Il Made in Italy mette il turbo e cresce il 4% all’anno

Pubblicato il 21 giugno 2017 da ansa

MILANO. – L’export italiano mette il turbo e si prepara ad un futuro in accelerazione con una crescita media annua del 4% nei prossimi quattro anni, raggiungendo il valore di 489 miliardi di euro nel 2020. Chimica, mezzi di trasporto e agroalimentare, insieme alla meccanica strumentale, sono i settori più promettenti, mentre Stati Uniti e Asia sono le aree geografiche più dinamiche.

Queste le previsioni per il 2017-2020 che emergono dal rapporto annuale sull’export di Sace (Gruppo Cdp), presentato a Milano, nella sede di Borsa Italiana. “Complice la ripresa degli investimenti in alcuni mercati emergenti, la neutralizzazione del ciclo avverso del petrolio e il deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro, si apre finalmente una fase molto più favorevole della precedente per le esportazioni italiane.

Per il 2017-2020 prevediamo un netto cambio di passo rispetto alla performance del quadriennio precedente (+1,7%)”, spiega il presidente di Sace, Beniamino Quintieri. Per quest’anno la crescita stimata è pari al 3,8% (433 miliardi), dopo un timido 2016 (+1,2% a 417 miliardi).

“Le imprese che si doteranno di una chiara strategia sulle destinazioni da privilegiare e di adeguati strumenti per valutare rischi e opportunità – sottolinea Quintieri -, potranno cogliere al meglio il potenziale che si profila all’orizzonte”.

Sace ha individuato 15 mercati ad alto potenziale, capaci di intercettare oltre 100 miliardi di euro nel 2020. In prima linea, Cina e Stati Uniti, che offrono ottime opportunità, con una crescita media annua prevista pari, rispettivamente, al 6,2% e al 5,5% nel periodo 2017-2020. Le altre aree individuate sono: Arabia Saudita, Brasile, India, Indonesia, Kenya, Messico, Perù, Qatar, Repubblica Ceca, Russia, Sudafrica e Vietnam. Questi mercati nel 2016 hanno intercettato 85 miliardi di vendite italiane (pari al 20% dell’export complessivo).

Per l’anno in corso i mercati tradizionali europei, nordamericani e asiatici contribuiranno in modo significativo alla crescita dell’export. Il settore di punta resta la meccanica strumentale con 85 miliardi di esportazioni nel 2016 e una previsione del +2,2% per quest’anno. Ma sarà la chimica (42 miliardi lo scorso anno) a segnare la crescita più sostenuta nel 2017 (+6,3%), seguita dai mezzi di trasporto (+5%). Buone prospettive per i comparti del Made in Italy tradizionale, tra cui spicca l’agroalimentare con una crescita del 4,6% delle vendite di alimentari e bevande.

Ultima ora

18:19Afghanistan: media, Trump annuncerà 4.000 soldati in più

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Donald Trump dovrebbe annunciare un aumento di truppe, almeno 4000 soldati, quando svelerà stasera alle 21 (le 3.00 in Italia) dalla base militare di Fort Myer in Virginia la sua nuova strategia per l'Afghanistan, dove la guerra contro i talebani iniziò poco dopo l'attacco dell'11 settembre. La Casa Bianca mantiene la consegna del silenzio ma i media hanno raccolto le prime indiscrezioni. Se queste fossero confermate, il presidente abbraccerebbe così le proposte dei suoi generali, aumentando il coinvolgimento Usa nella regione e segnalando un approccio più tradizionale alla politica estera di quello promesso in campagna elettorale, quando prevaleva la linea isolazionista dell'ormai ex capo stratega Steve Bannon. Ma l'indiscrezione emerge nel giorno in cui i talebani si sono impossessati del quartier generale del governo afghano distretto di Khamad, nella provincia di Jawjan, scrive il Nyt citando un portavoce dell'esercito afghano.

18:10Barcellona: stasera rientro in Italia salme Russo e Gulotta

(ANSA) - VERONA, 21 AGO - Torneranno stasera in Italia, con un volo dell'Aeronautica militare che atterrerà a Roma, le salme di due dei tre italiani rimasti uccisi nell'attentato di Barcellona, Luca Russo e Bruno Gulotta. Quella di Carmen Lopardo dovrebbe essere invece trasferita in Argentina, dove l'anziana viveva da tempo. Il volo, mobilitato su disposizione dei ministeri della Difesa e degli Esteri, è prossimo al decollo da Pratica di Mare; dalla Spagna dovrebbe rientrare poi su Ciampino, poco prima della mezzanotte. Le salme saranno quindi trasferite al policlinico Gemelli, per l'esame disposto dalla Procura, e da Ciampino ripartiranno questa volta per Verona, dove, presumibilmente domattina, arriveranno i due feretri. Le destinazioni saranno Bassano del Grappa, per Luca Russo, e Legnano, per Bruno Gullotta. La sorella della vittima bassanese, Chiara Russo, è in partenza con la madre per Roma, dove attenderà l'arrivo della bara con il corpo del fratello.

