERMO, 23 GIU - Il Gup di Palermo, Nicola Aiello ha rinviato a giudizio tre deputati nazionali e due regionali ex M5S, 8 attivisti del movimento e un cancelliere del tribunale per la vicenda delle firme false apposte alla lista presentata nel 2012 dai grillini per le comunali di Palermo. Il processo comincerà il 3 ottobre davanti al giudice monocratico. Gli imputati rispondono, a vario titolo, di falso e della violazione della legge regionale che ha recepito il testo unico in materia elettorale. A giudizio, come ha chiesto il pm Claudia Ferrari, i deputati nazionali poi fuoriusciti dal Movimento, Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino, i parlamentari regionali Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio, rei confessi e sospesi dal Movimento, gli attivisti Samanta Busalacchi, Pietro Salvino, Riccardo Ricciardi, Giuseppe Ippolito, Stefano Paradiso, Toni Ferrara e Alice Pantaleone. Il processo è stato deciso anche per l'ex militante, l'avvocato Francesco Menallo, e per il cancelliere Giovanni Scarpello.

19:06Calcio: serie C, Paparesta nuovo direttore generale Matera

(ANSA) - MATERA, 23 GIU - L'ex arbitro ed ex presidente del Bari, Gianluca Paparesta, è il nuovo direttore generale del Matera, società che nella prossima stagione di serie C punterà a un campionato di vertice. Nel pomeriggio, in una conferenza stampa affollata anche da centinaia di tifosi, Paparesta è stato presentato ai giornalisti dal patron biancoazzurro, Saverio Columella, insieme al nuovo direttore sportivo, Gianluca Torma. Confermato sulla panchina del Matera il tecnico Gaetano Auteri: "Il mister - ha detto Columella - resta con noi: insieme vogliamo ottenere grandi soddisfazioni anche in vista del 2019, quando la nostra città sarà Capitale europea della Cultura".

19:00Mafia Ostia: Pm chiede condanne per 100 anni carcere

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Minacce, violenze, sfratti forzosi da alloggi popolari e una gambizzazione per affermare la 'supremazia' del proprio clan sul territorio di Ostia; e tutto con l'aggravante del metodo mafioso. Per queste accuse, i pm di Roma Ilaria Calò ed Eugenio Albamonte, hanno chiesto sette condanne per quasi cento anni di reclusione nei confronti di persone facenti parte - ad avviso degli investigatori - del clan Spada. In più sono state chieste multe anche per oltre 200 mila euro di multe. Sedici anni di reclusione sono stati chiesti per Massimiliano Spada, 10 anni per Ottavio Spada, 13 anni per Davide Cirillo, Mirko Miserino e Maria Dora Spada, 14 anni per Massimo Massimiani e Manuel Granato. Condanne sono state sollecitate anche dalle parti civili costituite, con Roma Capitale che ha chiesto anche un risarcimento di 800mila euro, Regione Lazio di un milione, Associazione Caponnetto 100mila euro e Associazione Libera Sos Imprese diecimila euro.

18:59A Napoli residenti e rifugiati ripuliscono piazza De Filippo

(ANSA) - NAPOLI, 23 GIU - Piazza Eduardo De Filippo a Napoli è 'rinata' questa mattina con la 'piantumazione' partecipata e multietnica ad opera dei residenti e dei rifugiati che vivono nel quartiere. L'iniziativa, voluta dalla IV Municipalità di Napoli e organizzata con l'impresa sociale Less Onlus, vuole essere un esempio di integrazione in una delle porzioni urbane cittadine con grande concentrazione di abitanti stranieri. L'intera piazza, a cominciare dalle 10 del mattino, è stata ripulita e le aree verdi, in particolare l'aiuola al centro dello slargo, sono state decorate con la piantumazione di 42 begonie e hibiscus, 20 piante di rose e sacchi di corteccia, donati da Less. Protagonisti dell'iniziativa sono stati i ragazzi dei centri di accoglienza della Less Onlus, rifugiati provenienti soprattutto dall'Africa insieme ai residenti e ai cittadini del Comitato Civico Foria e Teatri.

18:57Delitto Macchi, denunciato un testimone

(ANSA) - VARESE, 23 GIU - E' stato denunciato per falsa testimonianza un commercialista, Gianluca Bacchi Mellini, che nella scorsa udienza del processo a carico di Stefano Binda, accusato di aver massacrato con 29 coltellate la studentessa di Varese Lidia Macchi nel gennaio 1987, ha confermato in aula la presenza dell'imputato a una vacanza a Pragelato, in Piemonte, nell'arco temporale tra la scomparsa della giovane e il ritrovamento del cadavere nei boschi di Cittiglio (Varese). Lo ha spiegato oggi, nel corso dell'udienza davanti alla Corte d'Assise di Varese, il sostituto pg di Milano Gemma Gualdi, motivando il provvedimento, contestato dai difensori dell'imputato, con un segno d'intesa, un "occhiolino", che il testimone avrebbe rivolto a Binda prima di rispondere alle domande. Per questo è stato prodotto anche il filmato con le riprese dell'udienza. La testimonianza del commercialista confermerebbe l'alibi di Binda, che ha sempre sostenuto di essere stato a Pragelato con altri ragazzi vicini a Comunione e Liberazione.

18:51‘Giro’ falsi marchi vale 7 mld, minaccia a economia

(ANSA) - FIRENZE, 23 GIU - Un 'giro' che in Italia vale 7 mld e che danneggia il fisco e tutta la filiera economica e occupazionale del Paese, servendosi delle più raffinate tecniche di raggiro e anche della rete web: è la contraffazione dei marchi del made in Italy, dall'agroalimentare alla moda. Al tema è stata dedicata la tavola rotonda a Firenze nell'ambito del 243/o della fondazione della Guardia di finanza. Ogni anno, ha detto il comandante Italia centro settentrionale Gdf, generale Edoardo Valente, c'è una crescita del 123% dei siti web oscurati che commercializzano falsi. Germana Mentil, general counsel Ferragamo, e Niccolò Ricci, Ceo di Stefano Ricci, hanno spiegato le tecniche di contraffazione e le misure delle aziende per ostacolarla. Il procuratore aggiunto di Firenze Luca Turco ha sottolineato la necessità di collaborazione con le imprese. Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha chiesto sanzioni contro chi acquista falsi e il sottosegretario all'economia Paola De Micheli ha indicato i rischi per pil e occupazione.

Archivio Ultima ora