Il Nord Est traina l’Italia, ma il Sud cresce ancora

Pubblicato il 23 giugno 2017 da ansa

ROMA. – A trainare l’economia del Paese è il Nord Est, ma il Mezzogiorno non delude più. Anzi, tiene alta la testa, mentre il Centro resta indietro. La mappa della crescita tracciata dall’Istituto nazionale di Statistica vede così in testa Veneto, Friuli, Trentino ed Emilia Romagna con un Pil in rialzo dell’1,2% già nel 2016. Un risveglio che arriva dopo un lungo letargo e dietro ha un modello produttivo inconfondibile, quello dei distretti industriali votati all’export.

Le regioni del Sud e le Isole si allineano alla media nazionale (+0,9%), confermando un buono stato di salute dopo l’exploit dell’anno precedente. Il Nord ovest invece si colloca di un decimo sotto la media complessiva del Paese se si guarda alla crescita (+0,8%), peggio va sul fronte del mercato del lavoro: i posti salgono ma meno del resto d’Italia (+1,0% contro +1,3%). Di sicuro non ha aiutato il settore dei servizi, in arretramento in tutta la zona Nord occidentale.

Diverso il discorso per le regioni centrali, che continuano a fare fatica. D’altra parte il 2016 è stato un anno difficile anche a causa dei terremoti che hanno colpito l’area nell’estate e nell’autunno devastando anche alcune realtà produttive dell’Umbria e delle Marche. Ecco che il Pil prodotto dalle regioni del centro Italia non è andato oltre lo 0,6% e l’occupazione ha fatto segnare una crescita quasi dimezzata a confronto con la media italiana.

Il Mezzogiorno invece ha visto il numero di chi lavora aumentare dell’1,6%. A fare la differenza è stata l’industria, anche se si guarda al Pil, allo stesso livello del Centro Nord (0,9%). Insomma non si può parlare più del meridione come di una zavorra per il Paese. Lo stesso Istat definisce “significativo” il recupero.

Il primo scalino del podio spetta però al Nord Est. Area protagonista di un boom che dal dopoguerra è andato avanti fino agli anni Novanta. Evidentemente, gli imprenditori del Nord Est non si sono dati per vinti e magari la ricetta vincente sta nel restyling dei distretti (che spaziano dall’alimentare alla meccanica, dalle calzature all’arredamento). Anche se a fare da propulsore sono stati soprattutto commercio, trasporti e telecomunicazioni.

“Abbiamo iniziato a recuperare, ma il percorso è molto lungo”, dice il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, invitando alla cautela: “I dati rimangono insufficienti”. Di numeri “positivi” e “specificatamente al Sud”, parla il titolare del Lavoro, Giuliano Poletti, che tuttavia ammette: “abbiamo ancora tanta strada da fare”.

Intanto per il ministro della Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, si può affermare che “la nuova politica meridionalista avviata nei 1.000 giorni del governo Renzi e adesso con il governo Gentiloni mostra i suoi frutti”. I sindacati fanno appello al Governo affinché aumenti gli investimenti nel Mezzogiorno. La Cgil consiglia così di non cedere a “facili entusiasmi”, mentre la Uil chiede la “proroga del bonus assunzioni al Sud”.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

22:26Europa League: Lazio-Vitesse 1-1

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Lazio-Vitesse 1-1 nella quinta giornata del girone K di Europa League. Primo pari per i biancocelesti dopo le quattro vittorie consecutive che avevano permesso alla squadra di Simone Inzaghi di garantirsi la qualificazione ai sedicesimi come prima del gruppo con due giornate di anticipo. Olandesi a sorpresa in vantaggio al 13' con una punizione di Linssen. Lazio vicina al pareggio al 29' con l'esordiente Palombi che da distanza ravvicinata impegna il portiere Pasveer. Il pareggio arriva al 42' con un gran destro al volo di Luis Alberto su cross dalla destra di Basta. Nel finale Inzaghi regala l'esordio anche a Miceli, capitano della Primavera. Nell'altra partita del girone il Nizza batte 3-1 il Waregem (doppietta di Balotelli, un gol su rigore) e si qualifica come seconda.

22:18Consip: Ciccolo, processo disciplinare per Woodcock

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Il Pg della Cassazione Pasquale Ciccolo ha chiesto al Csm di fissare l'udienza per il processo disciplinare a carico dei pm napoletani Henry John Woodcock e Celeste Carrano. A entrambi viene contestato di aver ascoltato, nell'ambito dell'inchiesta Consip, come persona informata dei fatti, l'ex consigliere di palazzo Chigi Filippo Vannoni, sebbene ci fossero già gli elementi per la sua iscrizione nel registro degli indagati. A carico di Woodcock anche alcune opinioni che gli sono state attribuite da Repubblica sull'inchiesta. L'articolo di Repubblica venne pubblicato nei giorni delle polemiche più accese dell'inchiesta Consip, dopo la notizia di manipolazioni delle intercettazioni da parte da parte dell'allora capitano del Noe (oggi maggiore) Gianpaolo Scafarto. Il quotidiano attribuì a Woodcock l'opinione che quel falso doveva essere il frutto di un mero errore ,non certo di un depistaggio intenzionale. Interpellato dall'ANSA sulla richiesta Woodcock si è limitato a rispondere "no comment".

22:09Via libera Cdm a decreto su nuovi collegi per “Rosatellum”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Via libera del Cdm al decreto legislativo sui nuovi collegi elettorali. Lo si apprende da fonti di governo. Il provvedimento passa ora all'esame delle Camere.

Archivio Ultima ora