L’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto alla scoperta di Baku

2017 FIA Formula 2 Round 3. Monte Carlo, Monaco. Thursday 25 May 2017. Johnny Cecotto Jr. (VEN, Rapax) Photo: Zak Mauger/FIA Formula 2.
2017 FIA Formula 2 Round 3.
Monte Carlo, Monaco.
Thursday 25 May 2017.
Johnny Cecotto Jr. (VEN, Rapax) Photo: Zak Mauger/FIA Formula 2.

CARACAS – E’ il più “giovane” dei circuiti in calendario e il secondo per lunghezza dopo quello del leggendario Spa-Francorchamps, con i suoi 6.003 metri. Ma è anche uno dei tracciati più strani di questo del calendario. Una pista cittadina nel centro di Baku, la capitale dell’Azerbaijan, che però vanta un tratto quasi rettilineo di 2,1 Km, oltre un terzo dello sviluppo totale, da percorrere a pieno gas.

La pista non è molto spettacolare in se per sé, molti tifosi non hanno ben accolto il nuovo “Tilkodromo” (nomignolo dispregiativo affiancato a tutte le piste di Hermann Tilke) e se in passato molti si sono lamentati della somiglianza delle varie piste progettate da Tilke, guardando questo nuovo circuito sembra proprio che la matita dell’architetto tedesco sia ormai orientata esclusivamente su questo stile.

Tra i protagonisti in pista, nella categoría Formula 2, ci sarà l’italo-venezuelano Johnny Amadeus Cecotto con la scuderia Rapax. Nell’ultima gara disputata il figlio d’arte ha chiuso al secondo posto alle spalle del compagno di squadra l’olandese Nick De Vries. Quella prova si è disputata sulla pista di Montecarlo.

Quelli conquistati sulle strade del principato sono stati i primi in questa stagione per Johnny Amadeus Cecotto: grazie all’ottavo posto in Gara 1 ed il secondo posto in gara 2 ha portato a casa 16 punti. Il leader del campionato della Formula 2 è il monegasco Charles Leclerc con 77 punti, alle sue spalle il británico Oliver Rowland con 74.

Trovare l’assetto giusto a Baku è sempre un esercizio difficile per piloti e ingegneri, che nel decidere il livello di carico aerodinamico ottimale devono bilanciare le esigenze del tratto più lento con la necessità di correre sul dritto. Un circuito così mette a dura prova anche la trazione, nelle curve più guidate: ed è impegnativo anche per il recupero di energia.

Per Amadeus Cecotto, questa sarà la prima presenza su questo tracciato cittadino, scenario che è entrato nel mondo degli sport a motore nel 2016.

L’1-2 ottenuto a Montecarlo ha permesso alla scuderia italiana di posizionarsi al quinto posto nella classifica costruttori con 43 punti, in questa graduatoria in vetta alla classifica c’è il Russian Time con 16 punti.

Sarà la prima gara ufficiale dell’Azerbaijan, perché lo scorso anno questo Gran Premio si è disputato sotto le insegne del Gran Premio d’Europa, ma quest’anno prende il nome di Gran Premio dell’Azerbaijan.

Le qualifiche si disputeranno venerdì, qui i piloti avranno 30 minuti per ottenere il miglior tempo ed avere una posizione privilegiata sulla griglia di partenza. La prima gara della Formula 2 si disputerà sabato ed avrà una durata di 29 giri, qui sarà obbligatoria una sosta ai box. Mentre per la Gara 2, il numero di giri saranno 21 e non ci saranno soste.

(Fioravante De Simone)