Comunali in salita per il Pd, Orlando apre la partita premiership

Pubblicato il 22 giugno 2017 da ansa

Il ministro Andrea Orlando

ROMA. – Uniti ai “calci di rigore” dei ballottaggi. Divisi e litigiosi sul campo della politica nazionale. Così si presenta il centrosinistra al secondo turno di amministrative assai difficili, che rischiano di consegnare al centrodestra città da sempre “rosse”, da Genova a Sesto San Giovanni. Matteo Renzi, come al primo turno, si tiene lontano dalle piazze per non “politicizzare – spiegano i Dem – una sfida che è locale”. Dal Nazareno partono appelli al voto e all’unità: nessun risultato è scritto.

Ma Andrea Orlando apre formalmente la frattura interna al Pd: mentre Renzi lavora a un listone Pd “largo”, il ministro invoca il centrosinistra unito e una “consultazione” per la premiership. Con un’uscita che irrita i renziani non solo per la scelta dei tempi, a due giorni dal voto, ma anche perché vi leggono un’anticipazione “dell’assalto alla diligenza” che partirà se i ballottaggi andranno male.

Renzi si tiene lontano dai comizi. I Cinque stelle, grandi sconfitti al primo turno, si accontentano di battersela in città come Guidonia e Carrara. E così, venerdì sera, la scena sarà di Silvio Berlusconi, al ritorno in piazza a Monza, e Matteo Salvini, nella ambita Genova. Per riportare il centrodestra alla vittoria e allo stesso tempo per contendere ai rispettivi partiti la guida della coalizione.

Ma in una domenica con oltre 4 milioni di italiani al voto e 22 capoluoghi in ballo, è un’altra alleanza, per ora tutta “virtuale”, a preoccupare il Pd: i segnali reciproci tra M5s e Lega “rischiano di pesare, nell’orientare i voti, più di un apparentamento”, ragiona un dirigente Dem. “L’80% dei ballottaggi finirà con distacco minimo: possiamo vincere la maggioranza delle città ma andate a votare”, è l’appello di Matteo Ricci.

Al Nazareno nessuno azzarda previsioni ma Genova e La Spezia ma anche città come Lucca vengono considerate a rischio, come in Lombardia Como e la “Stalingrado” Sesto San Giovanni, dove va a sostenere il centrosinistra anche Walter Veltroni. Ottimismo c’è su l’Aquila e Verona, dove c’è l’apparentamento con la tosiana Patrizia Bisinella. E si spera in una vittoria a sorpresa contro Federico Pizzarotti a Parma. Coalizioni di centrosinistra “unite contro Lega e Fi”, suona la carica Maurizio Martina.

Ma sulla scena nazionale si litiga a sinistra, con Giuliano Pisapia che lavora alla piazza del primo luglio e rivendica “autonomia” dal Pd e Mdp che minaccia l’addio alla maggioranza sulla manovra. “C’è bisogno di una svolta vera sulla politica economica e sociale. Se non c’è, è il governo che sceglie la strada di un accordo con Berlusconi”, attacca Roberto Speranza, che da un lato ribadisce sostegno al governo e dall’altro ventila una rottura sulla manovra che lascerebbe “il cerino” in mano al Pd.

“Mdp non lascia D’Alema per allearsi col Pd”, aggiunge. “E noi non molliamo il Pd per D’Alema”, replica il Dem Matteo Richetti, che definisce “capricci” le richieste di Mdp sulla manovra. Il Pd “largo” cui lavora Renzi, sottolineano i dirigenti a lui vicini, andrà “da Calenda e Tosi a Pisapia” ma non include i dalemian-bersaniani.

Ma Carlo Calenda col Pd è in rotta sul ddl concorrenza e Pisapia dice di non voler entrare in nessun listone. Mdp continua a incalzare su Consip e un’altra sede di attrito si annuncia la commissione d’inchiesta sulle banche, che il Quirinale auspica non si trasformi in un ring elettorale su cui trascinare istituzioni come Bankitalia e Consob.

Chi prova a portare avanti il lavoro di “ricucitura” promosso da Romano Prodi è Orlando, che invoca una “convenzione” per l’unità del centrosinistra, una riforma elettorale con le coalizioni e pure primarie per la leadership. Orlando e Cuperlo saranno sia all’assemblea dei circoli Pd a Milano, che in piazza con Pisapia a Roma. I renziani, a partire da Matteo Orfini, non andranno da Pisapia perché bisogna “innanzitutto rafforzare il Pd”. E Lorenzo Guerini avverte: “Il congresso ha rieletto il segretario con una legittimazione chiarissima. Non vorrei che si fingesse di scordarselo”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

20:48Ippica:a Full Drago Jockey Club ma infortunio costa carriera

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Vince e si procura un infortunio che ne chiude la carriera a 4 anni. È la storia di Full Drago che ha dominato l'edizione 2017 del Gran Premio Jockey Club nella giornata clou della stagione del galoppo a Milano, ma negli ultimi metri della corsa di Gruppo 2 da oltre 250 mila euro di montepremi il guaio a una gamba ha trasformato la festa in un dramma. Davanti a oltre cinquemila spettatori, come da previsioni il portacolori della scuderia Dioscuri ha dettato legge dal primo all'ultimo metro e non ha mai concesso speranze ai rivali, mantenuti sempre a distanza di sicurezza (secondo il tedesco Savoir Vivre, terzo il rivale di sempre Way To Paris). Peccato che la splendida galoppata sia anche l'ultima in corsa per Full Drago, applaudito a maggior ragione dal pubblico dell'ippodromo Snai San Siro: ora il cavallo di Alduino e Botti dovrà dimostrare di essere un campione anche nella veste di stallone. L'altra prova di cartello, il Gran Criterium-Gruppo 2 per i 2 anni, è stata vinta dal tedesco Royal Youmzain.

Archivio Ultima ora