Il governo studia il decreto banche venete. L’incognita Ue

Pubblicato il 22 giugno 2017 da ansa

MILANO. – Il Tesoro lavora alle misure per permettere la separazione tra good e bad bank di Popolare di Vicenza e Veneto Banca, così da consentire a Intesa Sanpaolo di rilevare per 1 euro la parte buona dei due istituti e accollarsi gli asset problematici. Un’operazione inedita, che richiederà la liquidazione coatta amministrativa delle due banche e soprattutto dovrà passare attraverso le forche caudine della Direzione generale Concorrenza della Ue (Dg Comp), fino ad ora molto severa nella possibilità di ricorrere agli aiuti di Stato deviando dal quadro delle regole europee.

Tra l’Italia e l’Ue “c’è un filo diretto continuo sulle banche”, ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, “penso che si stia lavorando nella direzione giusta”. Intesa ha chiesto una cornice normativa “definita” che le consenta di rilevare le ‘good bank’ ripulite da una decina di miliardi di euro di crediti deteriorati, dai crediti in bonis a rischio, sgravate dai costi di ristrutturazione e dai rischi legali, oltre a un via libero “incondizionato” da parte delle varie authority.

Per costruire la “cornice legislativa” il governo sta valutando due opzioni. O un decreto ad hoc o un emendamento, da inserire nel dl che la scorsa settimana ha sospeso il rimborso del bond di Veneto Banca e già all’esame del Parlamento. Le misure serviranno a destinare a finalità diverse dalla ricapitalizzazione precauzionale i 20 miliardi stanziati con il decreto salva-risparmio di Natale. Ma c’è anche la necessità di iniettare altre risorse al fondo esuberi di settore, viste le forti uscite previste (si parla di 4 mila tagli, numeri che attendono conferme dal Mef).

Il conto per lo Stato, che potrà rientrare parzialmente attraverso la liquidazione della bad bank e il recupero degli Npl, si prospetta molto salato. Gli analisti di Equita Sim parlano di 3,5 miliardi di euro “per coprire i costi di ristrutturazione e il capitale della bad bank”. Anche Intermonte prevede che le good bank debbano essere ricapitalizzate per 3,5 miliardi così da permettere a Intesa di rilevarle senza impatti sul patrimonio, sui dividendi e senza aumento. Ma le cifre sono incerte e il conto a carico dello Stato potrebbe lievitare, c’è chi dice, fino a 5-6 miliardi.

A questo punto si tratterà di vedere se la soluzione messa in piedi dal Tesoro, che mantiene il più stretto riserbo, riuscirà a fare lo slalom tra le norme della Ue, da cui non sono ancora arrivate posizioni ufficiali. I contatti sono in corso ed è probabile che la soluzione sia stata già oggetto di negoziato. Tuttavia il diavolo si nasconde nei dettagli e analisti ed esperti sono concordi nel ritenere il via libera incondizionato della DgComp all’utilizzo di risorse pubbliche per schivare il bail in di depositi e bond senior l’ostacolo più insidioso.

Così la polemica politica inizia a montare: il capogruppo di Fi alla Camera, Renato Brunetta, chiede le dimissioni del ministro Padoan e Pierluigi Bersani afferma: “che ora lo Stato ci mette 10 miliardi fa male al cuore”. Intanto la leader della Cgil, Susanna Camusso, si dice “preoccupata” per la mole di esuberi in arrivo mentre le associazioni dei piccoli azionisti veneti, a cui era stato promesso di recuperare qualcosa delle perdite miliardarie, si disperano per via dell’inevitabile azzeramento bis, in compagnia del fondo Atlante e dei titolari di bond subordinati.

(di Paolo Algisi e Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

20:24Barcellona: capo polizia, l’imam è morto

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - "L'imam Abdelbaki es Satty è morto nell'esplosione nel covo di Alcanar". Lo ha annunciato in conferenza stampa il capo della polizia catalana, Josep Lluis Trapero. "I resti dell'imam erano lì", ha aggiunto. Es Satty è considerato il leader della cellula terroristica che ha colpito a Barcellona e Cambrils. Il religioso, ha precisato Trapero, è una delle due persone uccise nell'esplosione mercoledì notte del covo di Alcanar. Il secondo morto non è stato ancora formalmente identificato.

