Abuso e falso, rischio processo per Raggi: “No a dimissioni”

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Virginia Raggi. . ANSA/ CLAUDIO PERI

ROMA. – Sette mesi dopo l’iscrizione nel registro degli indagati, la Procura di Roma ha chiuso il pacchetto di fascicoli sulle nomine che riguardano il sindaco di Roma, Virginia Raggi. Per lei si fa concreto il rischio processo per le accuse di falso e abuso d’ufficio per le nomine di Salvatore Romeo e Renato Marra mentre sono destinate ad essere archiviate, come chiesto dalla stessa procura, le accuse di abuso d’ufficio per le scelte di Carla Raineri a capo di gabinetto del primo cittadino e Renato Marra a capo del dipartimento turismo.

Colpo di acceleratore quindi dei magistrati di piazzale Clodio alla maxi-indagine sull’amministrazione pentastellata e su alcune nomine fatte dalla Raggi proprio nelle prime settimane dopo il suo insediamento in Campidoglio. L’avvocato della sindaca, Alessandro Mancori, si dice certo di poter chiarire tutto. “Non stiamo parlando del fatto che io abbia rubato soldi o abbia corrotto – dice la sindaca a Carta Bianca su Rai 3 -.

Parliamo di una firma su un documento in contestazione e di una procedura di nomina, di Romeo, che ho fatto seguendo una procedura già avvenuta in anni precedenti e che non era mai stata contestata. Sono abbastanza tranquilla. Depositeremo atti con cui sono certa di riuscire a spiegare. Noi al momento andiamo avanti. Se alla luce del codice etico esiste una sola possibilità che la storia di questo ipotetico rinvio a giudizio anticipi la fine della guida di Roma? No”, risponde Raggi.

Il tema è ‘caldo’ per il Pd capitolino che, in un bilancio sul primo anno di amministrazione Raggi, è tornato a chiedere “cosa farà la sindaca se arrivasse un rinvio a giudizio?”. Mentre una sponda arriva dal leader della Lega Matteo Salvini: “La sindaca Raggi non deve dimettersi, si è colpevoli se condannati, non con il rinvio a giudizio. Però politicamente la condanno, perché i romani che sento mi dicono che speravano in qualcosa di meglio”.

La Procura ha chiuso in queste ore una serie di filoni di indagine, atto che di norma precede la richiesta di rinvio a giudizio. Al sindaco è contestato l’abuso d’ufficio in relazione alla nomina di Salvatore Romeo a capo della segreteria politica, il falso per quella alla direzione Turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale. In relazione a quest’ultima nomina, la Procura ha sollecitato per la Raggi l’archiviazione dal reato di abuso d’ufficio che invece resta contestato al fratello di Marra, Raffaele che all’epoca era il braccio destra della prima cittadina.

Secondo l’impianto accusatorio della Procura, Raffaele Marra, attualmente sotto processo per l’accusa di concorso in corruzione assieme all’imprenditore Sergio Scarpellini, si occupò in prima persona della pratica di nomina quando invece si sarebbe dovuto astenere. Quanto al falso documentale, la Raggi è a rischio processo per aver detto alla responsabile anticorruzione del Campidoglio Mariarosa Turchi di aver deciso da sola su quella nomina su cui l’Anac guidata da Raffaele Cantone ha poi avanzato una serie di rilievi. Raggi aveva assicurato di avere deciso in piena autonomia senza coinvolgere lo stesso Raffaele Marra, all’epoca suo braccio destro. Una versione però smentita da una chat tra Raggi e il suo ex capo del personale in cui la prima cittadina di Roma si lamenta per il fatto che non era stata informata da lui sul salto di stipendio del fratello Renato.

Per quanto riguarda il filone sulla nomina di Romeo, la procura contesta a lui l’abuso d’ufficio in quanto ritiene la sua nomina palesemente illegittima. Per chi indaga, invece, la Raggi non avrebbe tenuto in conto alcuni pareri autorevoli contrari a questa nomina, poi andata in porto. Per Romeo quella promozione, avvenuta nell’ estate scorsa, rappresentò un salto sostanziale anche nello stipendio: da 39 mila euro lordi l’anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l’intervento dell’Anac.

Intanto la Procura di Roma ha chiesto al gip l’archiviazione per il filone sulla nomina di Raineri nel quale si ipotizzava per la Raggi l’abuso d’ufficio dopo un esposto presentato da Fratelli d’Italia. I pm ritengono la scelta non legittima e contraria ad alcuni pronunciamenti dalla Corte dei Conti ma hanno valutato insussistente l’elemento soggettivo del reato.

Infine l’aggiunto Paolo Ielo ha chiesto di archiviare anche l’inchiesta relativa a una presunta attività di dossieraggio ai danni dell’attuale presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito. Nel procedimento, contro ignoti, si ipotizzava la rivelazione del segreto d’ufficio. I pm hanno, infine, chiesto di fare cadere l’accusa di abuso d’ufficio che era contestato all’ex assessore all’ambiente, Paola Muraro, per vicende che risalgono a quando ricopriva il ruolo di consulente esterno in Ama.

