Pompeyo Márquez: un pezzo di storia politica venezuelana che se ne va

Pubblicato il 21 giugno 2017 da redazione

CARACAS. – Pompeyo Marquez è arrivato a 95 anni e non si conoscono di preciso le cause della sua morte ma le dimostrazioni di affetto e riconoscimento da amici e politici non sono mancate. Jesús “Chuo” Torrealba l’ha ricordato come un gran maestro con più di ottanta anni di lotta politica alle spalle.

Il poeta Homero Arellano, poco tempo fa, l’aveva definito “un essere collettivo” proprio perché Marquez aveva capito che nell’unità si costruisce un paese, e l’appartenenza ad un partito non deve scalfire la volontà di lotta a beneficio della giustizia per tutti. E questa sua idea di “unità” è stata rispettata e riconosciuta da molti.

Marquez, pur non essendosi mai laureato è riuscito a mettere bianco su nero le sue idee in maniera brillante e precisa. La sua intelligenza ed umiltà l’hanno formato accanto ad amici intellettuali di partito che lo hanno sempre ammirato.

È nato il 28 aprile 1922 a Ciudad Bolívar. La sua vita politica pubblica è iniziata nel 1936. Iscritto alla Federazione degli Studenti del Venezuela, ha lottato contro la dittatura di Marcos Pérez Jiménez con lo pseudonimo di “Santos Yorme”.

Dopo l’uscita di scena di Pérez Jiménez, Márquez ha seguito i precetti della Costituzione del 1961, ma vedendo che il partito comunista venezuelano Pcv era stato escluso, è tornato alla lotta armata.

Per questo è stato imprigionato durante il governo di Romulo Betancourt, ma è evaso tre anni più tardi con Petkoff e Garcia Ponce, con i quali avrebbe continuato la sua lotta politica.

Nel 1971 fonda il partito Mas (Movimento al Socialismo) accanto a Teodoro Petckoff e altri suoi compagni di lotta come risposta alle critiche sorte contro il modello sovietico. E con il Mas è riuscito ad ottenere uno scagno nel Congresso Nazionale.

Con il governo di Jaime Lusinchi (Acción Democrática) ha formato parte della Commissione Presidenziale per la Riforma dello Stato e più tardi, nel 1989, è stato designato da Carlos Andrés Pérez come Membro Presidenziale per gli Affari di Frontiera e Ministro di Sato per lo Sviluppo delle Frontiere tra il 1994 e il 1998.

Ma dal 1999 è stato un chiaro oppositore e critico delle politiche di Hugo Chávez e la vittoria di Chávez l’ha indotto a lasciare il Mas perché il partito aveva sostenuto il defunto Presidente. Lasciato il Mas, Márquez si è iscritto al partito di opposizione Un Nuevo Tiempo con il quale ha espresso le sue idee contrarie al governo di Nicolás Maduro.

Ha dedicato molti dei suoi ultimi anni a scrivere saggi ed articoli, formando parte dello staff di giornalisti per Tal Cual, giornale fondato dal suo amico Teodoro Petkoff. L’ultimo suo scritto, pubblicato i 18 di giugno, riguardava le recenti decisioni della Procuratrice della Repubblica e le manifestazioni da lui sostenute, proprio perché temeva l’insediarsi di una dittatura militare.

Lottatore instancabile per la democrazia, Márquez sarà ricordato come tale, specialmente durante questo periodo convulso di storia venezuelana.


La Redazione della Voce d’Italia è oggi accanto alla famiglia di Pompeyo Marquez, tenace avversario del regime militare imposto da Marcos Pérez Jiménez e indefesso difensore dei Diritti Umani. Con Pompeyo Márquez, maestro di vita ed esempio di onestà intellettuale e politica, la “Voce” ha condiviso il suo amore per la democrazia, la libertà e l’uguaglianza e la lotta contro ogni forma di dittatura e dispotismo, ieri e oggi.

Ultima ora

05:55‘Spari a Nimes’, poi la prefettura smentisce

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Momenti di paura a Nimes, nel sud della Francia, dopo le notizie diffuse in serata e poi smentite di una "sparatoria alla stazione". A lanciare l'allarme intorno alle 21 sono stati alcuni media spagnoli e successivamente quelli britannici che avevano parlato di "una sparatoria, di un uomo arrestato e di due in fuga". Notizie che avevano fatto pensare ad un nuovo attentato e ad un possibile collegamento con quello di Barcellona, vista la vicinanza di Nimes con la frontiera spagnola. La stazione ferroviaria della città è stata immediatamente evacuata e transennata dalle forze dell'ordine, mentre sui social network si diffondevano un tam-tam di notizie, tra "jihadisti in fuga", e "paura" e "sparatorie", e "uomini armati asserragliati sul vagone di un treno". Poco dopo però la prefettura della regione della Gard ha smentito la notizia della sparatoria, confermando però che la stazione era stata chiusa perché "era in corso un'operazione di verifica dopo una segnalazione sospetta".