20:19Usa: luna oscura totalmente il sole in Oregon

(ANSA) - NEW YORK, 21 AGO - La luna ha oscurata totalmente il sole in Oregon. Un'eclissi storica che attraverserà tutta l'America fino alla South Carolina, sulla costa orientale. Lo spettacolo - come mostrano le immagini tv - è stato accolto da milioni di persone giunte in Oregon con applausi e grida di entusiasmo.

20:18Calcio: Napoli, Sarri, Mertens non è in dubbio

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Ho parlato con il medico e non credo che Mertens sia in dubbio". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Nizza per il playoff di Champions League. L'attaccante belga non si è allenato stamattina, ma Sarri ha spiegato: "Ha subito un colpo - ha detto - ad un dito di un piede, le scarpe gli davano un po' fastidio e l'ho spedito in palestra anche se lui voleva allenarsi. La scelta è stata più mia che sua, ma parlando con lui e col dottore nessun vede grosse problematiche".

20:17Barcellona: la famiglia di Gulotta torna con la salma

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Dovrebbero tornare insieme alla salma di Bruno Gulotta i familiari del trentacinquenne di Legnano che si trovavano con lui a Barcellona quando c'è stato l'attentato che lo ha ucciso. Oltre alla compagna Martina e ai due figli, Alessandro e Aria, che erano con lui al momento della tragedia, a quanto si apprende, sono arrivati a Barcellona anche il fratello di Bruno, che si trovava già in Spagna, e il padre.

20:15Atletica: scandali Iaaf, Tas conferma tre squalifiche a vita

(ANSA) - LOSANNA (SVIZZERA), 21 AGO - Il Tas di Losanna ha confermato la squalifica a vita per tre dirigenti del mondo dell'atletica rimasti coinvolti negli scandali verificatisi in seno alla Iaaf durante la presidenza di Lamine Diack. Uno dei tre che hanno avuto la pena sportiva confermata dal Tribunale di Arbitrato è proprio il figlio di Diack, Papa Massata Diack, all'epoca consulente nel marketing della federazione, colpevole di aver ricevuto denaro per occultare dei casi di positività al doping. E' ricercato dall'Interpol. Lo stesso vale per l'ex tesoriere della federazione internazionale, il russo Valentin Balakhnicev, coinvolto in patria anche nel cosiddetto 'doping di Stato'. Il terzo squalificato a vita è l'allenatore Alexei Melnikov, che ha più volte somministrato sostanze proibite a suoi atleti, e anche lui operante nell'ambito del 'doping di Stato'.

20:06Terremoto: Save the Children lancia allarme scuole

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - A un anno dal sisma e a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, Save the Children esprime preoccupazione per le criticità che i minori dovranno affrontare con l'avvio del nuovo anno scolastico. Stando agli ultimi dati a disposizione dell'Organizzazione, su 2.409 edifici scolastici con più 84 mila studenti e alunni iscritti solo 1.585 sono stati dichiarati completamente agibili. Sarebbero, dunque, 824 le strutture non agibili (delle quali 146 totalmente inagibili). Le cifre diffuse dalla Protezione civile nel corso della conferenza stampa promossa oggi da Palazzo Chigi sullo stato della ricostruzione post-terremoto, confermano che il 34% delle scuole dove sono stati effettuati i sopralluoghi è risultato inagibile. Entro il mese di febbraio 2018, come reso noto da Errani, dovrebbero essere completati i lavori di costruzione di 21 nuovi edifici scolastici; ulteriori 87 scuole, inoltre, saranno messe in sicurezza nel corso di 2 anni.

20:04Multato per parcheggio insulta disabile, pm Monza indaga

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un'inchiesta per "diffamazione aggravata" è stata aperta dalla Procura di Monza per arrivare all'individuazione della persona che, dopo essere stato multata per aver parcheggiato in un posto riservato alle persone disabili, ha lasciato nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale di Carugate (Milano) un cartello con insulti di questo genere: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il Questore di Milano Marcello Cardona, si legge in una nota, "ieri sera, avuta notizia del fatto, e ritenendo i contenuti del cartello violenti e lesivi della dignità delle persone con disabilità, ha disposto sin da subito che le volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale intervenissero sul posto per fare chiarezza e individuare l'autore del gesto".

Archivio Ultima ora