Calciomercato: Donnarumma un tormentone, Roma-Zenit per Manolas

Pubblicato il 22 giugno 2017 da ansa

Buffon e Donnarumma

ROMA. – Quello di ‘Gigio’ DONNARUMMA sta diventando un vero e proprio tormentone estivo. Mentre prendono corpo le voci di un possibile riavvicinamento con il Milan, e non a caso i dirigenti rossoneri hanno interrotto (almeno per ora) la trattativa con il Genoa per PERIN, in Spagna scrivono che l’attuale portiere milanista avrebbe già un accordo verbale con il Real Madrid, in attesa di trasformarlo in qualcosa di più sostanziosa. Ma nella capitale spagnola sono convinti che l’affare si farà perché i campioni d’Europa hanno bisogno di un nuovo numero 1. In questo giro potrebbe rientrare JAMES RODRIGUEZ, candidato a vestire la casacca rossonera.

E’ molto attiva anche la Roma, che dopo aver ceduto SALAH al Liverpool per 45 milioni di euro, sta tentando di ripetere il colpo con MANOLAS. Il d.s. Monchi ha incontrato gli emissari dello Zenit a Monaco, ma l’offerta dei russi di 30 milioni di euro è stata giudicata troppo bassa: a Trigoria vogliono di più . Lo Zenit sta tentando d’inserire nel discorso anche PAREDES, che però la Roma cederà solo avendo la certezza di poter prendere SERI dal Nizza. Per la difesa potrebbe arrivare l’uruguayano LEMOS dal Las Palmas.

La Juventus lascia partire gli scontenti, e pensa a DE SCIGLIO per la difesa. I veri obiettivi sono però gli esterni, bassi e alti. DARMIAN piace molto e il Manchester United potrebbe lasciarlo partire per 20 milioni di euro però Mourinho oppone resistenza, perché non vuole privarsi dell’ex granata. In avanti il d.g. Marotta ha fatto capire che BERNARDESCHI è un obiettivo reale, forse anche più del brasiliano del Bayern DOUGLAS COSTA.

Per il viola il club campione d’Italia è pronto a mettere sul piatto 40 milioni per il club e 3 all’anno, a salire, al giocatore, che spinge per vestirsi di bianconero, nonostante la corte anche dell’Inter. La Juve potrebbe finanziare l’operazione cedendo CUADRADO al Paris SG, ma il colombiano vuole rimanere a Torino, così come il suo connazionale BACCA è deciso a non lasciare il Milan, nonostante la corte insistente del Siviglia, che lo rivorrebbe in Andalusia, assieme all’interista BANEGA.

Il Napoli ha l’accordo con MARIO RUI, chiesto da Sarri, ma ora deve convincere la Roma a cedere il portoghese. Sulla possibile cessione di KOULIBALY al Liverpool ha detto al sua, intervistato da Radio Crc, l’agente del giocatore Bruno Satin: “Koulibaly al Liverpool? Tutti i giocatori importanti possono avere delle richieste, ma si dicono anche tante cavolate. In questo momento Kalidou è un giocatore importante del Napoli, ed è del club azzurro”.

Piuttosto, secondo fonti inglesi, è stato il Napoli a fare una richiesta al Liverpool, per ALBERTO MORENO. Ma i Reds hanno ritenuto troppo bassa la quotazione di 12 milioni attribuita dagli emissari di De Laurentiis. Sempre il Napoli non ha ancora preso una decisione in merito al futuro di PAVOLETTI, che è stato richiesto dall’Udinese, intenzionata a tesserarlo in prestito con diritto di riscatto.

Il sogno della Lazio si chiama LUIZ GUSTAVO, centrocampista centrale del Wolfsburg, 40 presenze con la Selecao del Brasile, seguito in passato da Juve, Milan e Inter. Se il presidente Lotito ci sta provando è segno che BIGLIA alla fine andrà al Milan, anche se fra le due società ancora non c’è accordo sulla valutazione da dare all’argentino.

Il Valencia, tramite l’agente Alessandro Lucci, ha provato a prendere MURIEL, offrendo 15 milioni al Valencia anche se nel contratto del colombiano con la Samp c’è una clausola da 28 milioni. Ma Ferrero, Osti e Pradè hanno detto no. In entrata i doriani stanno cercando di arrivare a ILICIC, per il quale l’offerta alla Fiorentina è di 7 milioni. L’altro obiettivo doriano è CAPRARI, ma è un discorso, con l’Inter, che riguarda anche l’eventuale passaggio di SKRINIAR in nerazzurro.

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora