Calciomercato: Donnarumma un tormentone, Roma-Zenit per Manolas

Pubblicato il 22 giugno 2017 da ansa

Buffon e Donnarumma

ROMA. – Quello di ‘Gigio’ DONNARUMMA sta diventando un vero e proprio tormentone estivo. Mentre prendono corpo le voci di un possibile riavvicinamento con il Milan, e non a caso i dirigenti rossoneri hanno interrotto (almeno per ora) la trattativa con il Genoa per PERIN, in Spagna scrivono che l’attuale portiere milanista avrebbe già un accordo verbale con il Real Madrid, in attesa di trasformarlo in qualcosa di più sostanziosa. Ma nella capitale spagnola sono convinti che l’affare si farà perché i campioni d’Europa hanno bisogno di un nuovo numero 1. In questo giro potrebbe rientrare JAMES RODRIGUEZ, candidato a vestire la casacca rossonera.

E’ molto attiva anche la Roma, che dopo aver ceduto SALAH al Liverpool per 45 milioni di euro, sta tentando di ripetere il colpo con MANOLAS. Il d.s. Monchi ha incontrato gli emissari dello Zenit a Monaco, ma l’offerta dei russi di 30 milioni di euro è stata giudicata troppo bassa: a Trigoria vogliono di più . Lo Zenit sta tentando d’inserire nel discorso anche PAREDES, che però la Roma cederà solo avendo la certezza di poter prendere SERI dal Nizza. Per la difesa potrebbe arrivare l’uruguayano LEMOS dal Las Palmas.

La Juventus lascia partire gli scontenti, e pensa a DE SCIGLIO per la difesa. I veri obiettivi sono però gli esterni, bassi e alti. DARMIAN piace molto e il Manchester United potrebbe lasciarlo partire per 20 milioni di euro però Mourinho oppone resistenza, perché non vuole privarsi dell’ex granata. In avanti il d.g. Marotta ha fatto capire che BERNARDESCHI è un obiettivo reale, forse anche più del brasiliano del Bayern DOUGLAS COSTA.

Per il viola il club campione d’Italia è pronto a mettere sul piatto 40 milioni per il club e 3 all’anno, a salire, al giocatore, che spinge per vestirsi di bianconero, nonostante la corte anche dell’Inter. La Juve potrebbe finanziare l’operazione cedendo CUADRADO al Paris SG, ma il colombiano vuole rimanere a Torino, così come il suo connazionale BACCA è deciso a non lasciare il Milan, nonostante la corte insistente del Siviglia, che lo rivorrebbe in Andalusia, assieme all’interista BANEGA.

Il Napoli ha l’accordo con MARIO RUI, chiesto da Sarri, ma ora deve convincere la Roma a cedere il portoghese. Sulla possibile cessione di KOULIBALY al Liverpool ha detto al sua, intervistato da Radio Crc, l’agente del giocatore Bruno Satin: “Koulibaly al Liverpool? Tutti i giocatori importanti possono avere delle richieste, ma si dicono anche tante cavolate. In questo momento Kalidou è un giocatore importante del Napoli, ed è del club azzurro”.

Piuttosto, secondo fonti inglesi, è stato il Napoli a fare una richiesta al Liverpool, per ALBERTO MORENO. Ma i Reds hanno ritenuto troppo bassa la quotazione di 12 milioni attribuita dagli emissari di De Laurentiis. Sempre il Napoli non ha ancora preso una decisione in merito al futuro di PAVOLETTI, che è stato richiesto dall’Udinese, intenzionata a tesserarlo in prestito con diritto di riscatto.

Il sogno della Lazio si chiama LUIZ GUSTAVO, centrocampista centrale del Wolfsburg, 40 presenze con la Selecao del Brasile, seguito in passato da Juve, Milan e Inter. Se il presidente Lotito ci sta provando è segno che BIGLIA alla fine andrà al Milan, anche se fra le due società ancora non c’è accordo sulla valutazione da dare all’argentino.

Il Valencia, tramite l’agente Alessandro Lucci, ha provato a prendere MURIEL, offrendo 15 milioni al Valencia anche se nel contratto del colombiano con la Samp c’è una clausola da 28 milioni. Ma Ferrero, Osti e Pradè hanno detto no. In entrata i doriani stanno cercando di arrivare a ILICIC, per il quale l’offerta alla Fiorentina è di 7 milioni. L’altro obiettivo doriano è CAPRARI, ma è un discorso, con l’Inter, che riguarda anche l’eventuale passaggio di SKRINIAR in nerazzurro.

Ultima ora

17:51Calcio: Marotta, rosa Juve già a posto così

(ANSA) - TORINO, 17 AGO - "Restano 15 giorni di mercato e può succedere ancora di tutto. Ma la nostra rosa già oggi è a posto, sicuramente non si realizzerà nulla di stravolgente". Così Beppe Marotta, dg e ad della Juventus, ai microfoni di Jtv, nel pomeriggio dell'amichevole in famiglia dei bianconeri a Villar Perosa, 'feudo' della famiglia Agnelli. "Tutti gli anni si dice che può essere finito un ciclo - ha aggiunto Marotta - è normale quando una squadra vince tanto, abbiamo dimostrato, negli ultimi 6 anni, di essere un modello vincente e vogliamo andare avanti su questa strada. Se e non abbiamo fatto grandi rivoluzioni è perché questo è un gruppo molto molto forte, l'anno scorso ci è mancata solo la ciliegina sulla torta. Ma ripartiamo - ha concluso il dg bianconero - puntando a vincere tutte le competizioni in cui siamo in corsa".

