Abuso e falso, rischio processo per Raggi: “No a dimissioni”

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Virginia Raggi. . ANSA/ CLAUDIO PERI

ROMA. – Sette mesi dopo l’iscrizione nel registro degli indagati, la Procura di Roma ha chiuso il pacchetto di fascicoli sulle nomine che riguardano il sindaco di Roma, Virginia Raggi. Per lei si fa concreto il rischio processo per le accuse di falso e abuso d’ufficio per le nomine di Salvatore Romeo e Renato Marra mentre sono destinate ad essere archiviate, come chiesto dalla stessa procura, le accuse di abuso d’ufficio per le scelte di Carla Raineri a capo di gabinetto del primo cittadino e Renato Marra a capo del dipartimento turismo.

Colpo di acceleratore quindi dei magistrati di piazzale Clodio alla maxi-indagine sull’amministrazione pentastellata e su alcune nomine fatte dalla Raggi proprio nelle prime settimane dopo il suo insediamento in Campidoglio. L’avvocato della sindaca, Alessandro Mancori, si dice certo di poter chiarire tutto. “Non stiamo parlando del fatto che io abbia rubato soldi o abbia corrotto – dice la sindaca a Carta Bianca su Rai 3 -.

Parliamo di una firma su un documento in contestazione e di una procedura di nomina, di Romeo, che ho fatto seguendo una procedura già avvenuta in anni precedenti e che non era mai stata contestata. Sono abbastanza tranquilla. Depositeremo atti con cui sono certa di riuscire a spiegare. Noi al momento andiamo avanti. Se alla luce del codice etico esiste una sola possibilità che la storia di questo ipotetico rinvio a giudizio anticipi la fine della guida di Roma? No”, risponde Raggi.

Il tema è ‘caldo’ per il Pd capitolino che, in un bilancio sul primo anno di amministrazione Raggi, è tornato a chiedere “cosa farà la sindaca se arrivasse un rinvio a giudizio?”. Mentre una sponda arriva dal leader della Lega Matteo Salvini: “La sindaca Raggi non deve dimettersi, si è colpevoli se condannati, non con il rinvio a giudizio. Però politicamente la condanno, perché i romani che sento mi dicono che speravano in qualcosa di meglio”.

La Procura ha chiuso in queste ore una serie di filoni di indagine, atto che di norma precede la richiesta di rinvio a giudizio. Al sindaco è contestato l’abuso d’ufficio in relazione alla nomina di Salvatore Romeo a capo della segreteria politica, il falso per quella alla direzione Turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale. In relazione a quest’ultima nomina, la Procura ha sollecitato per la Raggi l’archiviazione dal reato di abuso d’ufficio che invece resta contestato al fratello di Marra, Raffaele che all’epoca era il braccio destra della prima cittadina.

Secondo l’impianto accusatorio della Procura, Raffaele Marra, attualmente sotto processo per l’accusa di concorso in corruzione assieme all’imprenditore Sergio Scarpellini, si occupò in prima persona della pratica di nomina quando invece si sarebbe dovuto astenere. Quanto al falso documentale, la Raggi è a rischio processo per aver detto alla responsabile anticorruzione del Campidoglio Mariarosa Turchi di aver deciso da sola su quella nomina su cui l’Anac guidata da Raffaele Cantone ha poi avanzato una serie di rilievi. Raggi aveva assicurato di avere deciso in piena autonomia senza coinvolgere lo stesso Raffaele Marra, all’epoca suo braccio destro. Una versione però smentita da una chat tra Raggi e il suo ex capo del personale in cui la prima cittadina di Roma si lamenta per il fatto che non era stata informata da lui sul salto di stipendio del fratello Renato.

Per quanto riguarda il filone sulla nomina di Romeo, la procura contesta a lui l’abuso d’ufficio in quanto ritiene la sua nomina palesemente illegittima. Per chi indaga, invece, la Raggi non avrebbe tenuto in conto alcuni pareri autorevoli contrari a questa nomina, poi andata in porto. Per Romeo quella promozione, avvenuta nell’ estate scorsa, rappresentò un salto sostanziale anche nello stipendio: da 39 mila euro lordi l’anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l’intervento dell’Anac.

Intanto la Procura di Roma ha chiesto al gip l’archiviazione per il filone sulla nomina di Raineri nel quale si ipotizzava per la Raggi l’abuso d’ufficio dopo un esposto presentato da Fratelli d’Italia. I pm ritengono la scelta non legittima e contraria ad alcuni pronunciamenti dalla Corte dei Conti ma hanno valutato insussistente l’elemento soggettivo del reato.

Infine l’aggiunto Paolo Ielo ha chiesto di archiviare anche l’inchiesta relativa a una presunta attività di dossieraggio ai danni dell’attuale presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito. Nel procedimento, contro ignoti, si ipotizzava la rivelazione del segreto d’ufficio. I pm hanno, infine, chiesto di fare cadere l’accusa di abuso d’ufficio che era contestato all’ex assessore all’ambiente, Paola Muraro, per vicende che risalgono a quando ricopriva il ruolo di consulente esterno in Ama.

(di Annalisa Sturiale e Marco Maffettone/ANSA)

Ultima ora

23:57Calcio: Montella, reso facile gara con mentalità vincente

(ANSA) - MILANO, 17 AGO - ''Missione compiuta? Il 6-0 è certamente un grande risultato, bravi i ragazzi che l'hanno resa facile con approccio e mentalità. Abbiamo avuto qualche pausa iniziale su cui lavoreremo ma sono soddisfatto''. Così Vincenzo Montella commenta la vittoria del Milan per 6-0 con lo Shkendija che ha ipotecato il passaggio del turno alla fase ai gironi di Europa League. ''André Silva - il parere di Montella - può ancora migliorare moltissimo, Montolivo meritava il gol. Peccato per Bonaventura, c'è apprensione visto che è reduce dal brutto infortunio dell'anno scorso''. Montella chiosa sugli obiettivi ("Vogliamo arrivare nelle prime quattro") e sulla trattativa per Kalinic: ''Sul mercato non siamo mai sazi''.

23:08Calcio: Europa League, Milan-Shkendija 6-0

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Milan ha battuto 6-0 (3-0) la formazione macedone dello Shkendija nel match di andata dei playoff di Europa League. In gol per i rossoneri Andre' Silva al 13' pt e al 28' st, Montolivo (25' pt e 40' st), Borini al 22' st e Antonelli al 23' st. Per il Milan la qualificazione è in cassaforte.

22:02Isis rivendica attacco Barcellona

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - L'Isis ha rivendicato l'attentato di Barcellona attraverso la sua 'agenzia' Amaq, definendo gli attentatori "soldati dello Stato islamico". Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.

21:35Basket: bagno di folla al raduno della Openjobmetis Varese

(ANSA) - VARESE, 17 AGO - Bagno di folla per la Openjobmetis Varese, che si è radunata nel pomeriggio di oggi e domani sarà a Chiavenna per l'inizio della preparazione in vista del prossimo campionato. Come è tradizione ormai da qualche anno, la squadra varesina si presenta al palasport per ricevere l'abbraccio dei suoi tifosi, sempre molto presenti (oggi qualche centinaio a chiedere autografi e a scattare fotografie) in particolare nella sottoscrizione degli abbonamenti (quasi raggiunta quota duemila tessere). Presenti oggi al raduno tutti i giocatori in organico, fatta eccezione per il pivot Norvel Pelle, impegnato in questi giorni con la Nazionale liberiana, uno dei tre confermati (gli altri sono il capitano Giancarlo Ferrero e Aleksa Avramovic). La squadra varesina resterà per una decina di giorni ad allenarsi a Chiavenna, dove il 26 agosto sosterrà il primo test stagionale con gli svizzeri della Sam Massagno.

21:31Barcellona: Minniti convoca il Casa

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, dopo i tragici fatti di Barcellona, ha convocato una riunione straordinaria del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (CASA) per domani, 18 agosto alle ore 11.00 al Viminale, alla presenza dei vertici delle Forze di polizia e dei Servizi di Intelligence.

21:29Barcellona: Papa prega per vittime

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Papa Francesco ha appreso con "grande preoccupazione quanto sta accadendo a Barcellona. Il Papa prega per le vittime di questo attentato e desidera esprimere la sua vicinanza a tutto il popolo spagnolo, in particolare ai feriti ed alle famiglie delle vittime". Lo afferma il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke.

21:08Raduno “famiglia Arcobaleno”, decimo intervento di soccorso

(ANSA) - TRAMONTI DI SOPRA (PORDENONE) , 17 AGO - Decimo intervento di emergenza al "Raduno europeo della famiglia Arcobaleno" che si concluderà domenica a Tramonti di Sopra (Pordenone). La manifestazione è iniziata lo scorso 22 luglio e si svolge in una radura a quota 1.200 metri, ad alcune ore di cammino a piedi dal primo paese. Oggi i tecnici del Soccorso Alpino di Maniago (Pordenone) e l'elicottero della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia sono intervenuti per portare in ospedale una donna affetta da un'infezione che le procurava uno stato febbrile preoccupante. Nei giorni scorsi, il raduno era stato funestato da due tragedie: un uomo belga di 41 anni era stato colpito da un albero durante un nubifragio ed era morto sotto gli occhi della compagna e della figlia di lei, di soli 4 anni. Lunedì scorso la seconda vittima: un uomo di 40 anni di Montereale Valcellina (Pordenone) ha accusato un malore fatale lungo il sentiero che conduce in quota.

Archivio Ultima ora