22:37Avaria: 500mila galline abbattute, focolai influenza estinti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Sono terminate ieri tutte le operazioni di abbattimento, pulizia e disinfezione sia nei focolai di influenza aviaria sia negli allevamenti sottoposti ad abbattimento preventivo. Lo comunica l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, spiegando che "tutti i focolai di influenza aviaria risultano quindi estinti". L'abbattimento più cospicuo si è registrato in un allevamento di galline ovaiole di Castiglione delle Stiviere, nel mantovano, dove sono state eliminate 460mila galline ovaiole contagiate. La Lombardia la scorsa settimana ha comunicato all'istituto zooprofilattico la conclusione delle operazioni di abbattimento degli ultimi focolai e l'abbattimento preventivo di un allevamento di tacchini considerato a rischio elevato. La mappa dei focolai comprende Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, ma alcuni casi sono stati segnalati anche in Piemonte e Friuli Venezia Giulia. A essere colpiti dal virus, da gennaio a oggi, sono state soprattutto galline ovaiole, tacchini e oche da carne.

22:00Calcio: Verona-Napoli, ancora Var conferma gol partenopei

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Napoli in vantaggio a Verona e gol confermato dalla Var, chiamata in causa dall'arbitro Fabbri. La formazione di Sarri è andata in vantaggio dopo 32' grazie a un'autorete di Souprayen. Il direttore di gara, prima di convalidare la rete, ha chiesto l'intervento della Var che ha confermato la regolarità del gol degli ospiti.

21:49Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

(ANSA) - STRONGOLI (CROTONE), 19 AGO - Un esemplare di squalo volpe di 200 kg, lungo oltre 3,5 metri, è stato pescato a Strongoli marina, nel crotonese, con una canna da pesca da altura. Lo squalo ha abboccato ad una profondità di 60 metri. La sorprendente cattura è stata fatta da Giuseppe Fiorita, giovane appassionato di pesca sportiva che era uscito in mare per una battuta di pesca in cerca di ricciole. Lo squalo volpe, con i suoi 6 metri di lunghezza, rappresenta la specie più grande fra le tre ascritte al genere Alopias. È molto diffuso nei mari tropicali. (ANSA).

21:00Venezia: ancora degrado, fa pipì contro muro hotel Danieli

(ANSA) - VENEZIA, 19 AGO - E' l'estate del degrado e della maleducazione che debordano questa a Venezia dove, dopo i turisti che fanno tuffi e bagni nel canali come in piscina, si è visto pure un uomo urinare in pieno giorno contro un muro dell'hotel 'Danieli', 5 stelle tra i più esclusivi al mondo, uno dei simboli della città. L'uomo, piegato verso la parete in atteggiamento inequivocabile, è stato ripreso con lo smartphone da un veneziano, che poi, dal proprio profilo Facebook, ha messo on line il filmato del nuovo sfregio alla città lagunare. Il tutto in Riva degli Schiavoni, davanti al bacino di San Marco, con i turisti che passavo al fianco dell'incivile incontinente, che non è però stato individuato.

20:58Finlandia: italiana ferita era con figlia sei mesi

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Lisa Biancucci, la ricercatrice rimasta ferita nell'attentato di Turku, quando ha subito l'aggressione era con la figlia di sei mesi nel passeggino. Il particolare è stato reso noto dallo zio della donna che vive come gli altri familiari a Bibbiena, la cittadina aretina di cui è originaria la giovane studiosa e dove Lisa Biancucci si trovava fino a sabato scorso, quando è ripartita con il marito per Turku: è era venuta a Bibbiena per far battezzare la piccola. (ANSA).

20:51In codice rosso 4 ore per trasferimento,muore 23enne

(ANSA) - NAPOLI, 19 AGO - Ricoverato in codice rosso, aspetta quattro ore per essere trasferito in un altro ospedale per l'esecuzione di una agioTac. Ore che sarebbero risultate fatali per un 23enne che, a Napoli, è morto il giorno dopo il ricovero. E' quanto rende noto il consigliere regionale della Campania, Francesco Borrelli che diffonde la denuncia presentata dal responsabile del Pronto Soccorso del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo dove, tra l'altro, si legge che si è verificata una "inosservanza ai più elementari doveri professionali".

Archivio Ultima ora