18:08Uomo bruciato vicino Aosta, ucciso coltellata collo

(ANSA) - AOSTA, 21 AGO - E' stato ucciso con una coltellata al collo l'uomo trovato semicarbonizzato sabato scorso in una radura a Fenis, vicino Aosta. E' quanto emerso dal primo esame sul cadavere condotto dal medico legale Roberto Testi, incaricato dal pm Eugenia Menichetti di effettuare l'autopsia. Lo ha appreso l'ANSA. In base alla ricostruzione del fatto la vittima è stata colpita alle spalle con un fendente sul collo. Maggiori particolari si conosceranno al termine dell'esame autoptico che si concluderà domani. (ANSA).

18:07Ciclismo: Vuelta, Nibali vince la 3/a tappa

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Vincenzo Nibali ha vinto in volata la terza tappa della Vuelta da Prades Conflent Canigò ad Andorra la Vella. Il siciliano è scattato a 400 metri dal traguardo, sorprendendo tutti e precedendo Froome, che diventa leader della corsa, e De La Cruz. Sesto Fabio Aru.

17:59Giordania-Turchia: Erdogan ad Amman

(ANSAmed) - AMMAN, 21 AGO - Il presidente turco Tayyip Recep Erdogan è arrivato oggi ad Amman per colloqui con re Abdallah e altre autorità giordane. Si parla, oltre che delle relazioni bilaterali, degli sviluppi riguardanti Gerusalemme, dei possibili modi di riavviare il processo di pace israelo-palestinese e della guerra in Siria. "Voglio sottolineare l'importanza che attribuiamo al ruolo della Giordania nella protezione dei luoghi santi di Gerusalemme", ha detto Erdogan prima di partire per Amman. "Non vogliamo più assistere ad abusi, violazioni di diritti e attacchi, e quindi i musulmani del mondo devono essere solidali con Gerusalemme", ha aggiunto il presidente turco. Dopo gli scontri avvenuti il mese scorso sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, Erdogan aveva descritto le nuove misure di sicurezza imposte da Israele come "un tentativo di togliere (la moschea di) al Aqsa ai musulmani con la scusa di attività antiterrorismo".

17:53Vento spazza via il quod, friulana muore in Grecia a 22 anni

(ANSA) - TRIESTE, 21 AGO - Una turista italiana - Deborah Fabris, di 22 anni, originaria di Monfalcone (Gorizia) e residente a Cervignano del Friuli (Udine) - è morta oggi in Grecia per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto sull'isola di Karpathos a Ferragosto. La ragazza era in vacanza con il fidanzato. La dinamica dell'incidente è tuttora al vaglio delle autorità locali, ma - stando alle prime ricostruzioni - a spingere fuori strada il quod sul quale viaggiava la coppia sarebbe stata una delle forti folate di vento che spazzano costantemente la seconda isola più grande del Dodecaneso. La ragazza ha perso il casco e ha sbattuto la testa. Le condizioni della giovane sono subito apparse critiche. Dopo essere stata portata al pronto soccorso di Karpathos, è stata trasferita all'ospedale di Rodi dove questa mattina il suo cuore ha smesso di battere.

17:53Filippine: attaccato villaggio, 9 civili uccisi

(ANSA) - BANGKOK, 21 AGO - Almeno nove residenti di un villaggio nel sud delle Filippine sono stati uccisi oggi dai terroristi islamici del gruppo Abu Sayyaf. Lo ha comunicato l'esercito di Manila. Nella versione dei militari, una ventina di militanti armati hanno attaccato all'alba il villaggio di Tubigan, sull'isola di Basilan, una delle roccaforti del gruppo. Altre 16 persone sono rimaste ferite nell'assalto, in cui sono stati incendiati anche cinque case e un edificio usato per le riunioni. Secondo il colonnello Juvymax Uy, i militanti potrebbero aver deciso di attaccare il villaggio come rappresaglia per il mancato sostegno da parte della popolazione locale, dopo settimane in cui sono stati decimati in scontri con i militati filippini. Abu Sayyaf è un'organizzazione terroristica che si finanzia con il rapimento di ostaggi. Non è raro che il sequestro si concluda con una decapitazione in caso di mancato pagamento del riscatto.

Archivio Ultima ora