17:50Calcio: Fifa Awards, in lizza Buffon e Bonucci

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Ci sono tre calciatori della Serie A, di cui due italiani, tra i 24 candidati al "The Best Men's Player 2017", il premio che la Fifa consegnerà il prossimo 23 ottobre a Londra al miglior giocatore della passata stagione. Si tratta degli juventini Gigi Buffon e Paulo Dybala e del neomilanista Leonardo Bonucci, il 3 giugno anche lui con la maglia bianconera nella finale Champions di Cardiff. Ma è nella categoria allenatori che l'Italia invece con Massimiliano Allegri, Carlo Ancelotti e Antonio Conte, che si giocheranno il riconoscimento insieme a Luis Enrique, Pep Guardiola, Leonardo Jardim, Joachim Loew, Josè Mourinho, Mauricio Pochettino Diego Pablo Simeone Tite e Zinedine Zidane. Tra i calciatori in corsa Aubameyang, Carvajal,Cristiano Ronaldo, Griezmann, Hazard, Ibrahimovic, Iniesta, Kane Kantè, Kroos , Lewandowski, Marcelo Messi Modric, Navas, Neuer, Neymar, Ramos, A.Sanchez, L.Suarez, Vidal. Votazioni dal 21/8 al 7/9 poi la Fifa comunicherà i nomi dei 3 finalisti di ogni categoria.

17:48Regeni: Boldrini, informativa governo sia anticipata

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "È essenziale che il Parlamento italiano continui a tenere alta l'attenzione sulla tragica fine di Giulio Regeni. Per questo ho chiesto al Presidente della Commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto, che l'informativa del governo, richiesta da diversi gruppi, possa tenersi quanto prima". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini in una nota. "Non solo la sua famiglia - prosegue la presidente della Camera - ma un Paese intero ha il diritto di sapere che la ricerca della verità sull'uccisione di un giovane cittadino italiano rimarrà imperativo fondamentale per le nostre istituzioni e non sarà piegata a nessun'altra ragione".

17:45Donna fatta a pezzi: nomade, pensavo dormisse

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Per prima cosa ho visto i piedi ed ho pensato che fosse una donna addormentata nel cassonetto. Soltanto quando con il bastone ho staccato una delle due buste di plastica nera, mi sono resa conto che erano delle gambe tagliate". A parlare è Maria (nome di fantasia) la nomade romena di 39 anni che a Ferragosto ha scoperto in un cassonetto di viale Maresciallo Pilsudski, ai Parioli, le gambe di Nicoletta Diotallevi ed ha permesso di far arrestare l'assassino, il fratello della vittima, Maurizio Diotallevi. Un 'imprevisto' che non dimenticherà più, durante i tour giornalieri nella sua attività di rovista-cassonetti. "Ho paura - spiega - che i parenti dell'assassino si possano vendicare con me". Le gambe, dice, "per me erano congelate perché non c'era sangue nelle buste, ma io non le ho toccate. Ho cominciato ad urlare. C'era anche una signora poco lontano da me e a quel punto sono corsa al vicino commissariato. Urlavo 'gambe' gambe', in spagnolo ma il poliziotto non capiva, alla fine sono riuscita a spiegarmi".

17:42Rapporto Usa su libertà religiosa, più violazioni nel mondo

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 17 AGO - Si registra una maggiore diffusione ed intensità delle violazioni della libertà religiosa. È il dato generale messo nero su bianco nel rapporto annuale prodotto dalla Commissione per la libertà religiosa del Dipartimento di Stato americano. Segnalate le nazioni dove avvengono le vessazioni più gravi, tra cui Birmania, Repubblica Centrafricana, Cina, Eritrea, Iran, Nigeria, Corea del Nord, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Sudan, Syria, Tajikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam. In seconda fascia gli Stati dove persistono violazioni ma si registrano miglioramenti, come Cuba, Egitto, Iraq e Afghanistan. Alla presentazione del testo, ieri, il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha puntato il dito contro le condizioni in alcuni Paesi alleati degli Stati Uniti, in particolare Bahrein e Arabia Saudita, oltre alla Turchia. Immediate le reazioni: per il governo cinese, che ha protestato ufficialmente, la relazione "ignora i fatti"; per l'Iran il rapporto è "di parte".

17:40Scuola: oltre 11mila firme per petizioni stipendi prof

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Sono oltre 11 mila le firme raccolte dalle due petizioni lanciate attraverso il sito Change.org per l'equiparazione degli stipendi dei docenti italiani a quelli europei e per una retribuzione unica in tutti i livelli di istruzione. Partita alla vigilia di ferragosto la petizione per "l'equiparazione del trattamento economico tra docenti italiani ed europei", avanzata da Ilenia Barca di San Teodoro, ha già raccolto 6.485 adesioni, mentre quella per "l'equiparazione di stipendi e ore di servizio tra docenti italiani per ogni ordine e grado" ha già raggiunto 4.855 firme. Adesioni che continuano a crescere di minuto in minuto. Le petizioni saranno poi inviate al ministero dell'Istruzione.

17:36Calcio: Marotta, stop mercato con avvio 1/a lega importante

(ANSA) - TORINO, 17 AGO - Stop al mercato "quando inizia il primo campionato di una delle cinque leghe più importanti" d'Europa. Lo propone Beppe Marotta, direttore generale della Juventus. "Bisogna trovare un punto comune, a livello europeo, per un accordo di questo genere: il mercato è diventato logorante, va accorciato. - ha detto il manager bianconero in un'intervista a Jtv, il canale tematico della Juventus - non si può trasformare il calcio in un Barnum con spettacoli che hanno poco a fare con il valore del gioco e con giocatori che alla prima esclusione, non si allenano e disertano gli allenamenti perché vogliono cambiare casacca".

Archivio Ultima ora