(di Annalisa Sturiale e Marco Maffettone/ANSA)

Ultima ora

20:56Siria: Ong, 80 morti in scontri Afrin, 24 sono civili

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 GEN - Circa 80 persone, tra civili e miliziani, sono morti nelle ultime 48 ore di scontri e bombardamenti nella regione nord-occidentale di Afrin, confinante con la Turchia ma controllata dal Pkk siriano, e investita da sabato scorso dall'offensiva militare turca. L'Osservatorio siriano per i diritti umani, che cita fonti sul terreno, afferma che 24 civili sono stati uccisi nelle violenze, tra cui due minori e una donna.

20:21Matera 2019:intesa Miur-enti locali per coinvolgere studenti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso i comuni di Matera e Policoro e la Regione Basilicata. Progetti legati alla cultura, all'archeologia e all'enogastronomia del territorio,allo sport. Un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento degli studenti nel programma di Matera Capitale della Cultura 2019. Sono i contenuti dell'Accordo Quadro "Progetto culturale Basilicata-Matera 2019-Magna Grecia" siglato questa mattina presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), dal Sottosegretario al Ministero dell'Istruzione, Vito De Filippo, dal Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dal Sindaco di Matera Raffaello Giulio De Ruggeri e dal Sindaco di Policoro Enrico Mascia. L'Accordo mira a favorire gemellaggi e scambi scolastici e culturali a livello nazionale ed europeo; a organizzare convegni, seminari, corsi e manifestazioni che valorizzino il patrimonio dei territori coinvolti; a consentire a studentesse e studenti di effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro.

20:21Ebrei Roma, dedicare vie a prof colpiti da leggi razza

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Prendiamo atto con soddisfazione della scelta della sindaca Virginia Raggi di modificare le vie di Roma intitolate a chi firmò il Manifesto in Difesa della Razza. Sarebbe più giusto dedicare alcune vie ai professori universitari che persero il proprio posto a causa di quell'infamia". Così la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello.

20:11Diritti tv: Lega A, obiettivo trattative resta 1,05 mld

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Nelle trattative private con i broadcaster per i diritti tv, la Lega Serie A punta a "ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal bando, ossia 1 miliardo e 50 milioni di euro", altrimenti "si riserverà di valutare l'offerta presentata dall'intermediario indipendente" che ha partecipato al bando subordinato. Lo ha chiarito il commissario della Lega, Carlo Tavecchio, dopo l'assemblea dei club, che "all'unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata". Per il bando erano state presentate cinque buste - da Sky, Mediaset, Italia Way, Tim e Perform - con offerte totali inferiori a 800 milioni a stagione. Cifre che hanno indotto i club a avviare trattative private con i broadcaster.

20:09Raggi: cambieremo nome di vie intitolate a studiosi razzisti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il Campidoglio ha avviato le procedure per cambiare nome alle strade della Capitale intitolate agli scienziati che sottoscrissero il Manifesto della Razza del 1938, premessa alla deportazione fascista e allo sterminio degli ebrei italiani. Al dossier hanno lavorato sia la sindaca di Roma Virginia Raggi che il vicesindaco con delega alla Cultura Luca Bergamo. Obiettivo è procedere al cambio entro il 2018, anno in cui ricorre l'ottantesimo anniversario delle leggi razziali. Ad anticipare la scelta del Campidoglio la stessa Raggi in una intervista rilasciata per il documentario dell'inviato Mediaset Pietro Suber, '1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani'. Raggi spera che la sua decisione, quando si concretizzerà, possa essere di esempio per altre città. "Roma é antifascista", sottolinea la sindaca.

20:02Usa: dem, votiamo per fine shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - "Votiamo oggi per la riapertura del governo". Lo ha detto il leader della minoranza democratica al Senato Usa Chuck Schumer prendendo la parola in aula prima del voto sul testo per il finanziamento del governo.

19:59Davos: Forum sotto la neve

(ANSA) - GINEVRA, 22 GEN - Edizione bianca per il World economic forum 2018: le copiose nevicate su tutta la fascia alpina svizzera hanno ricoperto di un manto nevoso di circa tre metri la stazione sciistica di Davos che si appresta ad accogliere da domani i prestigiosi ospiti del Forum: capi di stato e di governo, ministri e leader politici, imprenditori e accademici di tutto il mondo. Le forti nevicate rischiano di rappresentare un problema per la viabilità e i trasporti, anche se la situazione sul fronte della neve si è lievemente allentata nel pomeriggio e le strade di accesso alla località sono ora aperte, ha riferito l'agenzia di stampa elvetica Ats. Per maggiore sicurezza su diversi pendii sono state provocate valanghe artificiali, ha annunciato il comune, e circa due dozzine di persone sono state sfollate. Stasera sono attese nuove precipitazioni nevose di 20-30 centimetri: grazie all'aumento delle temperatura la coesione del manto nevoso è però destinata ad aumentare e il pericolo di slavine non dovrebbe aggravarsi

Archivio Ultima ora